Benvenuti nel Blog di Claudio Martinotti Doria, blogger dal 1996


"Non nobis Domine, non nobis, sed nomini Tuo da gloriam", motto dell'Ordine dei Cavalieri Templari, Pauperes commilitones Christi templique Salomonis

"Ciò che insegui ti sfugge, ciò cui sfuggi ti insegue" (aneddotica orientale, paragonabile alla nostra "chi ha pane non ha denti e chi ha denti non ha pane")

"Quello che mi ha sorpreso di più negli uomini dell'Occidente è che perdono la salute per fare soldi. E poi perdono i soldi per recuperare la salute. Pensano tanto al futuro che dimenticano di vivere il presente in tale maniera che non riescono a vivere nè il presente nè il futuro. Sono come se non dovessero morire mai e muoiono come se non avessero mai vissuto."
(Dalai Lama)

"A l'è mei mangè pan e siuli, putòst che vendsi a quaicadun" (Primo Doria, detto "il Principe")

"Prima ti ignorano, poi ti deridono, poi ti combattono. Poi vinci." Mahatma Gandhi

L'Italia non è una nazione ma un continente in miniatura con una straordinaria biodiversità e pluralità antropologica (Claudio Martinotti Doria)

Il proprio punto di vista, spesso è una visuale parziale e sfocata di un pertugio che da su un vicolo dove girano una fiction ... Molti credono sia la realtà ed i più motivati si mettono pure ad insegnare qualche tecnica per meglio osservare dal pertugio (Claudio Martinotti Doria)

Lo scopo primario della vita è semplicemente di sperimentare l'amore in tutte le sue molteplici modalità di manifestazione e di evolverci spiritualmente come individui e collettivamente (È “l'Amor che move il sole e le altre stelle”, scriveva Dante Alighieri, "un'unica Forza unisce infiniti mondi e li rende vivi", scriveva Giordano Bruno. )

La leadership politica occidentale è talmente poco dotata intellettualmente, culturalmente e spiritualmente, priva di qualsiasi perspicacia e lungimiranza, che finirà per portarci alla rovina, ponendo fine alla nostra civiltà. Claudio Martinotti Doria

PER CONTATTI: claudio@gc-colibri.com

Se preferite comunicare telefonicamente potete inviare un sms al 3485243182 lasciando il proprio recapito telefonico (fisso o mobile) per essere richiamati. Non rispondo al cellulare ai numeri sconosciuti per evitare le proposte commerciali sempre più assillanti

Questo blog ha adottato Creative Commons

Licenza Creative Commons
Blog personale by Claudio Martinotti Doria is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License.
Based on a work at www.cavalieredimonferrato.it.
Permissions beyond the scope of this license may be available at www.cavalieredimonferrato.it.

COME SOSTENERE LA MIA PERSEVERANTE ATTIVITA' DI VOLONTARIATO. Se avete apprezzato l’impegno e l’originalità dei miei articoli ritenendo che la mia attività divulgativa meriti un sostegno, appena avrete l’opportunità di farlo dedicate qualche minuto e qualche euro per sostenerla, tenendo presente che non ho entrate pubblicitarie e nessuno sponsor (condizione necessaria per mantenersi indipendenti) ed inoltre sono una vittima della riforma previdenziale della Fornero e la mia pensione è stata rinviata al 2024, ed è giusto che lo sappiate fin da adesso che l’importo che mi sarà erogato sarà minimo. Potrete contribuire con una donazione tramite PayPal all’account claudio@gc-colibri.com oppure a questo link: https://www.paypal.com/cgi-bin/webscr?cmd=_donations&business=Z2M2PAF4N76V6&lc=IT&item_name=Claudio%20Martinotti%20Doria&currency_code=EUR&bn=PP%2dDonationsBF%3abtn_donateCC_LG%2egif%3aNonHosted

Se non siete registrati a Paypal potete effettuare un bonifico bancario all’IBAN IT42M0303222600010000002011 (Credem, filiale di Casale Monferrato)

You can make a donation using PayPal account claudio@gc-colibri.com or at this link: https://www.paypal.com/cgi-bin/webscr?cmd=_donations&business=Z2M2PAF4N76V6&lc=IT&item_name=Claudio%20Martinotti%20Doria&currency_code=EUR&bn=PP%2dDonationsBF%3abtn_donateCC_LG%2egif%3aNonHosted





Patriă Montisferrati

Patriă Montisferrati
Cliccando sullo stemma del Monferrato potrete seguire su Casale News la rubrica di Storia Locale "Patriă Montisferrati", curata da Claudio Martinotti Doria in collaborazione con Manfredi Lanza, discendente aleramico del marchesi del Vasto - Busca - Lancia, principi di Trabia

Come valorizzare il Monferrato Storico

La Storia, così come il territorio e le sue genti che l’hanno vissuta e ne sono spesso ignoti ed anonimi protagonisti, meritano il massimo rispetto, occorre pertanto accostarsi ad essa con umiltà e desiderio di apprendere e servire. In questo caso si tratta di servire il Monferrato, come priorità rispetto a qualsiasi altra istanza (personale o di campanile), riconoscendo il valore di chi ci ha preceduti e di coloro che hanno contribuito a valorizzarlo, coinvolgendo senza preclusioni tutte le comunità insediate sul territorio del Monferrato Storico, affinché ognuna faccia la sua parte con una visione d’insieme ed un’unica coesa identità storico-culturale condivisa. Se ci si limita a piccole porzioni del Monferrato, per quanto significative, si è perdenti e dispersivi in partenza.

Sarà un percorso lungo e lento ma è l’unico percorribile se si vuole agire veramente per favorire il Monferrato Storico e proporlo con successo come un’unica entità territoriale turistico culturale ed economica …

Star wars episodio VII: il declino dell'impero americano

L'ultimo film di Guerre Stellari è il riflesso della condizione americana, in inesorabile declino perché il possesso del potere materiale (leggasi finanziario e militare) non è sufficiente per imporre i propri modesti canoni culturali ed ancor più spirituali a tutta l'umanità, che gradualmente si rende sempre più consapevole dell'inganno e della sottomissione cui è stata lungamente sottoposta
 
di Francesco Mazzuoli - 10/01/2016

Fonte: Conflitti e strategie , divulgato da Arianna Editrice



Il cinema hollywoodiano è – per chi non lo sapesse, cioè tutti – un cinema di Stato e di propaganda, anzi, oserei dire l’arma meglio padroneggiata dall’impero americano. L’intera produzione filmica è stata da sempre scrupolosamente supervisionata e presenta una straordinaria omogeneità: grandi autori e miti come John Wayne o John Ford hanno lavorato per tutta la vita in modo zelante per confezionare prodotti di intrattenimento che veicolassero i valori e l’immagine dell’America programmati dagli esperti di comunicazione ingaggiati dalla Cia e dal Dipartimento di Stato. Oggi, però, anche la macchina hollywodiana della propaganda mostra la corda e – per chi è in grado di leggere i segnali “deboli” – questo è un altro sicuro indizio del declino della prima potenza planetaria.
Il “nuovo”, deludentissimo episodio di Star Wars è la prova lampante di questo declino. Guerre stellari è un mito americano per eccellenza ed esso è irrimediabilmente invecchiato, non è più capace nè di affascinare nè di fare alcun tipo di presa.
Quando il primo Guerre Stellari uscì, nell’ormai lontano 1977, il film colpì per la freschezza e la carica di innovazione che conteneva; non parliamo poi degli effetti speciali che allora costituirono quasi una rivoluzione. Il successo travolgente – e inaspettato dai produttori – dette il via alla serie che, episodio dopo episodio, è giunta fino a noi. Dal punto di vista dell’intreccio, non c’erano grosse novità, ma i personaggi si stagliavano a tutto tondo in modo nitido e quasi prototipico, come eroi di narrazioni mitiche, e la storia era scandita da passaggi che poi diventeranno canonici nello sviluppo dei plot americani. Ciò era il frutto degli insegnamenti dello studioso di mitologia Joseph Cambell – all’università era stato insegnante del regista George Lucas – le cui teorie cominciavano allora a penetrare tra gli sceneggiatori di Hollywood, sempre pronti – come qualunque americano degno di questo nome – ad appropriarsi della cultura elaborata da altri per trasformarla in una formuletta per far soldi.
Questo ennesimo episodio, invece, che inaugura un’altra – e stavolta, speriamo ultima – trilogia della saga multimiliardaria, è stanco, esanime, nato morto. Non ha più alcuna forza ammaliante e propulsiva. Durante la visione, la mancanza totale di idee suscita quasi un sentimento di pena, pena per un estenuato tentativo di tenere in vita un cadavere e si ha la netta impressione che questo cadavere sia lo stesso sogno americano. L’intreccio non è che il rifacimento del primo e del secondo episodio, mescolati insieme in un cocktail dal sapore dozzinale e risaputo come il Kentucky fried chicken. Non c’è nemmeno un passaggio della storia che non sia già previsto dallo spettatore dei primi episodi, che a tratti è colto da una noia straziante. Per non dire del cosiddetto “visual” del film: qui si è inteso riprendere l’atmosfera dei primi episodi con il risultato di creare un senso di straniamento nello spettatore, il quale, partito per vedere una storia temporalmente successiva agli episodi precedenti, ha, invece, la sensazione di assistere a qualcosa di più vecchio.
Tuttavia, l’icona del film è senz’altro Harrison Ford: un vecchio di settant’anni che veste da ragazzino e nel frattempo non ha ancora imparato a recitare. Ecco, qui c’è tutta la sintesi del declino americano: un paese che è sempre rimasto adolescente e che improvvisamente si ritrova invecchiato e ripropone nello spettacolo e nella propaganda, così come nella geopolitica e nelle sceneggiature del finto terrore propalato al mondo, sempre la stessa storia, la stessa formula, gli stessi gesti, senza più la capacità di innovare, di rinnovarsi e di leggere la realtà.
E infatti la propaganda è quanto di più trito non si potrebbe: i cattivi assomigliano ancora di più ai nazisti, nell’abbigliamento e nelle adunate pubbliche che sembrano ricalcate sui cinegiornali degli anni trenta. Il mondo è manicheo: i buoni sono assolutamente buoni e i cattivi assolutamente cattivi. I conquistatori e gli imperialisti sono gli altri: i buoni sono per la repubblica, la democrazia e garantiscono i diritti di tutti. La famiglia e i legami di sangue sono imprescindibili. É la stessa America degli anni ’50, con in più una donna come protagonista e un personaggio di colore tra i buoni (e come poteva mancare ora che, nella vita reale, praticamente tutti i giorni i poliziotti bianchi gli sparano addosso?).
Eh sì, mentre, immerso nei videogiochi – e Star Wars ormai non è altro che questo – l’americano ha continuato indefesso a sparare, nel contempo il mondo è divenuto un posto troppo complesso per un popolo di adolescenti, colpiti precocemente dall’aterosclerosi, senza essere riusciti ancora a togliersi il giubbotto e i blue jeans per mettersi la vestaglia.
Non è un paese per vecchi, recitava il titolo di un altro film americano. Già, ma nemmeno più un mondo per adolescenti invecchiati.

Nessun commento: