Benvenuti nel Blog di Claudio Martinotti Doria, blogger dal 1996


"Non nobis Domine, non nobis, sed nomini Tuo da gloriam", motto dell'Ordine dei Cavalieri Templari, Pauperes commilitones Christi templique Salomonis

"Ciò che insegui ti sfugge, ciò cui sfuggi ti insegue" (aneddotica orientale, paragonabile alla nostra "chi ha pane non ha denti e chi ha denti non ha pane")

"Quello che mi ha sorpreso di più negli uomini dell'Occidente è che perdono la salute per fare soldi. E poi perdono i soldi per recuperare la salute. Pensano tanto al futuro che dimenticano di vivere il presente in tale maniera che non riescono a vivere nè il presente nè il futuro. Sono come se non dovessero morire mai e muoiono come se non avessero mai vissuto."
(Dalai Lama)

"A l'è mei mangè pan e siuli, putòst che vendsi a quaicadun" (Primo Doria, detto "il Principe")

"Prima ti ignorano, poi ti deridono, poi ti combattono. Poi vinci." Mahatma Gandhi

L'Italia non è una nazione ma un continente in miniatura con una straordinaria biodiversità e pluralità antropologica (Claudio Martinotti Doria)

Il proprio punto di vista, spesso è una visuale parziale e sfocata di un pertugio che da su un vicolo dove girano una fiction ... Molti credono sia la realtà ed i più motivati si mettono pure ad insegnare qualche tecnica per meglio osservare dal pertugio (Claudio Martinotti Doria)

Lo scopo primario della vita è semplicemente di sperimentare l'amore in tutte le sue molteplici modalità di manifestazione e di evolverci spiritualmente come individui e collettivamente (È “l'Amor che move il sole e le altre stelle”, scriveva Dante Alighieri, "un'unica Forza unisce infiniti mondi e li rende vivi", scriveva Giordano Bruno. )

La leadership politica occidentale è talmente poco dotata intellettualmente, culturalmente e spiritualmente, priva di qualsiasi perspicacia e lungimiranza, che finirà per portarci alla rovina, ponendo fine alla nostra civiltà. Claudio Martinotti Doria

PER CONTATTI: claudio@gc-colibri.com

Se preferite comunicare telefonicamente potete inviare un sms al 3485243182 lasciando il proprio recapito telefonico (fisso o mobile) per essere richiamati. Non rispondo al cellulare ai numeri sconosciuti per evitare le proposte commerciali sempre più assillanti

Questo blog ha adottato Creative Commons

Licenza Creative Commons
Blog personale by Claudio Martinotti Doria is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License.
Based on a work at www.cavalieredimonferrato.it.
Permissions beyond the scope of this license may be available at www.cavalieredimonferrato.it.

COME SOSTENERE LA MIA PERSEVERANTE ATTIVITA' DI VOLONTARIATO. Se avete apprezzato l’impegno e l’originalità dei miei articoli ritenendo che la mia attività divulgativa meriti un sostegno, appena avrete l’opportunità di farlo dedicate qualche minuto e qualche euro per sostenerla, tenendo presente che non ho entrate pubblicitarie e nessuno sponsor (condizione necessaria per mantenersi indipendenti) ed inoltre sono una vittima della riforma previdenziale della Fornero e la mia pensione è stata rinviata al 2024, ed è giusto che lo sappiate fin da adesso che l’importo che mi sarà erogato sarà minimo. Potrete contribuire con una donazione tramite PayPal all’account claudio@gc-colibri.com oppure a questo link: https://www.paypal.com/cgi-bin/webscr?cmd=_donations&business=Z2M2PAF4N76V6&lc=IT&item_name=Claudio%20Martinotti%20Doria&currency_code=EUR&bn=PP%2dDonationsBF%3abtn_donateCC_LG%2egif%3aNonHosted

Se non siete registrati a Paypal potete effettuare un bonifico bancario all’IBAN IT42M0303222600010000002011 (Credem, filiale di Casale Monferrato)

You can make a donation using PayPal account claudio@gc-colibri.com or at this link: https://www.paypal.com/cgi-bin/webscr?cmd=_donations&business=Z2M2PAF4N76V6&lc=IT&item_name=Claudio%20Martinotti%20Doria&currency_code=EUR&bn=PP%2dDonationsBF%3abtn_donateCC_LG%2egif%3aNonHosted





Patriă Montisferrati

Patriă Montisferrati
Cliccando sullo stemma del Monferrato potrete seguire su Casale News la rubrica di Storia Locale "Patriă Montisferrati", curata da Claudio Martinotti Doria in collaborazione con Manfredi Lanza, discendente aleramico del marchesi del Vasto - Busca - Lancia, principi di Trabia

Come valorizzare il Monferrato Storico

La Storia, così come il territorio e le sue genti che l’hanno vissuta e ne sono spesso ignoti ed anonimi protagonisti, meritano il massimo rispetto, occorre pertanto accostarsi ad essa con umiltà e desiderio di apprendere e servire. In questo caso si tratta di servire il Monferrato, come priorità rispetto a qualsiasi altra istanza (personale o di campanile), riconoscendo il valore di chi ci ha preceduti e di coloro che hanno contribuito a valorizzarlo, coinvolgendo senza preclusioni tutte le comunità insediate sul territorio del Monferrato Storico, affinché ognuna faccia la sua parte con una visione d’insieme ed un’unica coesa identità storico-culturale condivisa. Se ci si limita a piccole porzioni del Monferrato, per quanto significative, si è perdenti e dispersivi in partenza.

Sarà un percorso lungo e lento ma è l’unico percorribile se si vuole agire veramente per favorire il Monferrato Storico e proporlo con successo come un’unica entità territoriale turistico culturale ed economica …

Grecia, ma quale fine della crisi: è record suicidi, sanità al collasso

Alcuni degli ultimi miei interventi sulla tragica situazione della Grecia, nei quali insistevo sull'inattendibilità delle dichiarazioni istituzionali che la davano per salva perché adeguatasi ai diktat della Troika internazionale, avevano addirittura ricevuto delle critiche dai lettori mainstream dipendenti, perché da loro ritenute non aggiornate e allarmistiche. Come no! Infatti da pochi giorni è stato reso pubblico un report della Commissaria per i diritti umani del Consiglio d’Europa che praticamente riferisce le stesse cose, che io avevo appreso dai blog greci e di italiani che erano stati in Grecia, cioé da gente del posto e sul posto che hanno vissuto tale situazione sulla propria pelle, ma non è ritenuta attendibile perché non ha il bollino CEE.
Il rapporto analitico citato è contemporaneo come stesura alle dichiarazioni del Commissario Ue Pierre Moscovici, quella brava persona che inveisce contro l'Italia alla quale vorrebbe imporre le stesse condizioni vessatorie e deleterie applicate alla Grecia, che affermava appunto che la Grecia era risanata, era tornato un paese normale. Per lui normale significa distrutto a livello sociale, nella sanità, nell'istruzione, nella previdenza, nell'assistenza, ecc., con aumenti esponenziali di suicidi, depressioni, infezioni letali per incuria e degrado, alto tasso di disoccupazione, denatalità, malati di tumore abbandonati a se stessi, ecc.. Un quadro di assoluta normalità per Moscovici e Junker, che vorrebbero imporre le loro condizioni anche in Italia. Di questa Europa possiamo fare a meno, meglio soli che male accompagnati. Claudio Martinotti Doria


Grecia, ma quale fine della crisi: è record suicidi, sanità al collasso

di Cristiana Gagliarducci - 21/11/2018

Grecia, ma quale fine della crisi: è record suicidi, sanità al collasso
Fonte: Money
Anni e anni di austerità in Grecia hanno trascinato nel baratro la sanità di Atene, e non solo.
Sull’allarmante situazione un recente report del Consiglio d’Europa che ha alzato il velo sulle condizioni economiche e sociali in cui versa ancora parte della popolazione nonostante la fine della troika.
Povertà dilagante, scarso accesso all’assistenza sanitaria di base e all’educazione, riforme strutturali imposte e poco gradite. Queste sono soltanto alcune delle considerazioni emerse dall’analisi condotta da Dunja Mijatović, Commissaria per i diritti umani del Consiglio d’Europa (un’analisi condotta a giugno scorso ma i cui risultati sono stati resi noti soltanto qualche giorno fa).
Per Mijatović non ci sono dubbi: l’austerità in Grecia si è tradotta in una violazione dei diritti umani. Considerazioni, queste, già emerse lo scorso anno in un preoccupante servizio mandato in onda da Le Iene che aveva messo in luce il drastico aumento dei suicidi e il progressivo peggioramento delle condizioni di vita dei cittadini.

La situazione in Grecia oggi

“Alla fine dei tre programmi di salvataggio la Grecia è di nuovo un Paese normale dell’Eurozona”,ha affermato a luglio scorso il Commissario Ue Pierre Moscovici, lodando le riforme attuate da Atene nel corso degli anni.
Alle sue parole, cariche di ottimismo, hanno fatto però da contrasto quelle più recenti della Mijatović:“È davvero difficile dire che oggi va tutto bene. Le persone stanno ancora soffrendo”.
30 pagine di report che hanno analizzato l’impatto dell’austerity sulla Grecia, tutte indirizzate verso un’unica conclusione: le misure imposte nel corso degli anni hanno violato il diritto alla salute delle persone sancito nella Carta sociale europea, ed hanno eroso altresì la qualità dell’istruzione.
I servizi sanitari relativi a maternità e neonati sono stati tagliati del 73% dal 2009 al 2012, mentre quelli a favore della salute mentale sono stati dimezzati tra il 2011 e il 2012. Ovviamente a scendere sono stati anche gli stipendi di un settore sanitario ormai al collasso.
I suicidi sono aumentati del 40% tra il 2010 e il 2015, mentre circa 3.000 pazienti sono già morti per infezioni nosocomiali derivanti dalle cattive condizioni sanitarie degli ospedali; per non parlare poi dei picchi registrati nei tassi di HIV e di tubercolosi tra i consumatori di droghe.

Il tutto è stato corredato da un sempre più scarso accesso all’assistenza sanitaria, un dato peggiorato nel corso degli anni che ha reso la Grecia uno degli ultimi Paesi europei sul fronte della coperture assicurative.
“I proclami politici dicono che va tutto bene. Eppure sono certa che sappiano quanto ancora deve essere fatto”, ha continuato la Mijatović.

I nodi istruzione e disoccupazione
Se il sistema sanitario della Grecia è stato messo in ginocchio dall’austerity, anche il settore dell’istruzione non ha certo festeggiato le misure introdotte con la troika. I fondi sono crollati dai 5.645 milioni di euro del 2005 ai 4.518 milioni di euro del 2017.

“I tagli al bilancio hanno gravemente colpito il personale docente che è stato significativamente ridotto, così come la retribuzione degli insegnanti che hanno però visto aumentare il loro orario di lavoro”.

Nonostante sia sceso al 19%, il tasso di disoccupazione generale rimane il più elevato d’Europa, seguito soltanto da quello spagnolo e ancora da quello italiano. Quello giovanile, invece, è ancora al 37,9%.

Una realtà già evidente: il servizio de Le Iene

Più di un anno fa anche il programma televisivo Le Iene ha cercato di mettere a nudo le vere condizioni della Grecia che, nonostante la fine della troika, non sono sembrate tanto diverse da quelle evidenziate di recente dal Consiglio d’Europa.

In quell’occasione la Iena Marco Maisano aveva visitato una delle tante «farmacie sociali» del territorio, fornitrice di medicinali gratuiti ai cittadini date le carenze statali.
Non semplici medicinali da banco: in Grecia negli anni sono venuti meno anche gli antitumorali, e questo persino negli ospedali pubblici dove le società farmaceutiche hanno spesso interrotto le forniture. Il motivo? L’elevato rischio di non vedersi pagare che ha spinto le multinazionali a scappare dal mercato greco.
Secondo il titolare di una farmacia sociale intervistato durante il servizio, nel 2016 il 60% dei bambini non è stato vaccinato e dagli ospedali sono venuti a mancare 4.000 medici e 18.000 componenti del personale.
Suicidi in aumento: niente medicine ai malati terminali
I dati dello scorso anno, meno aggiornati rispetto a quelli del Consiglio d’Europa, hanno parlato di circa 40.000 suicidi dal 2008 in poi.
Tempo fa il ministero ha approvato una legge per cui i dottori sono stati obbligati (nei confronti dei malati gravi come di cancro) a scrivere l’aspettativa di vita del paziente sulla ricetta dei medicinali. L’obiettivo? Quello di risparmiare sui farmaci evitando di “spendere troppo” per pazienti a cui rimangono solo pochi mesi.
Più morti che nascite dallo scoppio della crisi in Grecia
Secondo i dati pubblicati lo scorso anno dalla banca centrale greca, la mortalità infantile nel Paese è salita dal 2,65% del 2008 al 4% nel 2014. Aumentati anche i malati di AIDS ed epatite C, oltre che il già citato tasso di suicidi (+35,7%}.
Malasanità, carenze assistenziali, suicidi, decessi per motivazioni «futili» come le scarse condizioni igieniche negli ospedali: alla luce di quanto detto, quella attuale sembra tutto tranne che la fotografia di una Grecia tornata alla normalità.

Nessun commento: