Benvenuti nel Blog di Claudio Martinotti Doria, blogger dal 1996


"Non nobis Domine, non nobis, sed nomini Tuo da gloriam", motto dell'Ordine dei Cavalieri Templari, Pauperes commilitones Christi templique Salomonis

"Ciò che insegui ti sfugge, ciò cui sfuggi ti insegue" (aneddotica orientale, paragonabile alla nostra "chi ha pane non ha denti e chi ha denti non ha pane")

"Quello che mi ha sorpreso di più negli uomini dell'Occidente è che perdono la salute per fare soldi. E poi perdono i soldi per recuperare la salute. Pensano tanto al futuro che dimenticano di vivere il presente in tale maniera che non riescono a vivere nè il presente nè il futuro. Sono come se non dovessero morire mai e muoiono come se non avessero mai vissuto."
(Dalai Lama)

"A l'è mei mangè pan e siuli, putòst che vendsi a quaicadun" (Primo Doria, detto "il Principe")

"Prima ti ignorano, poi ti deridono, poi ti combattono. Poi vinci." Mahatma Gandhi

L'Italia non è una nazione ma un continente in miniatura con una straordinaria biodiversità e pluralità antropologica (Claudio Martinotti Doria)

Il proprio punto di vista, spesso è una visuale parziale e sfocata di un pertugio che da su un vicolo dove girano una fiction ... Molti credono sia la realtà ed i più motivati si mettono pure ad insegnare qualche tecnica per meglio osservare dal pertugio (Claudio Martinotti Doria)

Lo scopo primario della vita è semplicemente di sperimentare l'amore in tutte le sue molteplici modalità di manifestazione e di evolverci spiritualmente come individui e collettivamente (È “l'Amor che move il sole e le altre stelle”, scriveva Dante Alighieri, "un'unica Forza unisce infiniti mondi e li rende vivi", scriveva Giordano Bruno. )

La leadership politica occidentale è talmente poco dotata intellettualmente, culturalmente e spiritualmente, priva di qualsiasi perspicacia e lungimiranza, che finirà per portarci alla rovina, ponendo fine alla nostra civiltà. Claudio Martinotti Doria

PER CONTATTI: claudio@gc-colibri.com

Se preferite comunicare telefonicamente potete inviare un sms al 3485243182 lasciando il proprio recapito telefonico (fisso o mobile) per essere richiamati. Non rispondo al cellulare ai numeri sconosciuti per evitare le proposte commerciali sempre più assillanti

Questo blog ha adottato Creative Commons

Licenza Creative Commons
Blog personale by Claudio Martinotti Doria is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License.
Based on a work at www.cavalieredimonferrato.it.
Permissions beyond the scope of this license may be available at www.cavalieredimonferrato.it.

COME SOSTENERE LA MIA PERSEVERANTE ATTIVITA' DI VOLONTARIATO. Se avete apprezzato l’impegno e l’originalità dei miei articoli ritenendo che la mia attività divulgativa meriti un sostegno, appena avrete l’opportunità di farlo dedicate qualche minuto e qualche euro per sostenerla, tenendo presente che non ho entrate pubblicitarie e nessuno sponsor (condizione necessaria per mantenersi indipendenti) ed inoltre sono una vittima della riforma previdenziale della Fornero e la mia pensione è stata rinviata al 2024, ed è giusto che lo sappiate fin da adesso che l’importo che mi sarà erogato sarà minimo. Potrete contribuire con una donazione tramite PayPal all’account claudio@gc-colibri.com oppure a questo link: https://www.paypal.com/cgi-bin/webscr?cmd=_donations&business=Z2M2PAF4N76V6&lc=IT&item_name=Claudio%20Martinotti%20Doria&currency_code=EUR&bn=PP%2dDonationsBF%3abtn_donateCC_LG%2egif%3aNonHosted

Se non siete registrati a Paypal potete effettuare un bonifico bancario all’IBAN IT42M0303222600010000002011 (Credem, filiale di Casale Monferrato)

You can make a donation using PayPal account claudio@gc-colibri.com or at this link: https://www.paypal.com/cgi-bin/webscr?cmd=_donations&business=Z2M2PAF4N76V6&lc=IT&item_name=Claudio%20Martinotti%20Doria&currency_code=EUR&bn=PP%2dDonationsBF%3abtn_donateCC_LG%2egif%3aNonHosted





Patriă Montisferrati

Patriă Montisferrati
Cliccando sullo stemma del Monferrato potrete seguire su Casale News la rubrica di Storia Locale "Patriă Montisferrati", curata da Claudio Martinotti Doria in collaborazione con Manfredi Lanza, discendente aleramico del marchesi del Vasto - Busca - Lancia, principi di Trabia

Come valorizzare il Monferrato Storico

La Storia, così come il territorio e le sue genti che l’hanno vissuta e ne sono spesso ignoti ed anonimi protagonisti, meritano il massimo rispetto, occorre pertanto accostarsi ad essa con umiltà e desiderio di apprendere e servire. In questo caso si tratta di servire il Monferrato, come priorità rispetto a qualsiasi altra istanza (personale o di campanile), riconoscendo il valore di chi ci ha preceduti e di coloro che hanno contribuito a valorizzarlo, coinvolgendo senza preclusioni tutte le comunità insediate sul territorio del Monferrato Storico, affinché ognuna faccia la sua parte con una visione d’insieme ed un’unica coesa identità storico-culturale condivisa. Se ci si limita a piccole porzioni del Monferrato, per quanto significative, si è perdenti e dispersivi in partenza.

Sarà un percorso lungo e lento ma è l’unico percorribile se si vuole agire veramente per favorire il Monferrato Storico e proporlo con successo come un’unica entità territoriale turistico culturale ed economica …

La Cina fa paura agli USA ed ai suoi vassalli



Per chi si informa e si documenta evitando i patetici e penosi tg ed i media di regime ma rivolgendosi alla rete ed a fonti indipendenti o anche di parte (purché non sia sempre la stessa parte) e soprattutto per i pochi che ci seguono da anni, quanto riportato da questo articolo di Sputnik Italia (sotto riportato) non costituisce una novità, ma semmai un ripasso ed un puntualizzazione.
Che la Cina (con la Russia) stiano facendo incetta di oro lo diciamo da parecchi anni, così come abbiamo riferito da tempo della strategia economico monetaria pianificata con la Russia e gli altri paesi del BRICS per creare una loro banca per gli investimenti ed i finanziamenti a sostegno dei paesi aderenti (ormai divenuta operativa, cui stanno per aderire diversi altri paesi oltre a quelli dell'acronimo) e di utilizzare una loro moneta alternativa al dollaro, che col tempo diverrà garantita da metalli preziosi e forse anche sostenuta da terre rare e commodities (a quel punto chi si fiderebbe più del dollaro? Diverrebbe quello che effettivamente è: carta straccia).
Gli USA ovviamente non gradiscono, perché potrebbe accelerare il collasso del loro sistema di potere (fondato sul dollaro, fiat money per eccellenza) che si basa sull’uso della forza militare, coercizione politica, ricatto e corruzione, speculazione finanziaria infinita (potendo abusare della “stampante monetaria”: gli attuali valori molto bassi di oro e argento sono dovuti a questi abusi), ricorso smisurato all’indebitamento (con i soldi degli altri), ecc.. Potrebbero anche provocare una guerra di notevoli dimensioni e devastante, ma sempre regionale ed a casa d'altri (vedasi Ucraina), pur di guadagnare altro tempo prima di collassare, disposti anche a sacrificare tutti i loro vassalli ed a mentire spudoratamente fino all'ultimo minuto utile.
Nonostante tutto, il processo è ormai irreversibile, gli USA sono destinati a perdere potere, ricchezza ed influenza politico economica, nel senso che dovranno adeguarsi alla realtà e ridurre il loro tenore di vita ed accettare che altre potenze economiche emergano e influenzino vastissime aree geografiche, mentre loro dovranno ridimensionarsi e limitarsi. Dovranno persino ridurre le loro stratosferiche spese militari, che è la cosa che più infastidisce i neocons al governo. A dirsi sembrerebbe facile, ma provate a farglielo capire ed accettare ad un megalomane …
La loro intelligenza politica si misurerà su questa capacità di adattamento.
Ma il problema che ci riguarda più da vicino è l’Europa, cosa farà l’Europa? Purtroppo aver delegato il potere politico ed economico a dei superprivilegiati euroburocrati vassalli degli USA non aiuterà a compiere le scelte più intelligenti ed opportune per la popolazione del continente europeo, che rischia più di tutti gli altri popoli di subìre le conseguenze negative.
claudio martinotti doria


Risultati immagini per cina città

Attenti alla speculazione finanziaria contro la Cina

Fonte: Sputnik Italia  http://it.sputniknews.com/

In Cina il fuoco che si nasconde sotto la cenere è molto più pericoloso della fiammata che si è vista di recente nella borsa di Shanghai.

I media hanno riportato il fatto eclatante del crollo delle quotazioni e dei titoli sospesi senza cercare di rispondere alle inevitabili domande:  Qual è la causa? Chi lo ha provocato? E perché?
Certamente è stato un evento potenzialmente sconvolgente. Dal 12 giugno al 9 luglio il mercato azionario cinese ha perso il 30% cancellando circa 3 trilioni di dollari di capitale. E' da evidenziare che dopo l'intervento delle autorità monetarie con l'immissione di nuova liquidità per circa 200 miliardi di dollari, la borsa è risalita del 17%. Sono anche in corso indagini per "scovare" gli speculatori che hanno giocato a breve sulla caduta della borsa.
Ovviamente il fuoco non è stato estinto in modo sicuro e definitivo. Le varie bolle finanziarie dei settori privati dell'economia sono il problema numero uno della Cina. Essa ha un debito pubblico — il 43% del Pil — contenuto se paragonato a quello dei Paesi occidentali. Ma il debito delle imprese private (corporate) è pari al 160% del Pil nazionale, che è di circa 11 trilioni di dollari.
Risultati immagini per moneta cinese yuan
L’accordo trentennale di acquisto di gas russo per una valore di 400 miliardi di dollari e` da “regolarsi” non più in valuta americana ma nelle monete nazionali.
Si stima che nei prossimi 4 anni la Cina potrebbe avere bisogno di piazzare titoli di debito, tra nuovi e vecchi da rinnovare, per oltre 20 trilioni di dollari.  Anche la bolla immobiliare, come rivelano le tante città fantasma costruite e non abitate, potrebbe  diventare una bomba ad orologeria.
Sono situazioni di indubbia pericolosità ma minore rispetto a quella americana.
Infatti il livello totale del debito cinese, pubblico e privato, è inferiore a quello statunitense, a quello giapponese e a quello di tante altre economie europee. Vi è una differenza sostanziale nell'andamento dell'economia reale che in Cina, nonostante una riduzione rispetto ai livelli altissimi degli anni passati, fa ancora registrare una crescita intorno al 7% del Pil.
I dati del commercio estero cinese sono straordinariamente positivi. Solo nei primi sei mesi di quest'anno  il surplus commerciale nel settore della produzione di beni è stato pari a 260 miliardi di dollari, un vero boom se lo si raffronta con i 100 miliardi dello stesso periodo del 2014. Mentre gli Usa, nella prima metà del 2015, registrano un deficit nella bilancia commerciale (beni e servizi) di circa 250 miliardi.
E' sul fronte geoeconomico e geopolitico che la Cina sta operando profondissimi cambiamenti e innovazioni, soprattutto nel contesto dell'alleanza dei BRICS. Forse non è un caso che il crollo della borsa di Shanghai sia avvenuto mentre la nuova Asian Infrastructure Investment Bank apriva ufficialmente i suoi uffici e le sue attività a Pechino. Si ricordi che l'AIIB, con un capitale iniziale di 100 miliardi di dollari, diventa il principale istituto di credito per promuovere la modernizzazione e la infrastrutturazione dell'intero continente asiatico, cominciando con la realizzazione del progetto della Nuova Via della Seta.
Nel  frattempo, mentre gli Usa, con una troppo accondiscendente Unione europea, conducono una destabilizzante campagna di sanzioni economiche contro la Russia, la Cina mantiene un atteggiamento indipendente e completamente differente. La prova più eclatante è l'accordo trentennale di acquisto di gas russo per una valore di 400 miliardi di dollari, da "regolarsi" non più  in valuta americana ma nelle loro monete nazionali.
Il cambiamento più profondo è la decisione cinese, silenziosa e non discussa dai grandi media,  di rivedere progressivamente la composizione delle sue riserve monetarie e di ridurre l'ammontare dei titoli americani in suo possesso. Nel mese di giugno ha acquistato 600 tonnellate di oro mentre si stima che nel secondo trimestre 2015 le sue riserve in valuta estera siano scese di 140-160 miliardi di dollari, come dimostra il freno agli acquisti cinesi di nuovi Treasury bond USA.
Tutto ciò spiegherebbe l'intento di qualcuno di frenare il nuovo corso della Cina con un avviso  a non uscire dai vecchi binari e dai vecchi accordi.
Perciò occorre capire meglio chi ha promosso e cavalcato l'onda della succitata speculazione. La Jp Morgan City e la Goldman Sachs hanno riconosciuto pubblicamente che la Cina da un po' di tempo ha abbandonato la consueta regola di acquistare con il suo surplus commerciale  i titoli di stato americano.
Risultati immagini per banca brics
Le agenzie di rating, a cominciare con la Standard & Poor's, parlano di "rapida crescita del debito, opacità del rischio, alta percentuale tra debito e Pil, azzardo morale"  in Cina. Sono le classiche "parole in codice" usate anche altrove, sempre poco prima di una attacco speculativo. La Banca Mondiale ha parlato del mercato cinese come "squilibrato, represso, costoso da mantenere e potenzialmente instabile". Un giudizio poco dopo ritirato, asserendo che la sua pubblicazione era il frutto di un errore.
Una cosa è certa: giocare allo scontro o solo alla speculazione contro la Cina potrebbe avere degli effetti devastanti sull'intero sistema finanziario mondiale, potenzialmente maggiori della crisi del 2007-8. Una ragione di più per definire in sede internazionale accordi stringenti per regolamentare il sistema finanziario, almeno i suoi aspetti deteriori, quelli fortemente speculativi che incidono non solo sulla stabilità sociale ed economica di interi Paesi ma anche sugli assetti geopolitici mondiali.



Nessun commento: