Benvenuti nel Blog di Claudio Martinotti Doria, blogger dal 1996


"Non nobis Domine, non nobis, sed nomini Tuo da gloriam", motto dell'Ordine dei Cavalieri Templari, Pauperes commilitones Christi templique Salomonis

"Ciò che insegui ti sfugge, ciò cui sfuggi ti insegue" (aneddotica orientale, paragonabile alla nostra "chi ha pane non ha denti e chi ha denti non ha pane")

"Quello che mi ha sorpreso di più negli uomini dell'Occidente è che perdono la salute per fare soldi. E poi perdono i soldi per recuperare la salute. Pensano tanto al futuro che dimenticano di vivere il presente in tale maniera che non riescono a vivere nè il presente nè il futuro. Sono come se non dovessero morire mai e muoiono come se non avessero mai vissuto."
(Dalai Lama)

"A l'è mei mangè pan e siuli, putòst che vendsi a quaicadun" (Primo Doria, detto "il Principe")

"Prima ti ignorano, poi ti deridono, poi ti combattono. Poi vinci." Mahatma Gandhi

L'Italia non è una nazione ma un continente in miniatura con una straordinaria biodiversità e pluralità antropologica (Claudio Martinotti Doria)

Il proprio punto di vista, spesso è una visuale parziale e sfocata di un pertugio che da su un vicolo dove girano una fiction ... Molti credono sia la realtà ed i più motivati si mettono pure ad insegnare qualche tecnica per meglio osservare dal pertugio (Claudio Martinotti Doria)

Lo scopo primario della vita è semplicemente di sperimentare l'amore in tutte le sue molteplici modalità di manifestazione e di evolverci spiritualmente come individui e collettivamente (È “l'Amor che move il sole e le altre stelle”, scriveva Dante Alighieri, "un'unica Forza unisce infiniti mondi e li rende vivi", scriveva Giordano Bruno. )

La leadership politica occidentale è talmente poco dotata intellettualmente, culturalmente e spiritualmente, priva di qualsiasi perspicacia e lungimiranza, che finirà per portarci alla rovina, ponendo fine alla nostra civiltà. Claudio Martinotti Doria

PER CONTATTI: claudio@gc-colibri.com

Se preferite comunicare telefonicamente potete inviare un sms al 3485243182 lasciando il proprio recapito telefonico (fisso o mobile) per essere richiamati. Non rispondo al cellulare ai numeri sconosciuti per evitare le proposte commerciali sempre più assillanti

Questo blog ha adottato Creative Commons

Licenza Creative Commons
Blog personale by Claudio Martinotti Doria is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License.
Based on a work at www.cavalieredimonferrato.it.
Permissions beyond the scope of this license may be available at www.cavalieredimonferrato.it.


Patriă Montisferrati

Patriă Montisferrati
Cliccando sullo stemma del Monferrato potrete seguire su Casale News la rubrica di Storia Locale "Patriă Montisferrati", curata da Claudio Martinotti Doria in collaborazione con Manfredi Lanza, discendente aleramico del marchesi del Vasto - Busca - Lancia, principi di Trabia

Come valorizzare il Monferrato Storico

La Storia, così come il territorio e le sue genti che l’hanno vissuta e ne sono spesso ignoti ed anonimi protagonisti, meritano il massimo rispetto, occorre pertanto accostarsi ad essa con umiltà e desiderio di apprendere e servire. In questo caso si tratta di servire il Monferrato, come priorità rispetto a qualsiasi altra istanza (personale o di campanile), riconoscendo il valore di chi ci ha preceduti e di coloro che hanno contribuito a valorizzarlo, coinvolgendo senza preclusioni tutte le comunità insediate sul territorio del Monferrato Storico, affinché ognuna faccia la sua parte con una visione d’insieme ed un’unica coesa identità storico-culturale condivisa. Se ci si limita a piccole porzioni del Monferrato, per quanto significative, si è perdenti e dispersivi in partenza.

Sarà un percorso lungo e lento ma è l’unico percorribile se si vuole agire veramente per favorire il Monferrato Storico e proporlo con successo come un’unica entità territoriale turistico culturale ed economica …

Suore, monaci, greggi e silenzio, al tempo del coronavirus




E’ risaputo che il virus COVID-19 colpisce in stragrande maggioranza gli uomini rispetto alle donne, infatti oltre i tre quarti dei contagiati e delle vittime sono uomini.
Allora come mai sui giornali leggo solo di vittime nei conventi di suore? I monasteri e i monaci sono immuni? Hanno avuto una particolare benedizione e dispensa papale?
Se si considera che tra conventi e monasteri l’età media dei loro occupanti stabili è simile a quella delle Case di Riposo (causa assenza decennale di vocazioni), e vivono inevitabilmente a stretto contatto tra loro, rientrano in pieno nelle categorie sociali particolarmente a rischio di contrarre il virus, pertanto in teoria, ma credo anche in pratica, dovrebbero seguire gli stessi esiti delle Case di Riposo, nelle quali vi sono state vere e proprie stragi, paragonabili alla Peste Nera medievale del 1347/52, quando falcidiava interi villaggi e città dimezzandone la popolazione. E se c’è una tale elevata contagiosità e mortalità nelle congregazioni religiose femminili, perché non sappiamo nulla su quelle maschili? Ad esempio qualcuno sa qualcosa sugli effetti del virus sui Gesuiti?
A dire il vero non sappiamo nulla su nessuna organizzazione religiosa, nulla sul Vaticano, tranne le solite baggianate sul Papa. Hanno pregato così intensamente e a lungo che sono riusciti a sgamarla? O più semplicemente erano meglio informati e preparati e attrezzati? Oppure stanno soffrendo e morendo in silenzio? In tal caso per quale motivo?
Nel Medioevo i frati, quantomeno quelli per vocazione, durante le varie epidemie cicliche si recavano tra la popolazione sofferente per portare un minimo di conforto ai sofferenti e anche ai sopravvissuti. Oggi sarebbe impedito dalle restrizioni governative, ma dubito ne vedremo qualcuno se anche così non fosse.
Se già prima regnava l’ambiguità, l’opacità, la mistificazione, la disinformazione, la propaganda, ecc., sia a livello mediatico che istituzionale a tutti i livelli, dopo la pandemia di COVID-19 temo che regnerà soprattutto il silenzio, come nei conventi e monasteri di clausura, approfittando del fatto saremo tutti separati, per ora alla distanza di 1 metro, prossimamente oltre (causa nuove scoperte sulla mobilità e permanenza del virus), ma soprattutto saremo sempre più distanti culturalmente e socialmente alimentando diffidenze reciproche. In compenso saremo tutti connessi tramite tecnologie avanzatissime sotto il controllo dei monopolisti di tali servizi, i quali a loro volta sono sotto il controllo o appartengono all’élite finanziaria globale, e la libertà e la privacy (che già erano ridotte ai minimi termini) diverranno solo un vago ricordo.
Direi che il virus ha svolto un ottimo lavoro per disciplinare il gregge, riaggregando le pecorelle smarrite o riottose, applicando loro un collarino elettronico con GPS, microfono e telecamera …
Claudio Martinotti Doria