Benvenuti nel Blog di Claudio Martinotti Doria, blogger dal 1996


"Non nobis Domine, non nobis, sed nomini Tuo da gloriam", motto dell'Ordine dei Cavalieri Templari, Pauperes commilitones Christi templique Salomonis

"Ciò che insegui ti sfugge, ciò cui sfuggi ti insegue" (aneddotica orientale, paragonabile alla nostra "chi ha pane non ha denti e chi ha denti non ha pane")

"Quello che mi ha sorpreso di più negli uomini dell'Occidente è che perdono la salute per fare soldi. E poi perdono i soldi per recuperare la salute. Pensano tanto al futuro che dimenticano di vivere il presente in tale maniera che non riescono a vivere nè il presente nè il futuro. Sono come se non dovessero morire mai e muoiono come se non avessero mai vissuto."
(Dalai Lama)

"A l'è mei mangè pan e siuli, putòst che vendsi a quaicadun" (Primo Doria, detto "il Principe")

"Prima ti ignorano, poi ti deridono, poi ti combattono. Poi vinci." Mahatma Gandhi

L'Italia non è una nazione ma un continente in miniatura con una straordinaria biodiversità e pluralità antropologica (Claudio Martinotti Doria)

Il proprio punto di vista, spesso è una visuale parziale e sfocata di un pertugio che da su un vicolo dove girano una fiction ... Molti credono sia la realtà ed i più motivati si mettono pure ad insegnare qualche tecnica per meglio osservare dal pertugio (Claudio Martinotti Doria)

Lo scopo primario della vita è semplicemente di sperimentare l'amore in tutte le sue molteplici modalità di manifestazione e di evolverci spiritualmente come individui e collettivamente (È “l'Amor che move il sole e le altre stelle”, scriveva Dante Alighieri, "un'unica Forza unisce infiniti mondi e li rende vivi", scriveva Giordano Bruno. )

La leadership politica occidentale è talmente poco dotata intellettualmente, culturalmente e spiritualmente, priva di qualsiasi perspicacia e lungimiranza, che finirà per portarci alla rovina, ponendo fine alla nostra civiltà. Claudio Martinotti Doria

PER CONTATTI: claudio@gc-colibri.com

Se preferite comunicare telefonicamente potete inviare un sms al 3485243182 lasciando il proprio recapito telefonico (fisso o mobile) per essere richiamati. Non rispondo al cellulare ai numeri sconosciuti per evitare le proposte commerciali sempre più assillanti

Questo blog ha adottato Creative Commons

Licenza Creative Commons
Blog personale by Claudio Martinotti Doria is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License.
Based on a work at www.cavalieredimonferrato.it.
Permissions beyond the scope of this license may be available at www.cavalieredimonferrato.it.

COME SOSTENERE LA MIA PERSEVERANTE ATTIVITA' DI VOLONTARIATO. Se avete apprezzato l’impegno e l’originalità dei miei articoli ritenendo che la mia attività divulgativa meriti un sostegno, appena avrete l’opportunità di farlo dedicate qualche minuto e qualche euro per sostenerla, tenendo presente che non ho entrate pubblicitarie e nessuno sponsor (condizione necessaria per mantenersi indipendenti) ed inoltre sono una vittima della riforma previdenziale della Fornero e la mia pensione è stata rinviata al 2024, ed è giusto che lo sappiate fin da adesso che l’importo che mi sarà erogato sarà minimo. Potrete contribuire con una donazione tramite PayPal all’account claudio@gc-colibri.com oppure a questo link: https://www.paypal.com/cgi-bin/webscr?cmd=_donations&business=Z2M2PAF4N76V6&lc=IT&item_name=Claudio%20Martinotti%20Doria&currency_code=EUR&bn=PP%2dDonationsBF%3abtn_donateCC_LG%2egif%3aNonHosted

Se non siete registrati a Paypal potete effettuare un bonifico bancario all’IBAN IT42M0303222600010000002011 (Credem, filiale di Casale Monferrato)

You can make a donation using PayPal account claudio@gc-colibri.com or at this link: https://www.paypal.com/cgi-bin/webscr?cmd=_donations&business=Z2M2PAF4N76V6&lc=IT&item_name=Claudio%20Martinotti%20Doria&currency_code=EUR&bn=PP%2dDonationsBF%3abtn_donateCC_LG%2egif%3aNonHosted





Patriă Montisferrati

Patriă Montisferrati
Cliccando sullo stemma del Monferrato potrete seguire su Casale News la rubrica di Storia Locale "Patriă Montisferrati", curata da Claudio Martinotti Doria in collaborazione con Manfredi Lanza, discendente aleramico del marchesi del Vasto - Busca - Lancia, principi di Trabia

Come valorizzare il Monferrato Storico

La Storia, così come il territorio e le sue genti che l’hanno vissuta e ne sono spesso ignoti ed anonimi protagonisti, meritano il massimo rispetto, occorre pertanto accostarsi ad essa con umiltà e desiderio di apprendere e servire. In questo caso si tratta di servire il Monferrato, come priorità rispetto a qualsiasi altra istanza (personale o di campanile), riconoscendo il valore di chi ci ha preceduti e di coloro che hanno contribuito a valorizzarlo, coinvolgendo senza preclusioni tutte le comunità insediate sul territorio del Monferrato Storico, affinché ognuna faccia la sua parte con una visione d’insieme ed un’unica coesa identità storico-culturale condivisa. Se ci si limita a piccole porzioni del Monferrato, per quanto significative, si è perdenti e dispersivi in partenza.

Sarà un percorso lungo e lento ma è l’unico percorribile se si vuole agire veramente per favorire il Monferrato Storico e proporlo con successo come un’unica entità territoriale turistico culturale ed economica …

APE Social riservata solo a chi non è sovrappeso ...





Sull’argomento pensioni e false micro-riforme sono intervenuto varie volte per disilludere tutti coloro che riponevano una qualsiasi residua fiducia in interventi politico governativi in senso correttivo e perequativo della famigerata riforma Fornero-Monti, a partire dalle prime ed apprezzabili proposte del presidente INPS Boeri subito stoppate politicamente perché troppo serie e strutturali rispetto al cazzeggio imperante e confondente della politica mediatica. Per cui non mi ripeto ma mi soffermo solo sulle ultime news che confermano la mia totale sfiducia in questa casta politica, che ha rivelato per l’ennesima volta, semmai ce ne fosse stato bisogno, la loro inaffidabilità.
In pratica i nostri politicanti si sono lasciati dopo gli incontri coi sindacati con determinate condizioni concordate, tra cui i 20 anni contributivi per accedere all’APE. Poi appena i sindacati sono usciti, si scopre che la condizione prevista dal governo è transitata a 30 anni contributivi. Un’inezia. Cosa volete che sia una variazione di cosi scarso cabotaggio, una decina di anni di contribuzione, un’inezia, soprattutto in considerazione del fatto che negli ultimi quindici anni il lavoro atipico o precario è esploso in modo esponenziale e coloro che hanno potuto disporre di versamenti contributivi previdenziali integrali sono esclusivamente i lavoratori dipendenti e statali (peraltro molti di questi ultimi solo in maniera nominale, essendo gli enti pubblici i maggiori evasori previdenziali e quindi debitori nei confronti dell’INPS, ma questo i media spesso dimenticano di riferirlo). Tutti gli altri, milioni e milioni di lavoratori, negli ultimi anni hanno svolto lavori di collaborazione con le molteplici modalità contrattuali (soprattutto lavori temporanei ed occasionali, che non prevedono versamenti contributivi se non si supera un certo tetto reddituale), i cui contributi sono finiti nella gestione separata dell’INPS, che non concorrono a determinare l’accumulo delle annualità previdenziali, per cui moltissimi lavoratori cosiddetti autonomi (che autonomi non sono affatto) non arrivano ai 30 anni di contributi effettivi per poter accedere all’APE agevolata, quella denominata mediaticamente Social, l’unica conveniente, perché quella volontaria è da usurai.
Siete forse sorpresi da tanta spregiudicatezza politica? Pensate che sia solo un caso? Che non ci sia premeditazione?
Pensate che adesso i sindacati si infurieranno e faranno fuoco e fiamme? Gli stessi che quanto ci fu la riforma Fornero che spostò in avanti mediamente di sei anni l’età della pensione non mossero un dito? Mentre quasi contemporaneamente nella vicina Francia per una riforma che prevedeva il posticipo pensionistico di soli due anni fecero scendere in strada milioni di persone infuriate facendo fare al governo marcia indietro?
Forse il governo sta giocando e prevede di rinegoziare al ribasso tale condizione, portandola ad esempio a 25 anni contributivi, ma probabilmente aggiungerebbe la condizione che il candidato alla pensione non sia sovrappeso, perché in tal caso sarebbe indicativo di uno stato di benessere tale da non giustificare l’anticipazione pensionistica, per cui prima occorrerebbe una visita ispettiva presso le sedi di medicina legale delle ASL, oppure come per la Social Card potrebbero richiedere un ISEE talmente riduttivo che per poterne disporre devi praticamente essere privo di tutto e vivere in auto o in qualche garage fornito in comodato d’uso gratuito.
E se pensate che le mie siano solo battute da copione cabarettistico, allora riponete ancora troppa fiducia nelle istituzioni parassitarie italiche, le quali come obiettivo hanno solo la rielezione dei propri rappresentanti, ripeto i propri e non i vostri, e quindi ciò che fanno, o meglio ciò che simulano di fare, ha il solo scopo di ingannare il pubblico guadagnando consensi effimeri e temporanei, quanto basta per ottenere un determinato esito referendario o elettorale.
Volete ancora farvi comprare per un piatto di lenticchie? Per 80 euro di bonus sulle tasse, manco per tutti?
Finché lo farete i parassiti che ci governano potranno continuare a fare i cabarettisti sulla vostra pelle. Quando tirerete fuori gli attributi, se non sono già atrofizzati, forse inizieranno a prendervi sul serio e a temervi, ma finché rimarrete testimoni passivi come il pubblico televisivo che si abbevera a palinsesti demenziali, continueranno a fare i loro interessi e a prendervi in giro come meritate.
Concludo rammentandovi, nel caso i media cui vi abbeverate non ve l’abbiano riferito, che a crescere in modo esponenziale oltre ai lavoratori precari ed i poveri è stata anche la spesa pubblica, soprattutto dopo l’accoppiata Monti-Fornero, nonostante l’austerità, per Voi non per loro, perché aumentando le entrate fiscali aumenta in proporzione anche la spesa pubblica, che non va mai a beneficio di chi ne avrebbe bisogno (sanità, assistenza sociale, previdenza, ecc., altrimenti non ci sarebbero queste pantomime sull’APE Social) ma va sempre a beneficio di qualche lobby, clientela, consorteria, conventicola, ecc.. Non lo sapevate?

Nessun commento: