Benvenuti nel Blog di Claudio Martinotti Doria, blogger dal 1996


"Non nobis Domine, non nobis, sed nomini Tuo da gloriam", motto dell'Ordine dei Cavalieri Templari, Pauperes commilitones Christi templique Salomonis

"Ciò che insegui ti sfugge, ciò cui sfuggi ti insegue" (aneddotica orientale, paragonabile alla nostra "chi ha pane non ha denti e chi ha denti non ha pane")

"Quello che mi ha sorpreso di più negli uomini dell'Occidente è che perdono la salute per fare soldi. E poi perdono i soldi per recuperare la salute. Pensano tanto al futuro che dimenticano di vivere il presente in tale maniera che non riescono a vivere nè il presente nè il futuro. Sono come se non dovessero morire mai e muoiono come se non avessero mai vissuto."
(Dalai Lama)

"A l'è mei mangè pan e siuli, putòst che vendsi a quaicadun" (Primo Doria, detto "il Principe")

"Prima ti ignorano, poi ti deridono, poi ti combattono. Poi vinci." Mahatma Gandhi

L'Italia non è una nazione ma un continente in miniatura con una straordinaria biodiversità e pluralità antropologica (Claudio Martinotti Doria)

Il proprio punto di vista, spesso è una visuale parziale e sfocata di un pertugio che da su un vicolo dove girano una fiction ... Molti credono sia la realtà ed i più motivati si mettono pure ad insegnare qualche tecnica per meglio osservare dal pertugio (Claudio Martinotti Doria)

Lo scopo primario della vita è semplicemente di sperimentare l'amore in tutte le sue molteplici modalità di manifestazione e di evolverci spiritualmente come individui e collettivamente (È “l'Amor che move il sole e le altre stelle”, scriveva Dante Alighieri, "un'unica Forza unisce infiniti mondi e li rende vivi", scriveva Giordano Bruno. )

La leadership politica occidentale è talmente poco dotata intellettualmente, culturalmente e spiritualmente, priva di qualsiasi perspicacia e lungimiranza, che finirà per portarci alla rovina, ponendo fine alla nostra civiltà. Claudio Martinotti Doria

PER CONTATTI: claudio@gc-colibri.com

Se preferite comunicare telefonicamente potete inviare un sms al 3485243182 lasciando il proprio recapito telefonico (fisso o mobile) per essere richiamati. Non rispondo al cellulare ai numeri sconosciuti per evitare le proposte commerciali sempre più assillanti

Questo blog ha adottato Creative Commons

Licenza Creative Commons
Blog personale by Claudio Martinotti Doria is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License.
Based on a work at www.cavalieredimonferrato.it.
Permissions beyond the scope of this license may be available at www.cavalieredimonferrato.it.

COME SOSTENERE LA MIA PERSEVERANTE ATTIVITA' DI VOLONTARIATO. Se avete apprezzato l’impegno e l’originalità dei miei articoli ritenendo che la mia attività divulgativa meriti un sostegno, dedicate qualche minuto e qualche euro per sostenerla, tenendo presente che non ho entrate pubblicitarie e nessuno sponsor (condizione necessaria per mantenersi indipendenti) ed inoltre sono una vittima della riforma previdenziale della Fornero e la mia pensione è stata rinviata al 2024 e sarà minima. Potrete contribuire con una donazione tramite PayPal all’account claudio@gc-colibri.com oppure a questo link: https://www.paypal.com/cgi-bin/webscr?cmd=_donations&business=Z2M2PAF4N76V6&lc=IT&item_name=Claudio%20Martinotti%20Doria&currency_code=EUR&bn=PP%2dDonationsBF%3abtn_donateCC_LG%2egif%3aNonHosted

Se non siete registrati a Paypal potete effettuare un bonifico bancario all’IBAN IT42M0303222600010000002011 (Credem, filiale di Casale Monferrato)

You can make a donation using PayPal account claudio@gc-colibri.com or at this link: https://www.paypal.com/cgi-bin/webscr?cmd=_donations&business=Z2M2PAF4N76V6&lc=IT&item_name=Claudio%20Martinotti%20Doria&currency_code=EUR&bn=PP%2dDonationsBF%3abtn_donateCC_LG%2egif%3aNonHosted





Patriă Montisferrati

Patriă Montisferrati
Cliccando sullo stemma del Monferrato potrete seguire su Casale News la rubrica di Storia Locale "Patriă Montisferrati", curata da Claudio Martinotti Doria in collaborazione con Manfredi Lanza, discendente aleramico del marchesi del Vasto - Busca - Lancia, principi di Trabia

Come valorizzare il Monferrato Storico

La Storia, così come il territorio e le sue genti che l’hanno vissuta e ne sono spesso ignoti ed anonimi protagonisti, meritano il massimo rispetto, occorre pertanto accostarsi ad essa con umiltà e desiderio di apprendere e servire. In questo caso si tratta di servire il Monferrato, come priorità rispetto a qualsiasi altra istanza (personale o di campanile), riconoscendo il valore di chi ci ha preceduti e di coloro che hanno contribuito a valorizzarlo, coinvolgendo senza preclusioni tutte le comunità insediate sul territorio del Monferrato Storico, affinché ognuna faccia la sua parte con una visione d’insieme ed un’unica coesa identità storico-culturale condivisa. Se ci si limita a piccole porzioni del Monferrato, per quanto significative, si è perdenti e dispersivi in partenza.

Sarà un percorso lungo e lento ma è l’unico percorribile se si vuole agire veramente per favorire il Monferrato Storico e proporlo con successo come un’unica entità territoriale turistico culturale ed economica …

Il mito svedese è finito, la qualità della vita è decisamente peggiorata, ma il governo minimizza o nega


Esplosioni e violenze a Stoccolma e soprattutto a Malmö sono ricorrenti. In Svezia è in corso una guerra civile strisciante, attribuibile in massima parte dall’eccessiva immigrazione degli anni precedenti, ma governo e media nascondono la realtà dei fatti, minimizzano i pericoli e investono in campagne di marketing all’Estero per fornire ai turisti un’immagine della Svezia che non corrisponde più alla realtà. La qualità della vita degli svedesi è nettamente peggiorata, la criminalità si è impennata, le sparatorie e le esplosioni, le violenze e gli stupri, ecc., in proporzione al numero degli abitanti, stanno rendendo la Svezia simile ad alcuni paesi sudamericani. Il mito svedese è finito da tempo, come molti altri nel mondo. Claudio



Stoccolma è stata scossa da tre esplosioni in una notte la scorsa settimana. Ma le esplosioni non hanno nemmeno fatto notizia. Con l’aumento della violenza, il governo del paese sembra più preoccupato di minimizzare il problema invece di affrontarlo.
Tre esplosioni in una notte sarebbero notizie in prima pagina in qualsiasi città del primo mondo. Ma quando Stoccolma è stata scossa da più esplosioni in una sola notte, la scorsa settimana, la trasmissione notturna dell’emittente nazionale SVT è rimasta silenziosa, relegando invece la notizia alla sua copertura web. Uno degli obiettivi, una chiesa siriana ortodossa, era già stato bombardato due volte l’anno scorso.
Ma in Svezia, le esplosioni non fanno più notizia. Nel 2018 ci sono stati 162 attentati denunciati alla polizia e 93 segnalati nei primi cinque mesi di quest’anno, 30 in più rispetto allo stesso periodo del 2018. Il livello di attacchi è “estremo in un paese che non è in guerra”, l’aumento del Crimine è esploso, ha dichiarato il commissario Gunnar Appelgren a SVT l’anno scorso.
L’uso delle bombe a mano è anche un fenomeno puramente svedese, senza che nessun altro paese in Europa ne riferisca l’uso a un tale livello, ha detto un responsabile della polizia alla Radio svedese nel 2016, un anno dopo che gli attacchi sono stati aumentati.
Le granate usate provengono quasi esclusivamente dall’ex Jugoslavia e vengono vendute in Svezia per circa $ 100 al pezzo. Ma mentre solo tre bombe a mano sono state lanciate in Kosovo tra il 2013 e il 2014, dal 2015 sono state utilizzate più di 20 bombe a mano in Svezia ogni anno.
Più in generale, gli omicidi sono aumentati paurosamente in Svezia, con oltre 300 sparatorie riportate l’anno scorso, causando 45 morti. Anche se i tassi di omicidio erano stati in declino dal 2002, hanno iniziato di nuovo il trend verso l’alto dal 2015, così come stupri e aggressioni sessuali, che hanno sono che triplicate negli ultimi quattro anni.
Naturalmente, il 2015 è stato anche l’anno in cui la Svezia ha aperto le sue porte a oltre 160.000 richiedenti asilo, numero pro capite più alto di qualsiasi altro paese europeo. La destra ha incolpato questi nuovi arrivati ​​per i crescenti tassi di omicidio e violenza sessuale, e l’ex primo ministro danese Anders Fogh Rasmussen ha dichiarato l’anno scorso alla televisione svedese che spesso si usa la “Svezia come esempio dissuasivo” dell’immigrazione di massa.
Cosa farebbe qualsiasi paese in preda a un’ondata di criminalità? Nel caso della Svezia, il governo e i media hanno lanciato una campagna concertata per minimizzare il problema. 

Svezia, vittime di un attacco

Nel febbraio 2017, un mese dopo che una bomba a mano è stata lanciata attraverso il finestrino di una stazione di polizia a Katrineholm e giorni dopo che un’altra è esplosa a Södertälje, il Ministero degli Affari Esteri ha diffuso un comunicato stampa sfatando “informazioni semplicistiche e talvolta imprecise su migrazione, integrazione e del crimine in Svezia “. In esso, il crimine delle armi è stato descritto come conseguenza di ” conflitti criminali ” e della crescente violenza sessuale attribuita a un cambiamento nella definizione di ” stupro ” nella legge svedese. Gli attacchi con granate non sono stati menzionati e l’affermazione secondo la quale il governo non sta facendo abbastanza per sradicare il crimine è stata respinta dalle autorità.
Le pubblicazioni ufficiali, come anche i media filogovernativi, hanno cancellato l’esistenza di qualsiasi legame tra immigrati e criminalità. Tuttavia, un recente studio dell’Università di Difesa svedese ha messo in guardia sul fatto che il sistema giudiziario svedese non è attrezzato per sorvegliare le società parallele che si sviluppano nei quartieri degli immigrati, e il quotidiano Dagens Nyheter ha sottolineato che il 90 per cento degli autori di spari in Svezia è dovuto agli immigrati di prima o di seconda di generazione.

Svezia Attacchi con granate

La polizia svedese ha identificato 50 quartieri che considera “vulnerabili” – un termine che molti hanno preso come eufemismo per definire “zone vietate, off limitis”. Nell’affrontare il crimine al loro interno, il governo ha escogitato alcune nuove soluzioni, come l’implementazione di un’amnistia per lancio di granata. Questo mentre ‘l’anno scorso le autorità hanno richiesto gentilmente ai residenti di Malmo, un centro afflitto dalla violenza, di ” smettere di spararsi ” a vicenda.
Nessuna delle due misure sembra aver funzionato. I residenti continuano a spararsi e a lanciare granate.
Tuttavia, apparentemente il governo preferirebbe che la Svezia fosse associata all’IKEA e alla coesione sociale piuttosto che alle bande di immigrati e agli attacchi con granate. Dopotutto, ammettere l’ondata di criminalità minerebbe il presunto successo del modello nordico e suggerire che potrebbe essere collegato all’immigrazione e questo metterebbe in discussione lo stato di giustizia di Svezia come “superpotenza umanitaria”, come ha descritto l’ex ministro degli Esteri Margot Wallstrom il paese nel 2015.

 
Svezia, conseguenze di esplosione

A tal fine, il governo non ha ordinato la repressione della polizia nei quartieri colpiti dalla criminalità o ha tenuto un dibattito nazionale sull’integrazione. Invece ha lanciato una campagna di pubbliche relazioni per correggere l’immagine offuscata della Svezia all’estero. Il contribuente svedese finanzia il funzionamento dell’Istituto svedese per un importo di quasi $ 50 milioni all’anno. L’istituto è una sorta di agenzia di pubbliche relazioni che “promuove l’interesse per la Svezia nel mondo”.
Tra i suoi progetti ci sono video in inglese che minimizzano la nuova reputazione del paese per il crimine e l’account Twitter @sweden, che trascorre il suo tempo letteralmente a dire ai critici “non è successo nulla qui in Svezia”, tutto tranquillo e sotto controllo, insiste il governo.
Le autorità governative svedesi vogliono vendere a tutti i costi i “vantaggi” della scietò culturale e presentare una realtà totalemte diversa rispetto a quella percepita dalla gente.

Fonti: The Independent RT News ABC News
Traduzione e sintesi: Luciano Lago

Nessun commento: