Benvenuti nel Blog di Claudio Martinotti Doria, blogger dal 1996


"Non nobis Domine, non nobis, sed nomini Tuo da gloriam", motto dell'Ordine dei Cavalieri Templari, Pauperes commilitones Christi templique Salomonis

"Ciò che insegui ti sfugge, ciò cui sfuggi ti insegue" (aneddotica orientale, paragonabile alla nostra "chi ha pane non ha denti e chi ha denti non ha pane")

"Quello che mi ha sorpreso di più negli uomini dell'Occidente è che perdono la salute per fare soldi. E poi perdono i soldi per recuperare la salute. Pensano tanto al futuro che dimenticano di vivere il presente in tale maniera che non riescono a vivere nè il presente nè il futuro. Sono come se non dovessero morire mai e muoiono come se non avessero mai vissuto."
(Dalai Lama)

"A l'è mei mangè pan e siuli, putòst che vendsi a quaicadun" (Primo Doria, detto "il Principe")

"Prima ti ignorano, poi ti deridono, poi ti combattono. Poi vinci." Mahatma Gandhi

L'Italia non è una nazione ma un continente in miniatura con una straordinaria biodiversità e pluralità antropologica (Claudio Martinotti Doria)

Il proprio punto di vista, spesso è una visuale parziale e sfocata di un pertugio che da su un vicolo dove girano una fiction ... Molti credono sia la realtà ed i più motivati si mettono pure ad insegnare qualche tecnica per meglio osservare dal pertugio (Claudio Martinotti Doria)

Lo scopo primario della vita è semplicemente di sperimentare l'amore in tutte le sue molteplici modalità di manifestazione e di evolverci spiritualmente come individui e collettivamente (È “l'Amor che move il sole e le altre stelle”, scriveva Dante Alighieri, "un'unica Forza unisce infiniti mondi e li rende vivi", scriveva Giordano Bruno. )

La leadership politica occidentale è talmente poco dotata intellettualmente, culturalmente e spiritualmente, priva di qualsiasi perspicacia e lungimiranza, che finirà per portarci alla rovina, ponendo fine alla nostra civiltà. Claudio Martinotti Doria

PER CONTATTI: claudio@gc-colibri.com

Se preferite comunicare telefonicamente potete inviare un sms al 3485243182 lasciando il proprio recapito telefonico (fisso o mobile) per essere richiamati. Non rispondo al cellulare ai numeri sconosciuti per evitare le proposte commerciali sempre più assillanti

Questo blog ha adottato Creative Commons

Licenza Creative Commons
Blog personale by Claudio Martinotti Doria is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License.
Based on a work at www.cavalieredimonferrato.it.
Permissions beyond the scope of this license may be available at www.cavalieredimonferrato.it.

COME SOSTENERE LA MIA PERSEVERANTE ATTIVITA' DI VOLONTARIATO. Se avete apprezzato l’impegno e l’originalità dei miei articoli ritenendo che la mia attività divulgativa meriti un sostegno, appena avrete l’opportunità di farlo dedicate qualche minuto e qualche euro per sostenerla, tenendo presente che non ho entrate pubblicitarie e nessuno sponsor (condizione necessaria per mantenersi indipendenti) ed inoltre sono una vittima della riforma previdenziale della Fornero e la mia pensione è stata rinviata al 2024, ed è giusto che lo sappiate fin da adesso che l’importo che mi sarà erogato sarà minimo. Potrete contribuire con una donazione tramite PayPal all’account claudio@gc-colibri.com oppure a questo link: https://www.paypal.com/cgi-bin/webscr?cmd=_donations&business=Z2M2PAF4N76V6&lc=IT&item_name=Claudio%20Martinotti%20Doria&currency_code=EUR&bn=PP%2dDonationsBF%3abtn_donateCC_LG%2egif%3aNonHosted

Se non siete registrati a Paypal potete effettuare un bonifico bancario all’IBAN IT42M0303222600010000002011 (Credem, filiale di Casale Monferrato)

You can make a donation using PayPal account claudio@gc-colibri.com or at this link: https://www.paypal.com/cgi-bin/webscr?cmd=_donations&business=Z2M2PAF4N76V6&lc=IT&item_name=Claudio%20Martinotti%20Doria&currency_code=EUR&bn=PP%2dDonationsBF%3abtn_donateCC_LG%2egif%3aNonHosted





Patriă Montisferrati

Patriă Montisferrati
Cliccando sullo stemma del Monferrato potrete seguire su Casale News la rubrica di Storia Locale "Patriă Montisferrati", curata da Claudio Martinotti Doria in collaborazione con Manfredi Lanza, discendente aleramico del marchesi del Vasto - Busca - Lancia, principi di Trabia

Come valorizzare il Monferrato Storico

La Storia, così come il territorio e le sue genti che l’hanno vissuta e ne sono spesso ignoti ed anonimi protagonisti, meritano il massimo rispetto, occorre pertanto accostarsi ad essa con umiltà e desiderio di apprendere e servire. In questo caso si tratta di servire il Monferrato, come priorità rispetto a qualsiasi altra istanza (personale o di campanile), riconoscendo il valore di chi ci ha preceduti e di coloro che hanno contribuito a valorizzarlo, coinvolgendo senza preclusioni tutte le comunità insediate sul territorio del Monferrato Storico, affinché ognuna faccia la sua parte con una visione d’insieme ed un’unica coesa identità storico-culturale condivisa. Se ci si limita a piccole porzioni del Monferrato, per quanto significative, si è perdenti e dispersivi in partenza.

Sarà un percorso lungo e lento ma è l’unico percorribile se si vuole agire veramente per favorire il Monferrato Storico e proporlo con successo come un’unica entità territoriale turistico culturale ed economica …

Il mondo come lo conoscevamo è ormai finito, ma l'umanità non se ne rende conto ...


Autrice: Emilia Urso Anfuso
Fonte: Gli Scomunicati http://www.gliscomunicati.com

Secondo la previsione dei Maya, il mondo sarebbe dovuto “finire” nel 2012. Ovviamente non è accaduto nulla. O meglio: non è accaduto ciò che genericamente si pensa dover essere la “fine del mondo”. Molte persone difatti sul nostro pianeta, immaginano la fine del mondo come il dissolversi del pianeta e con esso la distruzione di tutti i suoi abitanti. Immagine poco piacevole di certo, ma che – almeno stando ai dati astronomici ed astrofisici che ci vengono proposti dalla stampa scientifica internazionale – non dovrebbe accadere almeno nel breve e medio periodo, a meno che ci piombi addosso un mega meteorite che, poiché rivolto verso il sole (…è la motivazione “scientifica” data sull’ultimo meteorite capitato assai vicino alla terra poco tempo fa e non captato dai potenti mezzi tecnologici messi a disposizione dai governi mondiali) non sarebbe visibile dai centri astrofisici mondiale e di conseguenza potrebbe far esplodere il pianeta generando il nulla in un nanosecondo. 
A mio parere, la fine del mondo è in atto da tempo. Una fine del mondo giunta quasi d’improvviso e che ha distrutto buona parte di ciò che conoscevamo e di ciò che faceva parte dei criteri cosiddetti umani.
In poco tempo, abbiamo perso una grossa parte di logica, di coerenza, di raziocinio, di accettabilità di azioni che hanno per sempre compromesso da un lato la tranquillità del cittadino medio del mondo, dall’altro la capacità di comprendere quali siano le ragioni di certi innegabili scempi socio politici ed economici e come sia possibile leggere la realtà, in una società che ci propone le cose più assurde come fossero “normali”
L’incoerenza stabile prodotta dal mondo istituzionale internazionale, genera li per li un grande senso di sgomento, poi però – se “assunta” regolarmente – viene a far parte delle convenzioni sociali, uccidendo del tutto la possibilità che le masse possano ancora accorgersi dell’incoerenza stessa, avendola assimilata ormai come consuetudine.
La consuetudine all’incoerenza, ha fatto si che il mondo cambiasse fino a finire.
Non essendoci più criteri unici cui affidarsi, standard di comportamento cui riferirsi, le popolazioni vagano ormai totalmente in stato catatonico alla costante ricerca di una qualche ragione logica alle conseguenze gravissime a livello socio economico e politico cui le popolazioni sono costrette a sottostare e sottomettersi.
La “crisi economica” è in effetti una eventuale crisi finanziaria. Dandole il nome di “crisi economica” si dispone diversamente il livello di gravità e si scompone lo stesso senso della crisi. Economico fa pensare alle tasche dei cittadini, finanziario agli ambienti di alta finanza. Sembra una sciocchezza, eppure nelle parole usate – che hanno sempre un senso – si nascondono molte verità. 
La crisi finanziaria internazionale, dovevano pagarla altri soggetti, non certo i cittadini delle nazioni. Questo, proprio perché di crisi finanziaria si tratta e non di mancanza di fondi economici da destinare alle popolazioni.
La controprova è che nelle casse di ogni stato, persino quelli messi in stato di default, il denaro c’è eccome. Ma viene utilizzato solamente per sostenere le dirigenze e le banche.
Usando le parole appropriate, in totale e voluta incoerenza, si è affermato che la crisi è “economica” e quindi di mancanza reale di denaro. Con ciò, si è potuto abbattere le popolazioni stroncando innanzitutto il mondo del lavoro, togliendo credito alle piccole e medie imprese e imponendo un fisco sempre più pesante sulle spalle di pensionati, lavoratori e piccoli imprenditori.
Dopo un “trattamento” di questo genere, vai a spiegare ai popoli alla fame, la differenza fra “crisi economica” e crisi finanziaria”. E vai pure a spiegare in dettaglio, agli stessi popoli, il contenuto del trattato ESM - ratificato anche dal nostro Paese – che ci rende ufficialmente debitori di debiti di cui non conosciamo l’entità né la motivazione.
 
Sta di fatto, che è finito il mondo. Quello che conoscevamo e che in qualche modo ci faceva tirare avanti.
Una grossa mano d’aiuto per produrre il caos che ha finito del tutto il mondo conosciuto, lo sta dando il mondo politico internazionale, che nei discorsi sempre più tecnocratici, ha fatto svanire del tutto la concezioni di “Politica” che avevamo fino a qualche tempo fa.
Pochi si stanno accorgendo che la politica è finita, e non certo – come nel caso dell’Italia – per l’avvento di neofiti della politica che a parole sbaragliano vecchi concetti e vecchie consuetudini ma all’atto pratico non producono nulla se non alimentare la propria immagine ed il proprio eventuale maggior titolo a “regnare”, generosamente concesso da popolazioni talmente incazzate da recriminare un gladiatore inferocito con la speranza di abbattere un sistema ormai collaudato che mai verrà abbattuto se non dalle stesse popolazioni.
La politica è andata. In tutti i sensi. Volutamente.
E’ stata staccata quella spina alimentata costantemente nei secoli, e il motivo a mio parere è palese: il mondo politico ha fagocitato tutto, persino se stesso. Non restava altro da fare che concludere la storia. E far finta di ricominciare.
Far finta si, perché guardando a noi italiani ad esempio, tutto può esser detto tranne che attualmente ci sia anche solo il pallido ricordo di cosa dovrebbe essere “Politica” e “ragione”.
E’ rimasto un solo filo di continuità col mondo ormai alle nostre spalle: l’adesione compatta e per noi del tutto incomprensibile ancora, di quel mondo chiamato a seconda dei casi “casta” o “cricca”. 
I personaggi possono chiamarsi in qualsiasi modo e sbandierare qualsiasi simbolo di partito o movimento: nulla in realtà cambia perché nulla è realmente diverso.
I partiti, ne sono convinta da decenni, sono sempre esistiti al solo scopo di frazionare enormi masse di persone. Che se si fossero accorte in tempo utile – numeri alla mano – di che grande esercito popolare sarebbe ogni singola nazione, contro un esiguo gruppo di “comandanti”, altro che guerre civili avremmo avuto nell’ultimo secolo.
Invece, eccoci qui. Compatti sempre nel rinnegare qualsiasi moto di coerenza e di ragione. Qualsiasi metodo che possa farci progredire verso la comprensione e non implodere verso il caos assoluto che sembra ormai quasi del tutto raggiunto.
Il mondo è finito da un pezzo. Inutile scappare: siamo nella bufera più cupa che l’umanità abbia mai creato con le sue stesse mani. Nemici di se stessi da sempre, i cittadini del mondo ora vivono le conseguenze della propria incomprensibile dipendenza al male. Peccato.
In tutto questo bailamme: mangiamo di tutto tranne che alimenti genuini o quantomeno sani, le malattie non vengono debellate solo perchè le industrie farmaceutiche guadagnano di più con la produzione e vendita di vere e proprie droghe che non curano ma tengono gli abitanti del pianeta costantemente malaticci, c'è in atto un vero genocidio mondiale ma impalpabile, le "potenze" internazionali si preoccupano semmai di sostenere la propria incolumità ed il proprio potere ed anche di metter le mani sulle poche risorse ormai rimaste sul pianeta, i popoli sono ormai ridotti a cenere, qualsiasi concetto legato a parole quali "dignità" o "diritto" è stato del tutto debellato con la "forza" del "potere"..

Nessun commento: