Benvenuti nel Blog di Claudio Martinotti Doria, blogger dal 1996


"Non nobis Domine, non nobis, sed nomini Tuo da gloriam", motto dell'Ordine dei Cavalieri Templari, Pauperes commilitones Christi templique Salomonis

"Ciò che insegui ti sfugge, ciò cui sfuggi ti insegue" (aneddotica orientale, paragonabile alla nostra "chi ha pane non ha denti e chi ha denti non ha pane")

"Quello che mi ha sorpreso di più negli uomini dell'Occidente è che perdono la salute per fare soldi. E poi perdono i soldi per recuperare la salute. Pensano tanto al futuro che dimenticano di vivere il presente in tale maniera che non riescono a vivere nè il presente nè il futuro. Sono come se non dovessero morire mai e muoiono come se non avessero mai vissuto."
(Dalai Lama)

"A l'è mei mangè pan e siuli, putòst che vendsi a quaicadun" (Primo Doria, detto "il Principe")

"Prima ti ignorano, poi ti deridono, poi ti combattono. Poi vinci." Mahatma Gandhi

L'Italia non è una nazione ma un continente in miniatura con una straordinaria biodiversità e pluralità antropologica (Claudio Martinotti Doria)

Il proprio punto di vista, spesso è una visuale parziale e sfocata di un pertugio che da su un vicolo dove girano una fiction ... Molti credono sia la realtà ed i più motivati si mettono pure ad insegnare qualche tecnica per meglio osservare dal pertugio (Claudio Martinotti Doria)

Lo scopo primario della vita è semplicemente di sperimentare l'amore in tutte le sue molteplici modalità di manifestazione e di evolverci spiritualmente come individui e collettivamente (È “l'Amor che move il sole e le altre stelle”, scriveva Dante Alighieri, "un'unica Forza unisce infiniti mondi e li rende vivi", scriveva Giordano Bruno. )

La leadership politica occidentale è talmente poco dotata intellettualmente, culturalmente e spiritualmente, priva di qualsiasi perspicacia e lungimiranza, che finirà per portarci alla rovina, ponendo fine alla nostra civiltà. Claudio Martinotti Doria

PER CONTATTI: claudio@gc-colibri.com

Se preferite comunicare telefonicamente potete inviare un sms al 3485243182 lasciando il proprio recapito telefonico (fisso o mobile) per essere richiamati. Non rispondo al cellulare ai numeri sconosciuti per evitare le proposte commerciali sempre più assillanti

Questo blog ha adottato Creative Commons

Licenza Creative Commons
Blog personale by Claudio Martinotti Doria is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License.
Based on a work at www.cavalieredimonferrato.it.
Permissions beyond the scope of this license may be available at www.cavalieredimonferrato.it.

COME SOSTENERE LA MIA PERSEVERANTE ATTIVITA' DI VOLONTARIATO. Se avete apprezzato l’impegno e l’originalità dei miei articoli ritenendo che la mia attività divulgativa meriti un sostegno, appena avrete l’opportunità di farlo dedicate qualche minuto e qualche euro per sostenerla, tenendo presente che non ho entrate pubblicitarie e nessuno sponsor (condizione necessaria per mantenersi indipendenti) ed inoltre sono una vittima della riforma previdenziale della Fornero e la mia pensione è stata rinviata al 2024, ed è giusto che lo sappiate fin da adesso che l’importo che mi sarà erogato sarà minimo. Potrete contribuire con una donazione tramite PayPal all’account claudio@gc-colibri.com oppure a questo link: https://www.paypal.com/cgi-bin/webscr?cmd=_donations&business=Z2M2PAF4N76V6&lc=IT&item_name=Claudio%20Martinotti%20Doria&currency_code=EUR&bn=PP%2dDonationsBF%3abtn_donateCC_LG%2egif%3aNonHosted

Se non siete registrati a Paypal potete effettuare un bonifico bancario all’IBAN IT42M0303222600010000002011 (Credem, filiale di Casale Monferrato)

You can make a donation using PayPal account claudio@gc-colibri.com or at this link: https://www.paypal.com/cgi-bin/webscr?cmd=_donations&business=Z2M2PAF4N76V6&lc=IT&item_name=Claudio%20Martinotti%20Doria&currency_code=EUR&bn=PP%2dDonationsBF%3abtn_donateCC_LG%2egif%3aNonHosted





Patriă Montisferrati

Patriă Montisferrati
Cliccando sullo stemma del Monferrato potrete seguire su Casale News la rubrica di Storia Locale "Patriă Montisferrati", curata da Claudio Martinotti Doria in collaborazione con Manfredi Lanza, discendente aleramico del marchesi del Vasto - Busca - Lancia, principi di Trabia

Come valorizzare il Monferrato Storico

La Storia, così come il territorio e le sue genti che l’hanno vissuta e ne sono spesso ignoti ed anonimi protagonisti, meritano il massimo rispetto, occorre pertanto accostarsi ad essa con umiltà e desiderio di apprendere e servire. In questo caso si tratta di servire il Monferrato, come priorità rispetto a qualsiasi altra istanza (personale o di campanile), riconoscendo il valore di chi ci ha preceduti e di coloro che hanno contribuito a valorizzarlo, coinvolgendo senza preclusioni tutte le comunità insediate sul territorio del Monferrato Storico, affinché ognuna faccia la sua parte con una visione d’insieme ed un’unica coesa identità storico-culturale condivisa. Se ci si limita a piccole porzioni del Monferrato, per quanto significative, si è perdenti e dispersivi in partenza.

Sarà un percorso lungo e lento ma è l’unico percorribile se si vuole agire veramente per favorire il Monferrato Storico e proporlo con successo come un’unica entità territoriale turistico culturale ed economica …

Gli USA ed i suoi satelliti occidentali vogliono ingannare la Russia per sfruttarla o condurla alla guerra




Questo breve ma esplicativo articolo di Paul Craig Roberts illustra la situazione dei rapporti tra gli USA e la Russia effettuando efficaci comparazioni oggettive, fornendo informazioni che raramente si ha modo di leggere sui media convenzionali (che hanno altre motivazioni che non informare correttamente), come il fatto che la Russia ha un debito pubblico risibile (al contrario delle potenze occidentali), che dispone di tecnologia militare ormai superiore a quella degli USA, che non ha alcun bisogno del sostegno finanziario occidentale per prosperare, anzi è esattamente il contrario. Le pressioni sulla Russia da parte dell’Occidente sono funzionali solo ai propri scopi (tentatavi finora quasi totalmente falliti) di penetrare con le proprie politiche economiche e finanziarie all’interno del mastodontico paese per sfruttarne le risorse e potenzialità (come ai tempi dell’ubriacone e corrotto Boris Eltsin e dell’associazione a delinquere che lo circondava), ed in caso di fallimento trovare un modo pretestuoso ma convincente per l’opinione pubblica, sedata da decenni di disinformazione e di propaganda, per giustificare un conflitto bellico che alimenterebbe il circuito perverso dell’industria militare americana, che necessita della guerra permanente per prosperare.
Claudio Martinotti Doria

Gli occidentali vogliono mandare la Russia in confusione

di Paul Craig Roberts - 17/02/2017
Fonte divulgativa: Comedonchisciotte
Fonte primaria: www.paulcraigroberts.org
Link all’articolo originale: http://www.paulcraigroberts.org/2017/02/14/western-interests-aim-flummox-russia
Traduzione per comedonchisciotte.org a cura di HMG

Un articolo di Robert Berke su oilprice.com, che si descrive come “la fonte numero 1 per notizie su petrolio ed energia”, illustra come gruppi di interesse controllino i risultati a seconda di come influenzano le scelte politiche.
L’articolo di Berke rivela come gli Stati Uniti intendano mantenere ed estendere la propria egemonia rompendo l’alleanza tra Russia, Iran e Cina, e privatizzando il petrolio: ciò si traduce in paesi che perdono il controllo sulla propria sovranità in favore delle compagnie petrolifere private che lavorano a stretto contatto con il governo degli Stati Uniti. Trump ha castrato la propria presidenza accettando gratuitamente le dimissioni del generale Flynn come Consigliere per la Sicurezza Nazionale: questo schema è probabile che sia l’approccio della presidenza per “migliorare le relazioni con la Russia”.
Berke riferisce che Henry Kissinger ha convinto Trump a rimuovere le sanzioni russe per allontanare Putin dall’alleanza con Iran e Cina. Se Putin abboccasse a tale piano, commetterebbe un errore strategico fatale da cui la Russia difficilmente potrebbe recuperare. Tuttavia, Putin verrà messo sotto pressione per commettere questo errore.
Una forte pressione su di lui viene dagli integrazionisti atlantisti, che hanno un materiale interesse nelle loro connessioni con l’Occidente e che vogliono che la Russia si integri al mondo occidentale. Un’altra pressione viene dall’affronto che le sanzioni rappresentano per i russi. La rimozione di questo insulto è diventata importante per il popolo, anche se le sanzioni non recano alcun danno materiale al paese.
Siamo d’accordo con il Presidente Putin che le sanzioni siano in realtà un vantaggio per la Russia, dato che l’hanno spinta in direzioni autosufficienti e verso lo sviluppo di relazioni con Cina ed Asia. Inoltre, l’Occidente con le sue pulsioni egemoniche utilizza relazioni economiche a fini di controllo. Scambi con Cina ed Asia non pongono la stessa minaccia all’indipendenza russa.
Berke dice che parte dell’accordo che viene offerto a Putin è “l’aumentato accesso al grande mercato europeo dell’energia, il restauro finanziario del credito occidentale, l’accesso alla tecnologia occidentale ed un posto al tavolo decisionale globale, tutte cose che la Russia necessita e vuole”. L’aggiunta finale alla trappola è il riconoscimento ufficiale della “Crimea come parte della Russia”.
La Russia potrebbe desiderare tutto questo, ma è una sciocchezza dire che abbia realmente bisogno di tutto ciò.
La Crimea fa parte della Russia, come lo è stata per 300 anni, e nessuno può farci niente. Cosa succederebbe se il Messico non riconoscesse che il Texas e la California facciano parte degli Stati Uniti? Niente.
L’Europa ha scarse alternative all’energia russa.
La Russia non ha bisogno di tecnologia occidentale. In effetti, la sua tecnologia militare è superiore.
E certamente non ha bisogno di prestiti occidentali. Anzi, accettarli sarebbe un atto di follia.
Che la Russia abbia bisogno di prestiti esteri è un autoassertivo mito occidentale. Questo mito è stato sancito dall’economia neoliberista, che è in realtà un dispositivo per lo sfruttamento ed il controllo occidentali su altri paesi. La minaccia più pericolosa per la Russia sono gli economisti neoliberisti del paese.
La banca centrale russa ha convinto il governo che finanziare progetti di sviluppo emettendo credito creerebbe inflazione. Servono prestiti esteri, sostiene.
Qualcuno deve insegnarle dell’economia di base prima che il paese si trasformi in un altro vassallo occidentale. Ecco la lezione: quando il credito della banca centrale è usato per finanziare progetti di sviluppo, l’offerta di rubli aumenta, ma aumenta anche la produzione. Così, beni e servizi aumentano con la fornitura di rubli. Quando la Russia prende in prestito valute straniere provenienti dall’estero, aumenta sì l’offerta di moneta, ma anche il debito estero. La Russia non spende le valute estere in progetti, ma li mette nelle riserve di valuta estera. La banca centrale emette la stessa quantità di rubli per pagare le fatture dei progetti, come si farebbe in assenza del prestito estero. Tutto ciò che il prestito estero fa è presentare alla Russia un pagamento di interessi ad un creditore straniero.
Il capitale straniero non è importante per paesi come Russia e Cina. Entrambe sono perfettamente in grado di finanziare il proprio sviluppo. La Cina è infatti la nazione più creditrice del mondo. I prestiti esteri sono importanti solo per i paesi che non hanno le risorse interne per svilupparsi e devono acquisire know-how, tecnologia e risorse dall’estero, con valute straniere che le loro esportazioni non riescono a portare.
Questo non è il caso della Russia, che ha grandi risorse ed un surplus commerciale. Una spinta allo sviluppo della Cina è stato dato dalle società americane che hanno spostato la propria produzione lì per risparmiare su costi di lavoro e regolamentazione.
I neoliberisti sostengono che la Russia debba privatizzare per coprire il deficit di bilancio. Il debito pubblico russo è solo il 17% rispetto al PIL. Secondo le misure ufficiali, il debito federale degli Stati Uniti è 104% rispetto al PIL, 6,1 volte superiore a quello della Russia. Se venisse misurato in termini reali corretti, sarebbe 185% rispetto al PIL.
Secondo logica, se il massiccio debito del governo USA non è un problema, anche il piccolo debito russo non lo è.
L’articolo di Berke è parte dello sforzo per truffare la Russia, convincendone il governo che la sua prosperità dipende da affari (sfavorevoli) con l’Occidente. Fino a che gli economisti neoliberisti della Russia la penseranno così, la truffa ha possibilità di successo.
Un’altra falsità è la convinzione che la privatizzazione porti capitale. Questa illusione ha portato il governo russo a girare oltre il 20% della propria compagnia petrolifera a proprietà straniere. L’unica cosa che la Russia ha raggiunto da questo errore strategico è stata quella di consegnare il 20% dei propri profitti da petrolio in mani straniere. In cambio di un pagamento una tantum, la Russia ha dato via in perpetuo il 20% dei propri profitti petroliferi.
Per ripeterci, la più grande minaccia che la Russia deve affrontare non sono le sanzioni, ma l’incompetenza dei propri economisti neoliberisti, ai quali è stato accuratamente fatto il lavaggio del cervello per servire gli interessi degli Stati Uniti.

1 commento:

Sharon Stone ha detto...

Ciao, io sono il dottor Harry Carlos, un prestito creditore privato io do prestito a coloro che sono nel bisogno di prestito, e coloro che vogliono avviare una nuova business.I concedono i prestiti personali, Business Prestiti, prestiti agli studenti, prestiti società e tutti i tipi di prestiti, a tasso di interesse di contatto 2% oggi a: harryloanfirm56@gmail.com or +2348073303418
-
LEGITTIMO prestatore di prestito