Benvenuti nel Blog di Claudio Martinotti Doria, blogger dal 1996


"Non nobis Domine, non nobis, sed nomini Tuo da gloriam", motto dell'Ordine dei Cavalieri Templari, Pauperes commilitones Christi templique Salomonis

"Ciò che insegui ti sfugge, ciò cui sfuggi ti insegue" (aneddotica orientale, paragonabile alla nostra "chi ha pane non ha denti e chi ha denti non ha pane")

"Quello che mi ha sorpreso di più negli uomini dell'Occidente è che perdono la salute per fare soldi. E poi perdono i soldi per recuperare la salute. Pensano tanto al futuro che dimenticano di vivere il presente in tale maniera che non riescono a vivere nè il presente nè il futuro. Sono come se non dovessero morire mai e muoiono come se non avessero mai vissuto."
(Dalai Lama)

"A l'è mei mangè pan e siuli, putòst che vendsi a quaicadun" (Primo Doria, detto "il Principe")

"Prima ti ignorano, poi ti deridono, poi ti combattono. Poi vinci." Mahatma Gandhi

L'Italia non è una nazione ma un continente in miniatura con una straordinaria biodiversità e pluralità antropologica (Claudio Martinotti Doria)

Il proprio punto di vista, spesso è una visuale parziale e sfocata di un pertugio che da su un vicolo dove girano una fiction ... Molti credono sia la realtà ed i più motivati si mettono pure ad insegnare qualche tecnica per meglio osservare dal pertugio (Claudio Martinotti Doria)

Lo scopo primario della vita è semplicemente di sperimentare l'amore in tutte le sue molteplici modalità di manifestazione e di evolverci spiritualmente come individui e collettivamente (È “l'Amor che move il sole e le altre stelle”, scriveva Dante Alighieri, "un'unica Forza unisce infiniti mondi e li rende vivi", scriveva Giordano Bruno. )

La leadership politica occidentale è talmente poco dotata intellettualmente, culturalmente e spiritualmente, priva di qualsiasi perspicacia e lungimiranza, che finirà per portarci alla rovina, ponendo fine alla nostra civiltà. Claudio Martinotti Doria

PER CONTATTI: claudio@gc-colibri.com

Se preferite comunicare telefonicamente potete inviare un sms al 3485243182 lasciando il proprio recapito telefonico (fisso o mobile) per essere richiamati. Non rispondo al cellulare ai numeri sconosciuti per evitare le proposte commerciali sempre più assillanti

Questo blog ha adottato Creative Commons

Licenza Creative Commons
Blog personale by Claudio Martinotti Doria is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License.
Based on a work at www.cavalieredimonferrato.it.
Permissions beyond the scope of this license may be available at www.cavalieredimonferrato.it.

COME SOSTENERE LA MIA PERSEVERANTE ATTIVITA' DI VOLONTARIATO. Se avete apprezzato l’impegno e l’originalità dei miei articoli ritenendo che la mia attività divulgativa meriti un sostegno, appena avrete l’opportunità di farlo dedicate qualche minuto e qualche euro per sostenerla, tenendo presente che non ho entrate pubblicitarie e nessuno sponsor (condizione necessaria per mantenersi indipendenti) ed inoltre sono una vittima della riforma previdenziale della Fornero e la mia pensione è stata rinviata al 2024, ed è giusto che lo sappiate fin da adesso che l’importo che mi sarà erogato sarà minimo. Potrete contribuire con una donazione tramite PayPal all’account claudio@gc-colibri.com oppure a questo link: https://www.paypal.com/cgi-bin/webscr?cmd=_donations&business=Z2M2PAF4N76V6&lc=IT&item_name=Claudio%20Martinotti%20Doria&currency_code=EUR&bn=PP%2dDonationsBF%3abtn_donateCC_LG%2egif%3aNonHosted

Se non siete registrati a Paypal potete effettuare un bonifico bancario all’IBAN IT42M0303222600010000002011 (Credem, filiale di Casale Monferrato)

You can make a donation using PayPal account claudio@gc-colibri.com or at this link: https://www.paypal.com/cgi-bin/webscr?cmd=_donations&business=Z2M2PAF4N76V6&lc=IT&item_name=Claudio%20Martinotti%20Doria&currency_code=EUR&bn=PP%2dDonationsBF%3abtn_donateCC_LG%2egif%3aNonHosted





Patriă Montisferrati

Patriă Montisferrati
Cliccando sullo stemma del Monferrato potrete seguire su Casale News la rubrica di Storia Locale "Patriă Montisferrati", curata da Claudio Martinotti Doria in collaborazione con Manfredi Lanza, discendente aleramico del marchesi del Vasto - Busca - Lancia, principi di Trabia

Come valorizzare il Monferrato Storico

La Storia, così come il territorio e le sue genti che l’hanno vissuta e ne sono spesso ignoti ed anonimi protagonisti, meritano il massimo rispetto, occorre pertanto accostarsi ad essa con umiltà e desiderio di apprendere e servire. In questo caso si tratta di servire il Monferrato, come priorità rispetto a qualsiasi altra istanza (personale o di campanile), riconoscendo il valore di chi ci ha preceduti e di coloro che hanno contribuito a valorizzarlo, coinvolgendo senza preclusioni tutte le comunità insediate sul territorio del Monferrato Storico, affinché ognuna faccia la sua parte con una visione d’insieme ed un’unica coesa identità storico-culturale condivisa. Se ci si limita a piccole porzioni del Monferrato, per quanto significative, si è perdenti e dispersivi in partenza.

Sarà un percorso lungo e lento ma è l’unico percorribile se si vuole agire veramente per favorire il Monferrato Storico e proporlo con successo come un’unica entità territoriale turistico culturale ed economica …

La questione femminile in Italia è di una gravità inaudita e taciuta ...

Sotto le coperte, solo la punta di un iceberg. La questione femminile in Italia
di Pietro Yates Moretti
Fonte: Aduc, Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori http://www.aduc.it
Sono sempre piu' preoccupato per il futuro delle mie due bambine. Anche se forse meno appariscente di quella verso lo straniero o l'omosessuale, quella contro le donne e' oggi la forma di discriminazione piu' diffusa nel nostro Paese. Che siano o meno veri i rumors sui criteri di selezione delle ministre adottati dal presidente del Consiglio, ha davvero poca importanza. E' la reazione che mi terrorizza: bricconcello tutto italiano lui, puttana senza talento lei. Ed e' questa la reazione che quasi sempre contraddistingue una pratica (ormai una vera e propria prassi culturale) che ha al centro l'oggettificazione, e quindi il dispregio, della donna. Essa e' cosa, e' corpo, e se vuol far carriera dove conta il cervello, e' bene che sia generosa con chi il cervello -e soprattutto il monopolio dei posti di lavoro- ce l'ha.
Dalla velina alla giornalista fino alla politica (forse persino alla ministra della Repubblica), cio' che sembra accomunare le famose e giovani donne di 'successo' sono le circostanze del 'colloquio di lavoro'. Circostanze che, quando scoperte, condannano allo scorno e al disprezzo non solo le donne coinvolte, bensi' tutte le donne.
Ma non e' solo l'occasionale rivelazione di questo o quel rapporto sessual-lavorativo che mi preoccupa. Secondo diverse indagini, quasi la meta' delle donne lavoratrici italiane fra i 14 ed i 59 anni di eta' sono state vittime di molestie sessuali sul lavoro (e solo una piccolissima parte ha denunciato l'accaduto). L'Italia e' fra gli ultimissimi Paesi d'Europa e del mondo sviluppato per impiego femminile. Il divario retributivo fra uomo e donna per lo stesso lavoro e' fra i piu' alti nel mondo occidentale, mentre le donne a capo di grandi industrie o banche si contano sulla punta delle dita. Per non parlare di rappresentanza politica. Gia' nel 2005 l'Onu (la Committtee on the Elimination of Discrimination against Women) ha condannato l'Italia per il bassissimo numero di donne che partecipano attivamente alla vita politica e pubblica del Paese:
Secondo il rapporto annuale 'Gender Gap 2007' a cura del World Economic Forum, l'Italia e' il Paese occidentale dove c'e' il piu' alto tasso di disoccupazione femminile ed il piu' basso tasso di rappresentanza politica. Su 128 Paesi, l'Italia risulta all'84mo posto, seguita quasi esclusivamente da Paesi africani e mediorientali altamente sottosviluppati. Per intenderci, le donne godono di maggiori diritti in Paesi come Bolivia (80), Albania, Cuba (22), Mongolia (62), Ghana (63), Vietnam (42), Mozambico (43), Trinidad e Tobago (46), Tanzania (34), Filippine (6).
Altri esempi? Ai figli deve per legge essere trasmesso il cognome del padre. I fasciatoi per cambiare il pannolino ai bambini sono quasi sempre e solo nei bagni pubblici per le donne (gli uomini sono evidentemente troppo impegnati sul lavoro). Non esiste uomo ricco e famoso, anche se vecchio e grasso, che non metta in bella mostra una compagna ventenne di professione velina o modella come fosse un'auto o un abito firmato. A questo si aggiunge un bombardamento costante di curve -e raramente di pensiero- femminili, dalla tv ai siti internet dei quotidiani italiani piu' autorevoli. Provate a visitare repubblica.it o corriere.it, e sicuramente troverete fotografie di corpi femminili nudi o seminudi (mentre scrivo campano titoli del tipo ' Ecco le belle dell'estate di Rai Uno', 'Milano, la sfida per il sorriso piu' bello', 'La Huzinker versione Fregene', 'Marta Cecchetto su Maxim'). Niente di male, se non fosse che quasi mai lo stesso trattamento e' riservato all'uomo. E quante trasmissioni televisive sono condotte da uomini in giacca e cravatta, accompagnati da ragazze seminude dal sorriso permanente il cui compito e' quello di lanciare la pubblicita'? Quello e' in gran parte il ruolo della donna nella societa', umiliata a recitare la parte dell'oggetto della fantasia maschile.
Che futuro possono avere le mie due bambine in Italia se non cambia qualcosa? Se cresceranno brutte o comunque non bellissime, avranno poche chance, a meno che non siano di straordinaria e quasi sovrumana intelligenza, salute mentale e forza di volonta'. Piu' saranno belle, invece, maggiori saranno le chance di dover affrontare datori di lavoro o uomini 'influenti' che offriranno o imporranno loro scorciatoie obbligate. E quando avranno di fronte quella scelta, invece di denunciare la molestia sessuale alle autorita' giudiziarie, saranno spinte a scegliere silenziosamente dalle coetanee che le hanno precedute e da una cultura diffusa che hanno assorbito sin da piccole.
La mia preoccupazione e' tanto piu' grave quanto tutto questo avrebbero potuto evitarlo. E' a causa di una mia scelta di vita, che la mia famiglia si e' trasferita in Italia. Fino a due anni fa vivevamo negli Stati Uniti, dove un docente universitario che ha un rapporto con una studentessa viene licenziato in tronco, spesso perseguito dalla giustizia per molestie sessuali, e costretto a trovarsi un altro mestiere perche' nessun ateneo mai piu' lo assumera'. Quando cominciai ad insegnare negli Usa, il rettore mi consiglio' vivamente di lasciare la porta dell'ufficio sempre aperta durante il ricevimento delle studentesse per evitare anche la sola percezione di 'impropriety' (scorrettezza) o 'misunderstanding' (equivoco).
Esagerano? Forse. Non tutte le donne sono vittime e non tutti i datori di lavoro sono carnefici: talvolta si puo' anche essere convenientemente o sinceramente consenzienti. Di certo la pensavo cosi' quando vivevo la'. Ma il grado di disprezzo per la donna e' cosi' devastante nel nostro Paese, che sono spinto a preferire un sistema iper-sanzionatorio e talvolta ipocrita piuttosto dell'attuale far west delle pulsioni maschili. La misoginia e' cosi' diffusa e quotidiana in Italia da aver annichilito qualsiasi sussulto di consapevolezza e reazione persino nelle donne piu' intelligenti ed istruite. Reazione che invece e' ineluttabilmente manifestata dai turisti stranieri che visitano il nostro Paese ed hanno occasione di accendere il televisore o di assistere a chiassosi quanto improbabili rituali di 'corteggiamento' all'italiana (sono molte le guide turistiche in inglese che mettono in guardia sul comportamento del maschio italiano).
Temo che senza la consapevolezza delle donne italiane, in primis di quelle donne talentate e di successo, non cambiera' niente. E' solo da quel visibile palcoscenico conquistato col sudore che puo' giungere un segnale forte, un esempio eccellente, una ispirazione trascinante alla nuova generazione di donne che sta crescendo in Italia. E' comprensibile che quelle poche donne che competono ai piu' alti livelli in un mondo prevalentemente maschile siano fiere della loro eccezionalita' e del meritatissimo risultato (che in parte sarebbe molto meno eclatante e riconoscibile qualora fosse cosa normale). Ma alla fine, sono loro stesse le prime vittime eccellenti e sanno bene che per raggiungere quel livello hanno dovuto dimostrare molto piu' dei colleghi maschi, guadagnando meno e talvolta rinunciando alla famiglia (il collega ha potuto invece farsi una famiglia lasciando che fosse la moglie, spesso con minori chance di carriera, a badare ai figli).
Ma anche le lavoratrici che stanno ancora lottando per la carriera devono darsi una mossa. La molestia sessuale non e' solo lo stupro o l'assalto fisico. Per la legge, le molestie sono "quei comportamenti indesiderati, posti in essere per uno dei motivi di cui all'articolo 1, aventi lo scopo o l'effetto di violare la dignita' di una persona e di creare un clima intimidatorio, ostile, degradante, umiliante od offensivo" (decreto legislativo n. 216 del 2003). Dalla toccatina (pizzicotti, pacche, carezze, ecc.) all'email piccante, dalla battuta a doppio senso alla richiesta di favori sessuali, dall'esposizione di materiale pornografico all'apprezzamento verbale sul corpo, dagli sguardi insistenti ai gesti alludenti al rapporto sessuale, la molestia sessuale esiste quando si crea un ambiente in cui la donna e' messa a disagio perche' donna. Invece di subire passivamente l'ambiente, magari per paura di perdere opportunita' lavorative, e' necessario reagire e denunciare. Il silenzio, anche quello che segue il rigetto di una richiesta sessuale, equivale all'omerta' che oggi da' vita a fenomeni malavitosi come il pizzo. La discriminazione e la molestia sessuale e' un comportamento inaccettabile, vile e soprattutto illegale. E' importante ricordarsi che se quel datore di lavoro ci ha provato con te, probabilmente lo ha gia' fatto con altre donne. Una tua denuncia potrebbe dare il coraggio ad altre persone di uscire fuori allo scoperto e aiutarti a condannare il comportamento.
Per le mie bambine, per milioni di donne italiane, cosi' come per l'Italia tutta, un dibattito approfondito su come risolvere la questione femminile non puo' piu' attendere. Soprattutto, in attesa che un mondo politico e lavorativo quasi completamente maschile si dia una improbabile regolata, e' necessario che le donne reagiscano. Non bastano le leggi a cambiare un atteggiamento culturale. Bisogna anche farle valere.

Nota
Si dira', ma cosa ci incastra la questione femminile con un'associazione di consumatori? Per coloro che in questo istante si chiedono questo piuttosto che riflettere su cio' che hanno letto, cito l'esempio di Mustafa Kemal Atatürk, padre della Turchia moderna. Quando nel 1926 introdusse il nuovo Codice civile e con esso pari diritti civili e politici alle donne (diritti che in alcuni casi le donne italiane hanno avuto riconosciuti solo nei decenni successivi), egli disse che non era possibile pensare di progredire come Paese se una buona meta' della popolazione era tenuta in silenzio. Secondo una ricerca delle Nazioni Unite, solo nella regione asiatica del Pacifico la discriminazione verso le donne sul lavoro produce un danno di oltre 80 miliardi di dollari l'anno. In India (un Paese che e' simile all'Italia per discriminazione verso le lavoratrici) il Pil potrebbe crescere di oltre un punto se vi fosse un'integrazione della forza lavoro femminile simile a quella degli Stati Uniti. Oggi, noi italiani stiamo rinunciando a valorizzare quasi meta' della nostra intelligenza e creativita'. E' come se stessimo usando solo una parte del nostro cervello, proprio mentre le sfide globali dell'economia e del mercato si fanno piu' complesse e competitive. E questa si' che e' questione anche da associazione di utenti e consumatori.

Nuovi sindaci ed un nuovo Rinascimento per la nostra penisola ...

Molti dei prossimi sindaci della nostra penisola potrebbero essere espressione della Società Civile
di Claudio Martinotti
La situazione socio-politica che stiamo vivendo è molto particolare, come opinione pubblica e società civile siamo ormai pervenuti ad un punto di saturazione, l'esasperazione verso l'indegno modo di far politica in Italia (partitocrazia clientelare ed oligarchia pseudodemocratica) ha raggiunto ormai livelli intollerabili che sfocerà inevitabilmente in conflitti sociali non negoziabili, incrementerà l'individualismo e l'immoralità, ed aumenterà l'ingovernabilità del Paese, i cui segnali precursori sono evidenti da tempo.
Coloro che ancora reggono il gioco ad una tale classe politica (la cosiddetta "casta", personaggi totalmente inadeguati alle responsabilità assunte nei confronti della collettività) è perché hanno interessi diretti o indiretti a sostenerla, tutti gli altri, in particolare le persone oneste, sono solamente penalizzata e scandalizzate, e si vergognano sempre più di essere italiani, mentre dovremmo esserne fieri, se non fosse per la pessima classe politica che ci governa indecentemente da troppo tempo.
La partitocrazia parassitaria, in questi decenni ha occupato tutti i gangli del potere politico ed economico della penisola, arrecando danni incalcolabili (superiori a quelli arrecati dalle cinque grandi organizzazioni criminali presenti ed operanti nel nostro Paese, che già lo rende un caso unico al mondo), ed ovviamente non ha alcuna intenzione di rinnovarsi adeguandosi alle istanze provenienti dalla società civile, perché significherebbe ridurre i propri privilegi e rinunciare al potere. Sarebbe come se un ladro rinunciasse spontaneamente al suo bottino ... inoltre una prolungata impunità l'ha inebriata, inculcandole in profondità una sorta di delirio di onnipotenza che impedisce di percepire la realtà vera, e quindi fino alla fine inevitabile, gli attuali politici di professione e coloro che si sono prostituiti al loro servizio, non si renderanno conto dei fenomeni e sommovimenti in corso che faranno implodere l'attuale sistema politico, e non si renderanno conto di essere morti (politicamente) finché non saranno chiusi nelle bare, sigillati e posti nei sepolcri (sul fatto che occorra anche conficcare un paletto di frassino nel petto, sto ancora pensandoci ...).
Questi fenomeni sociali che indurranno la "casta" all'implosione , sono indotti dai movimenti e dall'impegno della società civile in tutte le sue molteplici e diffusissime manifestazioni (richiedenti tutti quanti una democrazia partecipata e condivisa dal basso, quindi cambiamenti radicali e strutturali e soprattutto un'Etica della politica attualmente assente), impegno che a volte culmina anche in sacrifici lodevoli se non addirittura "estremi" di molti cittadini, ed il tempo in cui avverrà l'implosione è molto più vicino di quanto anche i più avveduti e lungimiranti membri della partitocrazia possano ritenere, perché tutte queste energie e sinergie non si disperderanno e vanificheranno, ma contrasteranno invisibilmente ma efficacemente questo prepotente stato liberticida ...
La società civile si organizza e manifesta soprattutto a livello locale, per poi organizzarsi in reti ed influire fino al massimo livello nazionale e sopranazionale, per cui si esprimerà tramite liste civiche autonome ed indipendenti dai partiti (non disponibili a scendere ad ambigui compromessi), e molto probabilmente saranno loro a scoprire e proporre anche il prossimo candidato a sindaco di Casale Monferrato (la Capitale del Monferrato, Stato preunitario perdurato per oltre sette secoli, che è il luogo da cui scrivo ...), purché agiscano con il massimo rispetto verso la popolazione e si comportino sempre con la massima trasparenza. I candidati che saranno proposti dai partiti convenzionali difficilmente potranno essere accolti con fiducia e simpatia dagli elettori, è più probabile che saranno invisi, e siccome è difficile che possano risultare convincenti, a meno che abbiano facoltà taumaturgiche e compiano miracoli, avranno scarso gradimento pubblico, perché comunque saranno considerati uomini di "apparato", quindi subordinati alla partitocrazia, nel caso specifico da me citato, tanto per parlare chiaro, prenderanno ordini dal capoluogo di provincia Alessandria e non potranno fare gli interessi di Casale e del Monferrato.
Per quanto riguarda il livello politico nazionale, preso atto delle vergognose ed aberranti condizioni in cui versa il nostro meraviglioso Paese a causa di un perverso sistema parassitario che lo governa (partitocrazia), sarebbe auspicabile per porre un freno alla degenerazione in corso ed invertire il circolo vizioso rendendolo virtuoso, che si proponesse una sorta di nuovo Rinascimento culturale, morale, sociale, politico, ecc., facendo sì che in tempi rapidi si pervenga a modificare le basi giuridiche costituzionali per consentire alla popolazione di riproporre un referendum istituzionale come avvenne nel 1946.
Il referendum cui mi riferisco, porrebbe rimedio a quello istituzionale avvenuto nel giugno del 1946 , che è risaputo essere stato gravemente "truccato e forzato" per far vincere la repubblica sulla monarchia, ed è avvenuto senza il voto di oltre cinque milioni di italiani della Venezia Giulia, Alto Adige ed ancora nei campi di prigionia e comunque fuori dei confini nazionali, e senza neppure attendere il pronunciamento della Corte di Cassazione sulle decine di migliaia di ricorsi presentati per i presunti brogli elettorali.
Pur non essendo di fede monarchica, sono stato costretto a pervenire a queste conclusioni, in seguito ad un excursus storico e culturale piuttosto sofferto, nel quale da studioso di storia, innanzi tutto devo riconoscere che una repubblica nata su basi poco trasparenti e legittime come quelle appena citate, non è certo partita con sufficiente legittimazione e buon auspicio (se non è scoppiata un'ulteriore guerra civile dopo il referendum del '46 lo dobbiamo all'elevato senso di responsabilità e dello stato di Umberto II che preferì l'esilio piuttosto che arrecare altre sofferenze alla popolazione).
Inoltre ho preso visione che è raro trovare nel passato esempi di così pessimo governo politico da parte di regnanti negli Stati preunitari ed anche successivamente da parte di Casa Savoia. Pertanto non potendo assolutamente continuare a lasciar degenerare il nostro Paese come irresponsabilmente ed in maniera indecente sta facendo l'attuale sistema politico, occorre porre le condizioni per rifare un referendum che consenta di scegliere tra:
- una rinnovata forma monarchica (anche elettiva, oppure che consenta di far ritornare a regnare i Savoia, intendo quelli legittimati, cioè il ramo guidato dal Amedeo Duca di Aosta, attuale Capo della Casa di Savoia, che mi risulta essere persona dotata di un elevato senso dello Stato, moralità e responsabilità, sicuramente superiore a qualsiasi politico al potere);
- una rinnovata forma repubblicana sincretistica che sperimenti forme di democrazia partecipata, come sono già in corso da anni in diverse località ...
Continuare nelle modalità politiche attuali costituisce un'offesa all'intelligenza ed alla dignità degli italiani, che non può essere sopportata ancora a lungo. L'Italia necessita semmai di un "Principe Illuminato" e non di un surrettizio surrogato in formato ridotto del duce, in versione paternalistica e maschilista soft ...
Calorosi saluti

Brevi correlazioni di storia locale nell'ambito del Monferrato: Ozzano e Breme. Ulteriori intersecazioni tra l'area Casalese, Lomellina e Vercellese

Brevi correlazioni di storia locale nell'ambito del Monferrato: Ozzano e Breme. Ulteriori intersecazioni tra l'area Casalese, Lomellina e Vercellese
Lo studio della storia è affascinante, lo sanno soprattutto coloro che a livello amatoriale (come me) si dedicano a ricerche di storia locale, cosiddetta “minore” che tale non è affatto, ma semplicemente viene trascurata a livello editoriale e dai mass media, che spesso esprime personaggi ed eventi di livello internazionale, come quanto mi accingo a descrivere, tra gli innumerevoli episodi che potrei narrare e citare.
Dallo studio della storia locale emergono spesso legami storici, culturali e geografici, che possono destare interesse ed avvicinare diverse comunità locali. Favorendo la reciproca conoscenza e fruizione turistico culturale dei propri territori, stimolando l’accoglienza ed il calore umano, destando curiosità e socialità.
Bonifacio III Paleologo, Marchese di Monferrato (1483-1494) nel 1489 infeudò e donò a Costantino Comneno Araniti (Principe di Tessaglia e Macedonia, Governatore Generale del Monferrato) numerosi castelli e territori, tra cui il feudo di Ozzano, che nel 1521 vendette per una somma considerevole a Mercurino Arborio di Gattinara (1465 - 1530), Gran Cancelliere dell’Imperatore Carlo V. Lo stesso imperatore successivamente eresse a Marca la località di Breme (in Lomellina) e nominò suo primo Marchese Mercurino Arborio, titolo che trasmise alla sua discendenza, oltre ad altri feudi ricevuti dal duca Francesco II Sforza e confermati da Carlo V, come la contea di Sartirana e Valenza.
Quindi per un certo periodo storico Ozzano e Breme furono accomunati dallo stesso importante nobile signore, uno dei personaggi di maggior spicco del XVI° Secolo, sicuramente di profilo europeo e tra i più significativi ed influenti di un‘epoca di mutamenti come il passaggio dal Medioevo all’età Moderna. Un personaggio di notevoli capacità, trascurato dalla storiografia ufficiale (in una enciclopedia storica su CD da me acquistata recentemente non è neppure citato), forse per la difficoltà a reperire e consultare tutti i documenti inerenti, che sono sparsi tra gli archivi di tutta Europa ed in tutte le lingue continentali, oltre alla vastità e complessità dei documenti personali del Gattinara, che fino al 1980 erano inaccessibili, e che da quell’anno furono donati dai discendenti all’Archivio di Stato di Vercelli.
Questa eminente figura di statista piemontese, che non spetta certo a me valorizzare, essendoci eminenti storici competenti in grado di farlo meglio, sembra quasi sia stata volutamente boicottata affinché la consapevolezza della sua grandezza si dissolvesse.
E’ stato definito un genio della politica e della diplomazia ed uno dei pochi statisti che avesse un progetto idealista ma anche pragmatico di ampio respiro, come la creazione della Monarchia Universale Cristiana, progetto interrotto dalla sua improvvisa morte avvenuta il 5 giugno 1530, progetto sostenuto da una grande fede religiosa, a tal punto che personalmente si riteneva guidato dalla Provvidenza, nella sua attività politica tendente sempre al bene comune.
Mercurino deteneva un enorme potere decisionale, coordinava le varie cancellerie dei regni attraverso la cancelleria imperiale, che era praticamente da lui configurata ed organizzata. Mercurino Arborio di Gattinara non era affatto un accentratore di poteri, nonostante la sua posizione che non aveva rivali in Europa, bensì un controllore di un sistema antesignano di tipo federale, ove l’Imperatore era la fonte del potere e svolgeva la funzione di garante della pace universale cristiana. La concezione di Monarchia Universale in Mercurino Arborio non va interpretata come un’imposizione di dominio sul mondo, ma come entità di controllo della pacifica convivenza delle nazioni. La sua morte rovinò il disegno politico, che stava prendendo corpo, anche per l’assenza di figure del suo livello, che potessero minimamente proseguire nel progetto.
Alcuni storici ritengono che il cancellierato di Mercurino Arborio di Gattinara, nella transizione politica dal medioevo all’età moderna, costituisca un fenomeno unico ed irripetibile, di passaggio dall’ultimo impero universale alla formazione degli stati nazionali.
Un personaggio così eclettico, poliedrico, geniale, carismatico e competente, che influì su una molteplicità di eventi ed istituzioni (cito ad es. l’Ordine Militare di san Giovanni di Gerusalemme, cui l’intercessione di Mercurino Arborio procurò l’isola di Malta, a compenso della perdita di Rodi e Tripoli ad opera di Solimano il Magnifico) merita certamente uno studio approfondito e le due citate località del Monferrato, Ozzano e Breme (la Lomellina è stata a lungo facente parte del Marchesato di Monferrato) potrebbero farsi promotrici di tali ricerche, rivolgendosi alle poche organizzazioni esistenti che se ne stanno occupando e che portano il suo nome, ad es. l’Associazione Culturale di Gattinara, attiva fin dal 1962 ed il Centro Interdisciplinare di Ricerca dell’Università del Piemonte Orientale, che hanno organizzato alcune giornate di studio nell’autunno 2006, alle quali occorrerebbe ispirarsi per poi proseguire in questa affascinante avventura culturale che potrebbe riservare molte sorprese.
Grazie per l’attenzione
Claudio Martinotti - http://claudiomartinotti.blogspot.com