Benvenuti nel Blog di Claudio Martinotti Doria, blogger dal 1996


"Non nobis Domine, non nobis, sed nomini Tuo da gloriam", motto dell'Ordine dei Cavalieri Templari, Pauperes commilitones Christi templique Salomonis

"Ciò che insegui ti sfugge, ciò cui sfuggi ti insegue" (aneddotica orientale, paragonabile alla nostra "chi ha pane non ha denti e chi ha denti non ha pane")

"Quello che mi ha sorpreso di più negli uomini dell'Occidente è che perdono la salute per fare soldi. E poi perdono i soldi per recuperare la salute. Pensano tanto al futuro che dimenticano di vivere il presente in tale maniera che non riescono a vivere nè il presente nè il futuro. Sono come se non dovessero morire mai e muoiono come se non avessero mai vissuto."
(Dalai Lama)

"A l'è mei mangè pan e siuli, putòst che vendsi a quaicadun" (Primo Doria, detto "il Principe")

"Prima ti ignorano, poi ti deridono, poi ti combattono. Poi vinci." Mahatma Gandhi

L'Italia non è una nazione ma un continente in miniatura con una straordinaria biodiversità e pluralità antropologica (Claudio Martinotti Doria)

Il proprio punto di vista, spesso è una visuale parziale e sfocata di un pertugio che da su un vicolo dove girano una fiction ... Molti credono sia la realtà ed i più motivati si mettono pure ad insegnare qualche tecnica per meglio osservare dal pertugio (Claudio Martinotti Doria)

Lo scopo primario della vita è semplicemente di sperimentare l'amore in tutte le sue molteplici modalità di manifestazione e di evolverci spiritualmente come individui e collettivamente (È “l'Amor che move il sole e le altre stelle”, scriveva Dante Alighieri, "un'unica Forza unisce infiniti mondi e li rende vivi", scriveva Giordano Bruno. )

La leadership politica occidentale è talmente poco dotata intellettualmente, culturalmente e spiritualmente, priva di qualsiasi perspicacia e lungimiranza, che finirà per portarci alla rovina, ponendo fine alla nostra civiltà. Claudio Martinotti Doria

PER CONTATTI: claudio@gc-colibri.com

Se preferite comunicare telefonicamente potete inviare un sms al 3485243182 lasciando il proprio recapito telefonico (fisso o mobile) per essere richiamati. Non rispondo al cellulare ai numeri sconosciuti per evitare le proposte commerciali sempre più assillanti

Questo blog ha adottato Creative Commons

Licenza Creative Commons
Blog personale by Claudio Martinotti Doria is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License.
Based on a work at www.cavalieredimonferrato.it.
Permissions beyond the scope of this license may be available at www.cavalieredimonferrato.it.

COME SOSTENERE LA MIA PERSEVERANTE ATTIVITA' DI VOLONTARIATO. Se avete apprezzato l’impegno e l’originalità dei miei articoli ritenendo che la mia attività divulgativa meriti un sostegno, appena avrete l’opportunità di farlo dedicate qualche minuto e qualche euro per sostenerla, tenendo presente che non ho entrate pubblicitarie e nessuno sponsor (condizione necessaria per mantenersi indipendenti) ed inoltre sono una vittima della riforma previdenziale della Fornero e la mia pensione è stata rinviata al 2024, ed è giusto che lo sappiate fin da adesso che l’importo che mi sarà erogato sarà minimo. Potrete contribuire con una donazione tramite PayPal all’account claudio@gc-colibri.com oppure a questo link: https://www.paypal.com/cgi-bin/webscr?cmd=_donations&business=Z2M2PAF4N76V6&lc=IT&item_name=Claudio%20Martinotti%20Doria&currency_code=EUR&bn=PP%2dDonationsBF%3abtn_donateCC_LG%2egif%3aNonHosted

Se non siete registrati a Paypal potete effettuare un bonifico bancario all’IBAN IT42M0303222600010000002011 (Credem, filiale di Casale Monferrato)

You can make a donation using PayPal account claudio@gc-colibri.com or at this link: https://www.paypal.com/cgi-bin/webscr?cmd=_donations&business=Z2M2PAF4N76V6&lc=IT&item_name=Claudio%20Martinotti%20Doria&currency_code=EUR&bn=PP%2dDonationsBF%3abtn_donateCC_LG%2egif%3aNonHosted





Patriă Montisferrati

Patriă Montisferrati
Cliccando sullo stemma del Monferrato potrete seguire su Casale News la rubrica di Storia Locale "Patriă Montisferrati", curata da Claudio Martinotti Doria in collaborazione con Manfredi Lanza, discendente aleramico del marchesi del Vasto - Busca - Lancia, principi di Trabia

Come valorizzare il Monferrato Storico

La Storia, così come il territorio e le sue genti che l’hanno vissuta e ne sono spesso ignoti ed anonimi protagonisti, meritano il massimo rispetto, occorre pertanto accostarsi ad essa con umiltà e desiderio di apprendere e servire. In questo caso si tratta di servire il Monferrato, come priorità rispetto a qualsiasi altra istanza (personale o di campanile), riconoscendo il valore di chi ci ha preceduti e di coloro che hanno contribuito a valorizzarlo, coinvolgendo senza preclusioni tutte le comunità insediate sul territorio del Monferrato Storico, affinché ognuna faccia la sua parte con una visione d’insieme ed un’unica coesa identità storico-culturale condivisa. Se ci si limita a piccole porzioni del Monferrato, per quanto significative, si è perdenti e dispersivi in partenza.

Sarà un percorso lungo e lento ma è l’unico percorribile se si vuole agire veramente per favorire il Monferrato Storico e proporlo con successo come un’unica entità territoriale turistico culturale ed economica …

CATTANEO, CONTRO L'ITALIA UNITA!


Prefazione di Claudio Martinotti Doria

Carlo Cattaneo, di cui ricorrerà il prossimo anno il duecentesimo anniversario della nascita (in corrispondenza delle celebrazioni per i 150 anni dall'Unità d'Italia), nel 1848 scrisse un libro i cui contenuti possono risultare di una sconcertante attualità, in quanto i vizi e difetti della classe politica di allora paiono essere immutati a tutt'oggi. Alle classi dirigenti locali infatti il Cattaneo attribuisce il fallimento dei moti insurrezionali del '48, composte da uomini abituati al potere e non intenzionati a perderne i privilegi derivanti, disposti a tutto pur di continuare a servire un padrone che garantisca loro la continuità al potere, motivo che li ha indotti a scegliere il Piemonte anziché l'autodeterminazione. Il destino dell'Italia doveva essere una federazione di stati autonomi e non l'espansione del potere politico e territoriale dei Savoia. Neppure Camillo Benso conte di Cavour aveva intenzione di creare l'unità d'Italia, ma voleva limitarsi al Nord Italia governato dai Savoia, il resto doveva rimanere pressappoco immutato. Ma poi si sa che la storia la scrivono i vincitori e la storiografia di regime si adegua, e prevale poi la retorica e propaganda di stato, che ci ha propinato delle falsità a iosa sul risorgimento, cui purtroppo negli ultimi anni ha fatto da contraltare un populismo di basso profilo che a sua volta fa scempio della storia, per cui la verità storica non sta ne da una parte e neppure dall'altra.
Siamo vittime di una sorta di immutabilità delle peculiari dinamiche politiche italiane, conformate ai moltissimi "ismi" che le sottendono, dal particolarismo al trasformismo, dal familismo al nepotismo, dall'affarismo all'opportunismo, dall'individualismo allo statalismo, dal corporativismo al monopolismo, dal protezionismo al favoritismo, dal clientelismo al baronismo, ecc.. Pare sia il destino o karma della nostra penisola, essere governati da pessime classi dirigenti politiche, quantomeno dall'Ancien Regime in avanti, che da noi non è mai cessato, ed infatti ho definito il nostro regimo politico di tipo "neofeudale". In Monferrato hanno iniziato i Gonzaga Nevers nel 1631, e quindi siamo abituati da circa quattro secoli ad essere mal governati e quindi temo sia ormai divenuta una connotazione politico culturale istituzionalizzata e sedimentata nello stesso DNA delle popolazioni … Prepariamoci a sopportare quanto cercheranno di propinarci con la ricorrenza dei 150 anni dell'Unità d'Italia, da parte di entrambi gli schieramenti, i nazionalisti da una parte e i cosiddetti secessionisti padani dall'altra, i primi si fondano sulle falsità del Risorgimento scritte a tavolino dagli scribi di casa Savoia, ed i secondi che si ispirano ad Alberto da Giussano, che è un personaggio mitologico storicizzato dal Carducci proprio durante e per favorire il Risorgimento. Siamo messi proprio bene. Per chi ama la verità ed è abituato a documentarsi, provi a cercare nelle biblioteche il seguente testo scritto sul finire degli anni '70 da un monferrino: CLIENTELISMO E SISTEMA POLITICO. Il caso dell'Italia. L'autore è Luigi Graziano, l'editore è Franco Angeli. Non credo sia reperibile in altro modo, non essendo stato gradito dalla partitocrazia al potere, non ha avuto il seguito che meritava e deve aver procurato qualche noia al suo autore. Capirete cosa era l'Italia ai tempi dell'unità ed i suoi inevitabili sviluppi fino agli anni '80. Buona lettura e soprattutto buona fortuna.

Giosuè Carducci

CATTANEO, CONTRO L'ITALIA UNITA!
Fonte: Movimento Libertario http://www.movimentolibertario.it
di Andrea Benzi
Esiste un testo che rappresenta una lettura obbligata per tutti coloro che sono animati, nonostante tutto e tutti, dal sentimento di poter cambiare la struttura politica dell'Italia in modo radicale e rivoluzionario. Questo testo è un vecchio libello di Carlo Cattaneo, personaggio che negli ultimi tempi ha ridestato un qualche interesse (quest'anno ne ricorre il duecentesimo anniversario della nascita), tirato per la giacca dai confusi e populistici epigoni di un federalismo ambiguo ed antinazionale.
Mi riferisco a "Dell'insurrezione di Milano nel 1848 e della successiva guerra": tale libro venne scritto in un momento di particolare sconforto per le forze politiche sostenitrici dell'idea di un'Italia politicamente unita nei suoi confini naturali, reduci come erano quelle forze dalle illusioni maturate e, soprattutto, dalle immediate sconfitte subite durante il 1848, l'anno che vide la confusa insurrezione di città e stati dell'Italia preunitaria contro il dominio austriaco. Una volta depurato il testo dai riferimenti contingenti e datati, il suo contenuto, le sue proposizioni, gli eventi e le figure storiche descritte emergono con una sconcertante attualità: Cattaneo riesce a darci un quadro straordinariamente attuale di quello che è la politica in Italia, di come si muovono i suoi protagonisti, delle incredibili costanti che si manifestano puntualmente nelle troppe false rivoluzioni vissute da questa nazione: ne possiamo trarre, con non poca amarezza, una sorta di immutabilità delle dinamiche politiche che attraversano la penisola, una serie di dati sempre veri in quanto riscontrabili allora, come lungo tutto il XIX ed il XX secolo, quasi che una sorta di immutabile natura determinasse e determini il comportamento politico individuale e collettivo degli Italiani.

Carlo Cattaneo

Vi è, all'inizio, un fermento autenticamente rivoluzionario, idealistico, con alla base un concetto chiaro e forte: un simile fermento ruotava allora intorno a due parole dal significato storico e simbolico grandioso, vale a dire Italia e Roma. La rivoluzione francese e Napoleone avevano contribuito a suscitarlo lungo la penisola, trovando il sostegno di una folta schiera di combattenti e uomini di cultura, trovando altresì fiere opposizioni di massa, sapientemente gestite dalla Chiesa e dai principi a lei fedeli. Quel che importa, sembra chiedersi Cattaneo, è capire come da una ribellione di popolo che riuscì a fare insorgere tutto il settentrione dell'Italia contro gli Austriaci (da Milano a Brescia, da Venezia a Vicenza, dal Friuli al Cadore), e che negli altri stati preunitari assumeva le forme della rivolta contro i sovrani assolutisti (Stato Pontificio e Ducato di Modena), o in nome di una maggiore autonomia (Sicilia) sia uscita non l'indipendenza nazionale, cioè la costituzione di uno stato politicamente unito che avrebbe federato i vecchi stati preesistenti, ma una tragica avventura militare, al limite della penosità, che vide come protagonista un re senza alcun spessore, Carlo Alberto, ambizioso di estendere il suo dominio sull'Italia del nord.
Perché il popolo lombardo, e con lui il popolo veneto ed il resto dei popoli italiani, non seppe seguire la via dell'autodeterminazione che pure aveva nobilmente intrapreso con la sconfitta di Radetzky a Milano nel marzo del 1848? Perché tutti uniti non si incalzò l'esercito del maresciallo, uscito sconfitto dalle mura di Milano, ma lo si lasciò riprendere forza nel "quadrilatero", dove potè attendere i rinforzi provenienti dall'Austria e dal Tirolo? La colpa non sta nell'anima sincera delle insurrezioni, nella loro utopia, suggerisce apertamente Cattaneo: fin tanto che la guida dei moti è rimasta in mano a chi voleva effettivamente il cambiamento, la vittoria aveva arriso alle forze rivoluzionarie nazionali. Le cause della sconfitta stavano nel vecchio vizio delle classi dirigenti locali: esse aderirono all'insurrezione, ma lo fecero con quella dose di opportunismo e pusillanimità, che già predisponeva loro una scappatoia o il modo per restare comunque in piedi, qualora l'insurrezione avesse fallito e l'Austria fosse tornata. Il problema non si esaurisce qui: i medesimi uomini che una falsa moderazione e la paura del futuro aveva posto a dirigenti delle varie giunte insurrezionali, tutti uomini abituati al potere e che avevano sostanzialmente omaggiato l'Austria (e prima ancora Napoleone), furono determinanti non solo nel...non prendere decisioni, lamentando i sempre validi limiti della mancanza di fondi, ostacolando la formazione e l'inquadramento dei reparti volontari, non coordinando la propria azione con le giunte insurrezionali che via via si costituivano, ecc, ma furono altresì responsabili di quella che Cattaneo vede come la causa principale del fallimento dei moti: l'entrata sulla scena di Carlo Alberto e del Piemonte. Di quel sovrano debole e ambiguo, con giovanili simpatie liberali ben presto malcelate per non irritare lo zio Carlo Felice e soprattutto per non pregiudicare il trono futuro (tanto da aver appoggiato i moti del 1820, salvo poi rifarsi una verginità nella spedizione spagnola del Trocadero), Cattaneo e molti altri avrebbero voluto fare a meno.

Il Savoia-Carignano era degno erede della politica savoiarda della lenta annessione al Piemonte dei territori italiani confinanti: non era animato dagli ideali unitari che vedevano nell'intera penisola, isole comprese, il territorio costitutivo della nuova Italia. Il Piemonte era uno stato arretrato, ancora abbondante di prassi feudali, non troppo ricco, cui faceva gola mettere le mani su regioni prospere come la Lombardia. L'essersi ribellati agli Asburgo per cadere, causa la mancanza di responsabilità dei propri dirigenti, nella mani di un monarca molto peggiore, fu questo l'errore principale: la rivoluzione da fatto di autodeterminazione di popolo, da evento di responsabilità, si era trasformata nella ricerca diplomatica di un nuovo padrone, forse peggiore di quello contro il quale si erano innalzate le barricate per le vie di Milano.
Di qui lo sfilarsi di Cattaneo dal movimento. Come sia andata a finire, Cattaneo lo racconta: il prevalere dei "ciambellani", dei "faccendieri", di coloro non avvezzi all'analisi dei dati oggettivi, spinse il moto non solo nelle braccia di Carlo Alberto, provocando un allontanamento del Papa, del Re delle Due Sicilie, dell'Arciduca di Toscana che pur all'inizio avevano aderito al progetto di allontanare l'Austria dalla penisola ed avevano inviato propri contingenti militari al nord, ma aveva anche aperto la via alla sconfitta militare: il piccolo ed incerto esercito piemontese, poco convinto, venne fermato da Radetzky alle porte di Verona.

Camillo Benso conte di Cavour

Di lì in poi, sarebbe stato tutta una sconfitta fino al Ticino.
La doppiezza e l'ambiguità tipica dei politici italiani, ancorché sedicenti rivoluzionari, il fare la guerra per non farla,
la predisposizione sempre e comunque di una scappatoia che consenta di uscire indenni da ogni cambiamento cavalcato, l'irrefrenabile tendenza ad omaggiare i potenti e ad andare alla ricerca sempre di un padrone, tanto più quanto più questo indossa titoli ed onori formali ed è invece privo di virtù, l'amore per i proclami propagandistici e il disprezzo verso le realtà oggettive, pratiche e quantificabili, sono tutte caratteristiche messe a nudo da Cattaneo, caratteristiche che ostacolarono allora la dura e responsabile via dell'autodeterminazione. Caratteristiche, a quanto pare presenti ancor oggi, con l'aggravante di un declino sostanziale, continuo e crescente di un approccio radicale e rivoluzionario, che allora, nel 1848, perlomeno non mancava. (E che oggi, invece, il leghismo ha definitivamente obnubilato, ndr)!
Carlo Cattaneo "Dell'insurrezione di Milano nel 1848 e della successiva guerra", Oscar Classici Mondatori, 2001 Milano, pag. 317.

Nessun commento: