Benvenuti nel Blog di Claudio Martinotti Doria, blogger dal 1996


"Non nobis Domine, non nobis, sed nomini Tuo da gloriam", motto dell'Ordine dei Cavalieri Templari, Pauperes commilitones Christi templique Salomonis

"Ciò che insegui ti sfugge, ciò cui sfuggi ti insegue" (aneddotica orientale, paragonabile alla nostra "chi ha pane non ha denti e chi ha denti non ha pane")

"Quello che mi ha sorpreso di più negli uomini dell'Occidente è che perdono la salute per fare soldi. E poi perdono i soldi per recuperare la salute. Pensano tanto al futuro che dimenticano di vivere il presente in tale maniera che non riescono a vivere nè il presente nè il futuro. Sono come se non dovessero morire mai e muoiono come se non avessero mai vissuto."
(Dalai Lama)

"A l'è mei mangè pan e siuli, putòst che vendsi a quaicadun" (Primo Doria, detto "il Principe")

"Prima ti ignorano, poi ti deridono, poi ti combattono. Poi vinci." Mahatma Gandhi

L'Italia non è una nazione ma un continente in miniatura con una straordinaria biodiversità e pluralità antropologica (Claudio Martinotti Doria)

Il proprio punto di vista, spesso è una visuale parziale e sfocata di un pertugio che da su un vicolo dove girano una fiction ... Molti credono sia la realtà ed i più motivati si mettono pure ad insegnare qualche tecnica per meglio osservare dal pertugio (Claudio Martinotti Doria)

Lo scopo primario della vita è semplicemente di sperimentare l'amore in tutte le sue molteplici modalità di manifestazione e di evolverci spiritualmente come individui e collettivamente (È “l'Amor che move il sole e le altre stelle”, scriveva Dante Alighieri, "un'unica Forza unisce infiniti mondi e li rende vivi", scriveva Giordano Bruno. )

La leadership politica occidentale è talmente poco dotata intellettualmente, culturalmente e spiritualmente, priva di qualsiasi perspicacia e lungimiranza, che finirà per portarci alla rovina, ponendo fine alla nostra civiltà. Claudio Martinotti Doria

PER CONTATTI: claudio@gc-colibri.com

Se preferite comunicare telefonicamente potete inviare un sms al 3485243182 lasciando il proprio recapito telefonico (fisso o mobile) per essere richiamati. Non rispondo al cellulare ai numeri sconosciuti per evitare le proposte commerciali sempre più assillanti

Questo blog ha adottato Creative Commons

Licenza Creative Commons
Blog personale by Claudio Martinotti Doria is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License.
Based on a work at www.cavalieredimonferrato.it.
Permissions beyond the scope of this license may be available at www.cavalieredimonferrato.it.

COME SOSTENERE LA MIA PERSEVERANTE ATTIVITA' DI VOLONTARIATO. Se avete apprezzato l’impegno e l’originalità dei miei articoli ritenendo che la mia attività divulgativa meriti un sostegno, appena avrete l’opportunità di farlo dedicate qualche minuto e qualche euro per sostenerla, tenendo presente che non ho entrate pubblicitarie e nessuno sponsor (condizione necessaria per mantenersi indipendenti) ed inoltre sono una vittima della riforma previdenziale della Fornero e la mia pensione è stata rinviata al 2024, ed è giusto che lo sappiate fin da adesso che l’importo che mi sarà erogato sarà minimo. Potrete contribuire con una donazione tramite PayPal all’account claudio@gc-colibri.com oppure a questo link: https://www.paypal.com/cgi-bin/webscr?cmd=_donations&business=Z2M2PAF4N76V6&lc=IT&item_name=Claudio%20Martinotti%20Doria&currency_code=EUR&bn=PP%2dDonationsBF%3abtn_donateCC_LG%2egif%3aNonHosted

Se non siete registrati a Paypal potete effettuare un bonifico bancario all’IBAN IT42M0303222600010000002011 (Credem, filiale di Casale Monferrato)

You can make a donation using PayPal account claudio@gc-colibri.com or at this link: https://www.paypal.com/cgi-bin/webscr?cmd=_donations&business=Z2M2PAF4N76V6&lc=IT&item_name=Claudio%20Martinotti%20Doria&currency_code=EUR&bn=PP%2dDonationsBF%3abtn_donateCC_LG%2egif%3aNonHosted





Patriă Montisferrati

Patriă Montisferrati
Cliccando sullo stemma del Monferrato potrete seguire su Casale News la rubrica di Storia Locale "Patriă Montisferrati", curata da Claudio Martinotti Doria in collaborazione con Manfredi Lanza, discendente aleramico del marchesi del Vasto - Busca - Lancia, principi di Trabia

Come valorizzare il Monferrato Storico

La Storia, così come il territorio e le sue genti che l’hanno vissuta e ne sono spesso ignoti ed anonimi protagonisti, meritano il massimo rispetto, occorre pertanto accostarsi ad essa con umiltà e desiderio di apprendere e servire. In questo caso si tratta di servire il Monferrato, come priorità rispetto a qualsiasi altra istanza (personale o di campanile), riconoscendo il valore di chi ci ha preceduti e di coloro che hanno contribuito a valorizzarlo, coinvolgendo senza preclusioni tutte le comunità insediate sul territorio del Monferrato Storico, affinché ognuna faccia la sua parte con una visione d’insieme ed un’unica coesa identità storico-culturale condivisa. Se ci si limita a piccole porzioni del Monferrato, per quanto significative, si è perdenti e dispersivi in partenza.

Sarà un percorso lungo e lento ma è l’unico percorribile se si vuole agire veramente per favorire il Monferrato Storico e proporlo con successo come un’unica entità territoriale turistico culturale ed economica …

Teoria sociologica delle "finestre rotte", e diffusione del disordine sociale ed ambientale

Fa piacere scoprire che anche la scienza ortodossa gradualmente conferma quanto vado comunicando ed insegnando (nei corsi e seminari di qualificazione nella vigilanza ambientale) da almeno una quindicina di anni, cioé da quando ho fondato il Gruppo Gevam Onlus. Mi riferisco all'oggetto dell'articolo sotto riportato: la "Teoria sociologica delle finestre rotte", che personalmente da molti anni ho adattata ed applicata all'ambiente, e credo essere stato il primo a parlarne in Italia ... La teoria è derivata dal Capo della Polizia Metropolitana durante l'amministrazione di Rudolph William Louis Giuliani (Rudy Giuliani) un politico statunitense di origine italiana, che è stato sindaco di New York dal 1 gennaio 1994 al 31 dicembre 2001 ed ha portato ad applicare l'ormai famosa procedura della TOLLERANZA ZERO contro i crimini. Da noi in Italia si è sempre preferito (e non certo per bontà o pacifismo politico ma per grette valutazioni elettorali e gestione del business dei rifiuti) ricorrere alla sola educazione ambientale, protrattasi per decenni con risultati risibili, perché priva di un altrettanto necessaria sorveglianza e repressione ambientale. I risultati infatti si sono visti e ci hanno fatto vergognare a livello planetario. Questo è avvenuto nonostante una ricerca scientifica psicosociologica tedesca fin dai primi anni 90 avesse dimostrato che non sussiste alcuna correlazione tra atteggiamenti sociali ed individuali favorevoli all'ambiente e la quantità di informazioni di cui si dispone. Il che significa che puoi fare tutta l'educazione ambientale che vuoi, fino allo spasimo, ma con molti individui è assolutamente inutile, perché l'unico linguaggio che potranno capire per indurli a rispettare l'ambiente è la repressione. E secondo il comune buon senso, sarebbe meglio pervenire per gradi e mediando, e non passare da un estremo all'altro, come ho già riferito in un precedente articolo, riferendomi al nuovo decreto che prevede addirittura l'arresto per coloro che abbandonano rifiuti domestici ingombranti, quando fino a ieri si impediva la vigilanza ambientale ed il presidio territoriale, si chiudevano tutti e due gli occhi o si applicava una ridicola pena pecuniaria ...
Cordiali saluti. Claudio Martinotti. Presidente Gevam Onlus

Teoria sociologica delle finestre rotte, e diffusione del disordine sociale ed ambientale
Fonte: Le Scienze http://lescienze.espresso.repubblica.it
Un ambiente urbano degradato, con rifiuti per strada, case malandate, muri coperti di tag e graffiti contribuisce al disordine sociale? Una ricerca olandese dice di sì
Un ambiente urbano degradato, con rifiuti per strada, case malandate, muri coperti di tags e graffiti contribuisce al disordine sociale? Molti lo ritengono, aderendo a quella che i sociologi chiamano "teoria delle finestre rotte".
Tuttavia, questa ipotesi era formulata solo sulla base di considerazioni osservazionali, dalle quali è a volte difficile ricavare relazioni causali affidabili. Per questo un gruppo di ricercatori dell'Istituto di scienze sociali e comportamentali dell'Università di Groningen, diretto da Kees Keizer, ha pensato di sottoporre a prova sperimentale la teoria, allestendo sei situazioni in cui verificare se l'osservazione della violazione di una consuetudine o di una norma sociale può influire sulla tendenza delle persone a violare quella o un'altra norma. Il risultato della ricerca è ora pubblicato in un articolo su "Science".
Nella più semplice delle sei serie di situazioni sperimentali create, i ricercatori hanno collocato dei volantini sulle biciclette parcheggiate di fronte a un muro di un supermercato che recava un chiaro cartello di proibizione a tracciare su di esso dei graffiti. Il volantino veniva legato con un nastro elastico al manubrio della bici in modo da costringere ad asportarlo per portare la bici con comodità.
A sera i ricercatori hanno poi contato i volantini rimasti a terra nel parcheggio, da cui erano stati rimossi i cestini dei rifiuti, constatando che quando il muro era immacolato, solo il 33 per cento dei ciclisti buttava a terra il volantino, violando la norma consuetudine di non imbrattare le strade, mentre i restanti lo portavano con sé per cestinarlo in un secondo momento. Se però il muro era imbrattato, ad abbandonare a terra il volantino era ben il 69 per cento delle persone. Questo tipo di risultato ha trovato conferma anche negli altri più complessi e impegnativi esperimenti, portando i ricercatori a ipotizzare che quando un certo comportamento di violazione delle norme e dei costumi diventa più comune, influenza negativamente, secondo un modello di violazione incrociata delle norme e delle consuetudini, la propensione ad attenersi a esse. (gg)

Il Governo pronto a estendere a tutta Italia il decreto 172 sui rifiuti della Campania ...

L'ennesima dimostrazione di come nel nostro negligente Paese si passi da un estremo all'altro per inseguire la subcultura dell'emergenza, evitando accuratamente la più evoluta e civile cultura della prevenzione. In precedenza a chi abbandonava rifiuti ingombranti (domestici ed urbani) si applicava una modesta pena pecuniaria assolutamente priva di effetto deterrenza ed efficacia dissasuaria, ora si procede all'arresto ... intasando ulteriormente i già sovraccarichi tribunali di peocedimenti e processi, distogliendo l'autorità giudiziaria dalla miriade di incombenze in corso e priorità ... Tra l'altro simili provvedimenti sono un "tantinello in controtendenza" rispetto alla più volte manifestata volontà politica di "depenalizzare i reati ambientali" e non solo quelli ... Bastava un minimo di lungimiranza preventiva e si sarebbe potuto evitare di arrivare a tanto, semplicemente aumentando le pene pecuniarie ed estendendo e potenziando la figura delle GEV o GAV (Guardie Ecologiche o Ambientali Volontarie) e quelle similari, a tutte le regioni italiane, e dotandole di poteri maggiori, mentre invece ancora oggi si cerca di limitarne i poteri e di ridurli a meri "educatori ambientali" vanificandone le competenze e qualifiche istituzionali. Un presidio territoriale di vigilanza ambientale esteso a tutta la penisola avrebbe costituito un deterrente efficace contro il degrado di cui tutti ormai sono consapevoli e che ci ha fatto additare in tutto il mondo come un paese retrogrado ed incivile, che ci penalizza come immagine turistica ...
Claudio Martinotti
Presidente Gevam Onlus

Il Governo pronto a estendere a tutta Italia il decreto 172 sui rifiuti della Campania ...
Fonte: E-gazette http://www.e-gazette.it
La Consulta si dovrà pronunciare sulla costituzionalità del dl sui rifiuti ingombranti varato il 31 ottobre scorso dal Consiglio dei ministri. A sollevare la questione è stato il tribunale di Torre Annunziata, che ipotizza tra l'altro la violazione del principio di uguaglianza dei cittadini di fronte alla legge (articolo 3) e dell'articolo 77 della Costituzione che disciplina il ricorso allo strumento del decreto legge.
Nel quarto giorno di applicazione delle nuove norme, mentre continuano gli arresti, il giudice di Torre Annunziata Claudio Marcopido ha accolto l’eccezione di incostituzionalità che era stata avanzata dal pm Sergio Raimondi nel corso del processo per direttissima nei confronti di tre persone colte in flagranza di reato mentre scaricavano rifiuti ingombranti e che perciò erano state arrestate in esecuzione della nuova normativa che si applica solo in Campania. Le argomentazioni del rappresentante della pubblica accusa hanno convinto il giudice monocratico Claudio Marcopido, che ha sospeso il processo e con un'ordinanza ha rimesso alla Consulta la valutazione della compatibilità costituzionale del decreto.
Il giudice individua nella limitazione delle sanzioni al solo territorio della regione Campania una violazione dell’articolo 3 della Costituzione sull’eguaglianza di tutti i cittadini dinanzi alla legge. Ma non c'è solo la violazione del principio di uguaglianza.
Secondo il magistrato, la norma può essere in contrasto anche con l'articolo 25 della Costituzione, che impone “un'assoluta riserva di legge primaria, quale fonte di sanzione penale”; e con l'articolo 77, che prevede come “indispensabili” i requisiti della necessità e urgenza per l'utilizzo dello strumento del decreto legge. Requisiti che invece in questo caso mancherebbero: a testimoniarlo la stessa introduzione al decreto, in cui si dice che il provvedimento è finalizzato al “definitivo superamento dell'emergenza”: parole che fanno ritenere che “la fase acuta dell'emergenza sarebbe da considerarsi già superata al momento dell'entrata in vigore della norma”.
L’impostazione della Procura vesuviana, diretta da Diego Marmo e dal procuratore aggiunto Raffaele Marino, si discosta dalla linea adottata da altri uffici giudiziari della provincia. A cominciare dalla Procura di Napoli, che per il momento non sembra intenzionata a chiedere l’intervento della Consulta. Ma anche il procuratore capo di Nola, Paolo Mancuso, ha diramato una circolare ai suoi sostituti con la quale si esprime a favore della conformità delle norme alla Costituzione in considerazione della situazione di eccezionale gravità della crisi rifiuti in Campania. Orientamenti diversi pure fra i giudici, se è vero che appena ventiquattr’ore prima dell’ordinanza emanata a Torre Annunziata, il gip di Napoli Nicola Miraglia aveva respinto come "manifestamente infondata” un’analoga istanza che era stata avanzata dai difensori dei primi cinque arrestati dopo l’entrata in vigore del decreto. Il presidente Silvio Berlusconi, intervenuto alla conferenza stampa che segue la firma del protocollo di affidamento ad A2A della gestione del termovalorizzatore di Acerra, si è espresso a favore della norma, annunciando di voler presentare nel prossimo Consiglio dei ministri un'estensione del decreto legge 172/08 a tutte le regioni italiane.
“Non perché questa norma sia incostituzionale - ha precisato Berlusconi - ma perché i cittadini campani potrebbero risentirsi. Nel decreto c'è già una norma che prevede l'estensione - ha sottolineato il premier per dimostrare la costituzionalità del decreto -. Non ho promesso di approvare l'estensione del dl - ha poi concluso - ma di portarla sul tavolo del preconsiglio e del Consiglio dei ministri”.
Intanto continuano gli arresti, circa una ventina di persone sono già finite in cella sulla base della riforma entrata in vigore il 31 ottobre.

Anni luce differenziano e distanziano culturalmente le nostre classi politiche da quelle emergenti negli USA ... Internet lo dimostra

Mentre i nostri governanti non sanno ancora bene cosa sia Internet e si occupano di "abbronzature altrui", il nuovo presidente degli USA ha vinto grazie alla rete e tramite la rete intende governare, cercando consenso e consigli ... anni luce differenziano e distanziano culturalmente la nostra classe politica da quella emergente e vincente oltreoceano.
Le nostre cariatidi, sepolcri imbiancati, egocentrici e megalomani patologici, che anacronisticamente si basano su una concezione liberticida ed autoritaria del potere (monopolio dell'uso della violenza e della forza, intimidazione, censura e corruzione morale, mistificazione, ecc.), così abitudinarie ed avvezze ai privilegi, inaridite dalla protervia ed impunità, privi di idee e proposte porgettuali sensate e lungimiranti, non possono capire qualcosa che neppure conoscono (come la rete, l'unica rete che conoscono è quella da pesca)) e che li induce a posizioni pregiudiziali, ostili e censuranti. La rete per loro è una minaccia, non essendo abituati alla democrazia vera, al dialogo, al confronto, all'umiltà, all'autocritica, ecc., ma solo ad assumere posizioni unilaterali impositive e prepotenti, disprezzando e denigrando chi non si allinea alla loro pochezza squalificante divenendo un loro cortigiano. Sono talmente fasulli e inconsistenti, che non vale neppure la pena di dedicarvi del tempo. C'è da dubitare che siano personaggi reali, talmente sono fuori tempo. Che siano dei simulacri?
Noi del Gevam possiamo permetterci di essere critici, perché nella rete ci siamo da 12 anni e siamo quindi dei precursori per non dire dei "profeti" ...
Cordiali saluti
Claudio Martinotti
Presidente Gevam Onlus


Barack Obama non ha solo usato con abilita' la rete per la propria campagna elettorale, la sta gia' usando per disegnare una nuova comunicazione. E parla di riforma del copyright e di neutralita' della rete
di Massimo Mantellini
Fonte: Punto Informatico http://www.punto-informatico.it
Roma - Qualche giorno fa Apogeonline ha tradotto (http://www.apogeonline.com/webzine/2008/11/07/19/200811071901) a tempo di record il programma tecnologico della prossima amministrazione statunitense. In un tempo altrettanto breve dopo l'elezione di Barack Obama alla presidenza degli Stati Uniti è stato reso pubblico il sito web change.org (al momento non raggiungibile) nel quale sono esposti i programmi per lo sviluppo tecnologico del paese.

È solo l'ultimo di una serie di piccoli e grandi segnali che è stato possibile osservare nelle ore concitate della elezione del nuovo presidente americano, la cui campagna elettorale era del resto già stata vissuta all'insegna di una grandissima capacità di mettere Internet al centro dell'arena: il luogo della discussione politica ma anche della condivisione degli obiettivi, del tam tam informativo e, soprattutto, quello della raccolta dei fondi.

Qualche minuto prima che Obama salisse sul palco di Chicago a raccogliere l'esultanza dei suoi sostenitori nel momento della sua elezione, agli "amici di rete" del prossimo presidente americano arrivava una mail di ringraziamento in anteprima firmata da Barack stesso che iniziava così: "Ìm about to head to Grant Park to talk to everyone gathered there, but I wanted to write to you first"
Tutti noi sappiamo che si tratta in qualche misura di una piccola grande finzione. Obama non scrive a noi personalmente ma ciò nonostante l'attenzione per chi lo ha supportato in rete è riconoscibile anche in un gesto così piccolo. Non sarà stata una mail personale (e come potrebbe esserlo del resto) ma è una mail che descrive bene una priorità. Volevo che tu fossi "il primo".

Altro esempio. Nei giorni successivi alla elezione molti quotidiani italiani hanno ripubblicato alcune foto private scattate nelle ore precedenti alla consacrazione del primo presidente di colore americano. Ritraggono Obama e la sua famiglia in attesa, dentro una stanza di albergo a seguire in TV i risultati e poi, ad elezione raggiunta, nel backstage prima della salita sul palco. Si tratta di foto private, intrinsecamente intime, meno belle ma assai più significative di quelle fantastiche pubblicate da Big Picture (http://www.boston.com/bigpicture/2008/11/the_next_president_of_the_unit.html), il mai troppo incensato photoblog del Boston Globe, ma che hanno qualcosa d'altro di speciale. Non provengono da una agenzia di stampa o da un qualsiasi mediatore della immagine del nuovo presidente: sono semplicemente state pubblicate su Flickr sul profilo (http://www.flickr.com/photos/barackobamadotcom) di Barack Obama.

Sono piccoli particolari che fanno la differenza.

Inutile dire che sulla capacità della nuova amministrazione Usa di seguire le linee guida presentate su change.org sarà il tempo a dirci qualcosa: abitiamo nel paese degli splendidi programmi elettorali inattuati e quindi abbiamo un debito di creduloneria difficile da allontanare. Nel frattempo occorre dire che alcuni dei principi fondanti ai quali da anni un po' tutti ci siamo disperatamente attaccati, sono in quel documento espressi con una chiarezza inconsueta.

La rete Internet dovrà restare neutrale, scrive change.org. e questo davvero sembra essere il centro delle speranze tecnologiche future non solo statunitensi ma del mondo intero. Uso la traduzione di Apogeo a questo che forse non casualmente è il primo punto citato nel documento:

Proteggere la libertà di Internet: Internet deve il suo successo al fatto di essere il network più aperto della storia. Deve continuare a essere tale. Barack Obama sostiene fermamente il principio della neutralità della rete per difendere i benefici della libera concorrenza su Internet.

I cittadini, per tutta la lunghezza del documento, sono caricati delle responsabilità di indirizzo della politica tecnologica, sono chiamati e invogliati ad assumersi le proprie responsabilità, spinti dalla più volte affermata rassicurazione che la loro voce sarà ascoltata: come nota Antonio Sofi nel suo commento (http://www.spindoc.it/2008/11/08/changegov-il-cambiamento-si-fa-governo) su Spindoc, il sito change.org è relativamente vuoto di contenuti ma molto denso di form nelle quali chiunque può suggerire idee e comportamenti.

Fra quanti in queste prime ore hanno letto il programma, alcuni hanno sottolineato come in questo si riaffermi una difesa forte della proprietà intellettuale che è forse oggi la materia prima di maggior valore prodotta sul suolo americano. Ma anche in questo, che è uno dei punti cardine necessari ad una nuova ecologia dei contenuti in rete, il programma di Obama afferma concetti che mai avevamo ascoltato in passato:

Barack Obama ritiene che sia necessario aggiornare e riformare il nostro sistema di copyright e dei brevetti per promuovere conversazione, innovazione e investimenti civili, garantendo al contempo che i detentori di proprietà intellettuali siano trattati in modo equo.

La riforma del copyright è l'altra enorme strettoia attraverso la quale Internet dovrà transitare nei prossimi anni: anche solo il fatto che il problema sia posto all'ordine del giorno (un problema che è stato scientificamente ignorato in questi anni da ogni buon estremista della proprietà intellettuale dentro le major discografiche e cinematografiche) è una notizia fenomenale.

La lista potrebbe continuare ma accanto ad una nuova centralità dell'ambiente tecnologico, descritto nella sua potenziale grande capacità di organizzare le risorse, tutto il documento rimanda continuamente ai cittadini ed alla necessità che ciascuno agisca in prima persona. Del resto non potrebbe essere diversamente. Al di fuori di ogni retorica, l'elezione di Obama ci ha fatto capire che mai come oggi il governo delle persone passa attraverso gli strumenti della rete Internet. Mai come oggi la rete Internet racconta cose e azioni delle persone che la abitano.

Massimo Mantellini mailto:mantellini@deandreis.it
Manteblog http://www.mantellini.it