Benvenuti nel Blog di Claudio Martinotti Doria, blogger dal 1996


"Non nobis Domine, non nobis, sed nomini Tuo da gloriam", motto dell'Ordine dei Cavalieri Templari, Pauperes commilitones Christi templique Salomonis

"Ciò che insegui ti sfugge, ciò cui sfuggi ti insegue" (aneddotica orientale, paragonabile alla nostra "chi ha pane non ha denti e chi ha denti non ha pane")

"Quello che mi ha sorpreso di più negli uomini dell'Occidente è che perdono la salute per fare soldi. E poi perdono i soldi per recuperare la salute. Pensano tanto al futuro che dimenticano di vivere il presente in tale maniera che non riescono a vivere nè il presente nè il futuro. Sono come se non dovessero morire mai e muoiono come se non avessero mai vissuto."
(Dalai Lama)

"A l'è mei mangè pan e siuli, putòst che vendsi a quaicadun" (Primo Doria, detto "il Principe")

"Prima ti ignorano, poi ti deridono, poi ti combattono. Poi vinci." Mahatma Gandhi

L'Italia non è una nazione ma un continente in miniatura con una straordinaria biodiversità e pluralità antropologica (Claudio Martinotti Doria)

Il proprio punto di vista, spesso è una visuale parziale e sfocata di un pertugio che da su un vicolo dove girano una fiction ... Molti credono sia la realtà ed i più motivati si mettono pure ad insegnare qualche tecnica per meglio osservare dal pertugio (Claudio Martinotti Doria)

Lo scopo primario della vita è semplicemente di sperimentare l'amore in tutte le sue molteplici modalità di manifestazione e di evolverci spiritualmente come individui e collettivamente (È “l'Amor che move il sole e le altre stelle”, scriveva Dante Alighieri, "un'unica Forza unisce infiniti mondi e li rende vivi", scriveva Giordano Bruno. )

La leadership politica occidentale è talmente poco dotata intellettualmente, culturalmente e spiritualmente, priva di qualsiasi perspicacia e lungimiranza, che finirà per portarci alla rovina, ponendo fine alla nostra civiltà. Claudio Martinotti Doria

PER CONTATTI: claudio@gc-colibri.com

Se preferite comunicare telefonicamente potete inviare un sms al 3485243182 lasciando il proprio recapito telefonico (fisso o mobile) per essere richiamati. Non rispondo al cellulare ai numeri sconosciuti per evitare le proposte commerciali sempre più assillanti

Questo blog ha adottato Creative Commons

Licenza Creative Commons
Blog personale by Claudio Martinotti Doria is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License.
Based on a work at www.cavalieredimonferrato.it.
Permissions beyond the scope of this license may be available at www.cavalieredimonferrato.it.

COME SOSTENERE LA MIA PERSEVERANTE ATTIVITA' DI VOLONTARIATO. Se avete apprezzato l’impegno e l’originalità dei miei articoli ritenendo che la mia attività divulgativa meriti un sostegno, dedicate qualche minuto e qualche euro per sostenerla, tenendo presente che non ho entrate pubblicitarie e nessuno sponsor (condizione necessaria per mantenersi indipendenti) ed inoltre sono una vittima della riforma previdenziale della Fornero e la mia pensione è stata rinviata al 2024 e sarà minima. Potrete contribuire con una donazione tramite PayPal all’account claudio@gc-colibri.com oppure a questo link: https://www.paypal.com/cgi-bin/webscr?cmd=_donations&business=Z2M2PAF4N76V6&lc=IT&item_name=Claudio%20Martinotti%20Doria&currency_code=EUR&bn=PP%2dDonationsBF%3abtn_donateCC_LG%2egif%3aNonHosted

Se non siete registrati a Paypal potete effettuare un bonifico bancario all’IBAN IT42M0303222600010000002011 (Credem, filiale di Casale Monferrato)

You can make a donation using PayPal account claudio@gc-colibri.com or at this link: https://www.paypal.com/cgi-bin/webscr?cmd=_donations&business=Z2M2PAF4N76V6&lc=IT&item_name=Claudio%20Martinotti%20Doria&currency_code=EUR&bn=PP%2dDonationsBF%3abtn_donateCC_LG%2egif%3aNonHosted





Patriă Montisferrati

Patriă Montisferrati
Cliccando sullo stemma del Monferrato potrete seguire su Casale News la rubrica di Storia Locale "Patriă Montisferrati", curata da Claudio Martinotti Doria in collaborazione con Manfredi Lanza, discendente aleramico del marchesi del Vasto - Busca - Lancia, principi di Trabia

Come valorizzare il Monferrato Storico

La Storia, così come il territorio e le sue genti che l’hanno vissuta e ne sono spesso ignoti ed anonimi protagonisti, meritano il massimo rispetto, occorre pertanto accostarsi ad essa con umiltà e desiderio di apprendere e servire. In questo caso si tratta di servire il Monferrato, come priorità rispetto a qualsiasi altra istanza (personale o di campanile), riconoscendo il valore di chi ci ha preceduti e di coloro che hanno contribuito a valorizzarlo, coinvolgendo senza preclusioni tutte le comunità insediate sul territorio del Monferrato Storico, affinché ognuna faccia la sua parte con una visione d’insieme ed un’unica coesa identità storico-culturale condivisa. Se ci si limita a piccole porzioni del Monferrato, per quanto significative, si è perdenti e dispersivi in partenza.

Sarà un percorso lungo e lento ma è l’unico percorribile se si vuole agire veramente per favorire il Monferrato Storico e proporlo con successo come un’unica entità territoriale turistico culturale ed economica …

Stiamo rischiando una crisi molto più grave di quella dei mutui subprime del 2007/08


Una grossa crepa nel cuore della finanza mondiale

Per chi ha la memoria corta, i mutui subprime sono una storia lontana. Purtroppo però, il sistema finanziario mondiale ha in serbo un’altra brutta sorpresa…

Mentre il mondo si appresta a festeggiare la fine del nuovo anno, i mercati azionari stanno sprofondando in tutto il mondo. A Wall Street, da ottobre, il Dow Jones Industrial Average (DJIA) ha perso quasi 4.000 punti (-15,1%), mentre lo S&P500 ha perso il 15,8%.
Detto in altre parole, sono scomparsi migliaia di miliardi di dollari dai bilanci globali. Solo nel mese di dicembre, le azioni delle aziende dello S&P500 hanno perso 2,39 miliardi di dollari.

Grandi debiti di bassa qualità

Perché i prezzi delle azioni stanno calando? Gli esperti e i guru del settore indicano come principali responsabili i continui rialzi dei tassi da parte della Federal Reserve americana (FED) e la guerra commerciale in corso tra gli Stati Uniti e la Cina. Tuttavia, per quanto questi due fattori siano importanti, esiste un’altra componente che tutti sottovalutano: livelli elevati di debito, di cui la gran parte è di dubbia qualità.
All’inizio di dicembre, il Fondo Monetario Internazionale (FMI) ha riferito che il carico del debito globale totale ha raggiunto i 184.000 miliardi di dollari. Circa il 225% del PIL mondiale e quasi il doppio di quello che era nel 2007, alla vigilia dell’ultima crisi finanziaria.
Se qualcuno non ricorda la crisi del 2007-2008, gli interesserà sapere che fu causata da un eccesso di debiti. La scintilla che scatenò tutta una serie di drammatiche reazioni a catena furono gli aumenti dei tassi d’interesse da parte della FED. Ciò causò il default dei proprietari di immobili i cui mutui erano legati ai tassi d’interesse.

La vecchia storia dei mutui “subprime”

Molti di questi mutui erano definiti “subprime“, che significava che gli intestatari avevano scarsi rating di credito o, addirittura, non avevano fornito alcuna prova di affidabilità creditizia. In molti casi, i mutui erano pari al 95% o più del valore dell’immobile finanziato. Nel frattempo, i maghi della finanza di Wall Street avevano trasformato i mutui subprime in titoli ipotecari, chiamati obbligazioni di debito collateralizzate, che erano finite nei portafogli di singoli investitori, di hedge fund e persino di fondi pensione.
Con l’aiuto delle agenzie di rating internazionali, chi emetteva titoli garantiti da ipoteca faceva qualcosa di simile alla conversione del piombo in oro. Le agenzie di rating dicevano che possedere molti pacchetti di mutui subprime fosse molto più sicuro che possederne solo uno. Invece di classificare i mutui subprime come obbligazioni spazzatura (junk bonds), le agenzie di rating assegnavano voti più alti possibili.
Sappiamo tutti cosa è successo dopo. Milioni di mutuatari sono risultati inadempienti sui loro mutui e il valore delle obbligazioni di debito collateralizzate è crollato. Poi, anche le banche e le compagnie assicurative che sostenevano tutti quei titoli sono iniziate a crollare, insieme ai mercati di tutto il mondo.

La finanza ha confezionato un altro regalo come quello dei mutui “subprime”?

Oggi, siamo pronti per ripetere la stessa cosa?
Le agenzie di rating del credito stanno ancora dando punteggi al debito molto più alti di quanto meriti. I rating vengono assegnati in base ad una scala che va da AAA a D (Standard & Poor’s) o da Aaa a D (Moody’s). Il rating più basso per un debito in cui sia accettabilmente rischioso investire (investment grade) è BBB- o Baa3.
Dal 2007, le aziende di tutto il mondo, proprio come gli acquirenti di immobili di un decennio fa, hanno preso a prestito denaro ad ritmo vertiginoso, grazie alla politica dei tassi di interesse a zero, adottata da quasi tutte le banche centrali del mondo. Ecco perché il volume del debito con rating BBB- è aumentato dai 700 miliardi di dollari nel 2008 ai 3.000 miliardi di oggi.
Guardando bene questi numeri, è impossibile non allarmarsi. Nel 2007, le società con rating BBB- avevano un debito medio netto di 2,1 volte gli utili. Oggi, quel rapporto è 3,2 e più di un terzo delle aziende con rating BBB ha un rapporto debito/utili superiore a cinque.
Forse una grossa fetta di debito apparentemente investment grade è in realtà spazzatura, pronta ad essere cancellata dal primo scossone finanziario? Se ciò accadesse, si potrebbe innescare una crisi finanziaria da far sembrare insignificante quella che abbiamo vissuto dieci anni fa.
Come noto, prima o poi, nell’economia e nella finanza, le Cassandre rischiano che le proprie previsioni si avverino. E quando ciò succede non potranno far altro che dire “noi ve lo avevamo detto!

Nessun commento: