Benvenuti nel Blog di Claudio Martinotti Doria, blogger dal 1996


"Non nobis Domine, non nobis, sed nomini Tuo da gloriam", motto dell'Ordine dei Cavalieri Templari, Pauperes commilitones Christi templique Salomonis

"Ciò che insegui ti sfugge, ciò cui sfuggi ti insegue" (aneddotica orientale, paragonabile alla nostra "chi ha pane non ha denti e chi ha denti non ha pane")

"Quello che mi ha sorpreso di più negli uomini dell'Occidente è che perdono la salute per fare soldi. E poi perdono i soldi per recuperare la salute. Pensano tanto al futuro che dimenticano di vivere il presente in tale maniera che non riescono a vivere nè il presente nè il futuro. Sono come se non dovessero morire mai e muoiono come se non avessero mai vissuto."
(Dalai Lama)

"A l'è mei mangè pan e siuli, putòst che vendsi a quaicadun" (Primo Doria, detto "il Principe")

"Prima ti ignorano, poi ti deridono, poi ti combattono. Poi vinci." Mahatma Gandhi

L'Italia non è una nazione ma un continente in miniatura con una straordinaria biodiversità e pluralità antropologica (Claudio Martinotti Doria)

Il proprio punto di vista, spesso è una visuale parziale e sfocata di un pertugio che da su un vicolo dove girano una fiction ... Molti credono sia la realtà ed i più motivati si mettono pure ad insegnare qualche tecnica per meglio osservare dal pertugio (Claudio Martinotti Doria)

Lo scopo primario della vita è semplicemente di sperimentare l'amore in tutte le sue molteplici modalità di manifestazione e di evolverci spiritualmente come individui e collettivamente (È “l'Amor che move il sole e le altre stelle”, scriveva Dante Alighieri, "un'unica Forza unisce infiniti mondi e li rende vivi", scriveva Giordano Bruno. )

La leadership politica occidentale è talmente poco dotata intellettualmente, culturalmente e spiritualmente, priva di qualsiasi perspicacia e lungimiranza, che finirà per portarci alla rovina, ponendo fine alla nostra civiltà. Claudio Martinotti Doria

PER CONTATTI: claudio@gc-colibri.com

Se preferite comunicare telefonicamente potete inviare un sms al 3485243182 lasciando il proprio recapito telefonico (fisso o mobile) per essere richiamati. Non rispondo al cellulare ai numeri sconosciuti per evitare le proposte commerciali sempre più assillanti

Questo blog ha adottato Creative Commons

Licenza Creative Commons
Blog personale by Claudio Martinotti Doria is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License.
Based on a work at www.cavalieredimonferrato.it.
Permissions beyond the scope of this license may be available at www.cavalieredimonferrato.it.

COME SOSTENERE LA MIA PERSEVERANTE ATTIVITA' DI VOLONTARIATO. Se avete apprezzato l’impegno e l’originalità dei miei articoli ritenendo che la mia attività divulgativa meriti un sostegno, appena avrete l’opportunità di farlo dedicate qualche minuto e qualche euro per sostenerla, tenendo presente che non ho entrate pubblicitarie e nessuno sponsor (condizione necessaria per mantenersi indipendenti) ed inoltre sono una vittima della riforma previdenziale della Fornero e la mia pensione è stata rinviata al 2024, ed è giusto che lo sappiate fin da adesso che l’importo che mi sarà erogato sarà minimo. Potrete contribuire con una donazione tramite PayPal all’account claudio@gc-colibri.com oppure a questo link: https://www.paypal.com/cgi-bin/webscr?cmd=_donations&business=Z2M2PAF4N76V6&lc=IT&item_name=Claudio%20Martinotti%20Doria&currency_code=EUR&bn=PP%2dDonationsBF%3abtn_donateCC_LG%2egif%3aNonHosted

Se non siete registrati a Paypal potete effettuare un bonifico bancario all’IBAN IT42M0303222600010000002011 (Credem, filiale di Casale Monferrato)

You can make a donation using PayPal account claudio@gc-colibri.com or at this link: https://www.paypal.com/cgi-bin/webscr?cmd=_donations&business=Z2M2PAF4N76V6&lc=IT&item_name=Claudio%20Martinotti%20Doria&currency_code=EUR&bn=PP%2dDonationsBF%3abtn_donateCC_LG%2egif%3aNonHosted





Patriă Montisferrati

Patriă Montisferrati
Cliccando sullo stemma del Monferrato potrete seguire su Casale News la rubrica di Storia Locale "Patriă Montisferrati", curata da Claudio Martinotti Doria in collaborazione con Manfredi Lanza, discendente aleramico del marchesi del Vasto - Busca - Lancia, principi di Trabia

Come valorizzare il Monferrato Storico

La Storia, così come il territorio e le sue genti che l’hanno vissuta e ne sono spesso ignoti ed anonimi protagonisti, meritano il massimo rispetto, occorre pertanto accostarsi ad essa con umiltà e desiderio di apprendere e servire. In questo caso si tratta di servire il Monferrato, come priorità rispetto a qualsiasi altra istanza (personale o di campanile), riconoscendo il valore di chi ci ha preceduti e di coloro che hanno contribuito a valorizzarlo, coinvolgendo senza preclusioni tutte le comunità insediate sul territorio del Monferrato Storico, affinché ognuna faccia la sua parte con una visione d’insieme ed un’unica coesa identità storico-culturale condivisa. Se ci si limita a piccole porzioni del Monferrato, per quanto significative, si è perdenti e dispersivi in partenza.

Sarà un percorso lungo e lento ma è l’unico percorribile se si vuole agire veramente per favorire il Monferrato Storico e proporlo con successo come un’unica entità territoriale turistico culturale ed economica …

Quello che avviene in Macedonia rivela un disegno strategico USA per penalizzare l'Europa assoggettandola ai propri presunti interessi



 
La gigantesca ambasciata USA a Skopje, capitale della Macedonia, recentemente ultimata e dotata di un organico di circa 400 persone
 
La lettura dell’articolo sottostante è caldamente consigliata a coloro che ancora credono che i fenomeni socio politici in corso nei vari paesi e le varie rivoluzioni colorate siano frutto di moto spontaneo delle masse o di significative minoranze sociali particolarmente evolute. Un paio di anni fa dopo il colpo di stato nazifascista oligarchico in Ucraina, spacciato per moto democratico popolare di piazza, la stessa leadership USA del dipartimento degli Esteri aveva ammesso che avevano investito 5 miliardi di dollari in quel paese europeo (ricordate che alcuni nostri parlamentari non sapevano neppure che fosse in Europa?) per sovvertire il precedente regime filorusso. Il canovaccio è sempre lo stesso da parecchi anni, strategia elaborata dall’entourage di George Soros e dai servizi americani, finanziando le ONG e le Fondazioni, i mass media ed i gruppi paramilitari, politici locali e unità di agenti infiltrati e consulenti militari, ecc.. Se in Macedonia, uno stato balcanico di piccole dimensioni con solo due milioni di abitanti, ma strategicamente importante per la sua collocazione geopolitica, gli USA hanno aperto una mega ambasciata con 400 dipendenti, che sia perché hanno pianificato qualcosa? Non è che per caso la popolazione sia semplicemente ritenuta alla pari di animali da allevamento ed ammaestrati? I media in tal caso servono esclusivamente per l’addestramento e l’addomesticamento delle masse tramite disinformazione e mistificazione preventivamente pianificata e mirata all’obiettivo, che è quello di sovvertire le condizioni politiche del paese per sostituire la classe politica con un’altra predisposta ad asservire gli interessi USA. Successivamente verranno collocate basi militari americane e si sosterrà l’economia locale con prestiti delle istituzioni finanziarie controllate dagli USA. Il gioco è sempre lo stesso con qualche variante in corso d’opera. Dovrebbe essere evidente a tutti se solo ci fossero ancora giornalisti degni di questo nome, ma ormai per scoprire queste tattiche collaudate occorre rivolgersi alla rete o a qualche libro inchiesta di qualche coraggioso autore disposto a rischiare in prima persona divenendo persona “non gradita” ai vari regimi elitari ormai totalmente nella sfera d’influenza americana, come i paesi Baltici, la Polonia, l’Ucraina, ecc.. Stanno predisponendosi a provocare un conflitto bellico in Europa, proprio come avvenne oltre settant’anni fa, perché è l’unico modo in cui gli USA possono ancora sostenere la loro economia ed il dollaro come moneta internazionale di riferimento, conservando non solo il loro potere nel mondo ma soprattutto il tenore di vita della loro classe dominante. Claudio



Segnali di pericolo: l'artificiosa rivoluzione macedone in corso


Skopje, in Macedonia, è in subbuglio, l’ultimo obiettivo della crisi e del cambio di regime creato in Europa.

People wave national flags during a protest in front of the Government building in Skopje, Macedonia.
© AP Photo/

Migliaia di persone sono scese per le strade in dissenso per la grazia del Presidente Gjorge Ivanov verso alcuni funzionari. Come abbiamo visto in Ucraina e altrove, il vecchio gioco della Guerra Fredda continua. Una nazione all'apice della crisi occidentale contro l'est che potrebbe presto combattere, non per la libertà, ma per diventare l'ennesima pedina di un gioco mortale. Il lettore più attento non sarà sorpreso dal trovare volti familiari nella folla in fermento che circonda un governo. I macedoni vengono trascinati in un vortice da cui non potranno mai uscire. Ecco un altro sguardo su come Stati Uniti e alleati hanno truccato la scacchiera.
"Il potere non è un mezzo, è un fine. Non instaurare una dittatura per salvaguardare la rivoluzione; ma fare la rivoluzione, per instaurare la dittatura". George Orwell
Trovare i loghi dell'Open Society Foundations di George Soros in Macedonia, e quello dell'USAID accanto non dovrebbe sorprendere chi studia il caos mondiale di questi giorni. Entrambe le entità collaborano offrendo borse di studio per acquistare una nuova legione di studenti "compiacenti" e futuri capi della Macedonia. Il piano per la società civile in Macedonia è la testimonianza di come il sistema di Soros e colleghi s'è attivato in tutte le repubbliche ex-sovietiche. Se l'Open Society Foundations di Soros non può essere accusata di corruzione palese, "comprare" l'amore della gente in queste nazioni certamente lo dimostrerebbe. Attraverso iniziative e partnership come quella della Youth Educational Forum (YEF), l'edificio politico di Soros in Macedonia si rispecchia in ciò che ho già indicato in Lettonia, Georgia e Libia.
E' dovuto alla manipolazione sociale se vediamo giovani sostenere l'ulteriore americanizzazione, quando decenni di UE e influenza occidentale non hanno portato nulla alla Macedonia. Il PIL del Paese rimane basso, uno dei più bassi dei Paesi in via di sviluppo in Europa e Asia. Ancora una volta, Soros e il dipartimento di Stato degli Stati Uniti sono immersi fino al collo nel controllo dei regimi. Il Presidente Gjorge Ivanov che guarda a Mosca è al centro dell'attuale caos in Macedonia, e agli alleati dell'UE travolti dal disastro dei rifugiati serve il momento opportuno per siglare il destino della Macedonia.
Macedonia, citta` di Skopje
© AP Photo/ Vangel Tanurovski

La lettera del 14 aprile delle 84 organizzazioni guidate dall'Open Society Foundation al Presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker, urla eversione nella mia mente. Ramadan Ramadani, membro del Consiglio dell'Open Society Foundation è in prima linea nel movimento, e l'elenco dei partner dell'organizzazione di Soros è ampio e radicato, così come in altri Paesi in crisi. I manifestanti davanti l'edificio del governo macedone sono in effetti istigati dai partner dei tentativi macedoni di Soros. L'elenco comprende; Agenzia statunitense per lo sviluppo internazionale — USAID, Missione UE in Macedonia, Direzione dello sviluppo e cooperazione — DSC, Fondazione dei Bambini Pestalozzi — Svizzera, Fondo per l'Istruzione dei Rom — Ungheria e Istituto per la politica europea di Berlino. Ancora una volta troviamo i cospiratori intrecciati con i beneficiari inconsapevoli della rete delle fondazioni di Soros. Grazie ai miliardi degli hedge funds, Soros ha creato tali reti per il cambio nelle "società aperte", con Soros azionista di maggioranza, e altri investitori e partner che si fanno carico del resto del finanziamento. L'organizzazione non fa mistero della "fase auto-sostenibile" che ogni piano deve raggiungere. E' interessante e un po' deprimente che il contingente in Macedonia dei tentativi di Soros-USAID abbia forse involontariamente rivelato altre operazioni. Forse a causa della barriera linguistica isolante dell'organizzazione? Comunque l'Open Society Foundation in Macedonia delinea chiaramente i settori d'influenza e sono; istruzione, informazione, sanità, media, riforma della pubblica amministrazione, legge, Programma Est-Est: Partnership Cross Border, programma della società civile e Programma Promozionale Regionale della Ricerca (RRPP).

Il miliardario (in dollari) di origini ungheresi e cittadinanza americana George Soros

Citando le pagine dei "media" delle fondazioni si riconoscono noti inquilini. L'obiettivo principale dell'aspetto mediatico si prefigge:
— di migliorare il dibattito informato su temi relativi all'UE e contribuire alla promozione dei valori dell'UE;
— garantire la copertura mediatica delle problematiche connesse all'adesione all'UE, elezioni, contenziosi sull'adesione con la Grecia e la NATO;
— monitorare e sostenere lo sviluppo del quadro giuridico e normativo adeguato ai media e monitorarne l'attuazione in conformità con gli standard internazionali, compreso il funzionamento degli organismi di regolamentazione competenti.
In conclusione, struttura, forza, sostegno e completezza dei fili delle ONG corporativo-governative sono tirati da dipartimento di Stato, ambasciata del Regno Unito, Soros e altri componenti, rendendo relativamente impotente qualsiasi vera forma di democrazia libera nella regione. Se la grazia o meno del Presidente Gjorge Ivanov ai funzionari elettorali indagati aggrada, è l'aspetto meno importante per i macedoni rispetto alla grande cospirazione per controllare i cittadini e la società. Le operazioni di Soros e dell'USAID, che operano sotto la copertura della filantropia e dell'altruismo, sono machiavelliche fino alle estreme conseguenze.
Come ho già mostrato in altri esempi, ONG ed egemonia degli Stati Uniti giocano molto sporco per dominare. Vorrei mettere in guardia il popolo della Macedonia almeno indagando sulle mie affermazioni.
Originariamente pubblicato sul sito katehon.com


Nessun commento: