Benvenuti nel Blog di Claudio Martinotti Doria, blogger dal 1996


"Non nobis Domine, non nobis, sed nomini Tuo da gloriam", motto dell'Ordine dei Cavalieri Templari, Pauperes commilitones Christi templique Salomonis

"Ciò che insegui ti sfugge, ciò cui sfuggi ti insegue" (aneddotica orientale, paragonabile alla nostra "chi ha pane non ha denti e chi ha denti non ha pane")

"Quello che mi ha sorpreso di più negli uomini dell'Occidente è che perdono la salute per fare soldi. E poi perdono i soldi per recuperare la salute. Pensano tanto al futuro che dimenticano di vivere il presente in tale maniera che non riescono a vivere nè il presente nè il futuro. Sono come se non dovessero morire mai e muoiono come se non avessero mai vissuto."
(Dalai Lama)

"A l'è mei mangè pan e siuli, putòst che vendsi a quaicadun" (Primo Doria, detto "il Principe")

"Prima ti ignorano, poi ti deridono, poi ti combattono. Poi vinci." Mahatma Gandhi

L'Italia non è una nazione ma un continente in miniatura con una straordinaria biodiversità e pluralità antropologica (Claudio Martinotti Doria)

Il proprio punto di vista, spesso è una visuale parziale e sfocata di un pertugio che da su un vicolo dove girano una fiction ... Molti credono sia la realtà ed i più motivati si mettono pure ad insegnare qualche tecnica per meglio osservare dal pertugio (Claudio Martinotti Doria)

Lo scopo primario della vita è semplicemente di sperimentare l'amore in tutte le sue molteplici modalità di manifestazione e di evolverci spiritualmente come individui e collettivamente (È “l'Amor che move il sole e le altre stelle”, scriveva Dante Alighieri, "un'unica Forza unisce infiniti mondi e li rende vivi", scriveva Giordano Bruno. )

La leadership politica occidentale è talmente poco dotata intellettualmente, culturalmente e spiritualmente, priva di qualsiasi perspicacia e lungimiranza, che finirà per portarci alla rovina, ponendo fine alla nostra civiltà. Claudio Martinotti Doria

PER CONTATTI: claudio@gc-colibri.com

Se preferite comunicare telefonicamente potete inviare un sms al 3485243182 lasciando il proprio recapito telefonico (fisso o mobile) per essere richiamati. Non rispondo al cellulare ai numeri sconosciuti per evitare le proposte commerciali sempre più assillanti

Questo blog ha adottato Creative Commons

Licenza Creative Commons
Blog personale by Claudio Martinotti Doria is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License.
Based on a work at www.cavalieredimonferrato.it.
Permissions beyond the scope of this license may be available at www.cavalieredimonferrato.it.

COME SOSTENERE LA MIA PERSEVERANTE ATTIVITA' DI VOLONTARIATO. Se avete apprezzato l’impegno e l’originalità dei miei articoli ritenendo che la mia attività divulgativa meriti un sostegno, appena avrete l’opportunità di farlo dedicate qualche minuto e qualche euro per sostenerla, tenendo presente che non ho entrate pubblicitarie e nessuno sponsor (condizione necessaria per mantenersi indipendenti) ed inoltre sono una vittima della riforma previdenziale della Fornero e la mia pensione è stata rinviata al 2024, ed è giusto che lo sappiate fin da adesso che l’importo che mi sarà erogato sarà minimo. Potrete contribuire con una donazione tramite PayPal all’account claudio@gc-colibri.com oppure a questo link: https://www.paypal.com/cgi-bin/webscr?cmd=_donations&business=Z2M2PAF4N76V6&lc=IT&item_name=Claudio%20Martinotti%20Doria&currency_code=EUR&bn=PP%2dDonationsBF%3abtn_donateCC_LG%2egif%3aNonHosted

Se non siete registrati a Paypal potete effettuare un bonifico bancario all’IBAN IT42M0303222600010000002011 (Credem, filiale di Casale Monferrato)

You can make a donation using PayPal account claudio@gc-colibri.com or at this link: https://www.paypal.com/cgi-bin/webscr?cmd=_donations&business=Z2M2PAF4N76V6&lc=IT&item_name=Claudio%20Martinotti%20Doria&currency_code=EUR&bn=PP%2dDonationsBF%3abtn_donateCC_LG%2egif%3aNonHosted





Patriă Montisferrati

Patriă Montisferrati
Cliccando sullo stemma del Monferrato potrete seguire su Casale News la rubrica di Storia Locale "Patriă Montisferrati", curata da Claudio Martinotti Doria in collaborazione con Manfredi Lanza, discendente aleramico del marchesi del Vasto - Busca - Lancia, principi di Trabia

Come valorizzare il Monferrato Storico

La Storia, così come il territorio e le sue genti che l’hanno vissuta e ne sono spesso ignoti ed anonimi protagonisti, meritano il massimo rispetto, occorre pertanto accostarsi ad essa con umiltà e desiderio di apprendere e servire. In questo caso si tratta di servire il Monferrato, come priorità rispetto a qualsiasi altra istanza (personale o di campanile), riconoscendo il valore di chi ci ha preceduti e di coloro che hanno contribuito a valorizzarlo, coinvolgendo senza preclusioni tutte le comunità insediate sul territorio del Monferrato Storico, affinché ognuna faccia la sua parte con una visione d’insieme ed un’unica coesa identità storico-culturale condivisa. Se ci si limita a piccole porzioni del Monferrato, per quanto significative, si è perdenti e dispersivi in partenza.

Sarà un percorso lungo e lento ma è l’unico percorribile se si vuole agire veramente per favorire il Monferrato Storico e proporlo con successo come un’unica entità territoriale turistico culturale ed economica …

In Italia o si ripristina un minimo di democrazia ed equità o degenererà in qualche forma di dittatura

Italia al bivio tra anarchia e nuova dittatura

© Sputnik.
https://it.sputniknews.com/opinioni/201803285825729-Italia-anarchia-dittatura/
 
di Mario Sommossa
 
Roma. Un signore ottuagenario che vive, solo, in un piccolo appartamento di periferia è ricoverato in un ospedale cittadino e vi rimane per quasi due mesi. Quando rientra a casa scopre che la serratura della porta di ingresso non funziona...
Roma. Un signore ottuagenario che vive, solo, in un piccolo appartamento di periferia è ricoverato in un ospedale cittadino e vi rimane per quasi due mesi. Quando rientra a casa scopre che la serratura della porta di ingresso non funziona e si rivolge alla vicina di casa per cercare di capire cosa sia successo.
La signora, sollevata dal vederlo ma con aria preoccupata, lo informa che durante la sua assenza una famiglia sconosciuta con due bambini è entrata in quell'appartamento, hanno cambiato la serratura e si sono installati con l'apparentemente l'intenzione di mai andarsene.
Davanti all'offerta di essere accompagnato subito dai carabinieri il vecchio rifiuta. Senza un'ordinanza del magistrato i militi non potrebbero fare nulla e per ottenere dalla giustizia un ordine di sgombero sarebbero passati forse dei mesi. E senza nemmeno la sicurezza che gli occupanti abusivi sarebbero veramente stati sloggiati. L'ottantenne passa allora due notti dalla figlia in un altro quartiere della città e il terzo giorno i vicini lo vedono ripresentarsi ed entrare senza problemi nella sua proprietà. È facile immaginare chi, e come, qualcuno abbia "convinto" gli occupanti abusivi ad andarsene.
Campagna elettorale. A Fratelli d'Italia, un partito gai' rappresentato in Parlamento, non viene consentito di tenere uno dei suoi comizi in una piazza pubblica per l'opposizione violenta di gruppuscoli sedicenti "antifascisti". Il permesso gia' ottenuto dalla questura e dal Comune non serve a nulla. Altre violente manifestazioni di "centri sociali" e altri facinorosi disturbano, scontrandosi anche con la polizia e lanciando insulti verso il pubblico presente, comizi regolarmente autorizzati di altri due partiti in lizza per la consultazione elettorale: Forza Nuova e Casa Pound. Nonostante il numero degli aggressori, solo pochi individui vengono fermati. Poco dopo sono rilasciati.
Roma, bandiera italiana
Coste italiane. Migliaia di africani senza alcun visto di ingresso e senza documenti sbarcano sulle nostre coste, sono accolti, alloggiati e nutriti. Ottengono cure mediche (e dentistiche) gratuite. Per loro si organizzano corsi di formazione linguistica e professionale ai fini di un possibile inserimento nel mondo del lavoro. La maggior parte di loro, dietro il suggerimento di "benefiche organizzazioni" presenta domanda di asilo (politico, umanitario o altro) e si garantisce così il diritto a rimanere in Italia per almeno un anno e mezzo (il tempo minimo per le indagini che accertino i loro requisiti). Si scoprirà che circa il sessanta per cento non avrebbe alcun titolo per ottenere il permesso di restare ma, nonostante l'"invito" ad andarsene, nessuno lascerà il territorio. Chi proverà a varcare il confine verso i Paesi a noi vicini verrà rimandato indietro e resterà da noi. Poiché' si tratta di persone "espulse" non avranno, ufficialmente, la possibilità di lavorare né di acquisire un alloggio privato e o faranno del lavoro nero in concorrenza con i regolari o, piu' probabilmente, entreranno nel giro della criminalità di vario genere. Si puo' stimare che il numero di costoro possa gia' essere superiore al milione di individui e sia in costante crescita. Nelle grandi (e piccole) città li si vede bighellonare, spesso attaccati ad un telefono i consumi del quale non si saprà mai da chi e come siano pagati.
Le Frecce Tricolori in Italia
Brianza. Un piccolo imprenditore che fornisce materiali di sua produzione a Enti pubblici e a privati ha crediti di circa ottocentomila euro verso i primi e qualche migliaio verso due privati. Gli Enti, pur scaduta la data del previsto pagamento, continuano a rimandare il saldo delle fatture a data imprecisata. I privati, semplicemente, non pagano. I solleciti a entrambi rimangono lettera morta e, mentre per i primi si puo' cercare di scontare le fatture in qualche banca con evidenti perdite sugli incassi, per i secondi non resta che andare per vie legali. O rinunciare all'incasso. Considerati i tempi ben conosciuti della giustizia e i costi impliciti, la seconda soluzione è sempre la migliore. Peccato che, intanto, su quelle cifre pur perdute si dovranno pagare tasse e IVA. Dunque: doppia beffa! Ogni giorno che passa nella vana attesa dei pagamenti dovuti si materializza sempre piu' la probabilità di dover dichiarare fallimento.
Ognuno di noi ha visto o sentito storie simili a queste succedere nel nostro Paese e qualcuno vi cercherà il fattore unificante. Presto detto. Ciò che unisce queste storie l'una all'altra è l'assenza dello Stato.
Non che questo manchi del tutto: le leggi continuano ad essere sfornate, sono sempre di piu' e sempre meno chiare e coerenti tra loro. Le tasse sono esose e chi ritarda o non paga, quando si tratta di un "pesce piccolo" è soggetto a multe enormi o a sequestro di beni, se invece ha molti mezzi economici contesta gli addebiti, guadagna qualche anno e attende il prossimo condono.
In altri casi lo Stato manifesta la propria esistenza a macchia di leopardo. Ne fa testo la sanità, efficiente nel nord Italia e affidata al caso nel sud. Oppure nelle zone ove nemmeno la polizia riesce ad entrare e il diritto lo fanno le mafie locali.
Ovunque ci si domanda sottovoce quale senso abbia ancora essere cittadini del nostro Paese quando la proprietà privata non è tutelata (vedi storia 1), quando la libertà di espressione è lasciata alla discrezione di prepotenti e fanatici (storia 2), quando perfino i confini non sono piu' presidiati ed entra chi vuole (storia 3), quando, infine (ma non si esauriscono qui gli esempi possibili) la giustizia e il diritto finiscono, per lassismo e inefficienza, con il favorire i furbi e non chi rispetta le leggi.
Se riflettiamo con onestà intellettuale su quante volte ci sentiamo abbandonati dalle Istituzioni e sulla differenza tra ciò che è l'Italia oggi e ciò che ci si aspetta che uno Stato faccia, non diventa difficile capire perché' ad ogni elezione aumenti il numero di chi vota contro il "sistema".
Elezioni Politiche 2018
Il 4 marzo scorso tra astenuti, schede bianche o nulle e partiti erroneamente definiti "populisti" gli italiani "contro" sono stati piu' del 75 % degli aventi diritto. Vi avranno anche giocato le promesse demagogiche sul "reddito di cittadinanza", le illusioni sull'abolizione della "Fornero", l'impegno ad abbassare le tasse ma, nella maggior parte dei casi, il voto è stato un segno di lontananza e disaffezione verso i Governi del Paese. Tutti. Se lo Stato non esiste piu' per sua incapacità ad esercitare le proprie funzioni chi lo ha rappresentato sinora andava punito e così è avvenuto. Possiamo leggerlo come il segno di un'ultima speranza, il desiderio che tutto cambi, che le leggi siano rispettate e valgano per tutti, che invece di dichiarazioni "politicamente corrette" chi "deve", "faccia". Se vogliamo essere ottimisti questa e' la possibile spiegazione.
Oggi non sappiamo ancora chi governerà e, tuttavia, già sappiamo che se chi è stato votato ora non saprà far rinascere la fiducia nel ruolo vero delle Istituzioni avremo davanti a noi solo due strade: l'anarchia o una nuova dittatura.

Nessun commento: