Benvenuti nel Blog di Claudio Martinotti Doria, blogger dal 1996


"Non nobis Domine, non nobis, sed nomini Tuo da gloriam", motto dell'Ordine dei Cavalieri Templari, Pauperes commilitones Christi templique Salomonis

"Ciò che insegui ti sfugge, ciò cui sfuggi ti insegue" (aneddotica orientale, paragonabile alla nostra "chi ha pane non ha denti e chi ha denti non ha pane")

"Quello che mi ha sorpreso di più negli uomini dell'Occidente è che perdono la salute per fare soldi. E poi perdono i soldi per recuperare la salute. Pensano tanto al futuro che dimenticano di vivere il presente in tale maniera che non riescono a vivere nè il presente nè il futuro. Sono come se non dovessero morire mai e muoiono come se non avessero mai vissuto."
(Dalai Lama)

"A l'è mei mangè pan e siuli, putòst che vendsi a quaicadun" (Primo Doria, detto "il Principe")

"Prima ti ignorano, poi ti deridono, poi ti combattono. Poi vinci." Mahatma Gandhi

L'Italia non è una nazione ma un continente in miniatura con una straordinaria biodiversità e pluralità antropologica (Claudio Martinotti Doria)

Il proprio punto di vista, spesso è una visuale parziale e sfocata di un pertugio che da su un vicolo dove girano una fiction ... Molti credono sia la realtà ed i più motivati si mettono pure ad insegnare qualche tecnica per meglio osservare dal pertugio (Claudio Martinotti Doria)

Lo scopo primario della vita è semplicemente di sperimentare l'amore in tutte le sue molteplici modalità di manifestazione e di evolverci spiritualmente come individui e collettivamente (È “l'Amor che move il sole e le altre stelle”, scriveva Dante Alighieri, "un'unica Forza unisce infiniti mondi e li rende vivi", scriveva Giordano Bruno. )

La leadership politica occidentale è talmente poco dotata intellettualmente, culturalmente e spiritualmente, priva di qualsiasi perspicacia e lungimiranza, che finirà per portarci alla rovina, ponendo fine alla nostra civiltà. Claudio Martinotti Doria

PER CONTATTI: claudio@gc-colibri.com

Se preferite comunicare telefonicamente potete inviare un sms al 3485243182 lasciando il proprio recapito telefonico (fisso o mobile) per essere richiamati. Non rispondo al cellulare ai numeri sconosciuti per evitare le proposte commerciali sempre più assillanti

Questo blog ha adottato Creative Commons

Licenza Creative Commons
Blog personale by Claudio Martinotti Doria is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License.
Based on a work at www.cavalieredimonferrato.it.
Permissions beyond the scope of this license may be available at www.cavalieredimonferrato.it.

COME SOSTENERE LA MIA PERSEVERANTE ATTIVITA' DI VOLONTARIATO. Se avete apprezzato l’impegno e l’originalità dei miei articoli ritenendo che la mia attività divulgativa meriti un sostegno, appena avrete l’opportunità di farlo dedicate qualche minuto e qualche euro per sostenerla, tenendo presente che non ho entrate pubblicitarie e nessuno sponsor (condizione necessaria per mantenersi indipendenti) ed inoltre sono una vittima della riforma previdenziale della Fornero e la mia pensione è stata rinviata al 2024, ed è giusto che lo sappiate fin da adesso che l’importo che mi sarà erogato sarà minimo. Potrete contribuire con una donazione tramite PayPal all’account claudio@gc-colibri.com oppure a questo link: https://www.paypal.com/cgi-bin/webscr?cmd=_donations&business=Z2M2PAF4N76V6&lc=IT&item_name=Claudio%20Martinotti%20Doria&currency_code=EUR&bn=PP%2dDonationsBF%3abtn_donateCC_LG%2egif%3aNonHosted

Se non siete registrati a Paypal potete effettuare un bonifico bancario all’IBAN IT42M0303222600010000002011 (Credem, filiale di Casale Monferrato)

You can make a donation using PayPal account claudio@gc-colibri.com or at this link: https://www.paypal.com/cgi-bin/webscr?cmd=_donations&business=Z2M2PAF4N76V6&lc=IT&item_name=Claudio%20Martinotti%20Doria&currency_code=EUR&bn=PP%2dDonationsBF%3abtn_donateCC_LG%2egif%3aNonHosted





Patriă Montisferrati

Patriă Montisferrati
Cliccando sullo stemma del Monferrato potrete seguire su Casale News la rubrica di Storia Locale "Patriă Montisferrati", curata da Claudio Martinotti Doria in collaborazione con Manfredi Lanza, discendente aleramico del marchesi del Vasto - Busca - Lancia, principi di Trabia

Come valorizzare il Monferrato Storico

La Storia, così come il territorio e le sue genti che l’hanno vissuta e ne sono spesso ignoti ed anonimi protagonisti, meritano il massimo rispetto, occorre pertanto accostarsi ad essa con umiltà e desiderio di apprendere e servire. In questo caso si tratta di servire il Monferrato, come priorità rispetto a qualsiasi altra istanza (personale o di campanile), riconoscendo il valore di chi ci ha preceduti e di coloro che hanno contribuito a valorizzarlo, coinvolgendo senza preclusioni tutte le comunità insediate sul territorio del Monferrato Storico, affinché ognuna faccia la sua parte con una visione d’insieme ed un’unica coesa identità storico-culturale condivisa. Se ci si limita a piccole porzioni del Monferrato, per quanto significative, si è perdenti e dispersivi in partenza.

Sarà un percorso lungo e lento ma è l’unico percorribile se si vuole agire veramente per favorire il Monferrato Storico e proporlo con successo come un’unica entità territoriale turistico culturale ed economica …

Obama, il presidente che non sa perdere e continua a sfigurare



Risultati immagini per obama
Sono perfettamente in sintonia con questo ultimo commento del direttore Marcello Foa di fine 2017 su Obama ed il suo entourage, ma non ne condivido l’ottimismo finale. Foa dispone di un osservatorio privilegiato nella vicina Svizzera, terra di libertà, dove può permettersi di essere critico più di chiunque altro operatore mediatico, seppur moderatamente e sempre in maniera ponderata, ma al tempo stesso non può avere fino in fondo il polso della situazione della vicina Italia, che è paradigmatica di come versi tutto il resto del mondo occidentale, manipolato dalla disinformazione di un sistema mediatico totalmente asservito e prostituitosi al mainstream. Condivido che è un segnale positivo che la controparte di Obama, Putin, sia un leader di eccezionale grandezza, rispetto ai nostri che sono insipienti e patetici, e quindi non cedendo alle provocazioni fornisce ogni volta nuove lezioni di stile, trionfando strategicamente ed a livello di immagine. Ma questo non basta ad essere ottimisti. Non possiamo essere ottimisti sapendo che la stragrande maggioranza della popolazione italiana (che rappresenta bene quella europea, forse solo leggermente più smaliziata e meno ignorante, soprattutto nei paesi scandinavi), si abbevera ai mass media tradizionali, ancora oggi, e prende per oro colato le versioni ufficiali e la disinformazione e mistificazione che viene spacciata con spregiudicatezza e cinismo, senza cogliere neppure le più mastodontiche incongruenze e contraddizioni, senza conservare memoria a breve termine, senza effettuare confronti e contrapposizioni, senza alcun senso critico e capacità di analisi, in una sorta di adesione fideistica pseudoreligiosa. Ci crede, come fosse un dogma, perché è la versione dell’autorità. Perché gli italiani, ma non solo, sono abituati a sottomettersi all’autorità, anche se delegittimata moralmente, si prostrano come servi con la paradossale convinzione di essere liberi, di disporre di un pensiero autonomo, mentre invece è solo frutto di un “copia ed incolla”, di un pensiero d’importazione, di seconda o terza mano, poco più di uno slogan o di una velina, uno spot pubblicitario. Siamo messi molto male, l’autocensura e l’omologazione, favorita da un’ignoranza sociale abissale, ha ormai raggiunto livelli tali, che è praticamente impossibile esprimere opinioni nettamente contrastanti con il pensiero unico prevalente, senza essere denigrati, emarginati o addirittura aggrediti, almeno verbalmente. Invitare costoro, cioè la massa, a documentarsi meglio, attingendo a più fonti, soprattutto in rete ed all’estero, è arduo per non dire utopico. Come pretendere che un analfabeta legga l’aramaico e lo traduca. L’uomo non può riconoscere la propria ignoranza e porvi rimedio, non in questa epoca ipertecnologica in cui tutti i molteplici apparati tecnologici (tablet, smartphone, portatili, ecc.), in possesso anche dei più indigenti ed ignoranti, forniscono l’illusione di essere informati, di sapere, di possedere la conoscenza (congiungendo l’ignoranza alla protervia), ecc., illusione che gli stessi apparati tecnologici alimentano appositamente ogni giorno, bombardando le menti con un cazzeggio continuo all’ennesima potenza. Tutto efficacemente funzionale al sistema di potere, che per permanere nei suoi privilegi deve continuare ad illudere le masse di non essere schiave, ma libere di scegliere. Scegliere di credere a verità preconfezionate e di consumare, soprattutto di consumare, in un circolo vizioso senza vie di fuga. In un substrato subculturale del genere, i detentori del potere, quello vero, possono pianificare qualsiasi oscenità, anche abnorme, e farla accettare come unica soluzione possibile, compresa una guerra. Buona sorte a tutti i miei pochi ma interessanti lettori. 
Claudio Martinotti Doria

Fonte: Il Corriere del Ticino http://www.cdt.ch


Obama, l'uomo che non sa perdere

IL COMMENTO DI MARCELLO FOA


Le ultime decisioni dell'Amministrazione Obama segnalano il tentativo di far deragliare il nuovo corso di Trump o perlomeno di metterlo in fortissima difficoltà sia con Israele, sia, soprattutto, con la Russia

30 dicembre 2016

di Marcello Foa
Risultati immagini per marcello foa 
di MARCELLO FOA - Eh sì, ora potete verificare di persona che tipo di persona sia Barack Obama. E soprattutto potete rendervi conto di quanto importante e destabilizzante sia stata la vittoria di Trump, che ha posto fine a un lunghissimo periodo di potere esercitato da un gruppo élitario - neoconservatore ma non solo - che, ha dominato Washington, rovinando sia gli Usa sia il mondo. Circa tre settimane fa in un'intervista al blog di Beppe Grillo affermavo che l'establishment di Obama, che riva le sue radici strategiche e ideologiche nell'amministrazione Bush, avrebbe fatto di tutto per mettere in difficoltà o addirittura impedire l'elezione di Trump.
Avete visto cos'è successo negli Stati Uniti: manifestazioni di piazza, riconteggio dei voti in alcuni Stati, pressioni senza precedenti sui Grandi Elettori affinché rinnegassero il voto popolare. Tutto inutile, per fortuna. Per fermare Trump restano solo due modi: un colpo di stato parlamentare o l'eliminazione fisica. Entrambi non ipotizzabili, al momento.
La reazione scomposta di Obama in questi giorni, però, non rivela solo la stizza di un presidente uscente e la scarsa caratura di un uomo ampiamente sopravvalutato, evidenzia soprattutto la frustrazione di un clan che vede svanire il perseguimento dei propri obiettivi strategici. Infatti:
gli Usa hanno perso la guerra in Siria, combattuta la fianco dei peggiori gruppi fondamentalisti.
Nessun rappresentante dell'establishment uscente è stato eletto nei posti chiave dell'Amministrazione Trump.
La globalizzazione e il continuo smantellamento delle sovranità nazionali non sono più garantite, anzi rischiano di essere fermate da Trump che crede nei valori e negli interessi nazionali.
L'obiettivo di conquistare il controllo dell'Eurasia, facendo cadere Putin, sostituendolo con un presidente filomaericano, è fallito; Putin oggi è più forte che mai. Persino Israele, che si è subito allineata a Trump, è diventata ostile. Il via libera alla Risoluzione Onu rappresenta un'inversione a "U" clamorosa e dai chiari intenti punitivi.
Le ultime decisioni dell'Amministrazione Obama segnalano il tentativo di far deragliare il nuovo corso di Trump o perlomeno di metterlo in fortissima difficoltà sia con Israele, sia, soprattutto, con la Russia. La speranza segreta della Casa Bianca era che Putin potesse cedere a una reazione impulsiva, tale da mettere davvero in imbarazzo Trump. E invece il presidente russo ha tenuto i nervi a posto. Anzi ha dato a Obama l'ennesima lezione di stile, rifiutandosi di espellere a propria volta 35 diplomatici americani. Le nuove sanzioni e l'espulsione di 35 diplomatici russi sono comunque un colpo basso, tale da provocare tensioni con il Congresso, ma non così gravi da far desistere Trump dall'avviare un nuovo corso con Putin.
Quanto alle accuse di ingerenze russe nel voto americano sono risibili, pretestuose, come spiego nella breve intervista al blog di Beppe Grillo (trovate qui anche la trascrizione).
Quel che conta, alla fine di un incredibile 2016, è la sostanza. Ovvero: il clan che ha governato l'America per almeno 16 anni lascia per la prima volta il potere. E chi si è opposto, dentro e fuori gli Usa, a politiche egemoniche autenticamente neoimperiali ha motivi di speranza.
Ed è un'ottima notizia per il mondo.
Auguri a tutti

Risultati immagini per putin

Ad Aleppo si è manifestata la disfatta morale e intellettuale dell’Occidente, l'inizio della fine della civiltà occidentale



Man mano che le verità sulla Siria vengono a galla, non potendole più ritardare e mistificare, sta gradualmente cambiando anche la narrazione mediatica dei fatti. Risulterà difficile negare e poi semmai tentar affannosamente di giustificare la presenza di un centinaio abbondante di ufficiali NATO, catturati dai russi e siriani nei territori che erano occupati dalle truppe di invasori o ribelli dalle varie sigle ma che fanno tutte capo a Daesh, cioè allo stato islamico o presunto tale, se non riconoscendone l’implicita complicità nell’armarli, formarli ed incitarli, fornendo loro pure gli obiettivi. Sarebbe come ammettere che tutto quanto è avvenuto era funzionale alla leadership politica atlantica, Usa ed UE, cioè che erano una loro creatura, un terrorismo di comodo, che legittima i dubbi anche sulla matrice degli attentati avvenuti sul suolo europeo, con l’ampio seguito di incongruenze, alcune anche grossolane, sulla dinamica dei fatti e sull’efficienza dei servizi di sicurezza ed investigativi. Nel complesso si tratta di una situazione immonda, da voltastomaco, che fa ribrezzo e provoca repulsione verso la leadership politica e mediatica europea, supina a quella americana. In questo quadro geopolitico e strategico mediorientale la Russia ne è uscita vincitrice di grandezza esponenziale, e nel valutare i motivi della sua vittoria penso di potergli attribuire il fattore storico di una cultura secolare, modernizzata superbamente in ambito diplomatico e militare, perseverando nella lealtà con gli alleati e l’innovazione qualitativa degli armamenti, contro una forza bruta supponente e strafottente, basata prevalentemente sull’insidia, il doppio gioco, l’inganno e la forza quantitativa delle armi e sull’intimidazione, sul dominio del sistema mediatico asservito, rappresentata in primis dagli USA e dai suoi stati satelliti asserviti e resi ormai patetici dalla loro insulsaggine. Con la Siria l’Occidente, con tutto il suo apparato mediatico, ha toccato il culmine della meschinità e della bassezza, e reso evidente il fallimento a livello internazionale, un livello di bassezza dal quale non potrà mai riprendersi e riscattarsi, potrebbe semmai rappresentare l’inizio di un epoca in cui potrà solo continuare a degradare e liquefarsi, come ciclicamente si sono spente molte civiltà nel corso della storia dell’umanità. Prima si capiranno questi aspetti e prima si prenderanno le distanze da questi farabutti che hanno governato finora in nome di una finta democrazia, facendo danni immani e minando il nostro futuro irreversibilmente. 
Claudio Martinotti Doria



Ad Aleppo, la disfatta morale e intellettuale dell’Occidente

“Primi attacchi aerei dell’aviazione russa  in appoggio alle truppe turche ad Al-Bab”.
Chi l’avrebbe mai detto?  “Secondo una fonte militare dell’aeroporto  di Kuweires, una squadriglia di caccia Su-24 e Su-34 hanno sferrato attacchi aerei su Al-Bab,  distruggendo  vari mezzi appartenenti al cosiddetto Stato Islamico d’Irak e Al Sham”, che è sempre Daesh.
Secondo alcuni però, i colpi sarebbero diretti alle milizie curde anti-Assad.  Erdogan ha accettato il principio della “integrità territoriale della Siria” (non certo di buona voglia)  perché  ciò comporta l’eliminazione dei sogni indipendentisti curdi?
La notizia (fonte Almasdar New, yemenita sciita) aggiunge che “nonostante l’appoggio aereo russo, l’armata turca non  ha potuto mantenere il controllo dell’ospedale Al-Faruq e  di Jabal al-Akil dopo  che i terroristi  dello stato islamico hanno assestato  un colpo diretto con  il loro ordigno esplosivo improvvisato”.
Il che rivela forse qualcosa sul temibile esercito turco, il secondo della NATO. Erdogan ha mandato oltre confine alcune centinaia di commandos; ma non osa impegnare l’esercito, che è fatto di coscritti, e che lui ha “purgato” di comandanti come   veri e presunti  complici di Gulen.
Secondo l’Osservatorio Siriano dei Diritti Umani  (quello fatto da uno che sta a Londra), “Al Bab  è stata giovedì oggetto di vari raid aerei turchi che hanno ucciso 72 civili,  fra cui 21 bambini”.  L’attacco aereo russo invece è di lunedì e non ha fatto vittime civili – o più probabilmente, sono adesso i turchi ad avere diritto alla loro quota di accuse di  crimini di guerra. Infatti i media italiani hanno dato il dovuto rilievo.

Le atrocità?  Le han fatte i “nostri ribelli”

siia-fosse-comuni
Fosse comuni, civili trucidati
Su Aleppo, con molto disagio, la “narrativa” sta un po’ cambiando. Si osa dar notizia del  fatto che ad Aleppo la gente festeggia i soldati dell’esercito nazionale,   che i cristiani hanno celebrato il Natale  nella gioia ed  hanno ricevuto la visita di Assad e signora, e che si sono scoperte fosse  comuni di  civili  giustiziati  e  mutilati dallo Stato Islamico, ossia dai protetti dalla coalizione internazionale. E’ già un progresso dopo cinque anni che “atrocità” e crimini di guerra, parecchi dei quali inventati (i gas nervini del 2012) venivano imputati esclusivamente ad Assad, e negli ultimi giorni prima della liberazione  di Aleppo Est, a Mosca.
Naturalmente dicendo il meno possibile. Nulla sugli ufficiali della NATO catturati dall’armata siriana in una cantina di Aleppo Est, il cui numero – dato inizialmente a 14, sarebbe invece di 110.   Colpevoli,  nella loro qualità di comandanti dei tagliagole preferiti dalla UE e da Washington, dei  crimini contro l’umanità  che i russi coi siriani vanno scoprendo.
http://canempechepasnicolas.over-blog.com/2016/12/parmi-les-rebelles-d-alep-des-officiers-de-l-otan-captures.html


Silenzio sui 100 cadaveri – risultati di soldati siriani catturati – che i ribelli hanno liquidato col classico colpo alla nuca prima di sloggiare (che ne dirà Stoltenberg?).  Discrezione sui “sette immensi magazzini con munizioni sufficienti per armare diversi battaglioni di fanteria”  documentati dal portavoce elle forze russe, generale Igor Konachenkov: “Molti di questi depositi si trovavano in ospedali e scuole”.  Per delicatezza d’animo e non impressionare la Mogherini,  le tv non hanno dato i video che  mostrano l’enorme quantità di queste armi.  Che noi stessi, intesi come occidentali, abbiamo fornito loro perché instaurassero il Califfato.
https://youtu.be/OySdmuXZxpM
razioni-alimentari
Sono state trovate anche immani quantità di generi alimentari, ben nascoste;  la dittatura jihadista lasciava la  popolazione civile senza cibo,   sequestrava gli “aiuti umanitari” per la sua  sbirraglia, e vietava ai civili di nutrirsene.   Su questo, persino l’Osservatorio dei Diritti Umani in Siria (quello di Londra)  ha osato accusare i terroristi. Un altro segno della graduale modifica della narrativa.


Strano “suicidio” del funzionario NATO

Nessun  tentativo mediatico  di collegare la ‘caduta  di Aleppo Est’ e la strana morte in Belgio del revisore generale della NATO, Yves Chandelon,   suicidato  con un colpo di pistola alla testa nella sua auto, vicino ad Andenne.   L’uomo di  pistole ne aveva tre, regolarmente denunciate; quella con cui s’ ucciso è un’altra, non sua.

Contabile della NATO, indagava sui finanziamenti ai terroristi
Indagava sui finanziamenti ai terroristi
Chissà perché, la famiglia non crede al suicidio; sostiene che   Yves, pochi giorni prima, aveva confidato di sentirsi minacciato da strane telefonate.   Stava indagando sui finanziamenti del terrorismo  islamico: cosa che, in fondo, è un segreto di Pulcinella. Il suo ‘suicidio’ apre interessanti questioni: è parte delle pulizie di fine stagione della presidenza Obama, oppure è il sintomo di una spaccatura  fra due fazioni interne all’Alleanza Atlantica?
Perché comunque la si metta, quella di Obama,   della UE e dei sauditi e israeliani è una disfatta di prima grandezza.   Tanto più  se si tien conto dell’ultima rivelazione di Wikileaks
http://www.truth-out.org/progressivepicks/item/33180-wikileaks-reveals-how-the-us-aggressively-pursued-regime-change-in-syria-igniting-a-bloodbath

Dove un documento del governo Usa datato 2006 mostra che Washington  ha progettato  il cambiamento di regime in Siria fin da 15  anni fa, scatenando deliberatamente il bagno di sangue cui  abbiamo assistito, coi 250 mila morti e i sei milioni almeno di profughi e senzatetto. Progettato in tutti i particolari: dal “giocare le ansie sunnite  sull’influenza iraniana”, all’attizzare “i curdi”,  creare  divisioni “in senso ai servizi di sicurezza e militari”  del regime,  fino alle denunce false al tribunale dell’Aja  di aver fatto uccidere  il capo libanese Hariri (probabilmente  ucciso da Sion) e alla diffusione di falsità demonizzanti contro Assad  e il “primo cerchio” del regime   – il compito a cui  i nostri media si sono così valorosamente  dedicati   diffondendo ogni sorta di fake news imbeccate.

Risultato: l’esclusione degli Usa

Il risultato è che Russia, Turchia e Iran  si sono riunite –  a Mosca  –  per discutere la sistemazione della Siria,   senza invitare Washington.
E’ la disfatta morale, ma anche intellettuale, di Obama,  della strategia neocon  e della UE:   il Nobel per la Pace è stato sconfitto politicamente dal “piccolo paese  che non produce niente”, la  Russia, e che ai tempi di Eltsin i cervelloni strategici americani avevano  definito “un Alto Volta con i missili”.  Ma proprio questo fa  giganteggiare le figure degli indubbi vincitori, Putin e Lavrov: con   quanti pochi mezzi hanno battuto la superpotenza e  il suo codazzo di satelliti.
Come mai?  I motivi ha cominciato a provare ad enumerarli il massimo analista strategico franco-svizzero, Guillaume Berlat .
http://prochetmoyen-orient.ch/
“La definizione di un quadro concettuale globale”  che Putin ha seguito coerentemente e  con costanza, dall’inizio delle “primavere arabe” (laddove Obama le ha provocate con vacue speranze che i Fratelli Musulmani realizzassero una  “democrazia”,  mentre per i neocon la destabilizzazione è un fine in sè).
La declinazione del quadro concettuale attorno ad alcuni principi. “Stabilizzare il regime siriano per evitare la destabilizzazione anche regionale (ammaestrato dagli effetti  dell’implosione della Libia sulle aree circostanti),  scongiurare la  diffusione del virus islamista nel Caucaso, mantenere la sua base militare in Mediterraneo – giocando gli Usa e ridicolizzando la UE”,   per giunta  apparendo come il difensore dei cristiani e delle altre minoranze  perseguitate in Oriente.
Il sagace uso congiunto della forza militare e della diplomazia.  “La diplomazia senza le armi è come la musica senza strumenti”, diceva Bismarck; ma  gli Usa  si son fatti dettare la politica dal loro super-armamento, credendo che la potenza degli strumenti esima dal comporre la musica, perché quelli la suonano  da sé.
La psichiatrica follia di questo s’è vista nel settembre scorso, quando Ashton Carter (capo del Pentagono) ha bombardato le truppe siriane assediate a Der Ezzor  (tra 60 e100 soldati morti, con la partecipazione di caccia belgi e danesi)  al solo scopo di mandare a monte un accordo stipulato fra John Kerry e Lavrov per condurre operazioni militari congiunte contro Daesh. Cosa riconosciuta da Kerry  sospiroso: “Purtroppo abbiamo avuto divisioni nelle nostre file che  hanno reso l’applicazione dell’accordo estremamente difficile…”.
http://www.bostonglobe.com/news/politics/2016/12/17/kerry-leaving-legacy-hope-and-determination-role-state/3DqcfBTEvs8euhTThnhvIK/story.html?event=event25

Lavrov “inclusivo”

Patetica figura Kerry, di fronte a Sergei Lavrov, sperimentato non solo dalla lunga permanenza  come ministro, ma dalla precedente esperienza di diplomatico all’Onu, e assistito dal quadro concettuale” complessivo stilato  con Vladimir Vladimirovic. Di lui rimarrà nella storia la limpida, chiaroveggente diplomazia inclusiva, così contraria a quella americana. Infaticabilmente, Lavrov parla con gli iraniani, ma anche con gli americani  traditori e doppi, coi turchi dopo che Erdogan fa abbattere il caccia russo, parla coi sionisti, perfino coi sauditi, trattando come legittimi interlocutori  le cricche più infide, da leale interlocutore, lui. Tratta coi “ribelli” siriani, cercando di metterli al tavolo di pace.  E’ stato lui a sventare in extremis l’intervento occidentale contro Damasco nel 2013, facendo aderire la Siria alla convenzione di divieto delle armi chimiche.
Quanto  alla forza militare, è   quella necessaria e sufficiente che Putin usa  in vista di obiettivi chiaramente definiti.  Spero si ricorderà il totale “effetto sorpresa”  ottenuto su Washington ed Ankara con i dispiegamento istantaneo e invisibile dei caccia bombardieri, l’esibizione delle migliori novità tecniche delle tre armi, abbastanza da impressionare gli americani e  indurli a non rischiare troppo nello spazio aereo (Erdogan,  Hollande volevano da Obama una no-fly zone in  Siria), assumendo anche i necessari rischi ed azzardi –  l’abbattimento del caccia da un rabbioso Erdogan, che oggi è costretto ad agire da “alleato” di Mosca.  Con  ciò ha mostrato ai   regimi arabi che, lui, non abbandona gli alleati nelle peste, come hanno fatto  altri.
Tutto ciò non sarebbe bastato al successo, nota Berlat, senza quarto fattore: e qui  l’analista evoca un dato morale, di carattere:  la forza di una volontà irremovibile.  Non dimentichiamo che in Siria, Putin ha sfidato un paese dieci volte più armato, una superpotenza economicamente dieci volte superiore,  che non si esenta da atti criminali e talora da sussulti irrazionali, da idrofobia.
L’inflessibilità della volontà s’è dimostrata nella assoluta impermeabilità, spesso ironica, al martellamento mediatico.  “I cani occidentali abbaiano, la carovana russa passa”, il Cremlino non si fa deviare nemmeno d’un metro dalla traiettoria iniziale dalla guerra mediatica. Il sistema mediatico occidentale s’è coperto di vergogna diffondendo propaganda e menzogne plateali; i governanti si sono compromessi in interviste con  asserzioni irresponsabili e minacce delinquenziali, dichiarazioni estemporanee, rivelazioni controproducenti (tipo “Al Qaeda, sul terreno, fa un buon lavoro”).  Putin parla  quanto basta; usa  il potere di veto all’Onu   quando occorre, senza farsi intimidire;  Lavrov non si  abbandona alle  emozioni, entrambi si impegnano in incontri utili e riservati, come quello che ha restituito temporaneamente la ragione a Erdogan.
E’ una forza di volontà intelligente, sostenuta da realismo, pragmatismo e sangue freddo. Gli occidentali perdono vistosamente d’intelligenza,  credono alle loro proprie menzogne, se ne fanno irretire: invocano “interventi umanitari” per rifornire tagliagole wahabiti resi folli dal captagon, di fronte ai quali Assad è fin troppo evidentemente più civile e preferibile; farneticano di una “opposizione democratica” che sanno benissimo non esistere, trattandosi di mercenari stranieri  pagati dai sauditi; invocano “tregue” che hanno l’unico scopo di salvare i terroristi da loro armati, e ormai alle corde.  E tutto ciò, nonostante gli sforzi mediatici, si vede ad occhio nudo. “Tutto, nel racconto occidentale su Aleppo, sa di truffa e inganno”, ha scritto Fulvio Scaglione su Famiglia Cristiana.
Mogherini, Hollande e Merkel intimano ai russi, che trattano da criminali di guerra,  di aprire corridoi umanitari. Ma  “i  “corridoi” esistono già, i civili sono già stati evacuati dai quartieri orientali di Aleppo dalle forze governative siriane e soprattutto dai russi che hanno anche messo in campo (a differenza della Ue) una mole imponente di aiuti umanitari per gli sfollati, proporzionale al loro impegno bellico. Persino i ribelli vengono portati con i loro famigliari (e i pochi civili che intendono seguirli) in aree controllate dalle milizie a cui appartengono con la supervisione della Croce Rossa Internazionale”, scrive la NBQ, che titola opportunamente: “Ad Aleppo, la UE  perde la faccia”.
L’Unione Europea si è attenuta ad una rappresentazione della realtà “deforme in modo abissale” sulla Siria, per di più  condita dal sentimento ingiustificato di non si sa quale superiorità civile e morale, che è un’imitazione dell’altrettanto ingiustificato senso della “eccezionalità” americana di cui Obama si riempie la bocca. “Noi”  siamo l’Occidente, “noi”   siamo la civiltà, l’umanitarismo e la democrazia, “Assad must go”, Putin è un dittatore…senza accorgersi della rozzezza  e del semplicismo  delle  loro visioni che li ha portati ad una vera disfatta – intellettuale e morale.
E’ in nome di questa ‘superiorità’ che Obama, prima di Natale, ha firmato il  decreto per consegnare ai ribelli in Siria i missili  anti-aerei a spalla;  “un atto ostile” l’ha definito la portavoce di Lavrov, Maria Zakharova.
http://www.msn.com/en-us/news/world/russia-calls-us-move-to-better-arm-syrian-rebels-a-hostile-act/ar-BBxBhWV?li=BBmkt5R&ocid=spartandhp
E’ stato forse per suo ordine che  il noto “incidente  aereo”   ha sterminato il coro dell’armata rossa.  Non riesce proprio a capire che  versare sangue non è un sostituto per l’intelligenza che  gli  manca, la malvagità e le vendette postume non bastano a rimpiazzare una strategia, una diplomazia, una politica  estera  impotente.
 

Curarsi con l'ayahuasca ...




Dell’ayahuasca avevo già riferito in alcune news precedenti, per approfondimenti rimando al saggio della dott.ssa Viviana Vivarelli, reperibile ai seguenti link:




Risultati immagini per ayahuasca plant

Fonte: Aduc, Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori http://www.aduc.it

Curarsi con l'ayahuasca
26 dicembre 2016 16:03



Dominique era “cocainomane all'ultimo stadio” e fumava due pacchetti di sigarette al giorno quando ha scoperto l'ayahuasca, una bevanda allucinogena originaria dell'Amazzonia: “Ho bloccato tutto dall'oggi al domani, senza sforzi”..
Questa franco-americana di Los Angeles fa parte delle migliaia di adepti di questa bevanda psichedelica che fa furore negli Stati Uniti e provoca gli interessi di ricercatori in psichiatria che la vedono come un rimedio potenziale alle dipendenze, alla depressione o alle sindromi post-traumatiche.
Classifica come droga pesante dalle autorita' sanitarie, l'ayahuasca non e' tuttavia senza rischi. Prima di tutto perche' e' gestita dalla clandestinita', aprendo le porte ai suoi derivati.
Questo decotto di liana Banisteriopsis caapi e di foglie di chacruma, preparato ed ingerito secondo dei rituali sciamanici, ha da piu' di dieci anni una popolarita' esponenziale. In particolare nella Silicon Valley ed a Holliwood dove diverse vedette -Sting, Paul Simon, Tori Amos, Lindsey Lohan- hanno descritto al loro esperienza.
“Si crede a torto che siano degli hippies con delle piume nei capelli che la prendono, ma ci sono stilisti, attori, parrucchieri, dirigenti d'azienda, avvocati...”, assicura Jeff, organizzatore di cerimonie. Il suo nome e quello dei consumatori sono stati cambiati per preservare il loro anonimato.
“In un'epoca marcata dal consumerismo e dal divertimento, le persone cercano delle esperienze spirituali forti”, dice.

Risultati immagini per ayahuasca plant

Per Dennis McKenna, professore al Centro di spiritualita' dell'Universita' del Minnesota, “ogni notte circa 100 cerimonie si tengono a New York, ed e' altrettanto vero per Los Angeles e San Francisco”.
Ma e' difficile saperlo precisamente, in virtu' del carattere illegale di questa sostanza che contiene DMT, un potente psicotropo.
In Usa, solo due chiese di origine brasiliana che hanno sede nell'ovest americano, possono utilizzarlo legalmente, in virtu' del loro rituale.
I critici deridono la popolarità della ayahuasca come l'ultima moda in crescita.
Gli adepti dicono di prenderne una con diversi mesi di intervallo.
Essi devono anche seguire una dieta stretta di una settimana prima di partecipare a queste cerimonie, che si tengono spesso il luoghi in aperta natura, ritmate di sequenze meditative e con canti tradizionali.
L'ingestione di ayahuasca genera allucinazioni euforiche: “Ho avuto la sensazione di uscire dal mio corpo”, racconta Dominique. “Ho visto delle girandole di rose e violette, delle forme geometriche verdi”, dice Leonard, un altro entusiasta.
Gli effetti curativi potenziali interessano sempre di piu' i ricercatori, come dice Jessica Nielson, del Centro di lesioni cerebrali dell'Universita' della California di San Francisco (UCSF).
Lei ha cominciato a studiare l'ayahuasca dopo un viaggio in Peru' dove ha visto “due persone colpite da sindrome post-traumatica che le sono sembrate totalmente guarite” dopo averla assunta.
Ora sta cercando di ottenere l'autorizzazione dell'Autorita' americana dei farmaci (FDA) per una prova clinica, ma il percorso e' laborioso con questa sostanza classificata come droga pesante, anche se psicotropi come il MDMA o LSD sono utilizzati in psichiatria.
Pertanto, stima Chalrles Grob, professore al dipartimento di psichiatria del centro medico Harbour-UCLA a Los Angeles, “la medicina occidentale ha spesso delle difficolta' a trattare le dipendenze da droghe e alcool, allora vale la pena di studiare” queste possibilita'.
Se le ricerche in Usa sono frenate dal quadro giuridico, esse si moltiplicano altrove, essenzialmente in Brasile dove l'ayahuasca e' legale -e' cosi' anche in diversi altri Paesi dell'America latina come Messico, Peru' e Colombia- e in Spagna dove ha un suo quadro giuridico.
Grob cita essenzialmente “uno studio pilota in Brasile su delle persone che soffrono di depressione cronica e non reagiscono bene agli antidepressivi. I risultati preliminari sono positivi”.
L'ayahuasca puo' anche essere pericolosa, essenzialmente per le persone che prendono degli antidepressivi, che soffrono di problemi cardiaci o psicotici, per gli epilettici o gli asmatici.
“Bisogna valutare le persone, assicurarsi che esse siano psichicamente e mentalmente in grado di sopportarla”, spiega Jeff, affermando che “non e' pericolosa” quando queste precauzioni sono prese.
“Una volta, qualcuno ha gridato per diverse ore ma il giorno dopo stava bene”, aggiunge.
La popolarita' di questa pianta, che alcuni comprano su Internet, attira anche i ciarlatani, che si spacciano per esperti, fanno sapere Jeff e McKenna.
Essa puo' anche creare dei drammi. In Peru', dove il turismo dell'ayahuasca va per la maggiora, delle aggressioni sessuali sono state segnalate e un britannico e' stato accoltellato da un canadese dopo una cerimonia, perche' questa droga suscita dei trans euforici ma anche talvolta delle fasi depressive e piu' raramente delle crisi di panico o paranoia.
“Tutto cio' che e' sufficientemente potente puo' essere utile anche per fare del male. Ciò che occorre è una maggiore ricerca, conclude Mark Barad”, uno psichiatra all'UCLA.

(da un lancio dell'agenzia France Press - AFP del 26/12/2016)