Benvenuti nel Blog di Claudio Martinotti Doria, blogger dal 1996


"Non nobis Domine, non nobis, sed nomini Tuo da gloriam", motto dell'Ordine dei Cavalieri Templari, Pauperes commilitones Christi templique Salomonis

"Ciò che insegui ti sfugge, ciò cui sfuggi ti insegue" (aneddotica orientale, paragonabile alla nostra "chi ha pane non ha denti e chi ha denti non ha pane")

"Quello che mi ha sorpreso di più negli uomini dell'Occidente è che perdono la salute per fare soldi. E poi perdono i soldi per recuperare la salute. Pensano tanto al futuro che dimenticano di vivere il presente in tale maniera che non riescono a vivere nè il presente nè il futuro. Sono come se non dovessero morire mai e muoiono come se non avessero mai vissuto."
(Dalai Lama)

"A l'è mei mangè pan e siuli, putòst che vendsi a quaicadun" (Primo Doria, detto "il Principe")

"Prima ti ignorano, poi ti deridono, poi ti combattono. Poi vinci." Mahatma Gandhi

L'Italia non è una nazione ma un continente in miniatura con una straordinaria biodiversità e pluralità antropologica (Claudio Martinotti Doria)

Il proprio punto di vista, spesso è una visuale parziale e sfocata di un pertugio che da su un vicolo dove girano una fiction ... Molti credono sia la realtà ed i più motivati si mettono pure ad insegnare qualche tecnica per meglio osservare dal pertugio (Claudio Martinotti Doria)

Lo scopo primario della vita è semplicemente di sperimentare l'amore in tutte le sue molteplici modalità di manifestazione e di evolverci spiritualmente come individui e collettivamente (È “l'Amor che move il sole e le altre stelle”, scriveva Dante Alighieri, "un'unica Forza unisce infiniti mondi e li rende vivi", scriveva Giordano Bruno. )

La leadership politica occidentale è talmente poco dotata intellettualmente, culturalmente e spiritualmente, priva di qualsiasi perspicacia e lungimiranza, che finirà per portarci alla rovina, ponendo fine alla nostra civiltà. Claudio Martinotti Doria

PER CONTATTI: claudio@gc-colibri.com

Se preferite comunicare telefonicamente potete inviare un sms al 3485243182 lasciando il proprio recapito telefonico (fisso o mobile) per essere richiamati. Non rispondo al cellulare ai numeri sconosciuti per evitare le proposte commerciali sempre più assillanti

Questo blog ha adottato Creative Commons

Licenza Creative Commons
Blog personale by Claudio Martinotti Doria is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License.
Based on a work at www.cavalieredimonferrato.it.
Permissions beyond the scope of this license may be available at www.cavalieredimonferrato.it.

COME SOSTENERE LA MIA PERSEVERANTE ATTIVITA' DI VOLONTARIATO. Se avete apprezzato l’impegno e l’originalità dei miei articoli ritenendo che la mia attività divulgativa meriti un sostegno, appena avrete l’opportunità di farlo dedicate qualche minuto e qualche euro per sostenerla, tenendo presente che non ho entrate pubblicitarie e nessuno sponsor (condizione necessaria per mantenersi indipendenti) ed inoltre sono una vittima della riforma previdenziale della Fornero e la mia pensione è stata rinviata al 2024, ed è giusto che lo sappiate fin da adesso che l’importo che mi sarà erogato sarà minimo. Potrete contribuire con una donazione tramite PayPal all’account claudio@gc-colibri.com oppure a questo link: https://www.paypal.com/cgi-bin/webscr?cmd=_donations&business=Z2M2PAF4N76V6&lc=IT&item_name=Claudio%20Martinotti%20Doria&currency_code=EUR&bn=PP%2dDonationsBF%3abtn_donateCC_LG%2egif%3aNonHosted

Se non siete registrati a Paypal potete effettuare un bonifico bancario all’IBAN IT42M0303222600010000002011 (Credem, filiale di Casale Monferrato)

You can make a donation using PayPal account claudio@gc-colibri.com or at this link: https://www.paypal.com/cgi-bin/webscr?cmd=_donations&business=Z2M2PAF4N76V6&lc=IT&item_name=Claudio%20Martinotti%20Doria&currency_code=EUR&bn=PP%2dDonationsBF%3abtn_donateCC_LG%2egif%3aNonHosted





Patriă Montisferrati

Patriă Montisferrati
Cliccando sullo stemma del Monferrato potrete seguire su Casale News la rubrica di Storia Locale "Patriă Montisferrati", curata da Claudio Martinotti Doria in collaborazione con Manfredi Lanza, discendente aleramico del marchesi del Vasto - Busca - Lancia, principi di Trabia

Come valorizzare il Monferrato Storico

La Storia, così come il territorio e le sue genti che l’hanno vissuta e ne sono spesso ignoti ed anonimi protagonisti, meritano il massimo rispetto, occorre pertanto accostarsi ad essa con umiltà e desiderio di apprendere e servire. In questo caso si tratta di servire il Monferrato, come priorità rispetto a qualsiasi altra istanza (personale o di campanile), riconoscendo il valore di chi ci ha preceduti e di coloro che hanno contribuito a valorizzarlo, coinvolgendo senza preclusioni tutte le comunità insediate sul territorio del Monferrato Storico, affinché ognuna faccia la sua parte con una visione d’insieme ed un’unica coesa identità storico-culturale condivisa. Se ci si limita a piccole porzioni del Monferrato, per quanto significative, si è perdenti e dispersivi in partenza.

Sarà un percorso lungo e lento ma è l’unico percorribile se si vuole agire veramente per favorire il Monferrato Storico e proporlo con successo come un’unica entità territoriale turistico culturale ed economica …

La NATO è messa proprio male ma i media non ve lo diranno mai.


La NATO (Organizzazione del Trattato dell'Atlantico del Nord) conta ben 29 paesi del cosiddetto mondo occidentale, dal punto di vista quantitativo fa impressione e sulla carta dispone di una netta superiorità sulla Russia (nemico per antonomasia, che suscita una paura artatamente indotta dalla propaganda mediatica, da fake new, false flag e russofobia), ma nella realtà dei fatti, soprattutto tra gli esperti di argomenti militari, si sa benissimo essere un gigante coi piedi di argilla.
L'articolo sottostante, che verte sulle disperate e risibili condizioni in cui versa l'esercito sloveno, si potrebbe esstendere per analogia a molti altri piccoli paesi dell'alleanza, ma anche le cosiddette grandi ptenze non sono esenti, anzi, per loro la situazione è ancora più scabrosa e vergognosa, molti incidenti, guasti, disservizi, ecc., hanno riguardato molti reparti e mezzi militari sia dell'aviazione che della marina inglese, francese e tedesca, il cui indice di affidabilità lascia molto a desiderare. la maggioranza dei loro mezzi bellici sono obsoleti, in riparazione e privi di ricambi, non hanno neppure le risorse per la manutenzione. Come anche il recente illegittimo bombardamento in Siria ha dimostrato ampiamente. E questi vorrebbero sfidare la Russia, o sono dei pazzi e/o dementi o sono degli yesman al servizio dell'Impero USA, che userebbe gli europei come carne da macello e il continente come terra bruciata dove giocare a Risiko, facendo esclusivamente i propri interessi a scapito dei nostri.
Claudio Martinotti Doria







La progressione temporale dei paesi aderenti alla NATO, che nonostante le promesse fatte alla Russia ai tempi di Gorbaciov si è spregiudicatamente avvicinata ai suoi confini fino ad accerchiarla. In grigio i pochi paesi europei che ancora si mantengono neutrali o addirittura sono ostili (come la Serbia, alleata della Russia) al carrozzone NATO, che avrebbe dovuto dissolversi alla fine della guerra fredda.

I dolori dell’Esercito sloveno

Fonte: Analisi Difesa 

Analisi Difesa

maxresdefault
Le Forze Armate slovene sono nell’occhio del ciclone. Tutto è iniziato a febbraio quando alcune testate giornalistiche hanno chiesto al Ministero della Difesa una presa di posizione circa la CREVAL (Combat Readiness EVALuation) a cui è stata sottoposta la 72a Brigata di Maribor, reparto d’élite che nei prossimi mesi avrebbe dovuto prendere parte alle missioni estere a cui ha aderito Lubiana. Sebbene sino a quel momento non vi fosse stata alcuna informazione ufficiale era già trapelata la notizia secondo cui i valutatori NATO si erano messi letteralmente le mani nei capelli osservando le manovre dei soldati sloveni, bocciandoli di conseguenza senza appello.
Sorprendentemente, però, da parte del ministro Andreja Katic non è giunta alcuna risposta tecnica, ma una dura presa di posizione contro i vertici delle Forze Armate, rei di non averle dato alcuna informazione in merito. Questa dichiarazione ha ovviamente colto di sorpresa l’opinione pubblica e aumentato l’interesse per l’argomento, che è diventato in poco tempo una delle principali notizie per tutti i giornali locali.
untitled
Dal canto suo, per cercare di gettare acqua sul fuoco, l’Esercito ha organizzato in fretta e furia una conferenza stampa a cui è intervenuto il suo portavoce Simon Korez.
Questi, evidentemente imbarazzato, ha minimizzato il valore della bocciatura ricevuta dai suoi commilitoni (2 insufficienze su 3 campi di valutazione), specificando che già in passato altri membri dell’Alleanza Atlantica erano stati considerati inadatti al combattimento.
In aggiunta a ciò, egli ha anche evidenziato che la 72a Brigata è operativa solo da “pochi mesi” (maggio 2017) e pertanto non ha potuto beneficiare dei canonici 18 mesi di addestramento.
Questa spiegazione, se da un lato contribuisce a ridurre la responsabilità del reparto, dall’altro spinge però a riflettere sull’opportunità, da parte di Lubiana, di inviare in teatro operativo dei soldati che, per stessa ammissione dell’Esercito, non sono sufficientemente preparati.
Korez è intervenuto anche su un altro aspetto che ha destato particolare scalpore, ossia quello relativo alla presunta scarsa qualità delle attrezzature in dotazione.
06232011_SloveniaUSpartners_f
Sempre in occasione della valutazione CREVAL, infatti, 6 soldati avrebbero riportato il congelamento dei piedi, un’ipotesi però smentita dal portavoce, che si è limitato ad ammettere che c’è stato bisogno dell’intervento dei sanitari. L’episodio, invece, è stato ribadito da diversi siti di informazione, che in alcuni casi hanno dedicato degli approfondimenti proprio al tema degli equipaggiamenti forniti ai membri delle FF.AA. 24ur.com (uno dei primi ad aver parlato della valutazione), ad esempio, ha pubblicato una lunga intervista ad un ex militare da poco ritornato alla vita civile.
Questi, oltre a lamentare il trattamento che ricevono molti veterani, ha affermato che lo stato delle forze armate è “disastroso”, sia a causa delle attrezzature fornite, che delle paghe date agli effettivi. Sulla stessa lunghezza d’onda si è mossa anche Siol.net, che è entrate in possesso di alcune foto che sarebbero state inviate da un “soldato che ha preferito rimanere anonimo”. In queste è possibile vedere come, al termine della CREVAL, le suole degli scarponi si fossero completamente scollate (pare che la fonte avesse dovuto attendere 5 anni per averli), mentre i guanti protettivi si fossero addirittura tagliati e strappati.
300px-Valuk_and_T-55
Oltre a ciò, il sito riferisce che durante l’addestramento i soldati sono stati costretti a dormire a turno negli unici due Valuk in cui funzionava il riscaldamento, un aspetto da non sottovalutare visto che le temperature esterne erano estremamente basse e il suolo coperto dalla neve. Infine, Siol.net ha anche riferito che, sempre la fonte anonima, ha accusato alcuni colleghi di essersi fermati a guardare le Olimpiadi invernali anziché partecipare alle attività e ribadito che è abitudine diffusa tra gli effettivi comprare privatamente l’attrezzatura e l’abbigliamento in modo tale da poter contare su prodotti di qualità sufficiente.
Più in generale, la vicenda ha contribuito a gettare finalmente luce sulle difficoltà delle Forze Armate slovene. Posto che, ad oggi, sembra improbabile che il Paese riesca a raggiungere l’obiettivo di adeguarsi agli standard NATO entro il 2022, vi sono delle oggettive problematiche a cui la politica non ha voluto o saputo dare risposta.
Mentre i vertici dello Stato continuano a promettere l’acquisto di nuovi mezzi e ad aumentare la spesa (+23mln di euro nel 2017), infatti, l’Esercito si trova nella surreale condizione di non avere abbastanza effettivi. Secondo il quotidiano Delo, ad esempio, servirebbero oltre 800 nuovi arruolamenti e 500 ulteriori riservisti, che ad oggi risultano impossibili da trovare in quanto le paghe e la prospettiva di carriera sono largamente sotto le attese.
2_23c3795c8f
A conferma di questo basti pensare che nel 2017 vi è stato il 50% di arruolamenti in meno rispetto al 2016 e il 60% in meno rispetto al 2015. Oltre a ciò, l’Esercito risulta profondamente sbilanciato nelle sue componenti interne, tanto che secondo i dati del già citato Delo
il 45% degli effettivi è composto da ufficiali e sottoufficiali (rispettivamente il 16% e il 29% del totale), mentre la truppa rappresenta solo il 40% della forza complessiva (contro il 63,9% in Italia).
Le problematiche sopra elencate sono state sollevate anche dal sindacato militare SVS che, in un durissimo comunicato, ha attaccato con decisione il mondo politico e smentito l’insinuazione secondo cui la 72a Brigata avrebbe volutamente sabotato la CREVAL come gesto di protesta.
Oltre a ciò, la SVS ha espresso incondizionato supporto all’ormai ex Capo di stato maggiore, il maggior generale Andrej Osterman, silurato a causa dell’insanabile contrasto con il ministro della Difesa, a caccia come non mai di un capro espiatorio da punire per la figuraccia rimediata.
Foto: Us DoD, Youtube, Ministero della Difesa Sloveno

Nessun commento: