Benvenuti nel Blog di Claudio Martinotti Doria, blogger dal 1996


"Non nobis Domine, non nobis, sed nomini Tuo da gloriam", motto dell'Ordine dei Cavalieri Templari, Pauperes commilitones Christi templique Salomonis

"Ciò che insegui ti sfugge, ciò cui sfuggi ti insegue" (aneddotica orientale, paragonabile alla nostra "chi ha pane non ha denti e chi ha denti non ha pane")

"Quello che mi ha sorpreso di più negli uomini dell'Occidente è che perdono la salute per fare soldi. E poi perdono i soldi per recuperare la salute. Pensano tanto al futuro che dimenticano di vivere il presente in tale maniera che non riescono a vivere nè il presente nè il futuro. Sono come se non dovessero morire mai e muoiono come se non avessero mai vissuto."
(Dalai Lama)

"A l'è mei mangè pan e siuli, putòst che vendsi a quaicadun" (Primo Doria, detto "il Principe")

"Prima ti ignorano, poi ti deridono, poi ti combattono. Poi vinci." Mahatma Gandhi

L'Italia non è una nazione ma un continente in miniatura con una straordinaria biodiversità e pluralità antropologica (Claudio Martinotti Doria)

Il proprio punto di vista, spesso è una visuale parziale e sfocata di un pertugio che da su un vicolo dove girano una fiction ... Molti credono sia la realtà ed i più motivati si mettono pure ad insegnare qualche tecnica per meglio osservare dal pertugio (Claudio Martinotti Doria)

Lo scopo primario della vita è semplicemente di sperimentare l'amore in tutte le sue molteplici modalità di manifestazione e di evolverci spiritualmente come individui e collettivamente (È “l'Amor che move il sole e le altre stelle”, scriveva Dante Alighieri, "un'unica Forza unisce infiniti mondi e li rende vivi", scriveva Giordano Bruno. )

La leadership politica occidentale è talmente poco dotata intellettualmente, culturalmente e spiritualmente, priva di qualsiasi perspicacia e lungimiranza, che finirà per portarci alla rovina, ponendo fine alla nostra civiltà. Claudio Martinotti Doria

PER CONTATTI: claudio@gc-colibri.com

Se preferite comunicare telefonicamente potete inviare un sms al 3485243182 lasciando il proprio recapito telefonico (fisso o mobile) per essere richiamati. Non rispondo al cellulare ai numeri sconosciuti per evitare le proposte commerciali sempre più assillanti

Questo blog ha adottato Creative Commons

Licenza Creative Commons
Blog personale by Claudio Martinotti Doria is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License.
Based on a work at www.cavalieredimonferrato.it.
Permissions beyond the scope of this license may be available at www.cavalieredimonferrato.it.

COME SOSTENERE LA MIA PERSEVERANTE ATTIVITA' DI VOLONTARIATO. Se avete apprezzato l’impegno e l’originalità dei miei articoli ritenendo che la mia attività divulgativa meriti un sostegno, appena avrete l’opportunità di farlo dedicate qualche minuto e qualche euro per sostenerla, tenendo presente che non ho entrate pubblicitarie e nessuno sponsor (condizione necessaria per mantenersi indipendenti) ed inoltre sono una vittima della riforma previdenziale della Fornero e la mia pensione è stata rinviata al 2024, ed è giusto che lo sappiate fin da adesso che l’importo che mi sarà erogato sarà minimo. Potrete contribuire con una donazione tramite PayPal all’account claudio@gc-colibri.com oppure a questo link: https://www.paypal.com/cgi-bin/webscr?cmd=_donations&business=Z2M2PAF4N76V6&lc=IT&item_name=Claudio%20Martinotti%20Doria&currency_code=EUR&bn=PP%2dDonationsBF%3abtn_donateCC_LG%2egif%3aNonHosted

Se non siete registrati a Paypal potete effettuare un bonifico bancario all’IBAN IT42M0303222600010000002011 (Credem, filiale di Casale Monferrato)

You can make a donation using PayPal account claudio@gc-colibri.com or at this link: https://www.paypal.com/cgi-bin/webscr?cmd=_donations&business=Z2M2PAF4N76V6&lc=IT&item_name=Claudio%20Martinotti%20Doria&currency_code=EUR&bn=PP%2dDonationsBF%3abtn_donateCC_LG%2egif%3aNonHosted





Patriă Montisferrati

Patriă Montisferrati
Cliccando sullo stemma del Monferrato potrete seguire su Casale News la rubrica di Storia Locale "Patriă Montisferrati", curata da Claudio Martinotti Doria in collaborazione con Manfredi Lanza, discendente aleramico del marchesi del Vasto - Busca - Lancia, principi di Trabia

Come valorizzare il Monferrato Storico

La Storia, così come il territorio e le sue genti che l’hanno vissuta e ne sono spesso ignoti ed anonimi protagonisti, meritano il massimo rispetto, occorre pertanto accostarsi ad essa con umiltà e desiderio di apprendere e servire. In questo caso si tratta di servire il Monferrato, come priorità rispetto a qualsiasi altra istanza (personale o di campanile), riconoscendo il valore di chi ci ha preceduti e di coloro che hanno contribuito a valorizzarlo, coinvolgendo senza preclusioni tutte le comunità insediate sul territorio del Monferrato Storico, affinché ognuna faccia la sua parte con una visione d’insieme ed un’unica coesa identità storico-culturale condivisa. Se ci si limita a piccole porzioni del Monferrato, per quanto significative, si è perdenti e dispersivi in partenza.

Sarà un percorso lungo e lento ma è l’unico percorribile se si vuole agire veramente per favorire il Monferrato Storico e proporlo con successo come un’unica entità territoriale turistico culturale ed economica …

La NATO si allarga al Montenegro ma la Serbia punta i piedi. Cosa succede nei Balcani?





L’articolo che vi propongo, tratto dal sito specialistico in scienze strategiche e militari “Difesa Online”, completa quanto avevo riportato recentemente a proposito dell’allargamento della NATO alla Macedonia con i turbamenti sociali e politici che sta causando nel piccolo ma strategicamente significativo paese balcanico al confine con la Grecia. Articolo nel quale avevo rammentato che solo una minoranza della popolazione in entrambi i paesi balcanici (Montenegro e Macedonia) approva le decisioni governative di adesione alla NATO ed anche in seconda istanza all’UE. Claudio





Fonte: Difesa Online 

La NATO si allarga al Montenegro ma la Serbia punta i piedi. Cosa succede nei Balcani?

(di Giampiero Venturi)
09/05/17 
 
Il 28 aprile è stato ratificato l’ingresso nella NATO del Montenegro, terza delle sei repubbliche ex jugoslave a scegliere l’Alleanza dal 2009 ad oggi.
Difesa Online ha affrontato l’argomento nel 2015, quando fu formalizzato l’invito a Podgorica, non rilevante dal punto di vista militare, ma molto incisivo sotto il profilo politico (leggi articolo). In considerazione dell’adesione di Slovenia, Croazia e Albania, fatta eccezione per i 20 km di costa bosniaca davanti a Neum, l’ingresso del Montenegro nella NATO trasforma l’Adriatico in un lago atlantico.
Il dato è enorme dal punto di vista storico e geopolitico, anche se va filtrato alla luce di alcune considerazioni.
Nonostante lo scioglimento dell’URSS e il sostanziale cambio di equilibri dal 1949 ad oggi, la NATO continua indefessa a puntare verso est. Lo spettro di un blocco euroasiatico costituito da un virtuale asse Brest-Vladivostock, tanto caro a De Gaulle, disturba ancora il sonno oltre l’Atlantico. In quest’ottica la NATO ha coinvolto molti ex nemici europei, pagandone il prezzo con una compattezza politica minore di quella che l’ha caratterizzata per mezzo secolo.
Non sono pochi i membri balcanici dell’Alleanza che intrattengono ottimi rapporti politici con la Russia, terminale di tutti gli strali occidentali. Oltre all’Ungheria e alla Bulgaria, va citata in particolare la Grecia, che pur sganciata da un passato filosovietico intrattiene ottime relazioni con Mosca, innanzitutto per questioni culturali.
Lo stesso si potrebbe dire per il Montenegro, cugino piccolo della Serbia, a sua volta sorella minore di Madre Russia. Diviso internamente da due fronti opposti, uno filooccidentale europeista e uno filorusso, il piccolo Paese balcanico non ha mai rinnegato i legami con Mosca di cui è stato negli ultimi venti anni il punto di riferimento turistico e finanziario nel Mediterraneo occidentale.
Omogeneità dei Paesi NATO a parte, rimane il fatto oggettivo che Podgorica ora sia ufficialmente parte di un grande ombrello politico e militare governato dagli USA.
La Russia ha dovuto ingoiare il rospo accettando l’ulteriore giro di corda che porta al collo dal 1991. Nel ’99 toccò a Ungheria, Polonia e Repubblica Ceca; nel 2004 al resto dell’ex Patto di Varsavia, alle tre repubbliche baltiche (ex sovietiche) e alla Slovenia, intaccando per la prima volta l’ex Jugoslavia. Si replicò nel 2009 con l’ingresso nell’Alleanza della Croazia e dell’ex-stalinista Albania.
Nonostante mamma NATO sia da sempre capace di far sedere vicini popoli ostili (il caso di Turchia e Grecia vale per tutti), non tutti i Paesi si sono allineati alle nuove tendenze. Morto il comunismo e sgretolati i blocchi, sono tornati i vincoli culturali e i cattivi rapporti politici tra la ex Jugoslavia e Mosca si sono trasformati in fratellanza slava fra Serbia e Russia.
L’arrivo della Croazia nella NATO non a caso ha rispostato l’antico confine culturale fra Est e Ovest proprio tra la Sava e il Danubio.
Com’è logico, la confederazione Serbia-Montenegro, in attrito con gli interessi atlantici, ha rappresentato per un decennio una spina nel fianco nell’Alleanza. Com’è altrettanto logico andava eliminata.
Le tappe sono state progressive: prima è stato scisso il legame politico fra Belgrado e Podgorica, togliendo a Belgrado lo sbocco al mare, poi è stata arginata la componente nazionalista filorussa molto forte nella piccola repubblica adriatica. L’ingresso nella NATO era solo questione di tempo.
Non potendo frenare una migrazione scontata se non al rischio di accuse di ingerenze imperialistiche nelle questioni europee (anche se il Montenegro non fa parte dell’Unione, nda), la Russia non ha potuto far altro che stringere con la Serbia, alleata storica ormai abituata a recitare il ruolo di brutto anatroccolo nel consesso europeo.
La partecipazione di Belgrado alle annuali esercitazioni militari Slavic Brotherood la dice lunga. Sebbene la Serbia intrattenga un rapporto “non ostile” con l’Alleanza Atlantica, i rapporti di amicizia e collaborazione con Mosca non conoscono crisi.
A questo proposito è bene chiarire alcuni aspetti, legati alle presidenziali di aprile 2017. I giornali del mainstream italiano (Repubblica, 2 aprile, nda) hanno presentato la vittoria di Vucic come un trionfo dell’europeismo riformatore. Vucic, giovane e capace leader, è in realtà a capo del Partito Progressista che nasce da una scissione dal Partito Radicale Serbo di Seselj, di cui ha rinnegato solo le posizioni più ottuse. Le sue posizioni europeiste sono un'evidente necessità per evitare lo strangolamento economico del Paese, in atto dalla fine della ex Jugoslavia.
Come si pone dunque la Serbia, cuore dei Balcani?
La dichiarazione di Vucic riguardo alleanze militari con l’Occidente, sotto questo profilo sono state cristalline: “La Serbia non entrerà mai nella NATO” in virtù del suo ruolo “diverso” giocato in Europa da secoli e di un legame speciale con Russia Unita di Putin.
Con la Serbia che punta i piedi, la campagna acquisti della NATO sembra ora arrivata al suo terminal orientale. Se Belgrado sarà punto di contatto o punto di attrito è tutto da vedere.
Cosa succederà ora?
Il prossimo passo per la NATO sarà rivolto verso l’interno, cercando di ridurre le differenze tra Stati membri che contaminano l’omogeneità politica. Il compito sarà molto arduo. Laddove non attaccherà la russofobia, carta vincente nei Paesi baltici e in Polonia, saranno le élite politiche a fare la differenza. L’eliminazione dei nazionalismi e dei movimenti sovranisti, sarà il prossimo obiettivo strategico. Il percorso è già iniziato, ma probabilmente per Bruxelles sarà il lavoro più difficile.
(foto: Војска Србије)

Nessun commento: