Benvenuti nel Blog di Claudio Martinotti Doria, blogger dal 1996


"Non nobis Domine, non nobis, sed nomini Tuo da gloriam", motto dell'Ordine dei Cavalieri Templari, Pauperes commilitones Christi templique Salomonis

"Ciò che insegui ti sfugge, ciò cui sfuggi ti insegue" (aneddotica orientale, paragonabile alla nostra "chi ha pane non ha denti e chi ha denti non ha pane")

"Quello che mi ha sorpreso di più negli uomini dell'Occidente è che perdono la salute per fare soldi. E poi perdono i soldi per recuperare la salute. Pensano tanto al futuro che dimenticano di vivere il presente in tale maniera che non riescono a vivere nè il presente nè il futuro. Sono come se non dovessero morire mai e muoiono come se non avessero mai vissuto."
(Dalai Lama)

"A l'è mei mangè pan e siuli, putòst che vendsi a quaicadun" (Primo Doria, detto "il Principe")

"Prima ti ignorano, poi ti deridono, poi ti combattono. Poi vinci." Mahatma Gandhi

L'Italia non è una nazione ma un continente in miniatura con una straordinaria biodiversità e pluralità antropologica (Claudio Martinotti Doria)

Il proprio punto di vista, spesso è una visuale parziale e sfocata di un pertugio che da su un vicolo dove girano una fiction ... Molti credono sia la realtà ed i più motivati si mettono pure ad insegnare qualche tecnica per meglio osservare dal pertugio (Claudio Martinotti Doria)

Lo scopo primario della vita è semplicemente di sperimentare l'amore in tutte le sue molteplici modalità di manifestazione e di evolverci spiritualmente come individui e collettivamente (È “l'Amor che move il sole e le altre stelle”, scriveva Dante Alighieri, "un'unica Forza unisce infiniti mondi e li rende vivi", scriveva Giordano Bruno. )

La leadership politica occidentale è talmente poco dotata intellettualmente, culturalmente e spiritualmente, priva di qualsiasi perspicacia e lungimiranza, che finirà per portarci alla rovina, ponendo fine alla nostra civiltà. Claudio Martinotti Doria

PER CONTATTI: claudio@gc-colibri.com

Se preferite comunicare telefonicamente potete inviare un sms al 3485243182 lasciando il proprio recapito telefonico (fisso o mobile) per essere richiamati. Non rispondo al cellulare ai numeri sconosciuti per evitare le proposte commerciali sempre più assillanti

Questo blog ha adottato Creative Commons

Licenza Creative Commons
Blog personale by Claudio Martinotti Doria is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License.
Based on a work at www.cavalieredimonferrato.it.
Permissions beyond the scope of this license may be available at www.cavalieredimonferrato.it.

COME SOSTENERE LA MIA PERSEVERANTE ATTIVITA' DI VOLONTARIATO. Se avete apprezzato l’impegno e l’originalità dei miei articoli ritenendo che la mia attività divulgativa meriti un sostegno, dedicate qualche minuto e qualche euro per sostenerla, tenendo presente che non ho entrate pubblicitarie e nessuno sponsor (condizione necessaria per mantenersi indipendenti) ed inoltre sono una vittima della riforma previdenziale della Fornero e la mia pensione è stata rinviata al 2024 e sarà minima. Potrete contribuire con una donazione tramite PayPal all’account claudio@gc-colibri.com oppure a questo link: https://www.paypal.com/cgi-bin/webscr?cmd=_donations&business=Z2M2PAF4N76V6&lc=IT&item_name=Claudio%20Martinotti%20Doria&currency_code=EUR&bn=PP%2dDonationsBF%3abtn_donateCC_LG%2egif%3aNonHosted

Se non siete registrati a Paypal potete effettuare un bonifico bancario all’IBAN IT42M0303222600010000002011 (Credem, filiale di Casale Monferrato)

You can make a donation using PayPal account claudio@gc-colibri.com or at this link: https://www.paypal.com/cgi-bin/webscr?cmd=_donations&business=Z2M2PAF4N76V6&lc=IT&item_name=Claudio%20Martinotti%20Doria&currency_code=EUR&bn=PP%2dDonationsBF%3abtn_donateCC_LG%2egif%3aNonHosted





Patriă Montisferrati

Patriă Montisferrati
Cliccando sullo stemma del Monferrato potrete seguire su Casale News la rubrica di Storia Locale "Patriă Montisferrati", curata da Claudio Martinotti Doria in collaborazione con Manfredi Lanza, discendente aleramico del marchesi del Vasto - Busca - Lancia, principi di Trabia

Come valorizzare il Monferrato Storico

La Storia, così come il territorio e le sue genti che l’hanno vissuta e ne sono spesso ignoti ed anonimi protagonisti, meritano il massimo rispetto, occorre pertanto accostarsi ad essa con umiltà e desiderio di apprendere e servire. In questo caso si tratta di servire il Monferrato, come priorità rispetto a qualsiasi altra istanza (personale o di campanile), riconoscendo il valore di chi ci ha preceduti e di coloro che hanno contribuito a valorizzarlo, coinvolgendo senza preclusioni tutte le comunità insediate sul territorio del Monferrato Storico, affinché ognuna faccia la sua parte con una visione d’insieme ed un’unica coesa identità storico-culturale condivisa. Se ci si limita a piccole porzioni del Monferrato, per quanto significative, si è perdenti e dispersivi in partenza.

Sarà un percorso lungo e lento ma è l’unico percorribile se si vuole agire veramente per favorire il Monferrato Storico e proporlo con successo come un’unica entità territoriale turistico culturale ed economica …

Il raid contro al Baghdadi è avvenuto ma la dinamica non è certo quella descritta da Trump


Dalla lettura di numerosi articoli pubblicati su siti specialistici di argomenti militari e d’intelligence, emerge che il blitz delle forse speciali USA contro il leader dell’Isis, Abu Bakr al Baghdadi, sia veramente avvenuto (molto più dubbia invece l’operazione di otto anni fa contro Osama Bin Laden, che poteva essere stata una montatura). Questa volta a non fare una bella figura è stata la Russia, che si è contraddetta nelle dichiarazioni successive al raid tra il Ministero della Difesa, sempre molto critico verso le azioni USA, che ha messo in dubbio l’avvenuta operazione e sminuito la sua importanza, e un portavoce del governo russo che invece si è congratulato con gli USA per la riuscita dell’operazione, riconoscendo la sua attuazione e il suo successo esecutivo.
L’articolo da me selezionato che vi propongo e la miglior sintesi analitica dell’evento, da tutti i punti di vista, essendo accurato e obiettivo.
E’ indubbio che Trump, borioso megalomane opportunista si è appropriato di meriti non suoi, con lo scopo primario di farsi rieleggere per il secondo mandato presidenziale. Il leader dell’ISIS è stato molto probabilmente venduto o scambiato, sia per denaro che per concessioni strategiche e politiche, e i turchi non sono certamente esenti da responsabilità. Il resto che viene raccontato in questi casi, come per Bin Laden, sono mistificazioni, come la sepoltura in mare del cadavere, inventandosi rituali islamici inesistenti, per nascondere la più semplice volontà d’impedire che si possa pervenire in qualche modo a individuare il sito di seppellimento, impedendo il rischio di pellegrinaggi e di farne un martire da venerare. Anche il disprezzo cinico e feroce che Trump, nel suo stile colorito e volgare, ha manifestato verso la presunta codardia di al Baghdadi, fa parte della messinscena complessiva, provocatrice e di ostentazione di superiorità e invincibilità, che esiste solo nella mente dualistica e semplificata di Trump, abituato com’è a esprimere su Twitter pensieri non superiori a 140 caratteri.
Claudio Martinotti Doria

 Speculation Islamic State caliph wearing a $13,000 Rolex ...

Il raid contro al Baghdadi visto dalla Russia


Il leader dell’Isis, Abu Bakr al Baghdadi, è morto, intrappolato in un tunnel senza uscita dove si è fatto esplodere assieme ai suoi tre figli per evitare di essere catturato dalla Delta Force. Questo è il sunto della versione ufficiale fornita in conferenza stampa dal presidente statunitense Donald Trump che ha tenuto a sottolineare come al Baghdadi sia morto come un codardo, scappando e frignando.
Sempre secondo la ricostruzione fornita da Washington, al Baghdadi sarebbe stato individuato nel villaggio di Barisha, nella zona di Idlib, a poca distanza dal confine turco. I russi avrebbero aperto lo spazio aereo sopra la Siria alle unità speciali statunitense nonostante Mosca non fosse al corrente dell’obiettivo, come dichiarato da Trump. Il corpo di al Baghdadi è risultato irriconoscibile a causa della detonazione, ma gli uomini della Delta Force hanno potuto confermarne l’identità tramite test del Dna.

Le reazioni di Mosca

La versione di Trump non è però stata inizialmente confermata da Mosca che ha fatto sapere di non aver registrato alcuna operazione militare nella zona di Idlib e di non aver mai aperto lo spazio aereo a truppe statunitensi, come riportato da Russia Today. Il ministero della Difesa russo ha riferito che “…ci sono domande e dubbi legittimi sull’operazione militare statunitense e sulla sua riuscita…Non siamo a conoscenza di alcuna presunta assistenza al passaggio dell’aeronautica americana nello spazio aereo della zona di de-escalation di Idlib durante questa operazione”. Il generale Konashenkov ha poi affermato che la morte del leader del gruppo terroristico dello Stato islamico non ha nessun valore operativo sul teatro di guerra in Siria.
A sorpresa poi è arrivata la dichiarazione del portavoce del Cremlino, Dimitri Peskov che ha parlato di “importante contributo da parte degli Usa nella lotta al terrorismo” aggiungendo che “i militari russi nell’area hanno visto personalmente aerei e droni statunitensi sorvolare la zona”.
Insomma, gli Usa dicono una cosa e la Russia smentisce e chiede le prove, poi però subentra il portavoce del Cremlino che si congratula con Washington e contraddice quanto precedentemente affermato dal ministero della Difesa russo, indicando che le attività statunitensi erano state viste da militari russi sul posto.
Al Cremlino sembra regnare un po’ di confusione. Forse i russi sono stati presi alla sprovvista? Forse il Gru non ha gradito il blitz statunitense segretamente autorizzato da Mosca? O forse è solo caos interno. Difficile dirlo.
La versione ruota comunque più che altro intorno al “non ne sappiamo nulla.. attendiamo prove, ma se fosse vero, meglio così” e il tutto accompagnato da un senso di irrilevanza del fatto, forse perchè effettivamente al Baghdadi non contava più nulla, o forse perché il leader dell’Isis era già stato dato per morto altre volte.
Ci sono poi alcuni punti messi in evidenza da siti e quotidiani russi sui quali riflettere, inclusi elementi che ricordano un caso già visto, quello dell’uccisione di Osama Bin Laden nel maggio del 2011; cos’ha in comune con la morte di al Baghdadi? In primis le tempistiche, visto che entrambi i fatti sono avvenuti a circa un anno dalle elezioni presidenziali. La morte di un leader terrorista è sempre utile al presidente uscente che intende ricandidarsi. C’è poi il ruolo del “messaggero“: in entrambi i casi infatti si è parlato di un messaggero, individuato, che ha portato al nascondiglio del leader terrorista di turno.
Alcuni analisti russi si chiedono poi cosa ci facesse Abu Bakr al Baghdadi in una zona come quella di Idlib, che risulta sotto il controllo del gruppo qaedista Hayyat Tahrir al-Sham, decisamente non un alleato dell’Isis. Una zona dove tra l’altro l’ex leader dell’Isis non aveva contatti o alleanze affidabili con le tribù della zona, fattore che lo avrebbe esposto a potenziali tradimenti e non si può escludere che sia andata proprio così. Magari al Baghdadi è stato venduto proprio da qualcuno del posto, sempre che sia realmente suo il cadavere e su questo si attendono le prove, ammesso e concesso che verranno fornite, a differenza di come andò con Bin Laden, il cui corpo venne gettato a mare secondo un presunto “rito islamico” mai comprovato in dottrina.

Donald Trump Tests Positive for Everything, According to ...

Alcune possibili dinamiche

Una cosa è certa, al Baghdadi sarebbe risultato maggiormente al sicuro nel suo nativo Iraq, dove aveva contatti e conosceva il territorio. Perché dunque recarsi nella zona di Idlib? Strozzata tra la morsa russa e la presenza militare della Coalizione? È possibile che il suo intento fosse quello di raggiungere la Turchia? E’ un’ipotesi e neanche troppo inverosimile; del resto molti jihadisti dell’Isis hanno trovato rifugio in territorio turco (con tanto di cure ricevute negli ospedali). A sostegno di tale ipotesi risulta interessante l’intervento su Facebook di Karim Franceschi, il volontario italiano che ha combattuto nelle file dei curdi: “Non è stata la Cia americana a trovarlo, ma i Mit turchi che dalla caduta di Mosul hanno sempre saputo dove si trovasse. Ciò ha permesso a Recep Tayyip Erdogan di utilizzarlo al momento più opportuno come moneta di scambio per il ritiro americano dal Nord della Siria. Dopo la caduta di Mosul, Baghdadi, con l’aiuto dei servizi segreti turchi, ha ottenuto un salvacondotto che lo ha visto attraversare il territorio turco per poi rientrare in Siria, messo al sicuro nel cuore dei territori occupati dai ribelli siriani pro Turchia. La regione di Idlib è sotto il controllo di Hayat Tahrir al Sham, ovvero una coalizione di gruppi jihadisti guidata da Al Nusra, originariamente una costola dell’Isis. Senza l’aiuto dell’Intelligence turca sarebbe stato impossibile per Al Baghdadi, uno dei volti più riconoscibili del Medio Oriente, se non del mondo, arrivare ad Idlib da Mosul”.
È possibile dunque che al Baghdadi si sia fidato di quei turchi che hanno poi deciso di venderlo? È un’ipotesi ed anche valida quella di Franceschi. Una cosa è certa, l’ex leader dell’Isis era diventato scomodo per tutti e la sua “scomparsa” utile per molti, in primis per Trump che ha così un elemento in più per sostenere il ritiro dei militari statunitensi dalla Siria, oltre che per passare alla storia come il presidente che ha eliminato al Baghdadi, elemento certamente utile per le prossime elezioni presidenziali. Ankara dal canto suo potrebbe aver venduto al Baghdadi in cambio della rimozione delle sanzioni e di una limitata campagna militare nelle zone curde a ridosso del confine.
Non si può poi escludere anche un possibile tradimento da parte della leadership di Hayyat Tahrir al-Sham che potrebbe aver inizialmente garantito protezione al leader dell’Isis, in cambio di denaro, per poi rivenderlo a prezzo maggiore al miglior offerente. Ovviamente sono tutte ipotesi e come già detto, la verità dei fatti difficilmente verrà resa nota.
C’è poi la Russia che in tutto ciò appare come la grande osservatrice; Mosca dice di non saperne nulla, ma in realtà nulla in Siria si muove senza che il Cremlino ne sia a conoscenza e dia autorizzazione a procedere, è dunque improbabile che il blitz sia avvenuto senza che i russi ne fossero al corrente. Del resto è impensabile che Mosca apra lo spazio aereo a unità speciali statunitensi “sulla fiducia”.

Delta Force | Deadliest Fiction Wiki | FANDOM powered by Wikia

La fase post al Baghdadi

Adesso si apre la fase post al Baghdadi e le incognite sono molte, a partire da come reagirà l’Isis alla morte del suo leader. Il suo successore è già pronto, ex ufficiale dell’esercito iracheno nell’era di Saddam Hussein, tale Abdullah Qardash, alias “Hajji Abdullah al-Afari”.
Si prospetta una nuova spirale di violenza? L’Isis è ancora sufficientemente in forze da poter colpire? Se sì, quali saranno le zone maggiormente d’interesse? Il trionfalismo di Trump rischia di versare benzina sul fuoco?
Intanto bisogna tener presente che l’Isis non è e non è mai stata un’organizzazione terroristica con struttura tradizionale, ma piuttosto un entità ibrida che unisce una pseudo-struttura aperta a musulmani e a convertiti di qualsiasi etnia e provenienza con un’operatività in stile “franchising”. In poche parole, chiunque può alzarsi una mattina, mettere in atto una carneficina e poi rivendicarla in nome dell’Isis, senza bisogno di passare per arruolamenti e addestramenti in campi sperduti dell’Afghanistan.
Dunque potenzialmente sì, l’Isis ha ancora la capacità di colpire, certamente con mezzi e modalità che differiscono in base al contesto di riferimento. Nella black belt africana il gruppo jihadista troverà sicuramente condizioni più favorevoli per mettere in atto attacchi strutturati di un certo peso, ben diversi da aggressioni con coltelli o con autoveicolo in corsa, come già avvenuto in Europa, senza escludere nulla ovviamente. Nei territori siriani ed iracheni sono ancora possibili attentati più “tradizionali” con veicoli imbottiti di esplosivo e raid con armi da fuoco. Particolare attenzione va però data alla già citata Black Belt africana che va dalla Mauritania alla Somalia nonché alla Libia, tutte aree dove la presenza jihadista risulta intensificata.
La lotta all’Isis non si conclude certo con la morte di al Baghdadi e questo lo ha detto anche Trump. La “decapitazione” di un’organizzazione terroristica è fondamentale ma va implementata nei confronti di tutta la leadership mentre nel contempo si attuano ulteriori misure, a partire dagli interventi mirati nei confronti dei canali di finanziamento, vero punto debole di un’organizzazione terroristica, nonchè alle sue infrastrutture. Se poi si riesce a sfruttare ed esasperare eventuali frizioni interne onde generare una frammentazione che ne disgreghi la struttura da dentro, ancor meglio. Insomma, ci sarà ancora parecchio da fare per sconfiggere l’Isis, sia strutturalmente che ideologicamente.

Nessun commento: