Benvenuti nel Blog di Claudio Martinotti Doria, blogger dal 1996


"Non nobis Domine, non nobis, sed nomini Tuo da gloriam", motto dell'Ordine dei Cavalieri Templari, Pauperes commilitones Christi templique Salomonis

"Ciò che insegui ti sfugge, ciò cui sfuggi ti insegue" (aneddotica orientale, paragonabile alla nostra "chi ha pane non ha denti e chi ha denti non ha pane")

"Quello che mi ha sorpreso di più negli uomini dell'Occidente è che perdono la salute per fare soldi. E poi perdono i soldi per recuperare la salute. Pensano tanto al futuro che dimenticano di vivere il presente in tale maniera che non riescono a vivere nè il presente nè il futuro. Sono come se non dovessero morire mai e muoiono come se non avessero mai vissuto."
(Dalai Lama)

"A l'è mei mangè pan e siuli, putòst che vendsi a quaicadun" (Primo Doria, detto "il Principe")

"Prima ti ignorano, poi ti deridono, poi ti combattono. Poi vinci." Mahatma Gandhi

L'Italia non è una nazione ma un continente in miniatura con una straordinaria biodiversità e pluralità antropologica (Claudio Martinotti Doria)

Il proprio punto di vista, spesso è una visuale parziale e sfocata di un pertugio che da su un vicolo dove girano una fiction ... Molti credono sia la realtà ed i più motivati si mettono pure ad insegnare qualche tecnica per meglio osservare dal pertugio (Claudio Martinotti Doria)

Lo scopo primario della vita è semplicemente di sperimentare l'amore in tutte le sue molteplici modalità di manifestazione e di evolverci spiritualmente come individui e collettivamente (È “l'Amor che move il sole e le altre stelle”, scriveva Dante Alighieri, "un'unica Forza unisce infiniti mondi e li rende vivi", scriveva Giordano Bruno. )

La leadership politica occidentale è talmente poco dotata intellettualmente, culturalmente e spiritualmente, priva di qualsiasi perspicacia e lungimiranza, che finirà per portarci alla rovina, ponendo fine alla nostra civiltà. Claudio Martinotti Doria

PER CONTATTI: claudio@gc-colibri.com

Se preferite comunicare telefonicamente potete inviare un sms al 3485243182 lasciando il proprio recapito telefonico (fisso o mobile) per essere richiamati. Non rispondo al cellulare ai numeri sconosciuti per evitare le proposte commerciali sempre più assillanti

Questo blog ha adottato Creative Commons

Licenza Creative Commons
Blog personale by Claudio Martinotti Doria is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License.
Based on a work at www.cavalieredimonferrato.it.
Permissions beyond the scope of this license may be available at www.cavalieredimonferrato.it.

COME SOSTENERE LA MIA PERSEVERANTE ATTIVITA' DI VOLONTARIATO. Se avete apprezzato l’impegno e l’originalità dei miei articoli ritenendo che la mia attività divulgativa meriti un sostegno, appena avrete l’opportunità di farlo dedicate qualche minuto e qualche euro per sostenerla, tenendo presente che non ho entrate pubblicitarie e nessuno sponsor (condizione necessaria per mantenersi indipendenti) ed inoltre sono una vittima della riforma previdenziale della Fornero e la mia pensione è stata rinviata al 2024, ed è giusto che lo sappiate fin da adesso che l’importo che mi sarà erogato sarà minimo. Potrete contribuire con una donazione tramite PayPal all’account claudio@gc-colibri.com oppure a questo link: https://www.paypal.com/cgi-bin/webscr?cmd=_donations&business=Z2M2PAF4N76V6&lc=IT&item_name=Claudio%20Martinotti%20Doria&currency_code=EUR&bn=PP%2dDonationsBF%3abtn_donateCC_LG%2egif%3aNonHosted

Se non siete registrati a Paypal potete effettuare un bonifico bancario all’IBAN IT42M0303222600010000002011 (Credem, filiale di Casale Monferrato)

You can make a donation using PayPal account claudio@gc-colibri.com or at this link: https://www.paypal.com/cgi-bin/webscr?cmd=_donations&business=Z2M2PAF4N76V6&lc=IT&item_name=Claudio%20Martinotti%20Doria&currency_code=EUR&bn=PP%2dDonationsBF%3abtn_donateCC_LG%2egif%3aNonHosted





Patriă Montisferrati

Patriă Montisferrati
Cliccando sullo stemma del Monferrato potrete seguire su Casale News la rubrica di Storia Locale "Patriă Montisferrati", curata da Claudio Martinotti Doria in collaborazione con Manfredi Lanza, discendente aleramico del marchesi del Vasto - Busca - Lancia, principi di Trabia

Come valorizzare il Monferrato Storico

La Storia, così come il territorio e le sue genti che l’hanno vissuta e ne sono spesso ignoti ed anonimi protagonisti, meritano il massimo rispetto, occorre pertanto accostarsi ad essa con umiltà e desiderio di apprendere e servire. In questo caso si tratta di servire il Monferrato, come priorità rispetto a qualsiasi altra istanza (personale o di campanile), riconoscendo il valore di chi ci ha preceduti e di coloro che hanno contribuito a valorizzarlo, coinvolgendo senza preclusioni tutte le comunità insediate sul territorio del Monferrato Storico, affinché ognuna faccia la sua parte con una visione d’insieme ed un’unica coesa identità storico-culturale condivisa. Se ci si limita a piccole porzioni del Monferrato, per quanto significative, si è perdenti e dispersivi in partenza.

Sarà un percorso lungo e lento ma è l’unico percorribile se si vuole agire veramente per favorire il Monferrato Storico e proporlo con successo come un’unica entità territoriale turistico culturale ed economica …

La nuova guerra ibrida degli Stati Uniti sostituisce la guerra fredda


La nuova guerra ibrida degli Stati Uniti sostituisce la guerra fredda

American power

di  Dmitri Trenin (*)
L'”One World” della Pax Americana che esiste dalla fine della Guerra Fredda è già storia. Il dominio globale degli Stati Uniti è ancora in vigore, ma la pace – “pax” – è stata distrutta
Sarebbe troppo inverosimile confrontare la recente situazione di stallo Usa-Russia in Siria con la crisi dei missili cubani USA-Sovietici del 1962. In effetti allora, una guerra nucleare tra le due superpotenze era altamente probabile, e l’esistenza dell’umanità era in questione. Questa volta, sussisteva una moderata possibilità di uno scontro locale tra le forze americane e russe nell’area medio-orientale , che avrebbe potuto intensificarsi a un livello più alto, solo in quel caso mettendo in pericolo la sicurezza globale.

Tuttavia, mentre lo scontro drammatico (la crisi di Cuba) di oltre mezzo secolo fa ha stimolato la distensione strategica tra le due superpotenze di allora, gli attacchi missilistici statunitensi di questo mese contro la Siria, alleata della Russia, sono un altro passo destinato ad aumentare le tensioni tra Washington e Mosca. C’è dell’altro in arrivo. La nuova guerra ibrida è diversa da quella che era la Guerra Fredda.
Un’analisi del culmine più recente delle tensioni porta alle seguenti conclusioni: L’Amministrazione del presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, è completamente determinata a utilizzare la forza militare per punire gli sfidanti e riaffermare il primato globale degli Stati Uniti. La Siria, che è stata colpita per la prima volta dal governo di Trump esattamente un anno fa, per molti versi è un obiettivo facile. Altri paesi dovrebbero prestare attenzione, principalmente l’Iran e la Corea del Nord . L’incombente rifiuto da parte della Casa Bianca di certificare la conformità di Teheran con l’accordo congiunto del piano d’azione nucleare, concluso nel 2015, potrebbe portare a bombardamenti degli Stati Uniti contro gli obiettivi iraniani, dagli impianti nucleari e le basi missilistiche all’interno dell’Iran, alle forze iraniane dislocate in Siria ed ai gruppi filo-iraniani attraverso il Medio Oriente. Gli iraniani stanno chiaramente vedendo quel pericolo e si stanno preparando a un possibile attacco degli Stati Uniti.
In Corea del Nord, per ora, Trump ha deciso di giocare la carta della pace. Deve sperare che Kim Jong-un , con cui dovrà incontrarsi entro sei settimane circa, rinunci ai programmi nucleari e missilistici della Corea del Nord e accetti di “denuclearizzare”. Il concetto di denuclearizzazione di Pyongyang, tuttavia, è molto diverso da quello di Washington. Non è altro che cedere la cruda capacità di deterrenza del paese, la sua unica garanzia di sopravvivenza, per le promesse verbali degli Stati Uniti, che possono essere ritirate a volontà in modo unilaterale. Kim certamente non vuole condividere il destino di Muammar Gheddafi. Quando Trump lo capisce, potrebbe cambiare marcia e un’ouverture di pace potrebbe portare a una guerra.
Forze aerotrasportate USA
Un’altra lezione pronta dalla Siria, ma anche dal caso di avvelenamento di Skripal a Salisbury, è quella che l’Amministrazione Trump ha riscoperto il valore politico degli alleati degli Stati Uniti. Avendo quasi respinto gli alleati nel suo primo approccio ” America First“, la Casa Bianca è ora impegnata a consolidare le coalizioni politiche e militari dei paesi occidentali contro coloro che ha designato come rivali e avversari: la Russia e la Cina.
Per ora, la maggior parte della pressione viene esercitata sulla Russia, come il nemico apparentemente più debole, ma la Cina è chiaramente vista come il principale sfidante per l’ordine guidato dagli Stati Uniti. Quello che succede nella Corea del Nord, ma anche nel Mar Cinese Meridionale e forse su Taiwan, determinerà non solo i parametri della relazione strategica sino-americana, ma anche il futuro dell’ordine globale. Le relazioni della Russia con i suoi vicini europei sono diverse da quelle cinesi con il resto dell’Asia, ma in entrambi i casi gli Stati Uniti cercheranno di isolare i loro rivali nei loro zone di influenza vicine.
Sia l’avvelenamento di Skripal che il presunto attacco di armi chimiche a Douma hanno portato ad un’azione immediata a guida Usa, ancor prima che fossero condotte indagini e raggiunte conclusioni certe. Nell’attuale contesto psicologico, le accuse pubbliche da parte degli Stati Uniti e dei suoi alleati servono da verdetto. Le prove, o la mancanza di queste , non sono più un problema: la fiducia negli Stati Uniti e nei loro alleati deve essere certa.
Questo ha importanti implicazioni per le organizzazioni internazionali, dall’Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche alle Nazioni Unite, che vengono entrambe rese superflue. Gli Stati Uniti stanno mobilitando la coalizione dei loro alleati e partner che dovrebbero seguire ciecamente il paese leader. Mettere in questione la saggezza della politica di Washington sulle questioni geopolitiche e strategiche chiave viene considerata un’apostasia. Durante la Guerra Fredda, gli Stati Uniti proteggevano i loro alleati dalle minacce interne ed esterne. Nella guerra ibrida, è giunto il momento, per chi è stato protetto, di sover ripagare.
Forze speciali USA in Siria
Tuttavia, alcune delle lezioni chiave della Guerra Fredda non vengono completamente scartate. L’esercito americano in Siria ha avuto la massima cura di non colpire obiettivi russi. L’avvertimento di rappresaglia contro gli Stati Uniti nel caso in cui i cittadini russi fossero stati feriti, avvertimento emesso molto prima dell’attacco in Siria da parte del generale Valery Gerasimov, capo dello stato maggiore russo, è stato ben accolto. Né il Pentagono né la Casa Bianca intendono provocare uno scambio nucleare con i rivali strategici degli statunitensi.
Data l’eccezionale superiorità militare degli Stati Uniti rispetto ad altre grandi potenze, la guerra ibrida prevede un’azione militare, ma dovrebbe essere evitata l’escalation a livelli veramente pericolosi. L’idea è di rompere la volontà dei leader rivali o, in difetto di questa possibilità, far salire il costo delle loro politiche tanto in alto da far scoppiare la rivolta e la dissidenza interna fino a far derivare un cambio di regime che sia disposto ad accettare le regole dettate dagli USA.
Quelli che non sono d’accordo con queste regole e prevedono un diverso tipo di ordine mondiale si stanno avvicinando. L’One World of Pax Americana che esiste dalla fine della Guerra Fredda è già storia. Il dominio globale degli Stati Uniti è ancora in vigore, ma la pace – “pax” – è stata nuovamente distrutta. La nuova era non è un replay del concorso del 20 ° secolo. Potrebbe essere ugualmente pericoloso, ma a suo modo. Pechino e Mosca, pur evitando di creare un’alleanza, sembrano valutare i rischi, identificare obiettivi credibili e costruire una strategia in coordinamento sempre più stretto tra loro e con altre nazioni che la pensano allo stesso modo. La rivalità di potere principale è destinata ad intensificarsi.
*Dmitri Trenin, direttore del ” Carnegie Moscow Center”, presiede anche il ” Council and the Foreign and Security Policy Program”.
Education
PhD, Institute of the USA and Canada, Russian Academy of Sciences
Traduzione: Luciano Lago

Nessun commento: