Benvenuti nel Blog di Claudio Martinotti Doria, blogger dal 1996


"Non nobis Domine, non nobis, sed nomini Tuo da gloriam", motto dell'Ordine dei Cavalieri Templari, Pauperes commilitones Christi templique Salomonis

"Ciò che insegui ti sfugge, ciò cui sfuggi ti insegue" (aneddotica orientale, paragonabile alla nostra "chi ha pane non ha denti e chi ha denti non ha pane")

"Quello che mi ha sorpreso di più negli uomini dell'Occidente è che perdono la salute per fare soldi. E poi perdono i soldi per recuperare la salute. Pensano tanto al futuro che dimenticano di vivere il presente in tale maniera che non riescono a vivere nè il presente nè il futuro. Sono come se non dovessero morire mai e muoiono come se non avessero mai vissuto."
(Dalai Lama)

"A l'è mei mangè pan e siuli, putòst che vendsi a quaicadun" (Primo Doria, detto "il Principe")

"Prima ti ignorano, poi ti deridono, poi ti combattono. Poi vinci." Mahatma Gandhi

L'Italia non è una nazione ma un continente in miniatura con una straordinaria biodiversità e pluralità antropologica (Claudio Martinotti Doria)

Il proprio punto di vista, spesso è una visuale parziale e sfocata di un pertugio che da su un vicolo dove girano una fiction ... Molti credono sia la realtà ed i più motivati si mettono pure ad insegnare qualche tecnica per meglio osservare dal pertugio (Claudio Martinotti Doria)

Lo scopo primario della vita è semplicemente di sperimentare l'amore in tutte le sue molteplici modalità di manifestazione e di evolverci spiritualmente come individui e collettivamente (È “l'Amor che move il sole e le altre stelle”, scriveva Dante Alighieri, "un'unica Forza unisce infiniti mondi e li rende vivi", scriveva Giordano Bruno. )

La leadership politica occidentale è talmente poco dotata intellettualmente, culturalmente e spiritualmente, priva di qualsiasi perspicacia e lungimiranza, che finirà per portarci alla rovina, ponendo fine alla nostra civiltà. Claudio Martinotti Doria

PER CONTATTI: claudio@gc-colibri.com

Se preferite comunicare telefonicamente potete inviare un sms al 3485243182 lasciando il proprio recapito telefonico (fisso o mobile) per essere richiamati. Non rispondo al cellulare ai numeri sconosciuti per evitare le proposte commerciali sempre più assillanti

Questo blog ha adottato Creative Commons

Licenza Creative Commons
Blog personale by Claudio Martinotti Doria is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License.
Based on a work at www.cavalieredimonferrato.it.
Permissions beyond the scope of this license may be available at www.cavalieredimonferrato.it.

COME SOSTENERE LA MIA PERSEVERANTE ATTIVITA' DI VOLONTARIATO. Se avete apprezzato l’impegno e l’originalità dei miei articoli ritenendo che la mia attività divulgativa meriti un sostegno, appena avrete l’opportunità di farlo dedicate qualche minuto e qualche euro per sostenerla, tenendo presente che non ho entrate pubblicitarie e nessuno sponsor (condizione necessaria per mantenersi indipendenti) ed inoltre sono una vittima della riforma previdenziale della Fornero e la mia pensione è stata rinviata al 2024, ed è giusto che lo sappiate fin da adesso che l’importo che mi sarà erogato sarà minimo. Potrete contribuire con una donazione tramite PayPal all’account claudio@gc-colibri.com oppure a questo link: https://www.paypal.com/cgi-bin/webscr?cmd=_donations&business=Z2M2PAF4N76V6&lc=IT&item_name=Claudio%20Martinotti%20Doria&currency_code=EUR&bn=PP%2dDonationsBF%3abtn_donateCC_LG%2egif%3aNonHosted

Se non siete registrati a Paypal potete effettuare un bonifico bancario all’IBAN IT42M0303222600010000002011 (Credem, filiale di Casale Monferrato)

You can make a donation using PayPal account claudio@gc-colibri.com or at this link: https://www.paypal.com/cgi-bin/webscr?cmd=_donations&business=Z2M2PAF4N76V6&lc=IT&item_name=Claudio%20Martinotti%20Doria&currency_code=EUR&bn=PP%2dDonationsBF%3abtn_donateCC_LG%2egif%3aNonHosted





Patriă Montisferrati

Patriă Montisferrati
Cliccando sullo stemma del Monferrato potrete seguire su Casale News la rubrica di Storia Locale "Patriă Montisferrati", curata da Claudio Martinotti Doria in collaborazione con Manfredi Lanza, discendente aleramico del marchesi del Vasto - Busca - Lancia, principi di Trabia

Come valorizzare il Monferrato Storico

La Storia, così come il territorio e le sue genti che l’hanno vissuta e ne sono spesso ignoti ed anonimi protagonisti, meritano il massimo rispetto, occorre pertanto accostarsi ad essa con umiltà e desiderio di apprendere e servire. In questo caso si tratta di servire il Monferrato, come priorità rispetto a qualsiasi altra istanza (personale o di campanile), riconoscendo il valore di chi ci ha preceduti e di coloro che hanno contribuito a valorizzarlo, coinvolgendo senza preclusioni tutte le comunità insediate sul territorio del Monferrato Storico, affinché ognuna faccia la sua parte con una visione d’insieme ed un’unica coesa identità storico-culturale condivisa. Se ci si limita a piccole porzioni del Monferrato, per quanto significative, si è perdenti e dispersivi in partenza.

Sarà un percorso lungo e lento ma è l’unico percorribile se si vuole agire veramente per favorire il Monferrato Storico e proporlo con successo come un’unica entità territoriale turistico culturale ed economica …

Negli Usa dilaga la dipendenza dai farmaci “pain killer”. Che anziché l’estasi promettono la calma chimica e spesso letale



E da noi i nostri politicanti e le forze dell’ordine perseguitano lo sfigato che teneva qualche cannabis indica in vaso, perché sono convinti che sia preludio alle droghe pesanti …

 
Antidolorifici da sballo
Negli Usa dilaga la dipendenza dai farmaci “pain killer”. Che anziché l’estasi promettono la calma chimica. Spesso mortale. E ora anche in Europa...
di Elisabetta Muritti
In America li chiamano painkiller, gli ammazzadolore. Sono gli oppioidi, farmaci potenti prescritti ai malati oncologici, a chi patisce dolori cronici o postoperatori severi. Ma hanno cominciato ad ammazzare anche chi il male lo sente nell’anima, più che nel corpo, diventando droga su misura per questi tempi di disperazione banale, low cost, senza fiori del male da cogliere e orizzonti “altri” da esplorare. Così l’America fa i conti con un dramma finora rimosso, e cioè l’impressionante catena di decessi e dipendenze provocati fondamentalmente da due principi attivi, l’ossicodone, che Oltreoceano miete più vittime di eroina e cocaina insieme, contenuto nei farmaci OxyContin, Percodan (da noi venduto come Depalgos) e Percocet, e l’idrocodone, “amato” dal dottor House e da Eminem, presente nel Vicodin (non si vende in Italia ma si compra in rete). Altrettanto pericoloso il fentanile, somministrato con cerotti transdermici.
Dati allarmanti, in più cattiva coscienza: a consentire quella che è definita una pestilenza è stato il connubio di compiacenza e interessi. Dai medici che percepiscono percentuali dalle case farmaceutiche per le ricette, alla prescrizione di analgesici da cavallo pure per il mal di denti; dal business della sofferenza (Purdue Pharma ha riformulato l’OxyContin, dopo una penale di 646 milioni di dollari pagata nel 2007 per aver minimizzato, con marketing e congressi, i rischi di assuefazione) ai pellegrinaggi in Florida (i cosiddetti “OxyContin Express”), Stato costellato di “cliniche del dolore”. I numeri parlano: nell’ultimo decennio 15mila americani ogni anno sono morti di overdose (le pasticche sono frantumate e inalate o iniettate, la polverizzazione è più difficile col neo OxyContin), In 17 Stati i painkiller sono oggi la causa numero uno dei decessi violenti. Il consumo di ossicodone è cresciuto del 152% in 6 anni, e i pusher lo vendono a 50 dollari la pastiglia.Tra 2004 e 2009 i suicidi con antidolorifici sono raddoppiati tra i maschi di 35-49 anni e triplicati tra gli ultracinquantenni...
E sebbene il gossip ci elenchi i vip morti per antidolorifici, Heath Ledger, Michael Jackson, Anna Nicole Smith, in realtà questa tossicodipendenza ha mutato indirizzo e identikit della vittima tipica, non più il ghetto metropolitano ma i quartieri residenziali, non più il giovane nero ma il bianco di mezz’età. Molti farmacisti, presi di mira da rapine a mano armata, si attrezzano e appendono i cartelli «Non vendiamo painkiller». E si attrezza la Food and Drug Administration, che tira il freno a mano di produzione e distribuzione dei farmaci non autorizzati a base di ossicodone.
La peste, intanto - ha scritto il Guardian - comincia a contagiare l’Europa: in Inghilterra in 10 anni le ricette per questi medicinali sono quadruplicate, e i “painkiller” si diffondono fra adolescenti in cerca di sballo “legale”, abituati a frugare nel comodino dei genitori e in farmacie on-line che monitorano le ondivaghe riformulazioni dei farmaci (saldi dei prodotti qua o là non più autorizzati), senza contare l’acquisto sottocosto di flaconi che arrivano da chissà dove, senza etichetta né bugiardino. E in Italia? Dobbiamo far tesoro delle brutte esperienze degli altri. Perché - premesso che la regolamentazione sanitaria in Europa è meno “disinvolta” che negli Usa - anche qui i numeri s’impennano: un italiano su 4 cerca il medico per mitigare il male e, tra 2010 e 2011, il numero delle confezioni di oppioide è salito del 30%.

«Crescita fisiologica, dice Riccardo C. Gatti, medico, psicoterapeuta e specialista in psichiatria, direttore del Dipartimento delle dipendenze della Asl di Milano. «Ma attenzione, non è vero che se il farmaco è prescritto non fa male, come non è vero che se fa male non va prescritto» (il nostro paese vanta solo dal 2010 la legge 38 che garantisce cure palliative e terapia del dolore al malato). «Il punto - prosegue Gatti - è che il dolore esige competenza, e questa manca. Non ripetiamo l’errore commesso con gli ansiolitici». E analizza il panorama italiano, dominato (dati Istat 2011, che raccontano un aumento di appeal degli antidolorifici nella fascia d’età 35-64 anni) da minor tolleranza verso il dolore fisico e da consumi domestici o “nascosti” dei farmaci, anche per sfuggire alla repressione e al giudizio sociale, da adolescenti che cercano lo sballo efficiente ma economico piuttosto che il piacere: «È cambiato l’atteggiamento verso la droga: si è passati dalla fase Ottanta-Novanta, quand’era estraniazione e devianza, ai Novanta-primi anni del millennio, ovvero il doping per far sesso e carriera, alla fase diciamo 2012-2013, in cui è consumata in senso utilitaristico, senza aderire a stili di vita, perché i nativi digitali vogliono facile, subito, gratis, scaricabile. Una vale l’altro, mi serve oggi, domani sarò normale, non faccio il tossico, la cultura dell’illegale non mi piace... ».

Consultare il Prevo.Lab, area previsionale sull’evoluzione dei fenomeni di abuso dell’Osservatorio regionale sulle dipendenze, di cui Gatti responsabile, è illuminante: vi si racconta di dati ufficiali che, a tutto il 2010, parlavano di diminuzione dei consumatori di droga “tradizionale”, ma anche di nuove sostanze reclamizzate in rete (gli stupefacenti sintetici, le “designer drugs”), e di pochi soldi a disposizione pure per lo sballo. E poi di depressione epocale e ottimismo teen, che spingono a strafarsi non per entrare in una dimensione iperbolica ma per godere di un benessere calmo. È la post-normalizzazione dei consumi, incarnata da una generazione che non ha chiaro il concetto di tossicodipendenza e non ne conosce le implicazioni etiche e sociali: i nativi digitali sono nativi esperienziali. «Una cultura nuova, dove gli antidolorifici entrano sempre di più», dice Gatti. Ma gli oppioidi, spiega una ricerca pubblicata dal magazine online Neuropsychopharmacology, sono anche una “sostanza gateway”: chi ha iniziato con l’ossicodone ha 5 volte più probabilità di passare ad altre dipendenze rispetto a chi debutta con la cannabis. E qui si nasconde un nuovo rischio, anche italiano. Perché le organizzazioni criminali che fanno business con le droghe classiche hanno le stesse preoccupazioni di ogni altro grande mercato, e tentano di “fidelizzare” il cliente. E per fidelizzare i nativi digitali, magari passati per l’abuso di oppioidi legali, la sostanza adatta è l’eroina. «Tra 2012 e 2015, soprattutto tra gli studenti, in Italia è previsto un aumento del consumo di eroina (37% in 3 anni!), fumata e non iniettata, non emarginante, meno cara. Pensiamoci: in Italia oggi tutto l’interesse è rivolto a un’altra dipendenza, l’azzardo; nessuno parla più di droga e, ogni volta che qui si tace, poi arriva l’emergenza».

Nessun commento: