Benvenuti nel Blog di Claudio Martinotti Doria, blogger dal 1996


"Non nobis Domine, non nobis, sed nomini Tuo da gloriam", motto dell'Ordine dei Cavalieri Templari, Pauperes commilitones Christi templique Salomonis

"Ciò che insegui ti sfugge, ciò cui sfuggi ti insegue" (aneddotica orientale, paragonabile alla nostra "chi ha pane non ha denti e chi ha denti non ha pane")

"Quello che mi ha sorpreso di più negli uomini dell'Occidente è che perdono la salute per fare soldi. E poi perdono i soldi per recuperare la salute. Pensano tanto al futuro che dimenticano di vivere il presente in tale maniera che non riescono a vivere nè il presente nè il futuro. Sono come se non dovessero morire mai e muoiono come se non avessero mai vissuto."
(Dalai Lama)

"A l'è mei mangè pan e siuli, putòst che vendsi a quaicadun" (Primo Doria, detto "il Principe")

"Prima ti ignorano, poi ti deridono, poi ti combattono. Poi vinci." Mahatma Gandhi

L'Italia non è una nazione ma un continente in miniatura con una straordinaria biodiversità e pluralità antropologica (Claudio Martinotti Doria)

Il proprio punto di vista, spesso è una visuale parziale e sfocata di un pertugio che da su un vicolo dove girano una fiction ... Molti credono sia la realtà ed i più motivati si mettono pure ad insegnare qualche tecnica per meglio osservare dal pertugio (Claudio Martinotti Doria)

Lo scopo primario della vita è semplicemente di sperimentare l'amore in tutte le sue molteplici modalità di manifestazione e di evolverci spiritualmente come individui e collettivamente (È “l'Amor che move il sole e le altre stelle”, scriveva Dante Alighieri, "un'unica Forza unisce infiniti mondi e li rende vivi", scriveva Giordano Bruno. )

La leadership politica occidentale è talmente poco dotata intellettualmente, culturalmente e spiritualmente, priva di qualsiasi perspicacia e lungimiranza, che finirà per portarci alla rovina, ponendo fine alla nostra civiltà. Claudio Martinotti Doria

PER CONTATTI: claudio@gc-colibri.com

Se preferite comunicare telefonicamente potete inviare un sms al 3485243182 lasciando il proprio recapito telefonico (fisso o mobile) per essere richiamati. Non rispondo al cellulare ai numeri sconosciuti per evitare le proposte commerciali sempre più assillanti

Questo blog ha adottato Creative Commons

Licenza Creative Commons
Blog personale by Claudio Martinotti Doria is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License.
Based on a work at www.cavalieredimonferrato.it.
Permissions beyond the scope of this license may be available at www.cavalieredimonferrato.it.

COME SOSTENERE LA MIA PERSEVERANTE ATTIVITA' DI VOLONTARIATO. Se avete apprezzato l’impegno e l’originalità dei miei articoli ritenendo che la mia attività divulgativa meriti un sostegno, appena avrete l’opportunità di farlo dedicate qualche minuto e qualche euro per sostenerla, tenendo presente che non ho entrate pubblicitarie e nessuno sponsor (condizione necessaria per mantenersi indipendenti) ed inoltre sono una vittima della riforma previdenziale della Fornero e la mia pensione è stata rinviata al 2024, ed è giusto che lo sappiate fin da adesso che l’importo che mi sarà erogato sarà minimo. Potrete contribuire con una donazione tramite PayPal all’account claudio@gc-colibri.com oppure a questo link: https://www.paypal.com/cgi-bin/webscr?cmd=_donations&business=Z2M2PAF4N76V6&lc=IT&item_name=Claudio%20Martinotti%20Doria&currency_code=EUR&bn=PP%2dDonationsBF%3abtn_donateCC_LG%2egif%3aNonHosted

Se non siete registrati a Paypal potete effettuare un bonifico bancario all’IBAN IT42M0303222600010000002011 (Credem, filiale di Casale Monferrato)

You can make a donation using PayPal account claudio@gc-colibri.com or at this link: https://www.paypal.com/cgi-bin/webscr?cmd=_donations&business=Z2M2PAF4N76V6&lc=IT&item_name=Claudio%20Martinotti%20Doria&currency_code=EUR&bn=PP%2dDonationsBF%3abtn_donateCC_LG%2egif%3aNonHosted





Patriă Montisferrati

Patriă Montisferrati
Cliccando sullo stemma del Monferrato potrete seguire su Casale News la rubrica di Storia Locale "Patriă Montisferrati", curata da Claudio Martinotti Doria in collaborazione con Manfredi Lanza, discendente aleramico del marchesi del Vasto - Busca - Lancia, principi di Trabia

Come valorizzare il Monferrato Storico

La Storia, così come il territorio e le sue genti che l’hanno vissuta e ne sono spesso ignoti ed anonimi protagonisti, meritano il massimo rispetto, occorre pertanto accostarsi ad essa con umiltà e desiderio di apprendere e servire. In questo caso si tratta di servire il Monferrato, come priorità rispetto a qualsiasi altra istanza (personale o di campanile), riconoscendo il valore di chi ci ha preceduti e di coloro che hanno contribuito a valorizzarlo, coinvolgendo senza preclusioni tutte le comunità insediate sul territorio del Monferrato Storico, affinché ognuna faccia la sua parte con una visione d’insieme ed un’unica coesa identità storico-culturale condivisa. Se ci si limita a piccole porzioni del Monferrato, per quanto significative, si è perdenti e dispersivi in partenza.

Sarà un percorso lungo e lento ma è l’unico percorribile se si vuole agire veramente per favorire il Monferrato Storico e proporlo con successo come un’unica entità territoriale turistico culturale ed economica …

La Georgia, stato satellite degli USA, sta fomentando la guerra con la Russia


File:Georgia high detail map.png - Wikipedia

A differenza di quanto i media mainstream occidentali abbiano fatto credere ai loro spettatori e lettori, 10 anni fa fu la Georgia ad aggredire le truppe di pace russe situate nei territori della repubblica separatista dell'Ossezia del Sud. 
L'esercito russo intervenne solo il giorno dopo e mise subito in fuga l'insignificante esercito georgiano. La mossa voluta dall'allora ambiguo e impulsivo presidente gergiano Mikheil Saakashvili (lo stesso che in questi mesi si oppone agli oligarchi ucraini per potersi candidare lui alla guida dell'Ucraina) aveva probabilmente lo scopo di coinvolgere l'Occidente in una guerra con la Russia, con l'alibi dell'aggressione russa al piccolo paese caucasico, accelerando l'ingresso della Georgia nella NATO. Ma la commissione d'inchiesta internazionale, alcuni mesi dopo accertò i fatti e confermò che fu la Georgia a provocare la Russia e non vicerversa. 
Pochi si resero conto di come l'Europa si sia trovata così vicino ad una guerra dalle enormi ripercussioni. Fu solo il senso della misura della Russia che si limitò a cacciare indietro l'esercito georgiano, a limitare i danni e contenere i rischi. 
Le Forze Armate russe avrebbero potuto occupare l'intera Georgia in poche ore, ma non lo fecero, per non fornire alibi pretestuosi ai facinorosi che non attendevano altro per legittimare un intervento armato occidentale. 
I media occidentali mentono abitualmente e non vanno mai presi sul serio. 
Pressapoco la stessa cosa è infatti accaduta in Ucraina nel 2014, dopo il colpo di stato nazista degli attuali oligarchi al potere, finanziati dagli USA e in seguito anche dall'UE, le due regioni del Donbass (di cultura e lingua russa) si sono separate autodichiarandosi repubbliche autonome, come anche la Crimea. L'Ucraina simulò che si trattasse di una operazione politico militare russa, una specie di invasione e annessione, mentre in realtà le truppe russe non sono mai entrate nel Donbass, limitandosi ad inviare degli specialisti per addestrare le forze di difesa regionali per resistere all'aggressione dei battaglioni paramilitari neonazisti inviati dall'Ucraina, i quali peraltro per limitare le perdite si sono accaniti sui civili tramite bombardamenti dell'artiglieria, un modo cinico e infame di condurre la guerra. 
La Crimea, essendo già da tempo presidiata da ingenti forze militari e navali russe, con le sue grandi basi da secoli insiedate nella penisola, non fu aggredita dall'Ucraina, e si separò tramite un regolare referendum popolare per riannettersi alla Madre Patria Russa, dalla quale fu separata perché donata da Nikita Sergeevič Chruščëv all'Ucraina negli anni '50, ma all'epoca rimaneva pur sempre nell'ambito dell'Unione Sovietica. 
In tutto il mondo Occidentale quello che avvenne fu mistificato come un atto di prepotente annessione russa, ma non fu così. E a pagare le conseguenze economiche delle sanzioni comminate alla Russia fu ed è tuttora soprattutto l'Europa, così come sarebbe l'Europa a subire le conseguenze devastanti di una eventuale guerra con la Russia, che gli USA  e la NATO (strumento degli USA) stanno fomentando per i propri esclusivi interessi.
Claudio Martinotti Doria

10 anni fa la Georgia iniziò la guerra con la Russia

Fonte: http://sakeritalia.it/ 

10 anni fa la Georgia iniziò la guerra con la Russia

L’esercitazione Noble Partner 2018 della NATO ha preso il via in Georgia l’1 agosto e durerà fino al 15 agosto. Più di 3.000 militari provenienti da 13 paesi membri e partner partecipano a questo evento addestrativo che si tiene vicino ai confini della Russia. Sono coinvolte un totale di 140 mezzi militari. Mosca considera queste attività come una chiara provocazione. L’esercitazione è ovviamente un segnale del forte sostegno della NATO all’adesione della Georgia all’alleanza. Noble Partner sta gettando benzina sul fuoco, poiché le tensioni stanno già aumentando nella regione del Mar Nero. La Russia è preoccupata [entrambi i link in inglese] per la politica aggressiva e provocatoria della Georgia.
Il 6 agosto, il primo ministro russo Dmtrij Medvedev ha avvertito che l’adesione alla NATO da parte della Georgia potrebbe innescare un “orribile conflitto”. Questa affermazione è stata fatta in un’intervista [in inglese, obbligatorio l’abbonamento] al quotidiano russo Kommersant alla vigilia del decimo anniversario della Guerra Russo-Georgiana. Il presidente russo Vladimir Putin aveva precedentemente avvertito l’alleanza riguardo alla mossa, sottolineando che avrebbe portato a conseguenze non specificate. Questo riporta alla mente gli eventi accaduti esattamente dieci anni fa.
Nelle prime ore del mattino dell’8 agosto 2008, pesanti combattimenti scoppiarono a Tskhinvali, la capitale, che si diffusero in altre parti dell’Ossezia del Sud. La Georgia aveva violato un accordo di pace del 1992 e aveva aperto il fuoco sulle forze di pace russe. L’attacco causò gravi distruzioni e vittime civili. In risposta all’aggressione della Georgia, le forze russe attraversarono il confine l’8 agosto per liberare l’Ossezia del Sud dalla forza d’invasione e per salvare i suoi stessi soldati.
L’indagine dell’UE che ne è seguita ha confermato che è stata la Georgia ad avviare la guerra. La missione di inchiesta guidata dalla diplomatica svizzera Heidi Tagliavini comprendeva più di 20 esperti politici, militari, di diritti umani e di diritto internazionale, che hanno prodotto oltre 1.000 pagine di analisi [file .pdf in inglese], documenti e testimonianze che indicavano che la guerra era stata scatenata dalle truppe georgiane che avevano attaccato l’Ossezia del Sud e le forze di pace russe per ordine dell’allora Presidente della Georgia, Mikheil Saakashvili.
Il rapporto afferma che la guerra è iniziata “con un massiccio attacco d’artiglieria georgiano”. Il documento afferma chiaramente che “non c’era un attacco armato in corso da parte della Russia prima dell’inizio dell’operazione georgiana… Le affermazioni georgiane di una presenza su vasta scala di forze armate russe in Ossezia del Sud prima dell’offensiva georgiana non potevano essere provate. Non si può inoltre verificare che la Russia stesse per compiere un attacco così importante”.
Le truppe russe non avanzarono su Tbilisi, anche se avrebbero potuto farlo facilmente, poiché l’esercito georgiano era in fuga. La risposta russa fu proporzionalmente appropriata, perché l’obiettivo di Mosca era prevenire una guerra più grande e porre fine allo spargimento di sangue e alla sofferenza umana. Una missione di mantenimento della pace era l’unico modo per farlo. Il conflitto venne mediato dal presidente francese Nicolas Sarkozy e un accordo di cessate il fuoco venne raggiunto il 12 agosto. La Russia ha riconosciuto l’indipendenza dell’Abkhazia e dell’Ossezia del Sud dalla Georgia il 26 agosto.
Nove mesi di duro lavoro hanno portato la missione dell’UE alla conclusione che è stata la Georgia a dare il via alla guerra. Ma da allora è stata condotta una guerra di informazione con l’intenzione di dipingere [in inglese] la Russia come l’aggressore o la nazione che “ha provocato gli eventi”.
Poco dopo la “breve guerra”, la NATO ha accettato l’ammissione della Georgia, che condivide un confine con la Russia. Se la Georgia si unirà all’alleanza, la NATO sarà coinvolta nella disputa territoriale che coinvolge le regioni separatiste dell’Ossezia del Sud e dell’Abkhazia. Secondo i principi dell’allargamento della NATO, un paese con conflitti territoriali instabili non può aderire all’alleanza. Il recente vertice del blocco ha dimostrato la sua disponibilità a chiudere un occhio su questa violazione delle sue stesse regole. Durante il vertice del 11-12 luglio, la NATO ha riaffermato il proprio impegno ad ammettere la Georgia. Gli Stati Uniti sostengono fortemente [in inglese] la sua offerta. Appena sei giorni prima dell’evento, il Rappresentante Permanente degli Stati Uniti presso la NATO Kay Bailey Hutchison ha rilasciato una dichiarazione speciale [in inglese] in cui sottolineava il sostegno degli Stati Uniti alle aspirazioni della Georgia di unirsi al blocco.
È generalmente accettato all’interno della NATO che, poiché la Georgia detiene lo status di partner privilegiato, non ha nemmeno bisogno di un piano di azione per l’adesione (MAP) come gli altri aspiranti. I sostenitori dell’adesione tramite “corsia preferenziale” della Georgia affermano che la partecipazione del paese al Piano Nazionale Annuale e al Pacchetto Sostanziale NATO-Georgia [in inglese] (SNGP) è sufficiente per garantire l’adesione. Il Segretario Generale della NATO Jens Stoltenberg ritiene [in inglese] che “la Georgia abbia tutti gli strumenti pratici per diventare un membro”. L’Assemblea Parlamentare della NATO (AP) ha riaffermato [in inglese] il suo incrollabile sostegno all’integrazione euro-atlantica della Georgia. Dopotutto, le forze georgiane in Iraq e in Afghanistan erano i più grandi contingenti non NATO, facendo sembrare insignificanti quelli della maggior parte dei membri della NATO.
Gli Stati Uniti considerano questa nazione un alleato utile situato in una regione strategicamente importante. Gli Stati Uniti e la NATO pianificano di aumentare la loro presenza militare in Afghanistan. La Georgia potrebbe svolgere un ruolo cruciale nel fornire le proprie forze, se le spedizioni fossero trasportate via terra dal porto georgiano di Poti sul Mar Nero a Baku, quindi attraversando il Mar Caspio ad Aqtau, Kazakistan, prima di essere trasferite via terra attraverso l’Uzbekistan in Afghanistan. La Georgia è il collegamento tra i campi petroliferi nel Mar Caspio e i mercati in Turchia e in Europa, evitando così la Russia. Fornisce inoltre la via di trasporto più breve tra Europa e Asia per esportare gas e petrolio. Un conflitto armato degli Stati Uniti con l’Iran è una possibilità. Ci vogliono solo poche ore per volare verso qualsiasi destinazione in Medio Oriente dalla Georgia.
Tbilisi sta riflettendo [in inglese] su una strategia accelerata di adesione alla NATO. Un approccio rapido è stato recentemente proposto dal think tank Heritage Foundation basato a Washington. La sua proposta [in inglese] afferma che alla Georgia potrebbe essere concessa l’adesione escludendo temporaneamente i territori separatisti dell’Abkhazia e dell’Ossezia del Sud dalla garanzia di sicurezza di cui all’articolo 5 della NATO. L’articolo 6 del Trattato, che definisce territori specifici all’interno di una data nazione, potrebbe essere modificato per escludere l’Ossezia del Sud e l’Abkhazia. Ufficialmente, l’adesione sarà presentata come una misura temporanea che durerà fino a quando il “territorio internazionalmente riconosciuto verrà ristabilito con mezzi pacifici e diplomatici”.
Dal punto di vista di Mosca, le repubbliche separatiste dell’Abkhazia e dell’Ossezia del Sud sono stati indipendenti e alleati con una presenza militare russa sul loro territorio. La Russia è impegnata nella loro difesa in caso di attacco. Se un membro a pieno titolo della NATO pensa che quelle repubbliche siano effettivamente parte del proprio territorio nazionale, è probabile un conflitto. Tenere esercitazioni, costruire infrastrutture militari, fornire armi e difendere l’adesione alla NATO della Georgia sono tutti passi provocatori che possono facilmente innescare un tale scontro. Il governo russo ha avvertito delle conseguenze. Il Primo Ministro Dmitrij Medvedev ha definito la linea rossa che non deve essere superata. Ha dichiarato inoltre che la Russia è pronta a normalizzare le relazioni e rilanciare i legami economici. Tbilisi deve fare la sua scelta.
*****
Articolo di Alex Gorka pubblicato l8 agosto 2018 su Strategic Culture.
Traduzione in italiano a cura di Raffaele Ucci per SakerItalia.
[le note in questo formato sono del traduttore]

Nessun commento: