Benvenuti nel Blog di Claudio Martinotti Doria, blogger dal 1996


"Non nobis Domine, non nobis, sed nomini Tuo da gloriam", motto dell'Ordine dei Cavalieri Templari, Pauperes commilitones Christi templique Salomonis

"Ciò che insegui ti sfugge, ciò cui sfuggi ti insegue" (aneddotica orientale, paragonabile alla nostra "chi ha pane non ha denti e chi ha denti non ha pane")

"Quello che mi ha sorpreso di più negli uomini dell'Occidente è che perdono la salute per fare soldi. E poi perdono i soldi per recuperare la salute. Pensano tanto al futuro che dimenticano di vivere il presente in tale maniera che non riescono a vivere nè il presente nè il futuro. Sono come se non dovessero morire mai e muoiono come se non avessero mai vissuto."
(Dalai Lama)

"A l'è mei mangè pan e siuli, putòst che vendsi a quaicadun" (Primo Doria, detto "il Principe")

"Prima ti ignorano, poi ti deridono, poi ti combattono. Poi vinci." Mahatma Gandhi

L'Italia non è una nazione ma un continente in miniatura con una straordinaria biodiversità e pluralità antropologica (Claudio Martinotti Doria)

Il proprio punto di vista, spesso è una visuale parziale e sfocata di un pertugio che da su un vicolo dove girano una fiction ... Molti credono sia la realtà ed i più motivati si mettono pure ad insegnare qualche tecnica per meglio osservare dal pertugio (Claudio Martinotti Doria)

Lo scopo primario della vita è semplicemente di sperimentare l'amore in tutte le sue molteplici modalità di manifestazione e di evolverci spiritualmente come individui e collettivamente (È “l'Amor che move il sole e le altre stelle”, scriveva Dante Alighieri, "un'unica Forza unisce infiniti mondi e li rende vivi", scriveva Giordano Bruno. )

La leadership politica occidentale è talmente poco dotata intellettualmente, culturalmente e spiritualmente, priva di qualsiasi perspicacia e lungimiranza, che finirà per portarci alla rovina, ponendo fine alla nostra civiltà. Claudio Martinotti Doria

PER CONTATTI: claudio@gc-colibri.com

Se preferite comunicare telefonicamente potete inviare un sms al 3485243182 lasciando il proprio recapito telefonico (fisso o mobile) per essere richiamati. Non rispondo al cellulare ai numeri sconosciuti per evitare le proposte commerciali sempre più assillanti

Questo blog ha adottato Creative Commons

Licenza Creative Commons
Blog personale by Claudio Martinotti Doria is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License.
Based on a work at www.cavalieredimonferrato.it.
Permissions beyond the scope of this license may be available at www.cavalieredimonferrato.it.

COME SOSTENERE LA MIA PERSEVERANTE ATTIVITA' DI VOLONTARIATO. Se avete apprezzato l’impegno e l’originalità dei miei articoli ritenendo che la mia attività divulgativa meriti un sostegno, appena avrete l’opportunità di farlo dedicate qualche minuto e qualche euro per sostenerla, tenendo presente che non ho entrate pubblicitarie e nessuno sponsor (condizione necessaria per mantenersi indipendenti) ed inoltre sono una vittima della riforma previdenziale della Fornero e la mia pensione è stata rinviata al 2024, ed è giusto che lo sappiate fin da adesso che l’importo che mi sarà erogato sarà minimo. Potrete contribuire con una donazione tramite PayPal all’account claudio@gc-colibri.com oppure a questo link: https://www.paypal.com/cgi-bin/webscr?cmd=_donations&business=Z2M2PAF4N76V6&lc=IT&item_name=Claudio%20Martinotti%20Doria&currency_code=EUR&bn=PP%2dDonationsBF%3abtn_donateCC_LG%2egif%3aNonHosted

Se non siete registrati a Paypal potete effettuare un bonifico bancario all’IBAN IT42M0303222600010000002011 (Credem, filiale di Casale Monferrato)

You can make a donation using PayPal account claudio@gc-colibri.com or at this link: https://www.paypal.com/cgi-bin/webscr?cmd=_donations&business=Z2M2PAF4N76V6&lc=IT&item_name=Claudio%20Martinotti%20Doria&currency_code=EUR&bn=PP%2dDonationsBF%3abtn_donateCC_LG%2egif%3aNonHosted





Patriă Montisferrati

Patriă Montisferrati
Cliccando sullo stemma del Monferrato potrete seguire su Casale News la rubrica di Storia Locale "Patriă Montisferrati", curata da Claudio Martinotti Doria in collaborazione con Manfredi Lanza, discendente aleramico del marchesi del Vasto - Busca - Lancia, principi di Trabia

Come valorizzare il Monferrato Storico

La Storia, così come il territorio e le sue genti che l’hanno vissuta e ne sono spesso ignoti ed anonimi protagonisti, meritano il massimo rispetto, occorre pertanto accostarsi ad essa con umiltà e desiderio di apprendere e servire. In questo caso si tratta di servire il Monferrato, come priorità rispetto a qualsiasi altra istanza (personale o di campanile), riconoscendo il valore di chi ci ha preceduti e di coloro che hanno contribuito a valorizzarlo, coinvolgendo senza preclusioni tutte le comunità insediate sul territorio del Monferrato Storico, affinché ognuna faccia la sua parte con una visione d’insieme ed un’unica coesa identità storico-culturale condivisa. Se ci si limita a piccole porzioni del Monferrato, per quanto significative, si è perdenti e dispersivi in partenza.

Sarà un percorso lungo e lento ma è l’unico percorribile se si vuole agire veramente per favorire il Monferrato Storico e proporlo con successo come un’unica entità territoriale turistico culturale ed economica …

Fare per Fermare il Declino di Oscar Giannino non aveva nel suo programma nulla per eliminare la riserva frazionaria, la stampa di moneta virtuale, la fissazione arbitraria del tasso d’interesse, ecc. Evidentemente non aveva capito cosa è il libero mercato.

“Fermare il declino” ha fallito perchè non era per nulla liberale

 

di GIOVANNI BIRINDELLI

Fonte: L'Indipendenza, Quotidiano on line http://www.lindipendenza.com

In un articolo pubblicato ieri su questo giornale, Costantino de Blasi
(candidato per Fare per Fermare il Declino – FFD – alle recenti elezioni politiche), ha discusso le ragioni che, dal suo punto di vista e al netto della figuraccia di Oscar Giannino, stanno alla base dell’insuccesso del suo movimento. Io personalmente ho un’opinione molto diversa su quelle ragioni. De Blasi in sostanza difende i contenuti della piattaforma “innovativa e finalmente liberale” di FFD (i 10 punti) e, chiedendosi perché questa piattaforma “non sia riuscita a convogliare il consenso diffuso di quella vasta area dell’elettorato che dice di riconoscersi in posizioni moderate” individua le ragioni:
a) in un problema di comunicazione (“Vien da pensare che il lavoro elaborato dai comitati tematici sia poco adatto ad un elettorato che riconosce facilmente gli slogan ma che non ha mai avuto fra le mani un testo di macroeconomia”);
b) nella tendenza dei liberali a dividersi in mille rivoli (“microidentitarismo”). De Blasi conclude affermando che “L’impressione, desolante, è che nel nostro Paese non sia possibile convogliare su un unico soggetto politico le istanze dell’area che si riconosce nei principi del libero mercato”.
Come spesso accade a chi perde, de Blasi cerca le ragioni della sconfitta all’esterno, senza mettere in discussione la base dell’edificio. Tuttavia, anche in questo suo articolo, è possibile vedere con chiarezza quali sono le contraddizioni che minano alla base il progetto di FFD.
In una struttura istituzionale ed economica come quella attuale, essere liberali significa mettere in discussione l’attuale struttura istituzionale ed economica e quindi essere ‘rivoluzionari’. Questo non significa necessariamente fare un programma che dall’oggi al domani rivoluzioni l’attuale struttura istituzionale ed economica, ma significa necessariamente fare un programma che:
a) individui questa rivoluzione istituzionale ed economica almeno come obiettivo di lungo periodo;
b) che, nell’immediato, proponga almeno un primo passo significativo in quella direzione (individuando possibilmente anche i passi successivi e comunque mai perdendo di vista l’obiettivo di lungo periodo).
I liberali, comunque la pensino, sanno infatti che le ragioni del declino stanno in quella struttura istituzionale ed economica incompatibile col libero mercato che FFD non ha minimamente messo in discussione; e nello specifico: nell’assenza di separazione fra potere legislativo e potere politico (e quindi nell’illimitatezza del potere politico prodotta dal positivismo giuridico), nei privilegi del corso forzoso, della riserva frazionaria, della stampa di moneta, della fissazione arbitraria del tasso d’interesse. Pensare anche solo di avvicinarsi al libero mercato senza affrontare questi problemi significa non aver capito cosa è il libero mercato.
Quindi nella piattaforma di FFD non c’era nulla di “innovativo” e nulla di “autenticamente liberale”, e questo la casalinga di Voghera lo ha capito, o comunque ‘sentito’, benissimo. Il liberale è naturalmente capace di parlare alla casalinga di Voghera. Basti pensare a Ron Paul, o alla semplicità e chiarezza degli autori liberali nei cui testi è difficile trovare una sola formula matematica. Basti pensare al fatto che, per capire l’idea di legge del liberale (il principio astratto e generale), la quale in molti casi può essere in contrasto con misure particolari che a breve termine fanno gli interessi della casalinga e/o a cui essa è a favore, la casalinga di Voghera non ha bisogno di studiare libri incomprensibili ma le basta guardare dentro di se. Soprattutto, basti pensare al fatto che il liberale, a differenza dei keynesiani, dei monetaristi e dei neoclassici, parte dall’azione umana e non dai testi di macroeconomia, la quale, se è scissa dall’azione umana e quindi non solo da una coerente teoria microeconomica di partenza ma anche da una coerente filosofia politica, è buona al massimo per accendere il fuoco del caminetto.
La casalinga di Voghera sa che c’è qualcosa che non va nel sistema, nella struttura. Ma non sa che cos’è perché nessuno glielo spiega: perché nessuno le spiega che la legge non è il provvedimento particolare (lo strumento di potere) ma il principio generale e astratto (il limite al potere). Così basta uno come Grillo che dice di attaccare quella struttura perché lei lo voti (quando lui mantiene quella struttura intatta tanto quanto FFD e i partiti classici). FFD ha fallito, in sintesi, perché non è un movimento liberale. Un movimento liberale, oggi, non si rivolge ai moderati, si rivolge all’anima rivoluzionaria che i moderati, e non solo loro, hanno dentro di loro, spesso a loro insaputa, quando sentono che c’è qualcosa che non va nella struttura ma non sanno esattamente cos’è.
Su Facebook mi è capitato di vedere un bellissimo manifesto elettorale di FFD, quello che richiamava il film The Matrix e, come Morpheus con Neo, proponeva all’elettore la scelta fra la pillola rossa e quella blu. FFD ha fallito perché Neo ha capito che fra le due pillole non c’era differenza e che la pillola rossa non lo faceva uscire da Matrix (e non scordiamoci che all’inizio l’uscita da Matrix è necessariamente molto dolorosa).

Nessun commento: