Benvenuti nel Blog di Claudio Martinotti Doria, blogger dal 1996


"Non nobis Domine, non nobis, sed nomini Tuo da gloriam", motto dell'Ordine dei Cavalieri Templari, Pauperes commilitones Christi templique Salomonis

"Ciò che insegui ti sfugge, ciò cui sfuggi ti insegue" (aneddotica orientale, paragonabile alla nostra "chi ha pane non ha denti e chi ha denti non ha pane")

"Quello che mi ha sorpreso di più negli uomini dell'Occidente è che perdono la salute per fare soldi. E poi perdono i soldi per recuperare la salute. Pensano tanto al futuro che dimenticano di vivere il presente in tale maniera che non riescono a vivere nè il presente nè il futuro. Sono come se non dovessero morire mai e muoiono come se non avessero mai vissuto."
(Dalai Lama)

"A l'è mei mangè pan e siuli, putòst che vendsi a quaicadun" (Primo Doria, detto "il Principe")

"Prima ti ignorano, poi ti deridono, poi ti combattono. Poi vinci." Mahatma Gandhi

L'Italia non è una nazione ma un continente in miniatura con una straordinaria biodiversità e pluralità antropologica (Claudio Martinotti Doria)

Il proprio punto di vista, spesso è una visuale parziale e sfocata di un pertugio che da su un vicolo dove girano una fiction ... Molti credono sia la realtà ed i più motivati si mettono pure ad insegnare qualche tecnica per meglio osservare dal pertugio (Claudio Martinotti Doria)

Lo scopo primario della vita è semplicemente di sperimentare l'amore in tutte le sue molteplici modalità di manifestazione e di evolverci spiritualmente come individui e collettivamente (È “l'Amor che move il sole e le altre stelle”, scriveva Dante Alighieri, "un'unica Forza unisce infiniti mondi e li rende vivi", scriveva Giordano Bruno. )

La leadership politica occidentale è talmente poco dotata intellettualmente, culturalmente e spiritualmente, priva di qualsiasi perspicacia e lungimiranza, che finirà per portarci alla rovina, ponendo fine alla nostra civiltà. Claudio Martinotti Doria

PER CONTATTI: claudio@gc-colibri.com

Se preferite comunicare telefonicamente potete inviare un sms al 3485243182 lasciando il proprio recapito telefonico (fisso o mobile) per essere richiamati. Non rispondo al cellulare ai numeri sconosciuti per evitare le proposte commerciali sempre più assillanti

Questo blog ha adottato Creative Commons

Licenza Creative Commons
Blog personale by Claudio Martinotti Doria is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License.
Based on a work at www.cavalieredimonferrato.it.
Permissions beyond the scope of this license may be available at www.cavalieredimonferrato.it.

COME SOSTENERE LA MIA PERSEVERANTE ATTIVITA' DI VOLONTARIATO. Se avete apprezzato l’impegno e l’originalità dei miei articoli ritenendo che la mia attività divulgativa meriti un sostegno, appena avrete l’opportunità di farlo dedicate qualche minuto e qualche euro per sostenerla, tenendo presente che non ho entrate pubblicitarie e nessuno sponsor (condizione necessaria per mantenersi indipendenti) ed inoltre sono una vittima della riforma previdenziale della Fornero e la mia pensione è stata rinviata al 2024, ed è giusto che lo sappiate fin da adesso che l’importo che mi sarà erogato sarà minimo. Potrete contribuire con una donazione tramite PayPal all’account claudio@gc-colibri.com oppure a questo link: https://www.paypal.com/cgi-bin/webscr?cmd=_donations&business=Z2M2PAF4N76V6&lc=IT&item_name=Claudio%20Martinotti%20Doria&currency_code=EUR&bn=PP%2dDonationsBF%3abtn_donateCC_LG%2egif%3aNonHosted

Se non siete registrati a Paypal potete effettuare un bonifico bancario all’IBAN IT42M0303222600010000002011 (Credem, filiale di Casale Monferrato)

You can make a donation using PayPal account claudio@gc-colibri.com or at this link: https://www.paypal.com/cgi-bin/webscr?cmd=_donations&business=Z2M2PAF4N76V6&lc=IT&item_name=Claudio%20Martinotti%20Doria&currency_code=EUR&bn=PP%2dDonationsBF%3abtn_donateCC_LG%2egif%3aNonHosted





Patriă Montisferrati

Patriă Montisferrati
Cliccando sullo stemma del Monferrato potrete seguire su Casale News la rubrica di Storia Locale "Patriă Montisferrati", curata da Claudio Martinotti Doria in collaborazione con Manfredi Lanza, discendente aleramico del marchesi del Vasto - Busca - Lancia, principi di Trabia

Come valorizzare il Monferrato Storico

La Storia, così come il territorio e le sue genti che l’hanno vissuta e ne sono spesso ignoti ed anonimi protagonisti, meritano il massimo rispetto, occorre pertanto accostarsi ad essa con umiltà e desiderio di apprendere e servire. In questo caso si tratta di servire il Monferrato, come priorità rispetto a qualsiasi altra istanza (personale o di campanile), riconoscendo il valore di chi ci ha preceduti e di coloro che hanno contribuito a valorizzarlo, coinvolgendo senza preclusioni tutte le comunità insediate sul territorio del Monferrato Storico, affinché ognuna faccia la sua parte con una visione d’insieme ed un’unica coesa identità storico-culturale condivisa. Se ci si limita a piccole porzioni del Monferrato, per quanto significative, si è perdenti e dispersivi in partenza.

Sarà un percorso lungo e lento ma è l’unico percorribile se si vuole agire veramente per favorire il Monferrato Storico e proporlo con successo come un’unica entità territoriale turistico culturale ed economica …

ARRIVA L'EUROTASSA, evviva! Ci sentiremo tutti più europeisti



Quand’ero giovane speravo molto nell’Europa Unita perché avrebbe consentito all’Italia di limitare gradualmente i suoi numerosi e gravi difetti evolvendosi e civilizzandosi a livello degli altri paesi. Adesso che sono invecchiato sto divenendo consapevole che semmai è stata l’Italia a contagiare gli altri paesi europei, a svolgere una sorta di paradossale arte maieutica al contrario, facendo emergere e potenziando le caratteristiche latenti peggiori di ogni paese membro, in un concorso collettivo al degrado morale,al parassitismo politico istituzionale, al suicidio economico, al vassallaggio politico militare, all’inaridimento sociale.



ARRIVA L'EUROTASSA 

E così Schauble non ha finito di fare danni.
Bisogna dirlo. Quando Kohl decise di liquidarlo, licenziandolo dagli incarichi di partito, poco prima del congresso, aveva visto bene e giusto. Il tedesco dalla faccia a forma di testa di vipera, per un po’ fu messo da parte. Kohl aveva sempre guardato lontano. Il guardare lontano non poteva significare avere vicino un tale personaggio.

Risultati immagini per schauble
Kohl, che ne aveva previste tante, non riuscì a prevedere che quelle curiosa forma di finanziamento ai partiti tanto cara ai politici italiani, in Germania non avrebbe potuto funzionare. Così, i finanziamenti in nero, sottobanco, da parte di persone facoltose o aziende interessate, lo travolsero. La Germania, all’epoca, era ancora un Paese serio, con una guida illuminata e lungimirante, quale era stato Kohl per ben sedici anni. Kohl fu travolto dallo scandalo.

La testa di vipera, come succede appunto alle vipere quando le si bastona sulla testa, ma si fa l’errore di non ucciderle, era andato a nascondersi. E, appena il vecchio amico fu fatto fuori, riemerse. La vipera è molto cocciuta, anche scaltra. Sa nascondersi perfettamente fra gli anfratti, prediligendo i posti umidi e cercando riparo dal sole. È in grado di sopravvivere a lungo senza mangiare. Il suo veleno, come è noto, può essere mortale, se non adeguatamente fronteggiato.

La vipera trovò il suo ambiente ideale nell’entourage della Angela Merkel. Proveniente dalla DDR, dalla ex Germania comunista (Voi ve la immaginate, vero, la Germania Comunista? che ambientino vero?), la Angelona, divenuta federale, non trovò nessuno meglio del trombatissimo Wolfgang per farne il proprio braccio destro.

Nacque un delizioso connubio politico. Oggi lo ritroviamo sul palcoscenico tedesco ed europeo.

Risultati immagini per schauble merkel
L’ineffabile Schauble, dopo avere contribuito non poco alla confusione totale sul caso della Grecia, preannunciando la linea dura, poi la linea molto dura, poi quella morbida, poi sposando la tesi possibilista della Merkel, ma facendo contemporaneamente un applauditissimo discorso in Parlamento per “l’uscita temporanea dall’euro per 5 anni della Grecia” (una genialata che pochi avrebbero avuto il coraggio di proporre), l’ineffabile, dicevo, oggi propone l’Eurotassa.
Eh sì, signori. Qui o si integra o si muore. O l’Europa fa veramente l’integrazione fiscale, o dove andremo a finire? Quindi l’eurotassa è “il primo passo” (immaginiamoci i successivi) per una reale integrazione europea.
Potremmo dire, aggiungiamo noi, che mancava l’eurotassa per integrarci veramente. Sì, mancava. Quando gli italiani cominceranno a pagarla, si sentiranno sicuramente più integrati. Più amici di Schauble. Pazienza, hai la testa che sembra quella di una vipera, ma sei un caro amico, in fondo. Sei tedesco, quindi europeo.

È inutile dire quello che è seguito in Italia, paese che dalla cosiddetta integrazione europea ha avuto, nella sostanza, solo danni (e parliamoci chiaro una volta per tutte), salvo il fatto, non trascurabile certamente, di avere partecipato ad un processo che ha eliminato il ricorso alle armi per la risoluzione dei conflitti in seno all’Europa.
In Italia, per chi non lo avesse notato, il sottosegretario alle Finanze, Morando, ha aderito subito al progetto Schauble.
La sinistra italiana è sempre stata europeista. Sempre. Quando si è trattato di applicare tasse pro Europa e farsi del male con l’Europa, dal grande Padre di tutti i progetti europei Romano Prodi in poi, fino alle trombette e ai tromboni che si sono succeduti, che non nomino perché basta il primo, il più illuminato, appunto Lui, l’Italia, e la sinistra italiana cosiddetta progressista, è sempre stata in prima linea. Vogliamo più tasse: nel Paese meno federale al mondo, gli italiani pagano la tassa comunale, qualche tassa che riescono a pagare alle province, le tasse regionali e quelle nazionali. E può mancare la tassa europea? E a quando la tassa continentale o quella mondiale?

Risultati immagini per romano prodi 
Morando, abbiamo un’idea per Lei: la tassa rionale. Anche condominale, che però sarebbe incostituzionale perché discriminerebbe dai processi di integrazione chi vive nelle villette. Ok, vada per la tassa rionale: su, si faccia avanti, che aspetta? Schauble è tedesco, lui pensa in grande, pensa alla tassa Europea. Lei è italiano, siamo un popolo un po’ provinciale: noi vogliamo la tassa di quartiere! Se ne faccia promotore, avrà senz’altro un ruolo nella storia della integrazione del popolo italiano a questa grande Europa.

Ero nello studio di un apprezzato notaio svizzero, un paio di settimane fa. C’era un gruppo di imprenditori, svizzeri, che parlavano dell’Europa, facendosi delle gran risate. Una volta, questo, mi succedeva con l’Italia, e me ne dispiaceva. Ora la dimensione è diversa. Ora è l’Europa a suscitare le più grasse risate al resto del mondo.
Credetemi: alle volte basta mettere il naso un po’ fuori di casa, per capire meglio le cose. Fatelo, fatelo più spesso. Vedrete un sacco di cose che a prima vista sembrano non esserci, o essere diverse. Vedrete che persone che ridono, a crepapelle, di cose di cui noi parliamo sul serio. E allora vi verrà qualche dubbio.
Sappiate che fra non molto l’Europa obbligherà l’Italia, la patria del parmigiano, e non solo, ovviamente, a consentire di produrre il formaggio con il latte in polvere. Così capirete meglio quanto è buono il formaggio svizzero e che grasse risate si stanno facendo là. Avanti con l’integrazione, mi raccomando.

Buone ferie a tutti, per chi ci va in agosto!
Al Pubblico di TRADERS’, il mio consueto ringraziamento per il continuo sostegno!
 
Maurizio Monti
Editore
TRADERS’ Magazine Italia

Nessun commento: