Benvenuti nel Blog di Claudio Martinotti Doria, blogger dal 1996


"Non nobis Domine, non nobis, sed nomini Tuo da gloriam", motto dell'Ordine dei Cavalieri Templari, Pauperes commilitones Christi templique Salomonis

"Ciò che insegui ti sfugge, ciò cui sfuggi ti insegue" (aneddotica orientale, paragonabile alla nostra "chi ha pane non ha denti e chi ha denti non ha pane")

"Quello che mi ha sorpreso di più negli uomini dell'Occidente è che perdono la salute per fare soldi. E poi perdono i soldi per recuperare la salute. Pensano tanto al futuro che dimenticano di vivere il presente in tale maniera che non riescono a vivere nè il presente nè il futuro. Sono come se non dovessero morire mai e muoiono come se non avessero mai vissuto."
(Dalai Lama)

"A l'è mei mangè pan e siuli, putòst che vendsi a quaicadun" (Primo Doria, detto "il Principe")

"Prima ti ignorano, poi ti deridono, poi ti combattono. Poi vinci." Mahatma Gandhi

L'Italia non è una nazione ma un continente in miniatura con una straordinaria biodiversità e pluralità antropologica (Claudio Martinotti Doria)

Il proprio punto di vista, spesso è una visuale parziale e sfocata di un pertugio che da su un vicolo dove girano una fiction ... Molti credono sia la realtà ed i più motivati si mettono pure ad insegnare qualche tecnica per meglio osservare dal pertugio (Claudio Martinotti Doria)

Lo scopo primario della vita è semplicemente di sperimentare l'amore in tutte le sue molteplici modalità di manifestazione e di evolverci spiritualmente come individui e collettivamente (È “l'Amor che move il sole e le altre stelle”, scriveva Dante Alighieri, "un'unica Forza unisce infiniti mondi e li rende vivi", scriveva Giordano Bruno. )

La leadership politica occidentale è talmente poco dotata intellettualmente, culturalmente e spiritualmente, priva di qualsiasi perspicacia e lungimiranza, che finirà per portarci alla rovina, ponendo fine alla nostra civiltà. Claudio Martinotti Doria

PER CONTATTI: claudio@gc-colibri.com

Se preferite comunicare telefonicamente potete inviare un sms al 3485243182 lasciando il proprio recapito telefonico (fisso o mobile) per essere richiamati. Non rispondo al cellulare ai numeri sconosciuti per evitare le proposte commerciali sempre più assillanti

Questo blog ha adottato Creative Commons

Licenza Creative Commons
Blog personale by Claudio Martinotti Doria is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License.
Based on a work at www.cavalieredimonferrato.it.
Permissions beyond the scope of this license may be available at www.cavalieredimonferrato.it.


Patriă Montisferrati

Patriă Montisferrati
Cliccando sullo stemma del Monferrato potrete seguire su Casale News la rubrica di Storia Locale "Patriă Montisferrati", curata da Claudio Martinotti Doria in collaborazione con Manfredi Lanza, discendente aleramico del marchesi del Vasto - Busca - Lancia, principi di Trabia

Come valorizzare il Monferrato Storico

La Storia, così come il territorio e le sue genti che l’hanno vissuta e ne sono spesso ignoti ed anonimi protagonisti, meritano il massimo rispetto, occorre pertanto accostarsi ad essa con umiltà e desiderio di apprendere e servire. In questo caso si tratta di servire il Monferrato, come priorità rispetto a qualsiasi altra istanza (personale o di campanile), riconoscendo il valore di chi ci ha preceduti e di coloro che hanno contribuito a valorizzarlo, coinvolgendo senza preclusioni tutte le comunità insediate sul territorio del Monferrato Storico, affinché ognuna faccia la sua parte con una visione d’insieme ed un’unica coesa identità storico-culturale condivisa. Se ci si limita a piccole porzioni del Monferrato, per quanto significative, si è perdenti e dispersivi in partenza.

Sarà un percorso lungo e lento ma è l’unico percorribile se si vuole agire veramente per favorire il Monferrato Storico e proporlo con successo come un’unica entità territoriale turistico culturale ed economica …

Se l'Italia rimarrà com'è oggi forse sarebbe meglio morire da giovani ...


Oggi nel giro di pochi minuti, nel corso della quotidiana ricerca e selezione di notizie on line, rilevo almeno tra motivi per sentirmi profondamente turbato e annichilito:

Risultati immagini per trump
1                  Leggo e vedo che all’ultima conferenza stampa per indicare la sua grande idea di rinnovare la NATO estendendone la competenza anche in Medio Oriente, potendo così ritirare parte delle truppe USA dalla regione, quel megalomane sbruffone di Trump tra le altre vanterie abituali ha approfittato del contesto per affermare l’enorme bugia che l’ISIS è stato sconfitto dagli USA, mentre semmai è vero il contrario, l’ISIS è una creatura degli USA e degli altri partner occidentali, trattandosi di mercenari che combattono per conto degli interessi americani in Medio Oriente e solo l’intervento della RUSSIA su richiesta della Siria li ha sconfitti, seppure non completamente. I media occidentali riportano tali castronerie e disinformazioni senza neppure una modesta puntualizzazione correttiva, come la Russia non fosse mai intervenuta militarmente in Siria …

Risultati immagini per di maio

2                Leggo e vedo che quell’ignorante e incompetente burattino di Di Maio che copre incredibilmente il ruolo di Ministro degli Esteri, dopo un lungo periodo d’inerzia e impotenza nei confronti della questione libica, non trova di meglio che proporre l’intervento dei Caschi Blu dell’ONU (LO POTEVA FARE ANCHE UN BAMBINO DELLE ELEMENTARI) e per cercare di acquisire qualche titolo di credibilità e un minimo di disponibilità all’ascolto dalle controparti come interlocutore, ha proposto che l’Italia ripaghi alla Libia i danni della colonizzazione. Ho avuto un contraccolpo emotivo: possibile che sia così stupido e ignorante da non essersi documentato e informato su un argomento che è stato dibattuto decine di volte, la storiografia per lui è tabù? Semmai dovrebbe essere la Libia a risarcire l’Italia se si ponessero sui piatti della bilancia della giustizia tutti gli elementi costitutivi e valutativi del caso …

Risultati immagini per proteste in francia pensioni, non vogliamo fare la fine dell'italia

3                leggo e vedo che in Francia la popolazione (a milioni) è scesa in strada per protestare per la riforma delle pensioni, dopo 38 giorni di scioperi e contestazioni anche cruente, ha indotto il governo a qualche passo indietro. Stiamo parlando dell’avanzamento dell’età pensionabile d’un paio di anni rispetto al passato. In Italia l’accoppiata di killeraggio sociale finanziario Monti-Fornero otto anni fa ha fatto approvare una riforma che portava in avanti di sei/sette anni mediamente l’età pensionabile e non mi risulta vi sia stato nessun moto di protesta, i sindacati latitanti e proni, la popolazione muta, sorda e cieca ha accettato di passare di punto in bianco ad essere il paese europeo con la più penalizzante riforma previdenziale, la più severa, dove si va in pensione 4 o 5 anni più tardi che negli altri paesi del continente. Questo dei tre argomenti del giorno è stato quello che maggiormente mi ha indisposto e inquietato, perché denota la morte cerebrale della società italiana nella difesa dei suoi diritti e delle sue conquiste sociali e civili, il confronto coi vicini francesi è umiliante e mortificante. Giustamente tra gli slogan dei contestatori francesi in strada era diffuso quello che indicava di NON VOLER FARE LA FINE DEGLI ITALIANI, così come anni fa si diceva di non voler fare la fine della Grecia …
Se questa dovesse essere una giornata mediamente rappresentativa dello stato delle cose in generale e in particolare nel nostro paese, forse sarebbe meglio morire da giovani.
Claudio Martinotti Doria