Benvenuti nel Blog di Claudio Martinotti Doria, blogger dal 1996


"Non nobis Domine, non nobis, sed nomini Tuo da gloriam", motto dell'Ordine dei Cavalieri Templari, Pauperes commilitones Christi templique Salomonis

"Ciò che insegui ti sfugge, ciò cui sfuggi ti insegue" (aneddotica orientale, paragonabile alla nostra "chi ha pane non ha denti e chi ha denti non ha pane")

"Quello che mi ha sorpreso di più negli uomini dell'Occidente è che perdono la salute per fare soldi. E poi perdono i soldi per recuperare la salute. Pensano tanto al futuro che dimenticano di vivere il presente in tale maniera che non riescono a vivere nè il presente nè il futuro. Sono come se non dovessero morire mai e muoiono come se non avessero mai vissuto."
(Dalai Lama)

"A l'è mei mangè pan e siuli, putòst che vendsi a quaicadun" (Primo Doria, detto "il Principe")

"Prima ti ignorano, poi ti deridono, poi ti combattono. Poi vinci." Mahatma Gandhi

L'Italia non è una nazione ma un continente in miniatura con una straordinaria biodiversità e pluralità antropologica (Claudio Martinotti Doria)

Il proprio punto di vista, spesso è una visuale parziale e sfocata di un pertugio che da su un vicolo dove girano una fiction ... Molti credono sia la realtà ed i più motivati si mettono pure ad insegnare qualche tecnica per meglio osservare dal pertugio (Claudio Martinotti Doria)

Lo scopo primario della vita è semplicemente di sperimentare l'amore in tutte le sue molteplici modalità di manifestazione e di evolverci spiritualmente come individui e collettivamente (È “l'Amor che move il sole e le altre stelle”, scriveva Dante Alighieri, "un'unica Forza unisce infiniti mondi e li rende vivi", scriveva Giordano Bruno. )

La leadership politica occidentale è talmente poco dotata intellettualmente, culturalmente e spiritualmente, priva di qualsiasi perspicacia e lungimiranza, che finirà per portarci alla rovina, ponendo fine alla nostra civiltà. Claudio Martinotti Doria

PER CONTATTI: claudio@gc-colibri.com

Se preferite comunicare telefonicamente potete inviare un sms al 3485243182 lasciando il proprio recapito telefonico (fisso o mobile) per essere richiamati. Non rispondo al cellulare ai numeri sconosciuti per evitare le proposte commerciali sempre più assillanti

Questo blog ha adottato Creative Commons

Licenza Creative Commons
Blog personale by Claudio Martinotti Doria is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License.
Based on a work at www.cavalieredimonferrato.it.
Permissions beyond the scope of this license may be available at www.cavalieredimonferrato.it.

COME SOSTENERE LA MIA PERSEVERANTE ATTIVITA' DI VOLONTARIATO. Se avete apprezzato l’impegno e l’originalità dei miei articoli ritenendo che la mia attività divulgativa meriti un sostegno, appena avrete l’opportunità di farlo dedicate qualche minuto e qualche euro per sostenerla, tenendo presente che non ho entrate pubblicitarie e nessuno sponsor (condizione necessaria per mantenersi indipendenti) ed inoltre sono una vittima della riforma previdenziale della Fornero e la mia pensione è stata rinviata al 2024, ed è giusto che lo sappiate fin da adesso che l’importo che mi sarà erogato sarà minimo. Potrete contribuire con una donazione tramite PayPal all’account claudio@gc-colibri.com oppure a questo link: https://www.paypal.com/cgi-bin/webscr?cmd=_donations&business=Z2M2PAF4N76V6&lc=IT&item_name=Claudio%20Martinotti%20Doria&currency_code=EUR&bn=PP%2dDonationsBF%3abtn_donateCC_LG%2egif%3aNonHosted

Se non siete registrati a Paypal potete effettuare un bonifico bancario all’IBAN IT42M0303222600010000002011 (Credem, filiale di Casale Monferrato)

You can make a donation using PayPal account claudio@gc-colibri.com or at this link: https://www.paypal.com/cgi-bin/webscr?cmd=_donations&business=Z2M2PAF4N76V6&lc=IT&item_name=Claudio%20Martinotti%20Doria&currency_code=EUR&bn=PP%2dDonationsBF%3abtn_donateCC_LG%2egif%3aNonHosted





Patriă Montisferrati

Patriă Montisferrati
Cliccando sullo stemma del Monferrato potrete seguire su Casale News la rubrica di Storia Locale "Patriă Montisferrati", curata da Claudio Martinotti Doria in collaborazione con Manfredi Lanza, discendente aleramico del marchesi del Vasto - Busca - Lancia, principi di Trabia

Come valorizzare il Monferrato Storico

La Storia, così come il territorio e le sue genti che l’hanno vissuta e ne sono spesso ignoti ed anonimi protagonisti, meritano il massimo rispetto, occorre pertanto accostarsi ad essa con umiltà e desiderio di apprendere e servire. In questo caso si tratta di servire il Monferrato, come priorità rispetto a qualsiasi altra istanza (personale o di campanile), riconoscendo il valore di chi ci ha preceduti e di coloro che hanno contribuito a valorizzarlo, coinvolgendo senza preclusioni tutte le comunità insediate sul territorio del Monferrato Storico, affinché ognuna faccia la sua parte con una visione d’insieme ed un’unica coesa identità storico-culturale condivisa. Se ci si limita a piccole porzioni del Monferrato, per quanto significative, si è perdenti e dispersivi in partenza.

Sarà un percorso lungo e lento ma è l’unico percorribile se si vuole agire veramente per favorire il Monferrato Storico e proporlo con successo come un’unica entità territoriale turistico culturale ed economica …

Non solo uno slogan per il Monferrato dell'UNESCO


A distanza di oltre un anno dall'avvenuto riconoscimento degli Infernot del Monferrato come Patrimonio dell'Umanità dell'Unesco, l'Associazione Nuove Frontiere di Casale Monferrato ha voluto rivolgersi ad un suo stimato socio fondatore per avere il suo parere, in quanto da sempre voce dissonante rispetto al mainstream mediatico e politico locale, un personaggio che senza peli sulla lingua fin da subito aveva manifestato i suoi dubbi sulle effettive dimensioni e positive ripercussioni dell'evento e sulla capacità di saperlo sfruttare correttamente per incentivare il turismo.

 

Di Claudio Martinotti Doria

Il problema principale del nostro territorio, che avevo rilevato e denunciato fin dai primi anni '90 (soprattutto nella seconda metà del decennio citato, quando collaborai per alcuni mesi all'avviamento del GAL, Gruppo di Azione Locale del Basso Monferrato), era l'estrema frammentazione, sovrapposizione e parcellizzazione delle iniziative, prive di un'unità d'intenti, di una regia e di un coordinamento comune, senza una leadership rappresentativa ed autorevolmente riconosciuta e senza un'identità territoriale condivisa da proporre.
Se a questo aggiungiamo:
- le problematiche derivanti dalla secolare rivalità con Alessandria, che da diversi anni cerca di fagocitare la gestione del Monferrato sottraendola ai casalesi (unici depositari legittimi dal punto di vista storico culturale, anche se non sembrano particolarmente interessati e competenti);
- una scarsa cultura storica, non solo a livello di interesse popolare, ma cosa assai più grave, a livello politico istituzionale;
- una scarsa cultura ed attitudine all'accoglienza (leggasi anche calore umano) ed alla convivialità, doti essenziali per promuovere il turismo valorizzando il territorio;
direi che all'appuntamento con il riconoscimento dell'Unesco siamo pervenuti piuttosto impreparati a gestirlo, nonostante ci fosse stato tutto il tempo per conseguire degli auspicabili progressi (dai tempi del GAL sono trascorsi quasi una ventina di anni).


 

Anche se non esco quasi mai di casa, sono costantemente collegato alla rete (opero in internet fin dal 1996 e dispongo di alcune migliaia di contatti consolidati) e pertanto mi tengo al corrente degli eventi, proposte, iniziative, progetti, ecc. e dei loro esiti in ambito locale, quindi so che si è cercato di correre ai ripari rispetto ad alcuni dei problemi sopra segnalati, ma non sono sufficienti innumerevoli riunioni tra sindaci ed addetti ai lavori per acquisire consapevolezza e competenza se poi manca il background, un legante ed un obiettivo condiviso. Per cui la mia impressione è che non sia affatto cessato il modus operandi precedentemente descritto, caratterizzato dalla frammentazione delle iniziative e dalla parcellizzazione delle offerte turistiche, con rischio connesso di isolamento, dispersione e vanificazione.
Non basta creare un calendario esaustivo elencando tutto quello che avviene su un determinato territorio affinché questo sia interpretato e vissuto dal potenziale turista come coeso, omogeneo, dall'identità ben definita e dalla forte attrattiva.
Quando neppure la popolazione insediata ha questa percezione, come possiamo pretendere di proporla ad un turista che vive altrove e viene solo per appagare una curiosità residua destata da un evento internazionale come il riconoscimento dell'UNESCO, che peraltro da ancora troppe persone è interpretato in maniera fuorviante?

Come ho avuto modo più volte di precisare, dal mio punto di vista è scorretto riferirsi al riconoscimento Unesco come se fosse esteso all'intero territorio del Monferrato, quando è limitato agli Infernot. E questo modo di operare ho rilevato essere ancora troppo diffuso, soprattutto tra gli operatori non casalesi.
Posso capirlo, perché non avendo nulla a che fare con il riconoscimento ma volendo essere coinvolti traendone benefici, devono forzare la mano abusando del riconoscimento. Intendiamoci, lo ripeto, è comprensibile, ma bisogna giocare pulito con i potenziali turisti, non prenderli in giro con i classici richiami per le allodole di tipo commerciale.
Negli eventuali messaggi di richiamo per i turisti occorrerebbe sempre specificare con precisione quali sono i siti riconosciuti dall'Unesco come Patrimonio dell'Umanità, e solo dopo riferirsi contestualmente all'intero territorio del Monferrato, che dal punto di vista storico è molto ampio, e quindi offrire loro percorsi ed eventi turistici che abbiano un senso, siano interconnessi e siano sempre di qualità. Tali proposte collaterali ai siti UNESCO devono essere concepite come complementari e non sostitutive ed antagoniste, rischio più che mai presente e che potrebbe degenerare inducendo confusione ed ambiguità, soprattutto a causa di discutibili accostamenti ed appropriazioni indebite cui sto assistendo.



Occorre però rilevare che "casualmente" entrambi i siti riconosciuti Patrimonio dell'Umanità dall'Unesco insistono sul territorio monferrino di area casalese, ad iniziare dal primo, il Parco di Crea, seguito dagli Infernot, in prevalenza collocati nel Basso Monferrato.
Quindi spetterebbe ai casalesi saper cogliere l'opportunità elaborando progetti articolati derivanti da un'unica matrice storico culturale territoriale (comprendenti beni materiali ed immateriali), che tocca i più profondi vissuti quotidiani nel corso dei secoli, dalla vinificazione d'eccellenza alla devozione popolare.
Solo dopo aver acquisito questa consapevolezza ed impostazione di lavoro, si potrà poi pervenire ad uno slogan appropriato, ad un richiamo linguistico efficace che possa identificare la proposta complessiva, con coerenza e perseveranza. E non il contrario, come vedo fare da decenni, cioè inventarsi uno slogan e poi avvolgerci attorno qualche iniziativa localistica frammentaria, estemporaneamente inventata, senza alcuna connessione territoriale di area vasta e senza sedimenti storico culturali che abbiano fondamento.
Rammentiamoci sempre che il Monferrato Storico è vasto, è in pratica una regione non istituzionalizzata ma non per questo realisticamente meno esistente. Il casalese, come parte storicamente centrale del Monferrato ha il diritto di proporsi come leadership o capocordata ma con riferimento non solo localistico. E' vero che Casale, come ho scritto innumerevoli volte, è stata l'unica capitale storica del Marchesato di Monferrato (seppur solo nel Tardo Medioevo, in prossimità del Rinascimento), ma in quanto capitale deve occuparsi di tutto il territorio e non solo quello contiguo. Ecco perché, lo ribadisco, Casale per prima dovrebbe proporre la costituzione di una Fondazione per la Comunità Locale del Monferrato e di un Distretto Turistico Culturale del Monferrato, coinvolgendo quindi tutte le altre sedi marchionali del periodo medievale precedente, quando la corte era itinerante.



Solo dopo aver acquisito questi essenziali elementi di conoscenza, averli accettati cogliendone le potenzialità finora inespresse, solo allora si potrà pervenire a creare uno slogan efficace, che richiami tutti questi valori e significati.
In proposito confesso che questo slogan l'ho elaborato già da qualche tempo, da quando la leadership dell'associazione Nuove Frontiere (di cui sono stato uno dei fondatori) mi chiese di fornirgli un'idea per promuovere il turismo valorizzando il recente riconoscimento dell'Unesco.
Ho pensato ad uno slogan che potesse rappresentare l'identità ed i valori di un intero territorio, sfruttabile per divenire una specie di marchio identificativo di un’offerta turistica mirata ed omogenea, che possa funzionare come richiamo ed identificazione almeno del Monferrato di area casalese e del Basso Monferrato e possa fare da contenitore di tutte le iniziative che saranno elaborate e proposte in zona e nella pubblicistica che verrà diffusa all’esterno
Inizialmente quindi dovrebbe diventare lo slogan identificativo del Monferrato Unesco di Area Casalese, per poi eventualmente estendersi a tutto il Monferrato, secondo il gradimento e le adesioni che seguiranno, dipenderà molto dal modo in cui saprà essere proposto ed applicato dagli addetti ai lavori, oltre che dall'accoglienza che riceverà.

Lo slogan è il seguente: Dall'Inferno(t) al Paradiso, il Monferrato dell'Unesco.

Uno slogan estremamente sintetico, facilmente memorizzabile, dal significato immediato e non solo simbolico, che identifica senza alcun dubbio l'area di riferimento che vuole valorizzare e proporre per una fruizione che può variare da una semplice escursione ad una sosta prolungata in loco.

 

Occorre elaborare una grafica che richiami gli infernot con la Cappella del Paradiso del Santuario di Crea e la scritta dall’Inferno(t) al Paradiso, Monferrato Unesco
Dovrebbe divenire la modalità operativa per tutte le proposte turistiche culturali ambientali ed enogastronomiche per i tour operator, le visite guidate, le pubblicazioni, gli uffici turistici, gli stand nelle fiere, i gadget, la cartografia, la segnaletica, la convegnistica, ecc..
Deve cioè identificare il nostro territorio e le sue potenzialità, l’unico dove è possibile compiere in tempi brevi e spazi ravvicinati un percorso “metafisico”, spirituale ma anche materiale (comprensivo quindi di beni materiali ed immateriali) dall’Infernot al Paradiso ma anche a ritroso, secondo lo stato d’animo ed i punti di vista dei fruitori, dal Paradiso all’Infernot, se si vuole anticipare la contemplazione, meditazione, preghiera, ecc., al piacere di ambienti suggestivi e dell'appagamento del palato.
Un contesto ambientale veramente ricco di storia, sia popolare, frutto di intere generazioni che hanno fatto grande la cultura contadina con scoperte ed innovazioni geniali in campo agricolo ed enologico, sia di storia politico militare e dinastica, la cui vastità e grandezza non è certamente possibile sintetizzare in poche righe, ma è percepibile dalle vestigia ancora esistenti e dall'interesse sempre maggiore che il Monferrato suscita tra gli storici a livello non solo nazionale.

Nessun commento: