Benvenuti nel Blog di Claudio Martinotti Doria, blogger dal 1996


"Non nobis Domine, non nobis, sed nomini Tuo da gloriam", motto dell'Ordine dei Cavalieri Templari, Pauperes commilitones Christi templique Salomonis

"Ciò che insegui ti sfugge, ciò cui sfuggi ti insegue" (aneddotica orientale, paragonabile alla nostra "chi ha pane non ha denti e chi ha denti non ha pane")

"Quello che mi ha sorpreso di più negli uomini dell'Occidente è che perdono la salute per fare soldi. E poi perdono i soldi per recuperare la salute. Pensano tanto al futuro che dimenticano di vivere il presente in tale maniera che non riescono a vivere nè il presente nè il futuro. Sono come se non dovessero morire mai e muoiono come se non avessero mai vissuto."
(Dalai Lama)

"A l'è mei mangè pan e siuli, putòst che vendsi a quaicadun" (Primo Doria, detto "il Principe")

"Prima ti ignorano, poi ti deridono, poi ti combattono. Poi vinci." Mahatma Gandhi

L'Italia non è una nazione ma un continente in miniatura con una straordinaria biodiversità e pluralità antropologica (Claudio Martinotti Doria)

Il proprio punto di vista, spesso è una visuale parziale e sfocata di un pertugio che da su un vicolo dove girano una fiction ... Molti credono sia la realtà ed i più motivati si mettono pure ad insegnare qualche tecnica per meglio osservare dal pertugio (Claudio Martinotti Doria)

Lo scopo primario della vita è semplicemente di sperimentare l'amore in tutte le sue molteplici modalità di manifestazione e di evolverci spiritualmente come individui e collettivamente (È “l'Amor che move il sole e le altre stelle”, scriveva Dante Alighieri, "un'unica Forza unisce infiniti mondi e li rende vivi", scriveva Giordano Bruno. )

La leadership politica occidentale è talmente poco dotata intellettualmente, culturalmente e spiritualmente, priva di qualsiasi perspicacia e lungimiranza, che finirà per portarci alla rovina, ponendo fine alla nostra civiltà. Claudio Martinotti Doria

PER CONTATTI: claudio@gc-colibri.com

Se preferite comunicare telefonicamente potete inviare un sms al 3485243182 lasciando il proprio recapito telefonico (fisso o mobile) per essere richiamati. Non rispondo al cellulare ai numeri sconosciuti per evitare le proposte commerciali sempre più assillanti

Questo blog ha adottato Creative Commons

Licenza Creative Commons
Blog personale by Claudio Martinotti Doria is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License.
Based on a work at www.cavalieredimonferrato.it.
Permissions beyond the scope of this license may be available at www.cavalieredimonferrato.it.

COME SOSTENERE LA MIA PERSEVERANTE ATTIVITA' DI VOLONTARIATO. Se avete apprezzato l’impegno e l’originalità dei miei articoli ritenendo che la mia attività divulgativa meriti un sostegno, appena avrete l’opportunità di farlo dedicate qualche minuto e qualche euro per sostenerla, tenendo presente che non ho entrate pubblicitarie e nessuno sponsor (condizione necessaria per mantenersi indipendenti) ed inoltre sono una vittima della riforma previdenziale della Fornero e la mia pensione è stata rinviata al 2024, ed è giusto che lo sappiate fin da adesso che l’importo che mi sarà erogato sarà minimo. Potrete contribuire con una donazione tramite PayPal all’account claudio@gc-colibri.com oppure a questo link: https://www.paypal.com/cgi-bin/webscr?cmd=_donations&business=Z2M2PAF4N76V6&lc=IT&item_name=Claudio%20Martinotti%20Doria&currency_code=EUR&bn=PP%2dDonationsBF%3abtn_donateCC_LG%2egif%3aNonHosted

Se non siete registrati a Paypal potete effettuare un bonifico bancario all’IBAN IT42M0303222600010000002011 (Credem, filiale di Casale Monferrato)

You can make a donation using PayPal account claudio@gc-colibri.com or at this link: https://www.paypal.com/cgi-bin/webscr?cmd=_donations&business=Z2M2PAF4N76V6&lc=IT&item_name=Claudio%20Martinotti%20Doria&currency_code=EUR&bn=PP%2dDonationsBF%3abtn_donateCC_LG%2egif%3aNonHosted





Patriă Montisferrati

Patriă Montisferrati
Cliccando sullo stemma del Monferrato potrete seguire su Casale News la rubrica di Storia Locale "Patriă Montisferrati", curata da Claudio Martinotti Doria in collaborazione con Manfredi Lanza, discendente aleramico del marchesi del Vasto - Busca - Lancia, principi di Trabia

Come valorizzare il Monferrato Storico

La Storia, così come il territorio e le sue genti che l’hanno vissuta e ne sono spesso ignoti ed anonimi protagonisti, meritano il massimo rispetto, occorre pertanto accostarsi ad essa con umiltà e desiderio di apprendere e servire. In questo caso si tratta di servire il Monferrato, come priorità rispetto a qualsiasi altra istanza (personale o di campanile), riconoscendo il valore di chi ci ha preceduti e di coloro che hanno contribuito a valorizzarlo, coinvolgendo senza preclusioni tutte le comunità insediate sul territorio del Monferrato Storico, affinché ognuna faccia la sua parte con una visione d’insieme ed un’unica coesa identità storico-culturale condivisa. Se ci si limita a piccole porzioni del Monferrato, per quanto significative, si è perdenti e dispersivi in partenza.

Sarà un percorso lungo e lento ma è l’unico percorribile se si vuole agire veramente per favorire il Monferrato Storico e proporlo con successo come un’unica entità territoriale turistico culturale ed economica …

Questione migranti in Europa. Non perdiamo il senso della misura ...



Come giustamente evidenziato dall’autore del sottostante articolo (seppur fazioso), sull’immigrazione e le politiche europee di contenimento, è assolutamente arbitrario e strumentale l’abituale ricorso mediatico a titoli enfatizzati che riferiscono di vere e proprie emergenze per l’elevato numero di sbarchi sul suolo italico. Oltre agli esempi concreti di “emergenze” vere riportati nell’articolo, eventi recenti e più che sufficienti a rendere conto delle sproporzioni rispetto ai piccoli numeri che l’Europa dovrebbe saper meglio gestire, mi permetto di rammentare che una ventina di anni fa, la piccola Costa Rica, quando l’area mesoamericana fu colpita da alcuni devastanti uragani, che danneggiarono gravemente soprattutto i paesi confinanti, accolse oltre 1,5 milioni di profughi, rimasti senza casa e senza alcun bene materiale. In pochi mesi il piccolo pacifico e prospero paese centroamericano, ritenuto fino ad allora la Svizzera latinoamericana, si ritrovò a dover provvedere e gestire una popolazione aumentata del 50 per cento, senza alcun aiuto internazionale, con le sole risorse interne ed umane dello spirito di accoglienza, ospitalità, cooperazione e condivisione della sua popolazione (di indole estremamente socievole), e ci riuscì talmente bene che la maggioranza degli sfollati rimase nel paese portando la Costa Rica agli attuali 5 milioni di abitanti. Certo che le conseguenze non furono del tutto positive, come mi riferirono negli anni successivi alcuni costaricani con importanti incarichi di governo (con cui ero in contatto per motivi di volontariato ambientale internazionale), in quanto, mentre in precedenza vivevano in quasi totale sicurezza, lasciando addirittura le porte aperte delle loro abitazioni, essendo la criminalità pressoché assente, da allora la situazione degenerò, soprattutto nelle città. Ma era inevitabile, avendo dovuto accogliere senza alcuna selezione un così alto numero di immigrati rispetto alla popolazione allora residente. Quanto da me riferito dovrebbe far emergere per l’ennesima volta quanto noi italiani ed europei siamo egocentrici, cioè commisuriamo tutto solo a noi stessi, utilizziamo due pesi e due misure, trascurando ciò che riteniamo a noi estraneo, denotando provincialismo ed indifferenza selettiva e direi piuttosto razzista, volenti o nolenti, oltre ad una ipocrisia ed opportunismo politico cinico e spietato, come dimostrano i comportamenti dei paesi a noi vicini descritti nell’articolo, che lasciano l’Italia isolata nel gestire il problema immigrazione, senza alcuna partecipazione neppure alle spese sostenute. Ennesima dimostrazione che non esiste alcuna UNIONE EUROPEA ma solo strutture burocratiche istituzionali al servizio degli interessi delle multinazionali anglosassoni e teutoniche e delle politiche geostrategiche e bellicistiche neocons e made in USA, che sono la vera causa del fenomeno immigratorio che col tempo e progressivamente frantumerà ogni ipotesi di reale unione continentale per favorire i nazionalismi e la frammentazione, esasperando sempre più animi e fomentando focolai di rivolta e conflitti interni e sovranazionali. L’Europa diverrà di nuovo terreno fertile per conflitti bellici alimentati dagli americani, e gli europei pagheranno caro il loro servilismo e la mancanza di autonomia politica e lungimiranza.
Claudio Martinotti Doria
Risultati immagini per america centrale cartina geografica


La gendarmerie di Macron, l'esercito austriaco e i "sogni" di chi vuole "riformare" l'Europa.

 


La gendarmerie di Macron, l'esercito austriaco e i sogni di chi vuole riformare l'Europa. 



Questione migranti e “solidarietà” in Europa.

La portata della crisi migratoria che l’Europa sta affrontando oggi non può essere sottovalutata – nel periodo Primo gennaio – 30 giugno nel 2017 sono sbarcati in Italia 83.360 migranti contro i 70.222 del 2016 - ma, come sottolineava recentemente Fulvio Scaglione, non deve essere certamente sopravvalutata a livello addirittura di “emergenza”. Definizione che viene ridicolizzata dall’oltre milione di profughi siriani ospitati dal piccolo Libano e dagli oltre sei milioni di colombiani che, negli ultimi anni, hanno trovato non solo rifugio, ma tutti i diritti e il Welfare nella confinante Venezuela.

Cifre irrisorie, quelle europee al confronto. Il dibattito intorno alla migrazione nell'UE, inoltre, si sta sviluppando quasi interamente senza nessun riferimento alle cause. Quello che manca come premessa in un dibattito che offre finalmente al mondo il volto egoista, razzista e classista di quest’Europa riguarda le cause che sono oggi all’origine di una parte preponderante del fenomeno migratorio.

Nessuno può o vuole dirlo, ma la principale causa della fuga è la NATO. Quello che spesso viene taciuto riguardo alle tragedie dei migranti nel Mediterraneo è che quest’ultimi, nell'imbarcarsi verso l’Europa, non “fuggono da guerre e miseria” astratte come vorrebbero far credere i fintamente disattenti giornalisti nostrani. Fuggono dalle guerre e dalla miseria che sono state causate dall’Occidente, Europa inclusa. Ed in particolare attraverso un’organizzazione, la NATO appunto, che ha la maggior responsabilità della distruzione dei loro paesi.

Il modus operandi dell'Alleanza Atlantica è chiaro. Il modello, ripetuto più e più volte, in Libia, Siria, Yemen, comporta la completa destabilizzazione di una regione, che poi sarà rapidamente seguita da un'altra 'soluzione' NATO al problema.  La quasi totalità dei sessanta milioni di sfollati e rifugiati di guerra nel mondo rimane all’interno dei loro paesi o nei paesi confinanti; solo 600mila sono stati accolti in Europa. Per arrivarci, sono morti in mare a migliaia. In questo contesto, le guerre condotte dall’Occidente continuano a provocare esodi biblici, non solo di cittadini dei paesi bombardati o attaccati, ma anche di milioni di migranti che in quei paesi lavoravano. I rifugiati di guerra si intrecciano con il fenomeno dei migranti economici e climatico-ambientali, frutto degli sfruttamenti coloniali e neo-coloniali.

Il modo più veloce e rapido che l’Occidente ha per fermare le navi dei migranti è di smetterla di sostenere la guerra e l’oppressione. Smantellare la NATO sarebbe la soluzione più immediata, chiaramente. Chiedere agli Stati Uniti, padrone dell’Alleanza Atlantica, di partecipare al "danno" delle sue guerre con l’accoglienza della quasi totalità dei profughi indotti potrebbe essere una seconda soluzione.

Ma veniamo all’Europa. Subito dopo che Gentiloni ha leggermente alzato la testa dal servilismo congenito del suo partito e del suo governo chiedendo “solidarietà” perché i confini dell’Italia sono oggi i confini dell’Europa; e subito dopo che la Commissione europea ha fatto sapere di essere al lavoro per preparare alcune "misure concrete", la reazione di Francia, Spagna e Austria è stata chiara ed ha mostrato tutta la brutalità del regime neo-liberale che infesta il nostro continente. Se “l’afflusso di migranti dall’Italia non diminuirà. (…) Molto presto saranno attivati controlli alle frontiere e ci sarà bisogno di un dispiegamento dell’esercito fino a 750 uomini", ha dichiarato il ministro della Difesa austriaco Hans Peter Doskozil. Il “liberale” Macron ha parlato chiaro da subito: in Francia non entra nessuno. La Farnesina ha convocato d'urgenza l'Ambasciatore austriaco in Italia per qualche rimprovero di rito.

L’Italia rimane sola, questa è la sostanza. Viene un sorriso amaro nel pensare a chi, povero illuso, esultava trionfante per le vittorie della “democrazia” e del “sogno europeo” in Austria prima e Francia poi. Macron e Le Pen sono due facce della stessa medaglia. Il fascismo neo-liberista e il fascismo storico vanno combattuti entrambi contemporaneamente. “Oggi l'antifascismo ha due avversari, il potere che crea le condizioni economiche sociali e culturali perché il fascismo ed il razzismo risorgano, che cancella, come chiedeva la banca Morgan, i princìpi sociali delle costituzioni antifasciste, che educa alla esclusione e alla selezione sociale. Se volete andare alle radici del diffondersi di razzismo e xenofobia dovete vedere i mostri che si celano dietro la infame parola egemone competitività. Da qui rinasce il secondo avversario, i fascisti veri e propri che ad ogni deposito di fango della storia risorgono dalla melma. Macron e Lepen, Renzi e Salvini sono due facce della stessa medaglia e in Venezuela stanno dalla stessa parte”, dichiarava correttamente Giorgio Cremaschi all’assemblea di Eurostop dello scorso sabato a Roma.

Tornando, infine, alla crisi migratoria. I dati sono talmente irrisori che per la potenza economica mondiale quale l’Unione Europea è ridicolo anche solo discuterne. Pensate che in quel Venezuela della “crisi umanitaria”, pretesto per l'Unione Europea di un intervento per la destituzione del legittimo governo, sono ospitati con tutti i diritti oltre sei milioni di colombiani.

Chi ancora oggi, con l’esercito austriaco al Brennero e la gendarmerie a Ventimiglia, parla di solidarietà o si illude ancora di “riformare” o di “tornare alle origini” non assume una posizione seria nel dibattito attuale. Perché? Perché oggi non esiste alternativa alla gendarmerie di Macron e all’esercito austriaco del Brennero. Il governo italiano, che timidamente prova ad alzare la testa, ne prenda atto e ne tragga immediatamente le conclusioni. Con una scelta precisa. Se non vuole risolvere all’origine il problema facendola finita con il regime di Bruxelles, Berlino e Francoforte, almeno la prossima volta che ci sarà da versare i 14 miliardi di bilancio alle istituzioni europee, detragga dal conto i 5 miliardi che ha speso nel 2016 per la gestione di chi scappa dalle guerre militari ed economiche della NATO.

Alessandro Bianchi


 

Nessun commento: