Benvenuti nel Blog di Claudio Martinotti Doria, blogger dal 1996


"Non nobis Domine, non nobis, sed nomini Tuo da gloriam", motto dell'Ordine dei Cavalieri Templari, Pauperes commilitones Christi templique Salomonis

"Ciò che insegui ti sfugge, ciò cui sfuggi ti insegue" (aneddotica orientale, paragonabile alla nostra "chi ha pane non ha denti e chi ha denti non ha pane")

"Quello che mi ha sorpreso di più negli uomini dell'Occidente è che perdono la salute per fare soldi. E poi perdono i soldi per recuperare la salute. Pensano tanto al futuro che dimenticano di vivere il presente in tale maniera che non riescono a vivere nè il presente nè il futuro. Sono come se non dovessero morire mai e muoiono come se non avessero mai vissuto."
(Dalai Lama)

"A l'è mei mangè pan e siuli, putòst che vendsi a quaicadun" (Primo Doria, detto "il Principe")

"Prima ti ignorano, poi ti deridono, poi ti combattono. Poi vinci." Mahatma Gandhi

L'Italia non è una nazione ma un continente in miniatura con una straordinaria biodiversità e pluralità antropologica (Claudio Martinotti Doria)

Il proprio punto di vista, spesso è una visuale parziale e sfocata di un pertugio che da su un vicolo dove girano una fiction ... Molti credono sia la realtà ed i più motivati si mettono pure ad insegnare qualche tecnica per meglio osservare dal pertugio (Claudio Martinotti Doria)

Lo scopo primario della vita è semplicemente di sperimentare l'amore in tutte le sue molteplici modalità di manifestazione e di evolverci spiritualmente come individui e collettivamente (È “l'Amor che move il sole e le altre stelle”, scriveva Dante Alighieri, "un'unica Forza unisce infiniti mondi e li rende vivi", scriveva Giordano Bruno. )

La leadership politica occidentale è talmente poco dotata intellettualmente, culturalmente e spiritualmente, priva di qualsiasi perspicacia e lungimiranza, che finirà per portarci alla rovina, ponendo fine alla nostra civiltà. Claudio Martinotti Doria

PER CONTATTI: claudio@gc-colibri.com

Se preferite comunicare telefonicamente potete inviare un sms al 3485243182 lasciando il proprio recapito telefonico (fisso o mobile) per essere richiamati. Non rispondo al cellulare ai numeri sconosciuti per evitare le proposte commerciali sempre più assillanti

Questo blog ha adottato Creative Commons

Licenza Creative Commons
Blog personale by Claudio Martinotti Doria is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License.
Based on a work at www.cavalieredimonferrato.it.
Permissions beyond the scope of this license may be available at www.cavalieredimonferrato.it.

COME SOSTENERE LA MIA PERSEVERANTE ATTIVITA' DI VOLONTARIATO. Se avete apprezzato l’impegno e l’originalità dei miei articoli ritenendo che la mia attività divulgativa meriti un sostegno, appena avrete l’opportunità di farlo dedicate qualche minuto e qualche euro per sostenerla, tenendo presente che non ho entrate pubblicitarie e nessuno sponsor (condizione necessaria per mantenersi indipendenti) ed inoltre sono una vittima della riforma previdenziale della Fornero e la mia pensione è stata rinviata al 2024, ed è giusto che lo sappiate fin da adesso che l’importo che mi sarà erogato sarà minimo. Potrete contribuire con una donazione tramite PayPal all’account claudio@gc-colibri.com oppure a questo link: https://www.paypal.com/cgi-bin/webscr?cmd=_donations&business=Z2M2PAF4N76V6&lc=IT&item_name=Claudio%20Martinotti%20Doria&currency_code=EUR&bn=PP%2dDonationsBF%3abtn_donateCC_LG%2egif%3aNonHosted

Se non siete registrati a Paypal potete effettuare un bonifico bancario all’IBAN IT42M0303222600010000002011 (Credem, filiale di Casale Monferrato)

You can make a donation using PayPal account claudio@gc-colibri.com or at this link: https://www.paypal.com/cgi-bin/webscr?cmd=_donations&business=Z2M2PAF4N76V6&lc=IT&item_name=Claudio%20Martinotti%20Doria&currency_code=EUR&bn=PP%2dDonationsBF%3abtn_donateCC_LG%2egif%3aNonHosted





Patriă Montisferrati

Patriă Montisferrati
Cliccando sullo stemma del Monferrato potrete seguire su Casale News la rubrica di Storia Locale "Patriă Montisferrati", curata da Claudio Martinotti Doria in collaborazione con Manfredi Lanza, discendente aleramico del marchesi del Vasto - Busca - Lancia, principi di Trabia

Come valorizzare il Monferrato Storico

La Storia, così come il territorio e le sue genti che l’hanno vissuta e ne sono spesso ignoti ed anonimi protagonisti, meritano il massimo rispetto, occorre pertanto accostarsi ad essa con umiltà e desiderio di apprendere e servire. In questo caso si tratta di servire il Monferrato, come priorità rispetto a qualsiasi altra istanza (personale o di campanile), riconoscendo il valore di chi ci ha preceduti e di coloro che hanno contribuito a valorizzarlo, coinvolgendo senza preclusioni tutte le comunità insediate sul territorio del Monferrato Storico, affinché ognuna faccia la sua parte con una visione d’insieme ed un’unica coesa identità storico-culturale condivisa. Se ci si limita a piccole porzioni del Monferrato, per quanto significative, si è perdenti e dispersivi in partenza.

Sarà un percorso lungo e lento ma è l’unico percorribile se si vuole agire veramente per favorire il Monferrato Storico e proporlo con successo come un’unica entità territoriale turistico culturale ed economica …

L'elezione di Trump, un grande insegnamento dal popolo americano


Keystone

Prefazione di Claudio Martinotti Doria

Maurizio Blondet, di cui vi allego l’ultimo intervento, avrebbe avuto ben diritto di togliersi qualche sassolino dalle scarpe, ed invece a mio avviso è stato fin troppo moderato e non ha infierito più di tanto. Personalmente ai contenuti delle sue riflessioni post elettive negli USA, aggiungerei soltanto che la vittoria di Trump, non dico che fosse prevista con assoluta certezza dai blogger seri ed affidabili (quelli per intenderci con cui interagisco ed attingo abitualmente, e non sono solo italiani), ma non ha certamente costituito per loro una sorpresa, affatto. A cominciare dal famoso documentarista e giornalista free lance d’inchiesta Michael Moore che girando gli States dalla primavera all’estate scorsa ha colto il polso della situazione sociale ed economica della popolazione americana, a differenza dell’establishment americano e dei mass media al loro univoco corale servizio, ed aveva anticipato l’elevata probabilità che Trump potesse farcela a catalizzare il voto della classe media americana (che le precedenti amministrazioni hanno praticamente estinto riducendola in miseria), oltre che addirittura degli indigenti, il che costituisce un superlativo paradosso: i poveri che votano un super-ricco, un tycoon, un arrogante megalomane figlio di papà nato con la camicia che ha avuto tutto dalla vita. Ma la famiglia Clinton per questa grossa fetta di società americana sarebbe stato peggio, molto peggio, e non sto ad elencarne i motivi, che sono numerosi e sono emersi in particolare grazie a WikiLeaks, roba da voltastomaco, essendosi i Clinton rivelati per un’associazione a delinquere di stampo famigliare e stile mafioso. Basti pensare che hanno utilizzato la Fondazione Clinton per ricevere denaro dai paesi arabi e da multinazionali solo per combinare incontri politici istituzionali sul suolo americano e per finte comparsate e conferenze, e con quel denaro, che in una Fondazione, per legge e per dovere morale, dovrebbe essere destinato in beneficenza e per progetti umanitari, hanno ad esempio comprato una casa alla figlia Chelsea da 10 milioni di dollari, pagato le spese del matrimonio per 3 milioni di dollari e l’hanno assunta a stipendio annuo di 600 mila dollari nell’organico della Fondazione senza che in realtà svolgesse alcun servizio. E poi ci lamentiamo dei nostri politicanti, baciamani e leccapiedi di quelli made in USA, forse si prostrano nei loro confronti proprio per l’invidia che provano a non poter disporre delle loro stesse opportunità di approfittamento, delle loro rendite e benefits, in confronto i politicanti italiani sono dei miserabili, sotto tutti i punti di vista.
Ad ogni modo non facciamoci troppe illusioni, pur constatando che con Trump il rischio che si scateni una guerra mondiale si è ridimensionato, i neocons superato lo shock iniziale non staranno con le mani in mano ed useranno tutto il loro potere, anche ricattatorio e criminale, e la loro rete (ragnatela) di funzionari nelle istituzioni, per esercitare pressione su Trump (anche boicottandolo) per ottenere qualche risultato a loro favore. Mi spiace per i complottisti oltranzisti, ma non credo che i neocons lo avessero previsto ed avessero pianificato anche questa opzione, sono scollati dalla realtà della povera gente, troppo abituati a parlarsi addosso per rendersi conto che non sempre si riesce a manipolare in toto la popolazione, per quanto la si tenga nell’ignoranza e si abbiano tutti i media (spin doctor e frame) sotto controllo. Ed anche la carta dei brogli elettorali non hanno potuto giocarla, perché già anticipata dall’avversario che li aveva messi in guardia, si sarebbe scoperto troppo il loro gioco, divenendo pacchiano, ed hanno dovuto rinunciarci, essendo oltretutto eccessivo il vantaggio elettorale di Trump, che è riuscito a portare a votare parecchi milioni di americani che non votavano più fin dai tempi di Bush J. o addirittura di Clinton.
Chiudo con un auspicio, che gli attuali mass media ancora esistenti e retrogradi, che da anni si sono prostituiti in un infame mercimonio senza alcuna vergogna, mentendo spudoratamente e mostrando un’America che non esisteva, tutti in maniera monocorde a sostegno della Clinton data vincente senza il minimo dubbio, falliscano tutti, uno dietro l’altro, per il totale abbandono dei loro pochi lettori, telespettatori, utenti, ecc.. Se si vogliono informare e documentare che imparino a farlo ricorrendo ad Internet, individuando come fonte di informazioni coloro che si sono fatti una reputazione meritata, senza alcun aiuto dall’esterno, senza finanziamenti pubblici o privati sospetti.

Risultati immagini per gentiloni


POVERO GENTILONI …E GRANDE POPOLO AMERICANO

Confesso la mia prima reazione: “Non sarà un trucco?”  –  Dall’11 Settembre, tutte le novità che vengono  dagli Usa mi odorano di  false flag.  Ma lascio a domani i miei dubbi, e per oggi saluto il popolo  americano. Il grande popolo dei “bianchi senza laurea”,  dei rednecks (i colli rossi,quelli che lavorano all’aperto,   muratori, coltivatori) spregiati da tutti i radicalchic con la puzza al naso.  Un popolo che nella sua rozzezza e semplicità,  ha mostrato una libertà di spirito straordinaria: non l’hanno intimidito le opinioni degli opinionisti “di prestigio”, ha  saputo guardare attraverso le menzogne dei “rispettabili”, non s’è lasciato mettere in soggezione dai divieti del  politicamente corretto da cui è stato inondato per dieci mesi (ancora nell’ultima ora, Huffington Post  ha  bollato Trump di “bugiardo seriale, misogino, razzista, xenofobo…”).    Se n’è infischiato dei sondaggi falsi che davano Klinton vincitrice  fin dal primo giorno, non s’è fatto  sedurre né influenzare da femministe, lgbt, giornalisti (a cui si dovrà fare un processo), globalisti, né spaventare dal “crollo dei mercati” , né distrarre dal fumo e dagli specchi messi in atto dai poteri forti, né dalle “armi di distrazione di massa” televisive.  I “bianchi senza laurea” hanno  mostrato di non avere padroni  nelle loro menti, di non aver  portato i loro semplici cervelli all’ammasso del conformismo autorizzato.   Hanno mostrato una limpida chiarezza di visione politica  eccezionale:  han capito l’essenziale  e il fondamentale – ciò che tutti i “colti e semicolti” occidentali non hanno  capito o non hanno voluto capire.
Grande popolo coraggioso, un coraggio   politico sovrano che i nostri  popoli europei  non  sanno più cosa sia. Noi ci siamo assoggettati a tutti gli enti sovrannazionali immaginati dalle oligarchie, abbiamo ceduto la sovranità popolare a chiunque, a gente come Barroso e Juncker e Merkel, a Draghi,   noi italiani a tre governi che  ci sono stati dati da fuori. Abbiamo rotto i rapporti economici con la Russia,  con cui non avevamo alcun contenzioso, senza nemmeno pretendere un compenso  da chi  l’ha voluto, sia  Obama o  siano  i baltici; abbiamo disapprovato e siamo rimasti sgomenti  per il Brexit, i nostri autorevoli commentatori hanno profetizzato la rovina economica per la Gran Bretagna  che s’era liberata dalla Commissione: profezia sbagliata, e argomento di una viltà quasi incredibile , del tipo: “Non possiamo essere liberi perché ci costa troppo”.  E anche adesso le  radio  piangono: “Crollano le borse in tutto il   mondo”. E chi se ne frega. Ci stanno  di nuovo dicendo: “Non potete tornare liberi perché non conviene economicamente”.
I rednecks  hanno detto “basta”, anche in qualche modo per noi. Dovremmo abituarci ad essere liberi, nostro malgrado, se – come spero – l’ombrello NATO non ci “proteggerà” più, tanto per dirne una.
Non so se Trump sarà all’altezza – è questo uno dei dubbi –   del compito rivoluzionario che gli ha dato il popolo americano; ma comunque vada, il popolo americano merita  il nostro rispetto, e il nostro grazie.  Giù il cappello.
Il mio secondo o terzo pensiero è stato: povero Gentiloni. Wikileaks aveva spifferato  le sue servili suppliche a Huma Abedin per avere un incontro, anche di   cinque minuti, con Hillary,  presentandosi così:  sono “ membro del Partito democratico italiano, e per questo noi siamo legatissimi ai democratici americani…”.  A settembre il nostro ministro degli esteri era andato pure  a New York a tifare, a  gridare “Forza Hillary”.  Complimenti per l’alta  intuizione politica,  la statura del personaggio. E non parliamo di Matteo Renzi che è andato a baciare la pantofola di un Obama spettrale, falsificatore, guerrafondaio per conto dei sauditi, cripto-Fratello Musulmano  – ed ora si trova al governo Donald.  A cui naturalmente  baceranno la pantofola, perché sono abituati a farlo, chiunque sia il padrone.
Poi, dovremo  cominciare  fare un processo al sistema mediatico, che s’è coperto di vergogna, e alla casta dei giornalisti  che non hanno esitato a  mentire spudoratamente, a tacere tutte le verità che giorno dopo giorno venivano fuori su Hillary.

Faccio un rapido, sommario conto di quelli che – salvo sorprese – sono i perdenti  geopolitici.   Il regno saudita, che ha pagato miliardi per storcere la politica estera americana  secondo i suoi interessi e associarla ai suoi delitti.  I neocon? Sarei meno sicuro. Ma perdente è   Stoltenberg,  sono   i baltici, la giunta di Kiev, la Commissione,  le entità sovrannazionali  – e i mercati che crollano perché non hanno previsto, e non sanno più cosa sarà il futuro, e la speculazione che teme di non poter più assoggettare la politica – la politica sovrana . Ci perdono, spero,  Soros, i guerrafondai e i loro servi per soggezione o paura in Europa.
Forse non ci sarà la guerra.  Dico forse, perché  – attenzione –  non sappiamo ancora del tutto di  quali poteri forti hanno appoggiato Donald.  Voglio solo ricordare che molti americani, forse molti degli stessi che hanno  votato Trump,  votarono Obama, perché speravano che avrebbe messo fine alle guerre ultra-decennali neocon dell’era Bush jr.:  non è riuscito nemmeno a chiudere Guantanamo, e le guerre contro Siria, Libia Somalia, Irak, Yemen,  le ha invelenite pagando  e  addestrando un Califfato made in Cia,e  insistendo a voler  detronizzare Assad per  consegnare la Siria a Al Qaeda.
Vedremo. Per il momento rallegriamoci, e salutiamo Vladimir Putin, che ha sfidato  l’unipolarismo e il globalismo. Speriamo  di rivederlo nostro amico.
Post Scriptum: i “bianchi senza laurea”  che hanno votato Trump non significa  i neri e  latinos gli siano stati contrari. Per esempio Trump ha avuto di neri più voti (+5%) e dai latinos (+2)  di quanti abbia avuto Romney, per esempio. E’  la classe lavoratrice che ha votato, non tanto per Trump, quanto contro Hillary  – e contro le guerre che ha promesso, visto che è la classe lavoratrice che poi le deve fare.


"Let the people run"
“Let the people run”

Nessun commento: