Benvenuti nel Blog di Claudio Martinotti Doria, blogger dal 1996


"Non nobis Domine, non nobis, sed nomini Tuo da gloriam", motto dell'Ordine dei Cavalieri Templari, Pauperes commilitones Christi templique Salomonis

"Ciò che insegui ti sfugge, ciò cui sfuggi ti insegue" (aneddotica orientale, paragonabile alla nostra "chi ha pane non ha denti e chi ha denti non ha pane")

"Quello che mi ha sorpreso di più negli uomini dell'Occidente è che perdono la salute per fare soldi. E poi perdono i soldi per recuperare la salute. Pensano tanto al futuro che dimenticano di vivere il presente in tale maniera che non riescono a vivere nè il presente nè il futuro. Sono come se non dovessero morire mai e muoiono come se non avessero mai vissuto."
(Dalai Lama)

"A l'è mei mangè pan e siuli, putòst che vendsi a quaicadun" (Primo Doria, detto "il Principe")

"Prima ti ignorano, poi ti deridono, poi ti combattono. Poi vinci." Mahatma Gandhi

L'Italia non è una nazione ma un continente in miniatura con una straordinaria biodiversità e pluralità antropologica (Claudio Martinotti Doria)

Il proprio punto di vista, spesso è una visuale parziale e sfocata di un pertugio che da su un vicolo dove girano una fiction ... Molti credono sia la realtà ed i più motivati si mettono pure ad insegnare qualche tecnica per meglio osservare dal pertugio (Claudio Martinotti Doria)

Lo scopo primario della vita è semplicemente di sperimentare l'amore in tutte le sue molteplici modalità di manifestazione e di evolverci spiritualmente come individui e collettivamente (È “l'Amor che move il sole e le altre stelle”, scriveva Dante Alighieri, "un'unica Forza unisce infiniti mondi e li rende vivi", scriveva Giordano Bruno. )

La leadership politica occidentale è talmente poco dotata intellettualmente, culturalmente e spiritualmente, priva di qualsiasi perspicacia e lungimiranza, che finirà per portarci alla rovina, ponendo fine alla nostra civiltà. Claudio Martinotti Doria

PER CONTATTI: claudio@gc-colibri.com

Se preferite comunicare telefonicamente potete inviare un sms al 3485243182 lasciando il proprio recapito telefonico (fisso o mobile) per essere richiamati. Non rispondo al cellulare ai numeri sconosciuti per evitare le proposte commerciali sempre più assillanti

Questo blog ha adottato Creative Commons

Licenza Creative Commons
Blog personale by Claudio Martinotti Doria is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License.
Based on a work at www.cavalieredimonferrato.it.
Permissions beyond the scope of this license may be available at www.cavalieredimonferrato.it.

COME SOSTENERE LA MIA PERSEVERANTE ATTIVITA' DI VOLONTARIATO. Se avete apprezzato l’impegno e l’originalità dei miei articoli ritenendo che la mia attività divulgativa meriti un sostegno, dedicate qualche minuto e qualche euro per sostenerla, tenendo presente che non ho entrate pubblicitarie e nessuno sponsor (condizione necessaria per mantenersi indipendenti) ed inoltre sono una vittima della riforma previdenziale della Fornero e la mia pensione è stata rinviata al 2024 e sarà minima. Potrete contribuire con una donazione tramite PayPal all’account claudio@gc-colibri.com oppure a questo link: https://www.paypal.com/cgi-bin/webscr?cmd=_donations&business=Z2M2PAF4N76V6&lc=IT&item_name=Claudio%20Martinotti%20Doria&currency_code=EUR&bn=PP%2dDonationsBF%3abtn_donateCC_LG%2egif%3aNonHosted

Se non siete registrati a Paypal potete effettuare un bonifico bancario all’IBAN IT42M0303222600010000002011 (Credem, filiale di Casale Monferrato)

You can make a donation using PayPal account claudio@gc-colibri.com or at this link: https://www.paypal.com/cgi-bin/webscr?cmd=_donations&business=Z2M2PAF4N76V6&lc=IT&item_name=Claudio%20Martinotti%20Doria&currency_code=EUR&bn=PP%2dDonationsBF%3abtn_donateCC_LG%2egif%3aNonHosted





Patriă Montisferrati

Patriă Montisferrati
Cliccando sullo stemma del Monferrato potrete seguire su Casale News la rubrica di Storia Locale "Patriă Montisferrati", curata da Claudio Martinotti Doria in collaborazione con Manfredi Lanza, discendente aleramico del marchesi del Vasto - Busca - Lancia, principi di Trabia

Come valorizzare il Monferrato Storico

La Storia, così come il territorio e le sue genti che l’hanno vissuta e ne sono spesso ignoti ed anonimi protagonisti, meritano il massimo rispetto, occorre pertanto accostarsi ad essa con umiltà e desiderio di apprendere e servire. In questo caso si tratta di servire il Monferrato, come priorità rispetto a qualsiasi altra istanza (personale o di campanile), riconoscendo il valore di chi ci ha preceduti e di coloro che hanno contribuito a valorizzarlo, coinvolgendo senza preclusioni tutte le comunità insediate sul territorio del Monferrato Storico, affinché ognuna faccia la sua parte con una visione d’insieme ed un’unica coesa identità storico-culturale condivisa. Se ci si limita a piccole porzioni del Monferrato, per quanto significative, si è perdenti e dispersivi in partenza.

Sarà un percorso lungo e lento ma è l’unico percorribile se si vuole agire veramente per favorire il Monferrato Storico e proporlo con successo come un’unica entità territoriale turistico culturale ed economica …

L’apertura del Lidl a Casale Monferrato non è solo un evento di carattere commerciale.





 










L’apertura del Lidl a Casale Monferrato in via Negri 45 non è solo un evento di carattere commerciale.
Rappresenta il completamento del cerchio con ripercussioni anche politiche e sociali non indifferenti.
Per decenni a Casale è stato impedito dalle giunte di centro sinistra che s’insediassero concorrenti delle potenti famiglie locali dedite al commercio oltre che per fare gli interessi monopolistici della Coop, che ha dominato incontrastata per decenni il mercato locale, imponendo alle famiglie casalesi costi eccessivi, imputabili all’assenza di concorrenza.
Poi, seppur molto lentamente, iniziarono a insediarsi i discount, dapprima con la piccola catena italiana dell’iN’s, seguita dalla tedesca Penny, poi ancora la catena italiana (questa volta di grandi dimensioni) Eurospin e poi finalmente, da pochi anni, un supermercato in grado di competere e anche nettamente superare in qualità e concorrenza la Coop, l’Esselunga, evento avvenuto perché al governo locale vi era una giunta di centro destra, quella del sindaco ing. De Mezzi. Erano decenni che l’Esselunga cercava di insediarsi in città ma gli era sempre stato impedito. Questa scelta arbitraria e discriminatoria è costata migliaia di euro a ogni singola famiglia casalese, per l’assenza di competizione e per il monopolio concesso alla Coop come maggiore fornitore di generi alimentari e casalinghi di tutta l’area del Monferrato Casalese.
Ora con l’insediamento del Lidl finalmente ogni famiglia casalese, se saprà organizzarsi bene con criteri analitici e comparativi (esplorando e monitorando ogni discount e supermercato cittadino), potrà scegliere il miglior rapporto qualità prezzo per ogni genere alimentare e per le esigenze famigliari di beni durevoli, in particolare la catena tedesca Lidl è forte nei beni durevoli, dal fai date al giardinaggio, vestiario e casalinghi, ecc., generi che finora erano poco presenti in città nei negozi già disponibili.
Siamo in ritardo di alcuni decenni, ma meglio tardi che mai, ora finalmente Casale è dotata di un’ampia scelta concorrenziale a disposizione delle famiglie, come tutte le altre città dell’Italia Centro Settentrionale, alcune addirittura di dimensioni e importanza ben inferiore alla nostra, ma governate meglio.
Claudio Martinotti Doria


Casale Monferrato: aperto il nuovo Ldl a vocazione green

Oggi  giovedì 28 novembre alle 8 è stato inaugurato  il primo punto vendita Lidl a Casale Monferrato  in via Negri, 45
Il taglio del nastro del nuovo Ldl a Casale Monferrato
CASALE MONFERRATO. Oggi giovedì 28 novembre alle 8 è stato inaugurato il primo punto vendita Lidl a Casale Monferrato in via Negri, 45. L’Insegna, presente in Italia con 650 punti vendita, amplia così la sua presenza in Piemonte, Regione dove conta già 70 punti vendita e due piattaforme logistiche (a Volpiano e Biandrate) che complessivamente impiegano oltre 2.100 collaboratori.
Nell’ottica della riduzione del consumo di suolo si inserisce anche il nuovo supermercato Lidl di Casale frutto di un progetto di riqualificazione e recupero di un’area occupata da un capannone artigianale abbandonato dal 2014.
Anche questo punto vendita Lidl rientra in classe energetica A+ ed è dotato di ampie vetrate, oltre che di pareti insonorizzate. Il 100% dell’energia utilizzata dal punto vendita proviene da fonti rinnovabili e l’impianto di luci a LED di cui dispone consente di risparmiare oltre il 50% rispetto alla normale illuminazione.
Sul tetto della struttura è installato un impianto fotovoltaico da 50 kW e, grazie al sistema di recupero delle acque piovane per l’irrigazione delle aree verdi, viene ridotto anche il consumo idrico. Nel parcheggio sono inoltre installate delle colonnine di ricarica per auto elettriche a disposizione della clientela.


In Francia da oltre un anno scendono in strada a protestare i Gillet Gialli, in Italia abbiamo i gretini e le sardine ...

In Francia da oltre un anno scendono in strada a protestare i Gillet Gialli, in Italia abbiamo i gretini e le sardine, utili idioti funzionali ai poteri finanziari ...



In arrivo il prossimo disastro annunciato: la rapina del risparmio italiano

di Luciano Lago
Il panorama italiano in queste settimane offre di che riflettere. I 5 stelle hanno compiuto il lavoro per cui sono stati concepiti, ovvero sterilizzare il dissenso e la protesta, incanalandola su un binario morto. Adesso risulta che gli italiani hanno mangiato la foglia e gli hanno voltato le spalle.
Nonostante questo gli strateghi del sistema prevedono e anticipano i tempi: i padroni di Grillo, gli stessi di Renzi , Prodi, Conte e simili, stanno lavorando su di un nuovo progetto : le sardine.
Il loro ruolo sara’ al momento quello dei semplici mestatori , degli antifa edulcorati. Devono sbarrare la strada ai sovranisti o pseudo sovranisti come Salvini.
Successivamente saranno organizzati, con tutta probabilità, per catalizzare il voto degli scontenti dei 5 Stelle, come sempre per consolidare il potere del ceto cosmopolita dominante. Si lasciano giocare e innalzare slogan, come avviene nelle rivoluzioni colorate e nelle sceneggiate delle commedie all’italiana. Un copione già visto dal 1968 in poi.
L’obiettivo è sempre quello di garantire lo status quo, la conservazione del potere delle centrali finanziarie dominanti.
I popoli devono avere l’illusione di partecipare, di sentirsi protagonisti, nè più nè meno come si sentivano protagonisti i giovani dei 5 stelle , quelli che hanno mandato in Parlamento di Maio e Fico.
Adesso lo spettacolo di quelli che volevano cambiare la politica e ne sono stati divorati è davanti ai loro occhi. Tuttavia le lezioni della Storia, come noto, non si apprendono mai.

 
Jean C. Junker assieme a G. Soros –

Nel frattempo il disastro italiano emerge in tutta la sua gravità: Taranto con l’ILVA che è destinata a chiudere e con quella l’acciaio in Italia, come in passato aveva chiuso la chimica, la siderurgia e domani la plastica. Venezia che sprofonda nell’alta marea, mentre la mega diga del Mose viene lasciata da anni ad arrugginirsi in acqua salata.
Genova e la Liguria dove crollano i ponti e i viadotti ed il più importante porto italiano rischia di rimanere isolato. L’Alitalia, una volta orgoglio dell’aviazione italiana, oggi ridotta ad una società paria in dissesto che aspetta degli acquirenti dall’estero e non li trova.
Non poteva essere peggio ed è quello che volevano le centrali dominanti: deindustrializzare e gettare nel caos un pericoloso concorrente per la Germania e Francia, i paesi dominanti in Europa. Con i collaborazionisti della classe politica italiana il progetto sta andando a compimento.
La fase successiva sarà quella di appropriarsi del grande risparmio italiano, quello che fa gola alle grandi banche e potentati finanziari esteri. Il meccanismo si è messo in moto con il MES, basta aspettare e gli effetti di questo salasso si vedranno in seguito. Con l’euro e la sudditanza alla Commissione Europea sarà più facile la prossima rapina del risparmio italiano.
Chi può se ne scappa o cerca delle vie di fuga, altri rimangono ma sono nella rassegnazione , nell’apatia e nella passività. In altri paesi le folle dei giovani si muovono, fanno barricate e si scontrano con la polizia per reclamare il diritto ad un futuro, in Francia con i “Gilet gialli”, in Cile, in Colombia, in Honduras, in Argentina la gente inizia ad usare i social per radunarsi e contrastare il potere, in Italia le “sardine” si radunano attraverso i social per plaudire alla conservazione dello status quo.
Facile prevedere che apatia e rassegnazione porteranno ad un prossimo disastro annunciato.

La presidente della BCE, la francese Christine Lagarde (ex FMI), seppur sommessamente e con diplomazia, sconfessa il modello tedesco ed europeo

La presidente della BCE, la francese Christine Lagarde (ex FMI), seppur sommessamente e con diplomazia, sconfessa il modello tedesco ed europeo basato sul trasferimento di ricchezza dai lavoratori e dal patrimonio statale agli speculatori, basato quindi sul parassitismo e l'austerità coercitiva, memore dei disastri provocati in Grecia e in maniera meno cruenta ma comunque grave in altri paesi sud-europei (come la Spagna, il Portogallo e l'Italia). Occorre tornare a una politica equilibrata di redistribuzione equa della ricchezza, con adeguati aumenti salariali che consentano di far riprendere i consumi interni all'Unione Europe. Tassando finalmente le grandi aziende multinazionali che eludono le tasse con sotterfugi fiscali di profilo internazionale. Riattivando da parte delle banche l'erogazione del credito al consumo e agli investimenti. Limando gli egoismi nazionalistici dominanti nel continente, come quello tedesco che pretende di applicare l'austerità ai paesi mediterranei e poi vorrebbe salvare la loro decotta e fallimentare Deutsche Bank, indebitata e insolvibile e con titoli spazzatura in bilancio per un ammontare superiore al debito pubblico italiano, ricorrendo ai soldi dei paesi europei. Il massimo dell'ipocrisia e della prepotenza spregiudicata. Claudio

La presidente della BCE Lagarde sconfessa il modello tedesco ed europeo





di Pasquale Cicalese
  A volte viaggiare porta benefici, specie se si è a capo del Fondo Monetario Internazionale, i cui economisti da un po’ di anni stanno cambiando registro. Esattamente dopo il macello greco e argentino imposto proprio dalla Lagarde quando era a capo del Fondo. Ma l'FMI sta a Washington e dal 2001, anno di entrata della Cina nell'Organizzazione Mondiale del Commercio, ha occhi puntati su Pechino.

In questi anni la Lagarde e i suoi economisti hanno assistito alla trasformazione dell'economia cinese da export oriented a mercato interno, sottolineando i notevoli benefici. Ora la Lagarde è a capo della Bce e oggi, durante una conferenza, ha festeggiato il crollo del Muro di Berlino picconando il modello tedesco, in voga da 80 anni, e il modello europeo che vige esattamente da 30 anni, entrambi basati sulla deflazione (riduzione) salariale, sulla distruzione di salari, pensioni e spesa pubblica a favore di un modello orientato all'export basato sul credito ai debitori dove dominano alti profitti e rendite.

Ciò significa che la politica monetaria di Draghi è stata fallimentare avendo distrutto risparmio, banche (con tassi da anni a zero che riducono il margine di interesse) e nazioni come la Grecia, la Spagna, il Portogallo e la stessa Italia. Cosa ha detto la Lagarde? Riporto alcuni passi:"Bisogna, dunque, cambiare gioco, non solo per la nostra stabilità e prosperità, ma anche per quelle dell'economia globale". Naturalmente questo richiede "un modo di pensare diverso sull'Europa. E certamente non sarà facile; La risposta sta nel convertire la seconda economia mondiale in una che sia aperta al mondo, ma che abbia fiducia in sé: un'economia che faccia un uso completo del potenziale europeo per stimolare la domanda interna e la crescita sul lungo periodo; Gli investimenti sono una parte particolarmente importante della risposta alle sfide odierne perché", ha spiegato, "hanno a che fare sia con la domanda di oggi che con l'offerta di domani".

Angela Merkel says Germany has lost control of the refugee ...

Ora ci chiediamo: esattamente la Lagarde cosa può fare per convertire un modello squilibrato che costituisce una zavorra per l'economia mondiale? Politica fiscale? Stati come l'Italia hanno alti debiti pubblici, anche se con una posizione finanziaria netta estera in equilibrio e surplus delle partite correnti. Ma non esiste solo la spesa pubblica, il centro di tutto è l'aumento dei salari congelati negli ultimi venti anni a favore di profitti e rendite. Se si vuole cambiare modello, che la Lagarde afferma che bisogna superare, occorre aggredire profitti e rendite, difese a spada tratta negli ultimi trenta anni da tutti gli schieramenti politici della classe dirigente europea.Come abbiamo più volte affermato, l'eurozona è il vortice deflazionistico mondiale e ormai vi è la trappola della liquidità: con interessi praticamente a zero non c'è credito, non ci sono investimenti, non ci sono consumi.Tutto è proteso verso il commercio estero, unica valvola di sfogo, a motivo del quale si deflazionano ancora di più i salari e le economie.Solo che a partire da Trump è intervenuto uno shock simmetrico, il congelamento del commercio mondiale visto sia come guerra dei dazi che come crisi di domanda mondiale.
Per avere un'idea dell'impatto, qui basti dire che il commercio totale (export + import) conta per il 78% del PIL dell'eurozona, contro il 27 americano  e il 38% cinese. 
Dunque, rispetto a quest'ultime economie, l'eurozona è molto più vulnerabile a questo shock simmetrico che ha come ulteriore effetto il congelamento degli investimenti privati e pubblici, tant'è che le aziende italiane hanno un livello record di liquidità depositato nelle banche. Chi ha soldi non spende, mentre la gran parte della popolazione, sacrificata sull'altare di questo modello, non ha soldi e non spende. Quanto agli investimenti, la Lagarde punta il dito su questo dato perché la classe dirigente europea è allarmata dal livello tecnologico raggiunto da Usa e Cina, che dominano i nuovi settori, dal digitale all'auto elettrica. Spinge per la produttività, quasi a voler imitare il modello cinese che ha un tasso di investimento pari al 41% (contro il 19% dell'eurozona) finalizzato dal 1978 al 2008 alla produttività totale dei fattori produttivi e, una volta raggiunti livelli ottimali, dal 2008 alla reflazione salariale, vale a dire corposi aumenti di salari. Ma tutto il sud est asiatico sta adottando questo percorso, tant'è che i salari in Vietnam hanno livelli pari al depresso nostro Mezzogiorno, in termini reali. Quel campione dell'economia che risponde al nome di Prodi da decenni, e con lui una platea immensa di "economisti", hanno come parametro il costo del lavoro.

L'Asia li smentisce perché, come diceva Schumpeter, la chiave di volta è la produttività totale dei fattori produttivi, data dagli investimenti privati e pubblici. Lì vi è una mobilitazione totale del risparmio nazionale finalizzato al salto tecnologico. Solo gli Usa tengono testa e se ci sarà un accordo Usa Cina potrebbero risolvere parzialmente lo squilibrio fondamentale dell'economia mondiale data dal fatto che gli americani comprano cinese per 600 miliardi di dollari e ne vendono per 200. Sia la guerra dei dazi che un eventuale accordo sfavoriscono l'eurozona fintantoché vige questo modello. Lo sa la Lagarde, ma lei al momento può far poco, Il poco che potrebbe fare è spingere le banche a concedere credito. Ma in una situazione di trappola di liquidità la vedo dura. Oltretutto non ce li vedo i tedeschi cambiare modello, quelli da sempre vanno verso il disastro totale come panzer, imperterriti. Loro sono i migliori. Peccato che la Lagarde non lo pensi più.