Benvenuti nel Blog di Claudio Martinotti Doria, blogger dal 1996


"Non nobis Domine, non nobis, sed nomini Tuo da gloriam", motto dell'Ordine dei Cavalieri Templari, Pauperes commilitones Christi templique Salomonis

"Ciò che insegui ti sfugge, ciò cui sfuggi ti insegue" (aneddotica orientale, paragonabile alla nostra "chi ha pane non ha denti e chi ha denti non ha pane")

"Quello che mi ha sorpreso di più negli uomini dell'Occidente è che perdono la salute per fare soldi. E poi perdono i soldi per recuperare la salute. Pensano tanto al futuro che dimenticano di vivere il presente in tale maniera che non riescono a vivere nè il presente nè il futuro. Sono come se non dovessero morire mai e muoiono come se non avessero mai vissuto."
(Dalai Lama)

"A l'è mei mangè pan e siuli, putòst che vendsi a quaicadun" (Primo Doria, detto "il Principe")

"Prima ti ignorano, poi ti deridono, poi ti combattono. Poi vinci." Mahatma Gandhi

L'Italia non è una nazione ma un continente in miniatura con una straordinaria biodiversità e pluralità antropologica (Claudio Martinotti Doria)

Il proprio punto di vista, spesso è una visuale parziale e sfocata di un pertugio che da su un vicolo dove girano una fiction ... Molti credono sia la realtà ed i più motivati si mettono pure ad insegnare qualche tecnica per meglio osservare dal pertugio (Claudio Martinotti Doria)

Lo scopo primario della vita è semplicemente di sperimentare l'amore in tutte le sue molteplici modalità di manifestazione e di evolverci spiritualmente come individui e collettivamente (È “l'Amor che move il sole e le altre stelle”, scriveva Dante Alighieri, "un'unica Forza unisce infiniti mondi e li rende vivi", scriveva Giordano Bruno. )

La leadership politica occidentale è talmente poco dotata intellettualmente, culturalmente e spiritualmente, priva di qualsiasi perspicacia e lungimiranza, che finirà per portarci alla rovina, ponendo fine alla nostra civiltà. Claudio Martinotti Doria

PER CONTATTI: claudio@gc-colibri.com

Se preferite comunicare telefonicamente potete inviare un sms al 3485243182 lasciando il proprio recapito telefonico (fisso o mobile) per essere richiamati. Non rispondo al cellulare ai numeri sconosciuti per evitare le proposte commerciali sempre più assillanti

Questo blog ha adottato Creative Commons

Licenza Creative Commons
Blog personale by Claudio Martinotti Doria is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License.
Based on a work at www.cavalieredimonferrato.it.
Permissions beyond the scope of this license may be available at www.cavalieredimonferrato.it.

COME SOSTENERE LA MIA PERSEVERANTE ATTIVITA' DI VOLONTARIATO. Se avete apprezzato l’impegno e l’originalità dei miei articoli ritenendo che la mia attività divulgativa meriti un sostegno, appena avrete l’opportunità di farlo dedicate qualche minuto e qualche euro per sostenerla, tenendo presente che non ho entrate pubblicitarie e nessuno sponsor (condizione necessaria per mantenersi indipendenti) ed inoltre sono una vittima della riforma previdenziale della Fornero e la mia pensione è stata rinviata al 2024, ed è giusto che lo sappiate fin da adesso che l’importo che mi sarà erogato sarà minimo. Potrete contribuire con una donazione tramite PayPal all’account claudio@gc-colibri.com oppure a questo link: https://www.paypal.com/cgi-bin/webscr?cmd=_donations&business=Z2M2PAF4N76V6&lc=IT&item_name=Claudio%20Martinotti%20Doria&currency_code=EUR&bn=PP%2dDonationsBF%3abtn_donateCC_LG%2egif%3aNonHosted

Se non siete registrati a Paypal potete effettuare un bonifico bancario all’IBAN IT42M0303222600010000002011 (Credem, filiale di Casale Monferrato)

You can make a donation using PayPal account claudio@gc-colibri.com or at this link: https://www.paypal.com/cgi-bin/webscr?cmd=_donations&business=Z2M2PAF4N76V6&lc=IT&item_name=Claudio%20Martinotti%20Doria&currency_code=EUR&bn=PP%2dDonationsBF%3abtn_donateCC_LG%2egif%3aNonHosted





Patriă Montisferrati

Patriă Montisferrati
Cliccando sullo stemma del Monferrato potrete seguire su Casale News la rubrica di Storia Locale "Patriă Montisferrati", curata da Claudio Martinotti Doria in collaborazione con Manfredi Lanza, discendente aleramico del marchesi del Vasto - Busca - Lancia, principi di Trabia

Come valorizzare il Monferrato Storico

La Storia, così come il territorio e le sue genti che l’hanno vissuta e ne sono spesso ignoti ed anonimi protagonisti, meritano il massimo rispetto, occorre pertanto accostarsi ad essa con umiltà e desiderio di apprendere e servire. In questo caso si tratta di servire il Monferrato, come priorità rispetto a qualsiasi altra istanza (personale o di campanile), riconoscendo il valore di chi ci ha preceduti e di coloro che hanno contribuito a valorizzarlo, coinvolgendo senza preclusioni tutte le comunità insediate sul territorio del Monferrato Storico, affinché ognuna faccia la sua parte con una visione d’insieme ed un’unica coesa identità storico-culturale condivisa. Se ci si limita a piccole porzioni del Monferrato, per quanto significative, si è perdenti e dispersivi in partenza.

Sarà un percorso lungo e lento ma è l’unico percorribile se si vuole agire veramente per favorire il Monferrato Storico e proporlo con successo come un’unica entità territoriale turistico culturale ed economica …

C'è totem e totem.

Tuono News
Rispettare i limiti di velocità per coercizione è frutto di un'ipocrita ed assimilata cultura statalista, massificata e degradata


Di Claudio Martinotti Doria http://www.cavalieredimonferrato.it/


Vivo a Ozzano Monferrato, un borgo residenziale lungo una strada provinciale molto trafficata perché collega due città di provincia di una certa importanza, Casale Monferrato ed Asti.
Le case sono posizionate su entrambi i lati della strada per circa un paio di km lineari, con esercizi commerciali ed attraversamenti pedonali, un luogo frequentato non solo dagli abitanti ma anche da chi vi transita e sosta per fruizione dei bar e negozi.
Per parecchi anni è stato assolutamente normale assistere a transiti a velocità doppia ed oltre dei limiti di velocità anche con sorpassi e strombazzamento di automobilisti frenetici ed irritati perché alcuni inopinatamente non sfrecciavano come loro, facendoli rallentare.
Alcuni giorni fa risvegliandomi mi pareva ci fosse qualcosa di strano ma non riuscivo a mettere a fuoco di cosa si trattava, i rumori di fondo erano lievi, mi pareva quasi di essere tornato in cascina dove abitavo in precedenza, in un luogo collinare isolato. Poi uscendo di casa ho capito cosa era successo. A 30 metri, forse meno, avevano piazzato un VELO OK, uno di quei totem arancioni che rilevano la velocità. Anzi ne avevano piazzati una decina in tutto il borgo, praticamente uno ogni 200 metri circa.
Gli automobilisti, da bravi italiani da stereotipo, ipocriti e pusillanimi, viaggiavano tutti ai 40 kmh, anche al di sotto, nemmeno ai 60 come ci saremmo aspettati, in una apparente emulazione dei paesi anglosassoni, nei quali è normale il rispetto per la vita degli altri, e visto che STAI TRANSITANDO IN UNA ZONA RESIDENZIALE CON CENTINAIA DI CASE FORSE I 120 KMH NON SONO UNA VELOCITA' CONSONA.
Quindi da alcuni giorni di colpo gli automobilisti sono diventati agnellini, ligi alle norme del codice della strada, con una condotta responsabile e rispettosa, addirittura molto al di sotto dei limiti di velocità indicati e dei quali tutti gli abitanti del luogo sono anche disposti a tollerare un moderato superamento, ma non era più tollerabile il menefreghismo assoluto e prepotente cui si assisteva costantemente, a rischio di ulteriore progressivo degrado, come non ci fosse limite al peggio, con automobilisti sempre più veloci e sempre più prepotenti.
Una popolazione che alla guida di un'autovettura non è consapevole che transitare ai 100-120 km orari in una area residenziale è un'offesa per la proprietà privata, un'ingerenza nella qualità della vita di coloro che vi risiedono, un rischio per l'incolumità delle persone ed una mancanza di rispetto, ecc., è una popolazione ipocrita di cultura statalista che si adegua solo se minacciata di repressione e di estorsione pecuniaria.

In questo caso non centra niente l'avidità ed i sotterfugi delle amministrazioni locali per incassare denaro e rimediare alla penuria finanziaria, ma è una questione di civiltà e di rispetto, di cui solo una minoranza di italiani purtroppo è dotata, essendo in troppi condizionati dai pessimi valori trasmessi mediaticamente e dall'ignoranza diffusa che si manifesta in una molteplicità di modi cialtroni e cafoni, tra cui lo stile di guida. L'amministrazione locale non incasserà nulla da questa operazione perché avendone installati una decina di totem (anziché solo un paio) ed essendo molto ben visibili, ha costretto tutti gli automobilisti a rallentare e quindi difficilmente ci saranno trasgressioni e saranno comminate pene pecuniarie. Lo scopo era evidentemente di provocare il rallentamento del transito e non applicare gabelle indirette.
Se la cultura popolare fosse localistica e comunitaria anziché statalista, non ci sarebbe stato bisogno di installare i totem, sarebbe bastato il buon senso ed il rispetto intrinseco per la vita e la proprietà altrui, sarebbe bastato pensare che in quelle case potreste abitare Voi che state transitando e non vi farebbe piacere che qualcuno passi a velocità folle spostando masse d'aria, provocando inquinamento atmosferico ed acustico e vibrazioni (evitabile andando adagio) e rischiando di investire qualcuno ...
Concludendo, ben vengano i totem arancioni se è l'unica soluzione per far comportare responsabilmente gli automobilisti, ma è comunque una ben triste realtà sociale, che lascia poche speranze e prospettive in coloro che come me sperano in un'evoluzione dell'autonomismo localistico per compensare lo statalismo sempre più liberticida, invadente, corrotto e degradato.

Nessun commento: