Benvenuti nel Blog di Claudio Martinotti Doria, blogger dal 1996


"Non nobis Domine, non nobis, sed nomini Tuo da gloriam", motto dell'Ordine dei Cavalieri Templari, Pauperes commilitones Christi templique Salomonis

"Ciò che insegui ti sfugge, ciò cui sfuggi ti insegue" (aneddotica orientale, paragonabile alla nostra "chi ha pane non ha denti e chi ha denti non ha pane")

"Quello che mi ha sorpreso di più negli uomini dell'Occidente è che perdono la salute per fare soldi. E poi perdono i soldi per recuperare la salute. Pensano tanto al futuro che dimenticano di vivere il presente in tale maniera che non riescono a vivere nè il presente nè il futuro. Sono come se non dovessero morire mai e muoiono come se non avessero mai vissuto."
(Dalai Lama)

"A l'è mei mangè pan e siuli, putòst che vendsi a quaicadun" (Primo Doria, detto "il Principe")

"Prima ti ignorano, poi ti deridono, poi ti combattono. Poi vinci." Mahatma Gandhi

L'Italia non è una nazione ma un continente in miniatura con una straordinaria biodiversità e pluralità antropologica (Claudio Martinotti Doria)

Il proprio punto di vista, spesso è una visuale parziale e sfocata di un pertugio che da su un vicolo dove girano una fiction ... Molti credono sia la realtà ed i più motivati si mettono pure ad insegnare qualche tecnica per meglio osservare dal pertugio (Claudio Martinotti Doria)

Lo scopo primario della vita è semplicemente di sperimentare l'amore in tutte le sue molteplici modalità di manifestazione e di evolverci spiritualmente come individui e collettivamente (È “l'Amor che move il sole e le altre stelle”, scriveva Dante Alighieri, "un'unica Forza unisce infiniti mondi e li rende vivi", scriveva Giordano Bruno. )

La leadership politica occidentale è talmente poco dotata intellettualmente, culturalmente e spiritualmente, priva di qualsiasi perspicacia e lungimiranza, che finirà per portarci alla rovina, ponendo fine alla nostra civiltà. Claudio Martinotti Doria

PER CONTATTI: claudio@gc-colibri.com

Se preferite comunicare telefonicamente potete inviare un sms al 3485243182 lasciando il proprio recapito telefonico (fisso o mobile) per essere richiamati. Non rispondo al cellulare ai numeri sconosciuti per evitare le proposte commerciali sempre più assillanti

Questo blog ha adottato Creative Commons

Licenza Creative Commons
Blog personale by Claudio Martinotti Doria is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License.
Based on a work at www.cavalieredimonferrato.it.
Permissions beyond the scope of this license may be available at www.cavalieredimonferrato.it.

COME SOSTENERE LA MIA PERSEVERANTE ATTIVITA' DI VOLONTARIATO. Se avete apprezzato l’impegno e l’originalità dei miei articoli ritenendo che la mia attività divulgativa meriti un sostegno, dedicate qualche minuto e qualche euro per sostenerla, tenendo presente che non ho entrate pubblicitarie e nessuno sponsor (condizione necessaria per mantenersi indipendenti) ed inoltre sono una vittima della riforma previdenziale della Fornero e la mia pensione è stata rinviata al 2024 e sarà minima. Potrete contribuire con una donazione tramite PayPal all’account claudio@gc-colibri.com oppure a questo link: https://www.paypal.com/cgi-bin/webscr?cmd=_donations&business=Z2M2PAF4N76V6&lc=IT&item_name=Claudio%20Martinotti%20Doria&currency_code=EUR&bn=PP%2dDonationsBF%3abtn_donateCC_LG%2egif%3aNonHosted

Se non siete registrati a Paypal potete effettuare un bonifico bancario all’IBAN IT42M0303222600010000002011 (Credem, filiale di Casale Monferrato)

You can make a donation using PayPal account claudio@gc-colibri.com or at this link: https://www.paypal.com/cgi-bin/webscr?cmd=_donations&business=Z2M2PAF4N76V6&lc=IT&item_name=Claudio%20Martinotti%20Doria&currency_code=EUR&bn=PP%2dDonationsBF%3abtn_donateCC_LG%2egif%3aNonHosted





Patriă Montisferrati

Patriă Montisferrati
Cliccando sullo stemma del Monferrato potrete seguire su Casale News la rubrica di Storia Locale "Patriă Montisferrati", curata da Claudio Martinotti Doria in collaborazione con Manfredi Lanza, discendente aleramico del marchesi del Vasto - Busca - Lancia, principi di Trabia

Come valorizzare il Monferrato Storico

La Storia, così come il territorio e le sue genti che l’hanno vissuta e ne sono spesso ignoti ed anonimi protagonisti, meritano il massimo rispetto, occorre pertanto accostarsi ad essa con umiltà e desiderio di apprendere e servire. In questo caso si tratta di servire il Monferrato, come priorità rispetto a qualsiasi altra istanza (personale o di campanile), riconoscendo il valore di chi ci ha preceduti e di coloro che hanno contribuito a valorizzarlo, coinvolgendo senza preclusioni tutte le comunità insediate sul territorio del Monferrato Storico, affinché ognuna faccia la sua parte con una visione d’insieme ed un’unica coesa identità storico-culturale condivisa. Se ci si limita a piccole porzioni del Monferrato, per quanto significative, si è perdenti e dispersivi in partenza.

Sarà un percorso lungo e lento ma è l’unico percorribile se si vuole agire veramente per favorire il Monferrato Storico e proporlo con successo come un’unica entità territoriale turistico culturale ed economica …

Un comandante curdo racconta la verità sull’attentato contro gli incursori italiani in Iraq

Come sospettavo, anzi ne ero certo, le forze speciali italiane che sono state colpite dall'esplosione di un ordigno rudimentale a pressione (una specie di mina) lungo il loro percorso stradale in Iraq, erano in missione di combattimento e non di addestramento e appoggio logistico, come dichiarato dalla propaganda della Difesa. E non erano a piedi ma a bordo di veicoli non corazzati e quindi a forte rischio per la propria incolumità. Le truppe italiane all'Estero non sono presenti per distribuire caramelle ai bambini come certa propaganda puerile mediatica cerca di propinare all'opinione pubblica, e spesso neppure per missioni di pacificazione o interposizione, ma per partecipare ai combattimenti, in violazione dei dettati costituzionali, che vorrebbero che l'Italia non partecipi ad alcuna guerra, se non per la difesa della Patria. Mentre nella realtà dei fatti, i nostri reparti speciali sono quasi sempre militarmente al seguito e a disposizione degli USA e della NATO, che è il loro strumento politico militare coercitivo per soggiogare gli alleati, soprattutto se riottosi e riluttanti e con tendenze separatiste e autonomiste. Detto in soldoni i nostri militari, quasi sempre reparti scelti, d'élite, cioè i migliori di cui disponiamo come Forze Armate, ovviamente a spese nostre, sono sui vari scenari internazionali per fare gli interessi degli USA e non certo dell'Italia. L'unico beneficio che ne consegue è esclusivamente a livello di prestigio e reputazione professionale acquisita sul campo, essendo molto apprezzate a livello internazionale per la loro competenza e affidabilità, ma questo non è sufficiente a giustificare che rischino la vita e gravino economicamente sulle finanze statali per perseguire interessi altrui. Sarebbe il caso di rivedere completamente le nostre strategie collaborative internazionali e manifestare maggiore dignità e autonomia decisionale, ma con la classe politica di quaquaraquà che ci rappresenta da decenni, abbiamo poche speranze che questo avvenga.
Claudio Martinotti Doria





Analisi Difesa

Il comandante curdo racconta l’attentato contro gli incursori italiani

Mosul-Peshmerga-675

Pubblichiamo l’articolo di Fausto Biloslavo uscito ieri su “Il Giornale” che svela i retroscena e i dettagli dell’operazione contro le milizie dello Stato Islamico eseguita dai reparti d’élite dei peshmerga e dagli incursori italiani della Task Force 44.
Il resoconto, estremamente dettagliato, rivela che i militari italiani sono stati feriti a bordo di un veicolo pick-up 4×4 Ford, mezzo civile privo di blindature nè protetto contro mine e Ied impiegato insieme ai 4×4 Toyota dai peshmerga. L’ordigno esplosivo improvvisato è esploso sotto il veicolo che trasportava 5 italiani e 2 curdi, tutti feriti agli arti inferiori.

Peshmerga Hewad news

Un dettaglio che Analisi Difesa aveva evidenziato e che induceva a credere che i militari non fissero stati colpiti mentre su muovevano a piedi ma mentre erano a bordo di un Ford F-350 fornito in centinaia di esemplari da Washington alle forze militari e di polizia curde e irachene e impiegati per il trasporto truppe o armati con mitragliatrici e addirittura lanciarazzi campali come mostrano le foto che illustrano l’articolo.
Non deve del resto stupire il fatto che gli uomini delle Forze Speciali italiane e alleate operino mischiati alle truppe locali a cui offrono assistenza e si muovano a bordo dei loro stessi veicoli anche per non risultare visibili e distinguibili agli occhi del nemico come accadrebbe se venissero impiegati i veicoli militari in dotazione alla Coalizione ma non alle forze curde o irachene.

5842762-3x2-940x627

“Eravamo a 200 metri dal punto di arrivo quando la bomba è esplosa. Mi trovavo nel mezzo davanti e quando ho sentito il rumore della deflagrazione ho subito guardato nello specchietto. Siamo scesi e mi sono reso conto che l’ordigno aveva fatto saltare il veicolo dietro, un Ford 350 (un pick up nda), che trasportava 5 italiani dei corpi speciali e 2 Peshmerga (combattenti curdi nda) rimasti tutti feriti” racconta a il Giornale, il tenente di prima classe Ranj Rizgar Noah.
L’ufficiale curdo dell’unità Hezakani Pshtiwany 2 aveva da poco concluso, con una ventina di uomini delle unità d’élite italiane, un’operazione contro l’Isis nell’area di Palkana nell’Iraq nord orientale.

9521-13729-189447 

Un prezioso testimone curdo che spiega nei dettagli come si sono svolti i fatti. Una realtà che la Difesa ha cercato di mascherare parlando di missione di addestramento, soldati italiani appiedati e smentendo qualsiasi partecipazione diretta alle operazioni combat.
Il 10 novembre due militari del 9° Reggimento d’assalto paracadutisti Col Moschin e tre incursori della Marina (Goi) sono rimasti gravemente feriti nell’esplosione di un ordigno artigianale (Ied) nascosto lungo il tragitto, che solitamente salta a pressione al passaggio di un mezzo.
“Ero con gli italiani quel giorno e la nostra unità con l’aiuto delle vostre forze speciali ha condotto, fin dall’inizio dell’anno, operazioni nella zona montagnosa di Palkana” spiega il tenente curdo.

“L’Isis usa quest’area come rifugio e ponte di collegamento con le montagne di Harim, dove sono dispiegate le forze irachene. Secondo la nostra intelligence ci sono fra 80 e 120 uomini di Daesh (lo Stato islamico nda)” sottolinea l’ufficiale. L’area, oltre il fiume Tigri, non dista molto dalla zona petrolifera di Kirkuk e dalla sacca di Hawija, che era una roccaforte dell’Isis prima della disfatta del 2017. 

13240083_1632576087065378_2033072762060378514_n
 

Prima dell’alba curdi e italiani hanno lanciato la missione che aveva come obiettivo un deposito dello Stato islamico, dove venivano confezionate pure trappole esplosive come quella che ha ferito i nostri soldati. “Noi eravamo davanti e gli italiani dietro, come accade sempre quando facciamo queste operazioni” racconta Rizgar Noah. “C’erano 22 uomini delle vostre forze speciali che partecipavano alla missione e 25 Peshmerga” rivela il tenente. “Abbiamo trovato il deposito dell’Isis sequestrando diverse armi, munizioni e altro materiale.
L’operazione è stata un successo e nessuno ha sparato un colpo. I terroristi erano fuggiti prima del nostro arrivo” spiega il tenente curdo. 

0k7vhB3

“Non facciamo scattare alcuna operazione senza gli italiani, che sono sempre al nostro fianco e ci appoggiano con la logistica, quando abbiamo dei feriti facendoli evacuare via elicottero” osserva l’ufficiale.
E specifica che “quando ci avviciniamo agli obiettivi dell’Isis gli italiani chiamano in supporto due elicotteri da combattimento”. Velivoli della coalizione alleata perchè i nostri NH 90 di base a Erbil sono poco adatti e impegnati soprattutto nel trasporto dei militari di tutti i paesi che combattono lo Stato islamico.
La missione si è conclusa senza problemi, ma bisognava ripiegare verso un avamposto più sicuro dei Peshmerga. 

9521-13729-189446

“Dopo l’operazione siamo rientrati verso il villaggio di Qury Cha, dove ho lasciato i 25 Peshmerga nella nostra base – racconta l’ufficiale – Avevamo 4 veicoli, tre Toyota Mickzamini (pure pick up nda) e un Ford F-350”.
Gli italiani sono stati recuperati dopo e divisi nei diversi mezzi, civili e non protetti. I corpi speciali in Iraq usano spesso, al posto dei blindati, fuoristrada del genere per non dare nell’occhio e farsi individuare subito come stranieri.
“Viaggiavo davanti su uno dei Toyota con cinque militari italiani delle forze speciali. Dietro a noi c’era il Ford-350 con altri cinque e poi il resto della colonna con gli altri due mezzi” racconta Rizgar Noah. A 200 metri dal punto di arrivo, non lontano dall’avamposto curdo, è scoppiato l’Ied, che ha ferito i cinque italiani e due Peshmerga.
“Non so dire se era specificatamente per noi, ma i terroristi si sono resi conto dell’operazione e hanno visto i veicoli che si erano mossi prima sulla stessa strada – conclude il tenente – Non c’è dubbio che era una bomba dell’Isis”.

Foto: F150 online, Alfai-Dawi, Web e Twitter

Nessun commento: