Benvenuti nel Blog di Claudio Martinotti Doria, blogger dal 1996


"Non nobis Domine, non nobis, sed nomini Tuo da gloriam", motto dell'Ordine dei Cavalieri Templari, Pauperes commilitones Christi templique Salomonis

"Ciò che insegui ti sfugge, ciò cui sfuggi ti insegue" (aneddotica orientale, paragonabile alla nostra "chi ha pane non ha denti e chi ha denti non ha pane")

"Quello che mi ha sorpreso di più negli uomini dell'Occidente è che perdono la salute per fare soldi. E poi perdono i soldi per recuperare la salute. Pensano tanto al futuro che dimenticano di vivere il presente in tale maniera che non riescono a vivere nè il presente nè il futuro. Sono come se non dovessero morire mai e muoiono come se non avessero mai vissuto."
(Dalai Lama)

"A l'è mei mangè pan e siuli, putòst che vendsi a quaicadun" (Primo Doria, detto "il Principe")

"Prima ti ignorano, poi ti deridono, poi ti combattono. Poi vinci." Mahatma Gandhi

L'Italia non è una nazione ma un continente in miniatura con una straordinaria biodiversità e pluralità antropologica (Claudio Martinotti Doria)

Il proprio punto di vista, spesso è una visuale parziale e sfocata di un pertugio che da su un vicolo dove girano una fiction ... Molti credono sia la realtà ed i più motivati si mettono pure ad insegnare qualche tecnica per meglio osservare dal pertugio (Claudio Martinotti Doria)

Lo scopo primario della vita è semplicemente di sperimentare l'amore in tutte le sue molteplici modalità di manifestazione e di evolverci spiritualmente come individui e collettivamente (È “l'Amor che move il sole e le altre stelle”, scriveva Dante Alighieri, "un'unica Forza unisce infiniti mondi e li rende vivi", scriveva Giordano Bruno. )

La leadership politica occidentale è talmente poco dotata intellettualmente, culturalmente e spiritualmente, priva di qualsiasi perspicacia e lungimiranza, che finirà per portarci alla rovina, ponendo fine alla nostra civiltà. Claudio Martinotti Doria

PER CONTATTI: claudio@gc-colibri.com

Se preferite comunicare telefonicamente potete inviare un sms al 3485243182 lasciando il proprio recapito telefonico (fisso o mobile) per essere richiamati. Non rispondo al cellulare ai numeri sconosciuti per evitare le proposte commerciali sempre più assillanti

Questo blog ha adottato Creative Commons

Licenza Creative Commons
Blog personale by Claudio Martinotti Doria is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License.
Based on a work at www.cavalieredimonferrato.it.
Permissions beyond the scope of this license may be available at www.cavalieredimonferrato.it.

COME SOSTENERE LA MIA PERSEVERANTE ATTIVITA' DI VOLONTARIATO. Se avete apprezzato l’impegno e l’originalità dei miei articoli ritenendo che la mia attività divulgativa meriti un sostegno, appena avrete l’opportunità di farlo dedicate qualche minuto e qualche euro per sostenerla, tenendo presente che non ho entrate pubblicitarie e nessuno sponsor (condizione necessaria per mantenersi indipendenti) ed inoltre sono una vittima della riforma previdenziale della Fornero e la mia pensione è stata rinviata al 2024, ed è giusto che lo sappiate fin da adesso che l’importo che mi sarà erogato sarà minimo. Potrete contribuire con una donazione tramite PayPal all’account claudio@gc-colibri.com oppure a questo link: https://www.paypal.com/cgi-bin/webscr?cmd=_donations&business=Z2M2PAF4N76V6&lc=IT&item_name=Claudio%20Martinotti%20Doria&currency_code=EUR&bn=PP%2dDonationsBF%3abtn_donateCC_LG%2egif%3aNonHosted

Se non siete registrati a Paypal potete effettuare un bonifico bancario all’IBAN IT42M0303222600010000002011 (Credem, filiale di Casale Monferrato)

You can make a donation using PayPal account claudio@gc-colibri.com or at this link: https://www.paypal.com/cgi-bin/webscr?cmd=_donations&business=Z2M2PAF4N76V6&lc=IT&item_name=Claudio%20Martinotti%20Doria&currency_code=EUR&bn=PP%2dDonationsBF%3abtn_donateCC_LG%2egif%3aNonHosted





Patriă Montisferrati

Patriă Montisferrati
Cliccando sullo stemma del Monferrato potrete seguire su Casale News la rubrica di Storia Locale "Patriă Montisferrati", curata da Claudio Martinotti Doria in collaborazione con Manfredi Lanza, discendente aleramico del marchesi del Vasto - Busca - Lancia, principi di Trabia

Come valorizzare il Monferrato Storico

La Storia, così come il territorio e le sue genti che l’hanno vissuta e ne sono spesso ignoti ed anonimi protagonisti, meritano il massimo rispetto, occorre pertanto accostarsi ad essa con umiltà e desiderio di apprendere e servire. In questo caso si tratta di servire il Monferrato, come priorità rispetto a qualsiasi altra istanza (personale o di campanile), riconoscendo il valore di chi ci ha preceduti e di coloro che hanno contribuito a valorizzarlo, coinvolgendo senza preclusioni tutte le comunità insediate sul territorio del Monferrato Storico, affinché ognuna faccia la sua parte con una visione d’insieme ed un’unica coesa identità storico-culturale condivisa. Se ci si limita a piccole porzioni del Monferrato, per quanto significative, si è perdenti e dispersivi in partenza.

Sarà un percorso lungo e lento ma è l’unico percorribile se si vuole agire veramente per favorire il Monferrato Storico e proporlo con successo come un’unica entità territoriale turistico culturale ed economica …

L'ultimo intervento di Eugenio Benetazzo riporta esattamente quanto affermo da parecchi anni, il paese è fallito, governato da parassiti e con una popolazione di una ignoranza spaventosa

L'INVOLUZIONE ITALIANA

Eugenio Benetazzo
di Eugenio Benetazzo

Con il termine evoluzione, si intende il progressivo ed ininterrotto accumularsi di modificazioni successive atte a conseguire in un arco di tempo sufficientemente ampio, consistenti cambiamenti strutturali e funzionali tanto in un organismo vivente quanto in un  oggetto inanimato. Invece l'involuzione identifica in contrapposizione un processo di riduzione ed atrofizzazione di alcuni parti vitali o sostanziali che producono un fenomeno inarrestabile di decadimento e regresso con riferimento anche alla vita culturale ed economica di una popolazione. Molti lettori mi hanno scritto che hanno perso ormai definitivamente la speranza dopo aver visto la composizione e le varie nomine del nuovo governo italiano, che di nuovo purtroppo ha veramente poco. Alla fine il dopo elezioni consegna il paese, a distanza di quasi dieci settimane dalla più infelice tornata elettorale degli ultimi tre decenni, nelle mani di un esecutivo che non è né carne e né pesce, una rimescolanza poco geneticamente modificata a cui ancora una volta sono affidate le speranze di rinnovamento del vecchio stivale. Non so come vi state attrezzando per affrontare la futura produzione legislativa e i semestri che ci attendono, ma ormai ho ben presente quale sarà il futuro che ho davanti sia come contribuente che imprenditore italiano.

Non starò per questo qui ad aspettare che arrivi il Messia, come avevamo precedentemente scritto alcune settimane fa. Ancora nel 2006 quando non avevo una significativa visibilità mediatica avevo ben presente il quadro che ci stava innanzi, questa convinzione dopo mi portò a scrivere il primo saggio allora veramente fuori dal coro sui rischi finanziari che caratterizzavano sia il nostro paese e sia tutto il mondo occidentale. La scorsa settimana sono stato ospite di un'associazione di imprenditori in Lombardia: all'interno della relazione che si è sviluppato e durante il confronto dialettico con i vari rappresentati è emerso che il male di questo paese sembrerebbe la classe dirigente attuale. L'esito delle recenti elezioni ha finalmente smosso lo stagno e ora secondo loro si dovrebbe iniziare una fase di risalita e riscatto. Contenti loro di questa lettura, mi sento invece di farne un'altra. Sono nato nel 1973 e per vent'anni non ho fatto altro che sentire denigrazioni e scontentezza nei confronti degli esponenti della Democrazia Cristiana e del Partito Socialista, rei secondo vox populi di aver imballato il paese. Nel 1993 esplode lo scandalo Tangentopoli che condanna tutta la vecchia classe politica (in parte oggi ancora presente) e apre la strada per un rinnovamento trainato da Forza Italia, Lega Nord & Company.

Passano altri vent'anni e ci ritroviamo nel 2013 con un paese colpito da scandali politici e finanziari notevolmente amplificati rispetto a quelli di vent'anni prima. Addirittura alcuni nuovi partiti di allora oggi sono già defunti e le solite tematiche italiane (pressione fiscale, debito pubblico, economia sommersa, extracomunitari, flessibilità del mercato del lavoro) rappresentano i temi caldi di ogni talk show italiano proprio al pari di vent'anni prima. La prima legge della fisica meccanica insegna che nulla si crea e nulla si distrugge, questo purtroppo vale in tutto il pianeta tranne che in Italia, sarebbe opportuno ricordarlo all'interno dei corsi di laurea. Sempre in quel contesto si dovrebbe menzionare invece la teoria involutiva della nazione italiana. Quest'ultima purtroppo non viene spesso menzionata, forse perchè sarebbe l'unica a far aprire gli occhi e comprendere il triste destino che aspetta l'intera popolazione. In buona sostanza chi ha voglia di fare, capacità oggettive, spirito imprenditoriale, lungimiranza e buon senso,  prende ed emigra, impiantandosi su un paese molto più accondiscendente ed attraente sul piano imprenditoriale e professionale. Il paese pertanto perde imprenditori, ricercatori, lavoratori molto qualificati e pensatori di spessore e di rilievo.

L'anno successivo si verifica lo stesso tipo di processo, partono altri che all'inizio erano titubanti, ma dal feedback ricevuto dai primi italiani all'estero ricevono conforto ed emigrano anche loro.  L'anno dopo ancora si verifica lo stesso schema i più lungimiranti che rimangono supportati dal blessing di chi se ne è andato prima di loro decidono di fare altrettanto. In sintesi diventa un processo inesorabile (termine che deriva dal latino, di chi non si lascia convincere dalle preghiere), implacabile e inflessibile. Nel paese invece rimangono in proporzione sempre più rilevante le persone meno capaci, meno sensibili al futuro del paese, meno competenti (oltre a chi non può andarsene per impegni finanziari e vincoli familiari) che nel tempo promulgano i vari referenti della classe politica e dirigente sul riflesso di quello che resta della popolazione. In parallelo invece il paese importa manodopera extracomunitaria da ogni parte del mondo, priva nella stragrande maggioranza dei casi di significative qualifiche professionali, che pretende e riceve trattamenti di favore che in altri paesi difficilmente si vedrebbe riconosciuta. Il quadro finale pertanto delinea una nazione soggetta a involuzione sociale il cui processo impatta quotidianamente nella incapacità di generare nuova ricchezza economica oltre a un naturale rinnovamento ed evoluzione sociale a seguito della perdita costante anno dopo anno delle sue migliori risorse umane.

Nessun commento: