Benvenuti nel Blog di Claudio Martinotti Doria, blogger dal 1996


"Non nobis Domine, non nobis, sed nomini Tuo da gloriam", motto dell'Ordine dei Cavalieri Templari, Pauperes commilitones Christi templique Salomonis

"Ciò che insegui ti sfugge, ciò cui sfuggi ti insegue" (aneddotica orientale, paragonabile alla nostra "chi ha pane non ha denti e chi ha denti non ha pane")

"Quello che mi ha sorpreso di più negli uomini dell'Occidente è che perdono la salute per fare soldi. E poi perdono i soldi per recuperare la salute. Pensano tanto al futuro che dimenticano di vivere il presente in tale maniera che non riescono a vivere nè il presente nè il futuro. Sono come se non dovessero morire mai e muoiono come se non avessero mai vissuto."
(Dalai Lama)

"A l'è mei mangè pan e siuli, putòst che vendsi a quaicadun" (Primo Doria, detto "il Principe")

"Prima ti ignorano, poi ti deridono, poi ti combattono. Poi vinci." Mahatma Gandhi

L'Italia non è una nazione ma un continente in miniatura con una straordinaria biodiversità e pluralità antropologica (Claudio Martinotti Doria)

Il proprio punto di vista, spesso è una visuale parziale e sfocata di un pertugio che da su un vicolo dove girano una fiction ... Molti credono sia la realtà ed i più motivati si mettono pure ad insegnare qualche tecnica per meglio osservare dal pertugio (Claudio Martinotti Doria)

Lo scopo primario della vita è semplicemente di sperimentare l'amore in tutte le sue molteplici modalità di manifestazione e di evolverci spiritualmente come individui e collettivamente (È “l'Amor che move il sole e le altre stelle”, scriveva Dante Alighieri, "un'unica Forza unisce infiniti mondi e li rende vivi", scriveva Giordano Bruno. )

La leadership politica occidentale è talmente poco dotata intellettualmente, culturalmente e spiritualmente, priva di qualsiasi perspicacia e lungimiranza, che finirà per portarci alla rovina, ponendo fine alla nostra civiltà. Claudio Martinotti Doria

PER CONTATTI: claudio@gc-colibri.com

Se preferite comunicare telefonicamente potete inviare un sms al 3485243182 lasciando il proprio recapito telefonico (fisso o mobile) per essere richiamati. Non rispondo al cellulare ai numeri sconosciuti per evitare le proposte commerciali sempre più assillanti

Questo blog ha adottato Creative Commons

Licenza Creative Commons
Blog personale by Claudio Martinotti Doria is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License.
Based on a work at www.cavalieredimonferrato.it.
Permissions beyond the scope of this license may be available at www.cavalieredimonferrato.it.

COME SOSTENERE LA MIA PERSEVERANTE ATTIVITA' DI VOLONTARIATO. Se avete apprezzato l’impegno e l’originalità dei miei articoli ritenendo che la mia attività divulgativa meriti un sostegno, appena avrete l’opportunità di farlo dedicate qualche minuto e qualche euro per sostenerla, tenendo presente che non ho entrate pubblicitarie e nessuno sponsor (condizione necessaria per mantenersi indipendenti) ed inoltre sono una vittima della riforma previdenziale della Fornero e la mia pensione è stata rinviata al 2024, ed è giusto che lo sappiate fin da adesso che l’importo che mi sarà erogato sarà minimo. Potrete contribuire con una donazione tramite PayPal all’account claudio@gc-colibri.com oppure a questo link: https://www.paypal.com/cgi-bin/webscr?cmd=_donations&business=Z2M2PAF4N76V6&lc=IT&item_name=Claudio%20Martinotti%20Doria&currency_code=EUR&bn=PP%2dDonationsBF%3abtn_donateCC_LG%2egif%3aNonHosted

Se non siete registrati a Paypal potete effettuare un bonifico bancario all’IBAN IT42M0303222600010000002011 (Credem, filiale di Casale Monferrato)

You can make a donation using PayPal account claudio@gc-colibri.com or at this link: https://www.paypal.com/cgi-bin/webscr?cmd=_donations&business=Z2M2PAF4N76V6&lc=IT&item_name=Claudio%20Martinotti%20Doria&currency_code=EUR&bn=PP%2dDonationsBF%3abtn_donateCC_LG%2egif%3aNonHosted





Patriă Montisferrati

Patriă Montisferrati
Cliccando sullo stemma del Monferrato potrete seguire su Casale News la rubrica di Storia Locale "Patriă Montisferrati", curata da Claudio Martinotti Doria in collaborazione con Manfredi Lanza, discendente aleramico del marchesi del Vasto - Busca - Lancia, principi di Trabia

Come valorizzare il Monferrato Storico

La Storia, così come il territorio e le sue genti che l’hanno vissuta e ne sono spesso ignoti ed anonimi protagonisti, meritano il massimo rispetto, occorre pertanto accostarsi ad essa con umiltà e desiderio di apprendere e servire. In questo caso si tratta di servire il Monferrato, come priorità rispetto a qualsiasi altra istanza (personale o di campanile), riconoscendo il valore di chi ci ha preceduti e di coloro che hanno contribuito a valorizzarlo, coinvolgendo senza preclusioni tutte le comunità insediate sul territorio del Monferrato Storico, affinché ognuna faccia la sua parte con una visione d’insieme ed un’unica coesa identità storico-culturale condivisa. Se ci si limita a piccole porzioni del Monferrato, per quanto significative, si è perdenti e dispersivi in partenza.

Sarà un percorso lungo e lento ma è l’unico percorribile se si vuole agire veramente per favorire il Monferrato Storico e proporlo con successo come un’unica entità territoriale turistico culturale ed economica …

Nuove idee per valorizzare il Castello di Casale Monferrato, simbolo del Monferrato



Lettera del nostro collaboratore Martinotti Doria con alcune proposte per promuovere il maniero

Fonte: Casale News http://www.casalenews.it/index

29 Gennaio 2011 – CASALE – Il nostro collaboratore Claudio Martinotti Doria, al di fuori della sua rubrica storica ‘Patria Montisferrati’, ci ha inviato questa lettera contenente diverse idee e proposte per valorizzare il Castello: “A conferma delle proposte elaborate ed avanzate dagli amici Motta ed Angelino dell'Associazione Casalese Arte e Storia – scrive Martinotti Doria –, inerenti la valorizzazione del Castello di Casale Monferrato, pubblicate recentemente sui giornali locali, che approvo in pieno ed auspico siano accolte dall'amministrazione di Casale, vorrei solo aggiungere un paio di considerazioni oggettivamente a sostegno, che derivano dall'esperienza maturata dal sottoscritto”.

“L'interesse popolare per gli edifici storico militari – prosegue Martinotti Doria –, in particolare castelli e fortezze, e per la riscoperta delle proprie radici culturali e storiche localistiche, è potenzialmente in espansione da parecchi anni. Ne abbiamo avuto conferma come gruppo Gevam Onlus nel 1996, quando nel marzo di quell'anno l'amministrazione comunale decise di aprire al pubblico la Cittadella di Casale Monferrato (che era inaccessibile da parecchi anni), nel fine settimana del 16 e 17 marzo 1996, per alcune ore al giorno”.

“Le guardie ecologiche volontarie del Gevam (poi dissoltesi alcuni anni dopo per assenza di sostegno istituzionale e finanziario), circa una decina predisposte allo scopo e da me coordinate, si dovevano occupare del servizio di accesso, controllo e limitazione dei movimenti all'interno dell'area (alcune zone erano ancora pericolanti e non accessibili per motivi di sicurezza)”.

“Per quanto ci si aspettasse una discreta affluenza di pubblico, ci trovammo a dover gestire una vera e propria situazione di emergenza, il pubblico in attesa di entrare formava una fila gigantesca all'ingresso dal ponticello, pertanto gli accessi dovettero essere limitati a piccoli gruppi guidati e controllati, e molti non riuscirono ad entrare.
Alla fine del week end contammo oltre diecimila visitatori alla Cittadella. La conferma di quanto affermo la trovate su tutti i giornali locali, Il Monferrato, La Vita Casalese ed Il Piccolo, del periodo citato”.

“Questa esperienza mi indusse negli anni successivi a proporre ripetutamente e con qualche variante ed aggiornamento, di dedicarsi istituzionalmente alla valorizzazione sia della Cittadella che del Castello, per consentire la loro fruizione, ma anche e soprattutto per essere adibiti a servizio pubblico turistico culturale e di ricreazione e di rivitalizzazione, contemplando anche alcune idee simili a quelle fornite dagli amici Motta e Angelino, che sono i massimi specialisti locali in materia e quindi i più qualificati e competenti per poter portare avanti quanto proposto”.

Castello di Casale Monferrato, la sua piazza omonima ed una panoramica sul centro storico cittadino

“In particolare, in un piano complessivo di valorizzazione e promozione territoriale che ho fornito gratuitamente all'amministrazione comunale da qualche anno, auspicavo la valorizzazione dell'accesso al Castello dalla parte del fiume, la sua parziale destinazione a sede e centro di incontro della società civile e per le attività culturali, divenendo sede di Circoli, Associazioni e Sodalizi in grado di favorirne la fruizione della cittadinanza e dei turisti in visita, la concentrazione al suo interno delle Agenzie di Promozione Turistica del Monferrato per favorirne la sinergia operativa, l'esposizione di sale museali per sintetizzare la storia di Casale e del Monferrato ed in particolare la sua importante storia agraria che ha influito evolutivamente a livello nazionale e transnazionale, la distribuzione di pubblicazioni idonee ad una rapida lettura e con rimandi per approfondimenti, la predisposizione di una sala convegni al suo interno dove concentrare tutte le iniziative storico-culturali, ecc…”

“Per rendere il Castello (in particolare) e la Cittadella, punti di partenza per una conoscenza e scoperta del Monferrato, in modo che diventino nuclei centrali di riferimento e centri gravitazionali, come è giusto che sia, essendo stata Casale Monferrato, a far data dal 1435 con il marchese Paleologo Giangiacomo, l'unica Capitale del Marchesato di Monferrato, consolidata poi dal marchese Guglielmo VIII che la fece elevare nel 1474 alla dignità di Città con sede Vescovile”.

“E' vero che stiamo attraversando un epoca di crisi profonda, non solo finanziaria ma valoriale, ma proprio per questo occorre puntare in prospettiva e con lungimiranza politica, su intelligenti investimenti turistico culturali, anche perché la maggioranza di queste proposte hanno costi moderati, in quanto sono realizzabili soprattutto con l'apporto della società civile, con le sue più fiere e tangibili espressioni, quei sodalizi che sono ben disponibili a prestarsi gratuitamente per la valorizzazione e promozione della nostra città e del territorio, che possono vantare una dignità ed un prestigio storico che ben poche altre possono vantare, valori di partenza che costituiscono forti elementi di attrazione”.

Claudio Martinotti Doria

Nessun commento: