Benvenuti nel Blog di Claudio Martinotti Doria, blogger dal 1996


"Non nobis Domine, non nobis, sed nomini Tuo da gloriam", motto dell'Ordine dei Cavalieri Templari, Pauperes commilitones Christi templique Salomonis

"Ciò che insegui ti sfugge, ciò cui sfuggi ti insegue" (aneddotica orientale, paragonabile alla nostra "chi ha pane non ha denti e chi ha denti non ha pane")

"Quello che mi ha sorpreso di più negli uomini dell'Occidente è che perdono la salute per fare soldi. E poi perdono i soldi per recuperare la salute. Pensano tanto al futuro che dimenticano di vivere il presente in tale maniera che non riescono a vivere nè il presente nè il futuro. Sono come se non dovessero morire mai e muoiono come se non avessero mai vissuto."
(Dalai Lama)

"A l'è mei mangè pan e siuli, putòst che vendsi a quaicadun" (Primo Doria, detto "il Principe")

"Prima ti ignorano, poi ti deridono, poi ti combattono. Poi vinci." Mahatma Gandhi

L'Italia non è una nazione ma un continente in miniatura con una straordinaria biodiversità e pluralità antropologica (Claudio Martinotti Doria)

Il proprio punto di vista, spesso è una visuale parziale e sfocata di un pertugio che da su un vicolo dove girano una fiction ... Molti credono sia la realtà ed i più motivati si mettono pure ad insegnare qualche tecnica per meglio osservare dal pertugio (Claudio Martinotti Doria)

Lo scopo primario della vita è semplicemente di sperimentare l'amore in tutte le sue molteplici modalità di manifestazione e di evolverci spiritualmente come individui e collettivamente (È “l'Amor che move il sole e le altre stelle”, scriveva Dante Alighieri, "un'unica Forza unisce infiniti mondi e li rende vivi", scriveva Giordano Bruno. )

La leadership politica occidentale è talmente poco dotata intellettualmente, culturalmente e spiritualmente, priva di qualsiasi perspicacia e lungimiranza, che finirà per portarci alla rovina, ponendo fine alla nostra civiltà. Claudio Martinotti Doria

PER CONTATTI: claudio@gc-colibri.com

Se preferite comunicare telefonicamente potete inviare un sms al 3485243182 lasciando il proprio recapito telefonico (fisso o mobile) per essere richiamati. Non rispondo al cellulare ai numeri sconosciuti per evitare le proposte commerciali sempre più assillanti

Questo blog ha adottato Creative Commons

Licenza Creative Commons
Blog personale by Claudio Martinotti Doria is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License.
Based on a work at www.cavalieredimonferrato.it.
Permissions beyond the scope of this license may be available at www.cavalieredimonferrato.it.


Patriă Montisferrati

Patriă Montisferrati
Cliccando sullo stemma del Monferrato potrete seguire su Casale News la rubrica di Storia Locale "Patriă Montisferrati", curata da Claudio Martinotti Doria in collaborazione con Manfredi Lanza, discendente aleramico del marchesi del Vasto - Busca - Lancia, principi di Trabia

Come valorizzare il Monferrato Storico

La Storia, così come il territorio e le sue genti che l’hanno vissuta e ne sono spesso ignoti ed anonimi protagonisti, meritano il massimo rispetto, occorre pertanto accostarsi ad essa con umiltà e desiderio di apprendere e servire. In questo caso si tratta di servire il Monferrato, come priorità rispetto a qualsiasi altra istanza (personale o di campanile), riconoscendo il valore di chi ci ha preceduti e di coloro che hanno contribuito a valorizzarlo, coinvolgendo senza preclusioni tutte le comunità insediate sul territorio del Monferrato Storico, affinché ognuna faccia la sua parte con una visione d’insieme ed un’unica coesa identità storico-culturale condivisa. Se ci si limita a piccole porzioni del Monferrato, per quanto significative, si è perdenti e dispersivi in partenza.

Sarà un percorso lungo e lento ma è l’unico percorribile se si vuole agire veramente per favorire il Monferrato Storico e proporlo con successo come un’unica entità territoriale turistico culturale ed economica …

l’Ucraina si è trasformata in un banco di prova per nuove armi e sistemi di informazione, nonché nuovi modi di utilizzarli: Cavie da sperimentazione

 

 

L’Occidente sta usando l’Ucraina come focolaio di nuovi armamenti

Fonte: Contro

https://www.controinformazione.info/loccidente-sta-usando-lucraina-come-focolaio-di-nuovi-armamenti/
 
 
di Alexandre Lemoine

Tre mesi fa, mentre le forze ucraine tentavano di spingere le forze russe a sud, lo stato maggiore ucraino ha inviato una nuova importante arma nell’area delle operazioni, scrive il New York Times.

Non era un sistema di lancio o un cannone degli alleati occidentali. Era un “Delta Surveillance System”, una rete online che può essere utilizzata da militari, funzionari governativi e persino civili per ricevere e scambiare informazioni importanti sulle forze russe.

Prima dell’inizio del conflitto, questo software sviluppato in collaborazione con la NATO non era ancora stato completamente testato in condizioni operative.

Delta è una delle prove che l’Ucraina si è trasformata in un banco di prova per nuove armi e sistemi di informazione, nonché nuovi modi di utilizzarli, i cui risultati, secondo le previsioni di politici e leader militari occidentali, potrebbero determinare il carattere di guerre generazioni future.

E mentre il conflitto ucraino è caratterizzato da una serie di fattori tradizionali, gli esperti stanno osservando come le nuove prodezze della tecnologia e della prontezza militare in Ucraina stiano cominciando a cambiare il carattere delle ostilità. Tra le novità, oltre a Delta, ci sono i motoscafi telecomandati, l’arma antidrone SkyWiper oltre alla nuova versione del sistema antiaereo tedesco che non è ancora stato utilizzato in Germania.

” L’Ucraina è il miglior campo di addestramento perché abbiamo l’opportunità di verificare tutte le ipotesi in condizioni operative e apportare cambiamenti rivoluzionari nelle tecnologie e nel carattere della guerra moderna “, ha affermato Mikhailo Fedorov, vice primo ministro e ministro della trasformazione digitale ucraina.

Droni senza pilota

A ottobre, quest’ultimo ha tenuto un discorso a una conferenza della NATO a Norfolk, in Virginia, dove ha parlato per la prima volta in pubblico di Delta.

Ha anche sottolineato la crescente importanza degli aerei telecomandati e dei lanci che, secondo funzionari ed esperti militari, sono molto popolari oggi, e queste armi non sono mai state usate in così grande numero in nessun conflitto precedente.

Dall’estate del 2021, l’Ucraina e i suoi alleati organizzano test di droni navali pieni di esplosivo nel Mar Nero. Ciò è culminato in un attacco contro la flotta russa vicino a Sebastopoli lo scorso ottobre.

Shaurav Gairola, analista della società militare Janes, specializzata in armamenti navali, ha affermato che ” l’attacco nel Mar Nero ha mostrato un alto livello di preparazione, data l’evidente efficacia dell’utilizzo di lanci relativamente piccoli ed economici contro navi da guerra russe più potenti. Questo attacco allarga gli orizzonti del conflitto in corso ”, ha affermato Gairola.

Secondo gli esperti militari, l’uso di motoscafi telecomandati è potenzialmente di particolare importanza. Mostrerà come le tattiche di combattimento navale possono evolversi mentre gli Stati Uniti e i loro alleati si preparano a possibili attacchi da parte della Cina nel Mar Cinese Orientale e Meridionale, nonché alla sua aggressione contro Taiwan.

L’anno scorso, le forze armate ucraine hanno iniziato a utilizzare fucili anti-drone SkyWiper di nuova concezione. Quest’arma permette di deviare dalla loro rotta o neutralizzare i droni disturbando il segnale di controllo, è stata progettata in Lituania ed era sul mercato solo da due anni prima che si decidesse di inviarla a Kiev nell’ambito del programma di assistenza alla sicurezza della NATO.

A quasi nove mesi dall’inizio del conflitto, SkyWiper è l’unica arma anti-drone utilizzata dall’Ucraina.

Non è chiaro quanti di questi fucili siano stati inviati a Kiev, ma secondo quanto riferito la Lituania ne ha assegnati diverse dozzine a partire dall’ottobre 2021. In un’intervista al New York Times, il ministero della Difesa lituano ha riferito che il paese aveva inviato 50 fucili ad agosto, dopo i funzionari l’hanno definita una ” priorità fondamentale “.

Le armi letali occidentali inviate in Ucraina come parte degli aiuti militari sono in gran parte versioni modernizzate di modelli precedenti.

Rafael Loss, un esperto di armi presso il Consiglio europeo per le relazioni internazionali, afferma che i mezzi antiaerei modernizzati da soli non cambieranno gli equilibri di potere. Ma, ha detto, il loro uso in Ucraina ha dimostrato che il governo di Kiev era andato oltre la strategia militare dell’era sovietica per avvicinarsi al livello dell’Alleanza.

Alti funzionari della NATO e dell’Ucraina hanno affermato che il software Delta è un esempio.

Combina le funzioni di un sistema di allerta e di un database contenente mappe e immagini delle posizioni nemiche aggiornate in tempo reale, comprese le informazioni sul numero di soldati che partecipano a una proiezione e le armi in loro possesso.

Testare nuove tecnologie in Ucraina consente ai comandanti e agli specialisti di pianificazione negli Stati Uniti e alleati di decidere come investire il denaro tra 20 anni.

Mentre il confronto con la Russia continua, gli esperti stanno sviluppando una strategia a più lungo termine, che garantirà un collegamento stabile e il coordinamento delle azioni degli alleati, che spesso mancava durante le guerre in Iraq e in Afghanistan.

Tali riforme militari sono state discusse anche prima delle ostilità in Ucraina. Come affermato dal generale francese Philippe Lavigne, Comandante supremo alleato per la trasformazione (SACT) della NATO.

Secondo lui, l’Ucraina ha dimostrato che alla fine i conflitti militari rappresenteranno sicuramente uno scontro intenso non solo a terra o in aria, ma anche, soprattutto, nel cyberspazio.

Questo sarà il teatro delle operazioni a lungo termine ”, ha aggiunto il generale Lavigne.

fonte: observateur continental

Traduzione: Gerard Trousson

Nessun commento: