Benvenuti nel Blog di Claudio Martinotti Doria, blogger dal 1996


"Non nobis Domine, non nobis, sed nomini Tuo da gloriam", motto dell'Ordine dei Cavalieri Templari, Pauperes commilitones Christi templique Salomonis

"Ciò che insegui ti sfugge, ciò cui sfuggi ti insegue" (aneddotica orientale, paragonabile alla nostra "chi ha pane non ha denti e chi ha denti non ha pane")

"Quello che mi ha sorpreso di più negli uomini dell'Occidente è che perdono la salute per fare soldi. E poi perdono i soldi per recuperare la salute. Pensano tanto al futuro che dimenticano di vivere il presente in tale maniera che non riescono a vivere nè il presente nè il futuro. Sono come se non dovessero morire mai e muoiono come se non avessero mai vissuto."
(Dalai Lama)

"A l'è mei mangè pan e siuli, putòst che vendsi a quaicadun" (Primo Doria, detto "il Principe")

"Prima ti ignorano, poi ti deridono, poi ti combattono. Poi vinci." Mahatma Gandhi

L'Italia non è una nazione ma un continente in miniatura con una straordinaria biodiversità e pluralità antropologica (Claudio Martinotti Doria)

Il proprio punto di vista, spesso è una visuale parziale e sfocata di un pertugio che da su un vicolo dove girano una fiction ... Molti credono sia la realtà ed i più motivati si mettono pure ad insegnare qualche tecnica per meglio osservare dal pertugio (Claudio Martinotti Doria)

Lo scopo primario della vita è semplicemente di sperimentare l'amore in tutte le sue molteplici modalità di manifestazione e di evolverci spiritualmente come individui e collettivamente (È “l'Amor che move il sole e le altre stelle”, scriveva Dante Alighieri, "un'unica Forza unisce infiniti mondi e li rende vivi", scriveva Giordano Bruno. )

La leadership politica occidentale è talmente poco dotata intellettualmente, culturalmente e spiritualmente, priva di qualsiasi perspicacia e lungimiranza, che finirà per portarci alla rovina, ponendo fine alla nostra civiltà. Claudio Martinotti Doria

PER CONTATTI: claudio@gc-colibri.com

Se preferite comunicare telefonicamente potete inviare un sms al 3485243182 lasciando il proprio recapito telefonico (fisso o mobile) per essere richiamati. Non rispondo al cellulare ai numeri sconosciuti per evitare le proposte commerciali sempre più assillanti

Questo blog ha adottato Creative Commons

Licenza Creative Commons
Blog personale by Claudio Martinotti Doria is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License.
Based on a work at www.cavalieredimonferrato.it.
Permissions beyond the scope of this license may be available at www.cavalieredimonferrato.it.

COME SOSTENERE LA MIA PERSEVERANTE ATTIVITA' DI VOLONTARIATO. Se avete apprezzato l’impegno e l’originalità dei miei articoli ritenendo che la mia attività divulgativa meriti un sostegno, appena avrete l’opportunità di farlo dedicate qualche minuto e qualche euro per sostenerla, tenendo presente che non ho entrate pubblicitarie e nessuno sponsor (condizione necessaria per mantenersi indipendenti) ed inoltre sono una vittima della riforma previdenziale della Fornero e la mia pensione è stata rinviata al 2024, ed è giusto che lo sappiate fin da adesso che l’importo che mi sarà erogato sarà minimo. Potrete contribuire con una donazione tramite PayPal all’account claudio@gc-colibri.com oppure a questo link: https://www.paypal.com/cgi-bin/webscr?cmd=_donations&business=Z2M2PAF4N76V6&lc=IT&item_name=Claudio%20Martinotti%20Doria&currency_code=EUR&bn=PP%2dDonationsBF%3abtn_donateCC_LG%2egif%3aNonHosted

Se non siete registrati a Paypal potete effettuare un bonifico bancario all’IBAN IT42M0303222600010000002011 (Credem, filiale di Casale Monferrato)

You can make a donation using PayPal account claudio@gc-colibri.com or at this link: https://www.paypal.com/cgi-bin/webscr?cmd=_donations&business=Z2M2PAF4N76V6&lc=IT&item_name=Claudio%20Martinotti%20Doria&currency_code=EUR&bn=PP%2dDonationsBF%3abtn_donateCC_LG%2egif%3aNonHosted





Patriă Montisferrati

Patriă Montisferrati
Cliccando sullo stemma del Monferrato potrete seguire su Casale News la rubrica di Storia Locale "Patriă Montisferrati", curata da Claudio Martinotti Doria in collaborazione con Manfredi Lanza, discendente aleramico del marchesi del Vasto - Busca - Lancia, principi di Trabia

Come valorizzare il Monferrato Storico

La Storia, così come il territorio e le sue genti che l’hanno vissuta e ne sono spesso ignoti ed anonimi protagonisti, meritano il massimo rispetto, occorre pertanto accostarsi ad essa con umiltà e desiderio di apprendere e servire. In questo caso si tratta di servire il Monferrato, come priorità rispetto a qualsiasi altra istanza (personale o di campanile), riconoscendo il valore di chi ci ha preceduti e di coloro che hanno contribuito a valorizzarlo, coinvolgendo senza preclusioni tutte le comunità insediate sul territorio del Monferrato Storico, affinché ognuna faccia la sua parte con una visione d’insieme ed un’unica coesa identità storico-culturale condivisa. Se ci si limita a piccole porzioni del Monferrato, per quanto significative, si è perdenti e dispersivi in partenza.

Sarà un percorso lungo e lento ma è l’unico percorribile se si vuole agire veramente per favorire il Monferrato Storico e proporlo con successo come un’unica entità territoriale turistico culturale ed economica …

La nascita di varie istituzioni indipendenti rafforzerebbe la società civile a scapito del ceto politico, poiché accrescerebbe la concorrenza istituzionale, diminuirebbe il parassitismo ...

Intervista a Carlo Lottieri 

... la nascita di varie istituzioni indipendenti rafforzerebbe la società civile a scapito del ceto politico, poiché accrescerebbe la concorrenza istituzionale, diminuirebbe il parassitismo (più difficile nelle piccole realtà), cancellerebbe la redistribuzione territoriale, avvicinerebbe i governanti ai governati, e via dicendo.


 
Carlo Lottieri è uno dei maggiori esponenti del pensiero liberale e libertario italiano. Nel 2003 è stato tra i fondatori dell’Istituto Bruno Leoni, del quale dirige il dipartimento di Teoria Politica. E’ professore di Dottrina dello Stato all’Università di Siena e collabora con “Il Giornale”. In questa intervista, realizzata da Luca Bertoletti per The Fielder, abbiamo affrontato insieme al Professore – che ringraziamo per la disponibilità – alcune tematiche dell’attualità politica italiana ed europea.

Professor Lottieri, da qualche tempo Lei sta sostenendo le ragioni – insieme ad alcuni esponenti della società civile riuniti nell’associazione Diritto di Voto – di quanti chiedono un referendum sull’indipendenza veneta. Può spiegare i punti salienti di questa iniziativa?

L’Europa sta cambiando e a grande velocità. Lo Stato nazionale, all’origine di terribili tragedie e troppe inutili stragi (oltre che il fondamento di regimi illiberali e, oggi, di una redistribuzione welfarista che sta affossando l’economia), sta entrando in una crisi che è accelerata dalle crescenti difficoltà sociali. Quello che auspico è che a ogni diversa realtà d’Europa (a ogni regione e a ogni città) sia riconosciuta la facoltà di mantenere il legame attuale con lo Stato di cui fa parte, se lo vuole, oppure di andarsene, se lo preferisce. Se il Montenegro ha potuto separarsi dalla Serbia, grazie a un referendum, e se la Scozia nel 2014 voterà sulla propria indipendenza, per quale ragione tale facoltà di decidere sul proprio futuro dovrebbe essere negata ai veneti o ai catalani? Senza dimenticare che la nascita di varie istituzioni indipendenti rafforzerebbe la società civile a scapito del ceto politico, poiché accrescerebbe la concorrenza istituzionale, diminuirebbe il parassitismo (più difficile nelle piccole realtà), cancellerebbe la redistribuzione territoriale, avvicinerebbe i governanti ai governati, e via dicendo. A mio parere, comunque, in Veneto quel referendum si farà, dato che le ragioni del diritto internazionale e il massiccio consenso della popolazione sono assai più forti dell’articolo 5 della Costituzione. Senza dimenticare che nessuna popolazione è disposta ad accettare il declino e vedere negate le proprie libertà solo in ragione di qualche parola, figlia di una cultura illiberale, scritta su un pezzo di carta più di mezzo secolo fa.

- Nelle “Lezioni di Politica”, Miglio sostiene che “la miseria e la grandezza dello Stato moderno si gioca, in larga parte, nella perenne contesa fra lo Stato che cerca di spremere i cittadini per avere le risorse di cui ha bisogno, e questi che gli resistono, o che almeno cercano di difendersi”. Qual è il suo pensiero sull’attuale rapporto, in Italia, fra lo Stato, i cittadini e le risorse?

Il realismo politico di Miglio è esemplare. Lo Stato moderno è in larga misura la prosecuzione e la riformulazione, entro un quadro istituzionale e ideologico assai raffinato, del dominio che la tribù vincente esercita su quella sconfitta all’indomani di una vittoria militare. Il ceto politico-burocratico è la classe dominante (o una parte rilevante di essa) e usa questa condizione per ottenere prestigio e risorse. Ma ormai si ha la sensazione di essere su una barca governata da un ammiraglio ubriaco. In particolare, la quota di ricchezza che i settori più parassitari stanno estraendo dal resto della società è talmente elevata che l’intero organismo rischia di morire. Ogni bimbo che oggi viene al mondo deve fare i conti, fin dal primo giorno di vita, con un debito pubblico pro-capite di circa 100 mila euro: tra debito statale, debito degli enti locali e debito previdenziale. In questa situazione è normale che i giovani, i capitali e le imprese se ne vadano. L’unica alternativa a questa secessione silenziosa è la nascita di nuove entità indipendenti, in modo che ognuno sia tenuto a tenere in ordine quanto più sia possibile il proprio cortile.

- Come giudica l’operato del governo Monti?

Questo esecutivo si è trovato a operare in un quadro disastroso, perché il governo Berlusconi-Tremonti è stato un fallimento senza pari. Ma invece che puntare – specie nei primi cento giorni – su un’azione volta ad aggredire la spesa pubblica e più in generale a ridimensionare l’enorme arcipelago dei dipendenti statali, Monti ha preferito aumentare a dismisura il prelievo fiscale e questo per ragioni di calcolo politico. Il suo obiettivo era ed è quello di arrivare in piedi, per così dire, alle prossime elezioni: e quindi ha fatto calcoli ragionieristici di breve termine. Com’è caratteristico di ogni politico di lungo corso.

- Qual è la sua opinione sull’ennesima discesa in campo di Silvio Berlusconi? Secondo lei, quali sono le prospettive a breve e lungo termine per il centrodestra italiano?

Silvio Berlusconi è un equivoco da cui bisogna uscire al più presto. Non penso che l’Italia sia riformabile, ma rispetto quanti coltivano questa speranza. Il problema è che nel centro-destra italiano degli ultimi vent’anni e nel ridicolo tentativo attuale di mantenerlo in vita non c’è neppure questo sogno irrealistico. C’è solo il persistere di simboli laceri, di retoriche nazionali senza credibilità, di una propaganda talora vagamente liberale ma puntualmente smentita da pratiche stataliste (a Berlusconi va imputata la responsabilità di avere consegnato a Giulio Tremonti la gestione dell’economia). Il centro-destra è soprattutto un vuoto di idee, ideali ed esperienze positive. Non credo abbia prospettive.

- La sconfitta di Matteo Renzi alle primarie del centrosinistra ha dimostrato ancora una volta quanto sia difficile scardinare la nomenklatura dei partiti, e ha confermato la storica diffidenza dell’elettorato verso idee – anche vagamente – liberali. Come spiega questa avversione?

La sinistra italiana chiamata a scegliere tra Bersani e Renzi è, in primo luogo, l’erede del vecchio partito comunista: non è quindi sorprendente che non sia attraversata da idealità libertarie. Il vero padre storico della nostra sinistra si chiama Palmiro Togliatti, che era alla testa del Comintern staliniano all’epoca della guerra di Spagna. Alla luce di tutto ciò, il risultato finale delle primarie non è quindi del tutto negativo. Ma il guaio sta nel fatto che il meglio che oggi l’Italia sa tirare fuori dal cilindro è un giovane-vecchio democristiano che ha fatto tutta una gavetta da politico di professione, presiedendo la provincia di Firenze prima di diventare sindaco della città. In realtà, considerata questa forte avversione per le logiche liberali che caratterizza il Paese, è il caso di prendere atto che gli italiani possono essere portati a capire i benefici di questo solo da una trasformazione radicale, che lasci alle spalle lo Stato nazionale unitario.

Nessun commento: