Benvenuti nel Blog di Claudio Martinotti Doria, blogger dal 1996


"Non nobis Domine, non nobis, sed nomini Tuo da gloriam", motto dell'Ordine dei Cavalieri Templari, Pauperes commilitones Christi templique Salomonis

"Ciò che insegui ti sfugge, ciò cui sfuggi ti insegue" (aneddotica orientale, paragonabile alla nostra "chi ha pane non ha denti e chi ha denti non ha pane")

"Quello che mi ha sorpreso di più negli uomini dell'Occidente è che perdono la salute per fare soldi. E poi perdono i soldi per recuperare la salute. Pensano tanto al futuro che dimenticano di vivere il presente in tale maniera che non riescono a vivere nè il presente nè il futuro. Sono come se non dovessero morire mai e muoiono come se non avessero mai vissuto."
(Dalai Lama)

"A l'è mei mangè pan e siuli, putòst che vendsi a quaicadun" (Primo Doria, detto "il Principe")

"Prima ti ignorano, poi ti deridono, poi ti combattono. Poi vinci." Mahatma Gandhi

L'Italia non è una nazione ma un continente in miniatura con una straordinaria biodiversità e pluralità antropologica (Claudio Martinotti Doria)

Il proprio punto di vista, spesso è una visuale parziale e sfocata di un pertugio che da su un vicolo dove girano una fiction ... Molti credono sia la realtà ed i più motivati si mettono pure ad insegnare qualche tecnica per meglio osservare dal pertugio (Claudio Martinotti Doria)

Lo scopo primario della vita è semplicemente di sperimentare l'amore in tutte le sue molteplici modalità di manifestazione e di evolverci spiritualmente come individui e collettivamente (È “l'Amor che move il sole e le altre stelle”, scriveva Dante Alighieri, "un'unica Forza unisce infiniti mondi e li rende vivi", scriveva Giordano Bruno. )

La leadership politica occidentale è talmente poco dotata intellettualmente, culturalmente e spiritualmente, priva di qualsiasi perspicacia e lungimiranza, che finirà per portarci alla rovina, ponendo fine alla nostra civiltà. Claudio Martinotti Doria

PER CONTATTI: claudio@gc-colibri.com

Se preferite comunicare telefonicamente potete inviare un sms al 3485243182 lasciando il proprio recapito telefonico (fisso o mobile) per essere richiamati. Non rispondo al cellulare ai numeri sconosciuti per evitare le proposte commerciali sempre più assillanti

Questo blog ha adottato Creative Commons

Licenza Creative Commons
Blog personale by Claudio Martinotti Doria is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License.
Based on a work at www.cavalieredimonferrato.it.
Permissions beyond the scope of this license may be available at www.cavalieredimonferrato.it.

COME SOSTENERE LA MIA PERSEVERANTE ATTIVITA' DI VOLONTARIATO. Se avete apprezzato l’impegno e l’originalità dei miei articoli ritenendo che la mia attività divulgativa meriti un sostegno, appena avrete l’opportunità di farlo dedicate qualche minuto e qualche euro per sostenerla, tenendo presente che non ho entrate pubblicitarie e nessuno sponsor (condizione necessaria per mantenersi indipendenti) ed inoltre sono una vittima della riforma previdenziale della Fornero e la mia pensione è stata rinviata al 2024, ed è giusto che lo sappiate fin da adesso che l’importo che mi sarà erogato sarà minimo. Potrete contribuire con una donazione tramite PayPal all’account claudio@gc-colibri.com oppure a questo link: https://www.paypal.com/cgi-bin/webscr?cmd=_donations&business=Z2M2PAF4N76V6&lc=IT&item_name=Claudio%20Martinotti%20Doria&currency_code=EUR&bn=PP%2dDonationsBF%3abtn_donateCC_LG%2egif%3aNonHosted

Se non siete registrati a Paypal potete effettuare un bonifico bancario all’IBAN IT42M0303222600010000002011 (Credem, filiale di Casale Monferrato)

You can make a donation using PayPal account claudio@gc-colibri.com or at this link: https://www.paypal.com/cgi-bin/webscr?cmd=_donations&business=Z2M2PAF4N76V6&lc=IT&item_name=Claudio%20Martinotti%20Doria&currency_code=EUR&bn=PP%2dDonationsBF%3abtn_donateCC_LG%2egif%3aNonHosted





Patriă Montisferrati

Patriă Montisferrati
Cliccando sullo stemma del Monferrato potrete seguire su Casale News la rubrica di Storia Locale "Patriă Montisferrati", curata da Claudio Martinotti Doria in collaborazione con Manfredi Lanza, discendente aleramico del marchesi del Vasto - Busca - Lancia, principi di Trabia

Come valorizzare il Monferrato Storico

La Storia, così come il territorio e le sue genti che l’hanno vissuta e ne sono spesso ignoti ed anonimi protagonisti, meritano il massimo rispetto, occorre pertanto accostarsi ad essa con umiltà e desiderio di apprendere e servire. In questo caso si tratta di servire il Monferrato, come priorità rispetto a qualsiasi altra istanza (personale o di campanile), riconoscendo il valore di chi ci ha preceduti e di coloro che hanno contribuito a valorizzarlo, coinvolgendo senza preclusioni tutte le comunità insediate sul territorio del Monferrato Storico, affinché ognuna faccia la sua parte con una visione d’insieme ed un’unica coesa identità storico-culturale condivisa. Se ci si limita a piccole porzioni del Monferrato, per quanto significative, si è perdenti e dispersivi in partenza.

Sarà un percorso lungo e lento ma è l’unico percorribile se si vuole agire veramente per favorire il Monferrato Storico e proporlo con successo come un’unica entità territoriale turistico culturale ed economica …

La Svizzera è il paese dove si vive meglio.



Sembrano concetti semplici quelli espressi nell’articolo, quasi ovvietà, ma la leadership politica prevalente nella maggioranza dei paesi UE e soprattutto dei politici italiani al potere nelle varie istituzioni non fa assolutamente nulla in proposito, anzi fa danni rispetto agli obiettivi proposti nell’articolo (ad es. sono pessimi nella distribuzione della ricchezza, favorendo corruzione ed accumulo), per cui potremmo affermare che l’Italia è ben lungi dal seguire l’esempio svizzero. E’ il motivo per cui da molti anni confido che siano almeno le amministrazioni locali a puntare nella direzione indicata, assumendosi maggiori responsabilità morali e sociali e reclamando una maggiore autonomia decisionale. Claudio



La Svizzera è il paese dove si vive meglio. I motivi primari?: Stabilità politica e monetaria, l'attitudine della società svizzera al compromesso e autorità pubbliche efficienti.

Fonte: Vai alla homepage del Credit Suisse News e know how

Felici e vincenti

17.06.2015
 
È ufficiale, la Svizzera è la nazione più felice del mondo! Il concetto di felicità si sta lentamente affermando un po' in tutto il mondo come un indicatore dello sviluppo nazionale. Ma come si possono misurare le emozioni?

Felici e vincenti 
Tutto cominciò in Bhutan. Nei primi anni '70 Jigme Singye Wangchuck, il quarto Re Drago del Bhutan, decise di sostituire l'indice di sviluppo economico occidentale noto come PNL (prodotto nazionale lordo) con il cosiddetto FIL (felicità interna lorda), mettendo i valori spirituali al centro dell'economia del suo paese. A distanza di pochi decenni, anche i leader occidentali hanno cominciato a considerare la felicità un importante indicatore di progresso sociale. Nel 2009 l'istituto di ricerca statunitense Gallup ha lanciato il suo indice di benessere e dopo due anni le Nazioni Unite hanno adottato la risoluzione "Happiness: Towards a Holistic Approach to Development" ("Felicità: verso un approccio olistico allo sviluppo"). L'ONU ha esortato ad adottare "Un approccio più inclusivo, equo e bilanciato allo sviluppo economico, in grado di promuovere la felicità e il benessere di tutti i popoli".

World Happiness Report

La risoluzione delle Nazioni Unite è stata seguita dal primo "World Happiness Report", il rapporto mondiale sulla felicità redatto da un gruppo di docenti universitari indipendenti, tra i quali gli economisti Jeffrey Sachs, della Columbia University, e Richard Layard, della London School of Economics. Il titolo del rapporto non deve indurre in inganno, si tratta di uno studio molto più serio di quanto possa sembrare, che peraltro non chiede nemmeno una volta "Sei felice?". Il livello di felicità è calcolato in base ai seguenti sei fattori: PIL pro capite, aspettativa di vita in buona salute, sostegno sociale, fiducia, libertà di fare le proprie scelte di vita e generosità. Nel rapporto di quest'anno la top ten della felicità è presidiata per lo più da paesi europei di piccole e medie dimensioni con un PIL elevato. Va anche sottolineato che per metà si tratta di paesi nordici.
"Indagini scientifiche hanno stabilito che esistono altri fattori fondamentali di felicità rilevanti nel processo di sviluppo economico."
Professor Bruno S. Frey

Perché la Svizzera?

Quest'anno la Svizzera ha spodestato la Danimarca, dominatrice incontrastata di questa classifica sin dall'inizio. Significa che la Svizzera ha scoperto l'elisir del benessere? O forse che nel paese del cioccolato e del formaggio la vita è tutta rose e fiori? In effetti, il "Barometro delle apprensioni" di Credit Suisse conferma che anche gli svizzeri hanno le loro preoccupazioni, come tutti. A turbare maggiormente il loro sonno sono innanzitutto: disoccupazione, questioni legate all'immigrazione, pensionamento, salute ecc. Malgrado questi timori, gli svizzeri guardano al futuro con grande ottimismo. Qualcuno potrebbe attribuirlo al fatto che la Svizzera è un paese ricco. Indubbiamente il denaro può risolvere diversi problemi. Tuttavia, come già dimostrato da numerosi economisti, superata una certa soglia di ricchezza, i soldi non contribuiscono alla felicità. Lo stesso principio vale anche per la Svizzera: nonostante oggi il reddito medio pro capite sia più alto rispetto alla metà degli anni '70, il livello di soddisfazione non è aumentato. Oliver Adler, responsabile di Credit Suisse Economic Research, nel suo articolo Come sta la Svizzera? sostiene che, oltre alla ricchezza, "il benessere svizzero scaturisce da molteplici motivi. In parte (...) profondamente radicati nella storia del paese". Secondo Oliver Adler, la lista include: stabilità politica e monetaria, l'attitudine della società svizzera al compromesso e autorità pubbliche efficienti.

Capitale sociale e capacità di ripresa

Tutti questi fattori possono essere raggruppati sotto un unico nome: capitale sociale. Sempre più prove confermano che capitale sociale e felicità sono interconnessi. Il primo si fonda sui rapporti interpersonali, come fiducia, onestà, e appoggio reciproco. La seconda si sorregge su quattro pilastri: prolungate emozioni positive; recupero dalle emozioni negative; empatia, altruismo e comportamento prosociale; consapevolezza dei propri pensieri, azioni e motivazioni. Jeffrey Sachs afferma che "le società ad alto capitale sociale hanno performance migliori in termini di benessere soggettivo e di sviluppo economico". Inoltre, hanno maggiori capacità di ripresa da crisi economiche e catastrofi naturali. Non esiste purtroppo un ricetta in grado di migliorare il capitale sociale, ma una cosa è certa: ci vuole del tempo.

La UE guarda oltre il PIL

In questo millennio la considerazione nei confronti della felicità è notevolmente aumentata. Dieci anni fa, l'OCSE (Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico) ha inaugurato il suo programma per la ridefinizione del progresso, finalizzato a una migliore comprensione dei fattori che influenzano il benessere delle nazioni e degli individui. L'Unione europea ne ha seguito l'esempio, lanciando un proprio programma chiamato "Oltre il PIL". Obiettivo della UE è elaborare indicatori di crescita chiari, simili al PIL ma arricchiti da aspetti che contemplino il progresso ambientale e sociale. David Cameron è stato il primo leader di un paese occidentale a considerare la felicità uno dei suoi obiettivi, rendendo la misurazione del benessere dei cittadini un indicatore di sviluppo nazionale. Governi centrali e locali utilizzano sempre più frequentemente i dati del benessere per rispondere alle esigenze delle persone. Non solo al fine di migliorare il livello di felicità, ma anche per influenzare il progresso e accrescere il capitale sociale. Ormai sta diventando opinione diffusa che il modello di crescita economica, che negli ultimi decenni sembrava universale, ha i suoi limiti.

La partecipazione politica è fonte di felicità

Nel suo studio su felicità e politiche pubbliche, il professor Bruno S. Frey sostiene: "Ricerche sulla felicità hanno provato chiaramente che i rendimenti marginali in termini di benessere soggettivo diminuiscono a fronte di un aumento del reddito. Allo stesso tempo, indagini scientifiche hanno stabilito che esistono altri fattori fondamentali di felicità rilevanti nel processo di sviluppo economico. Due esempi a livello di sfera individuale sono la salute personale e l'inclusione sociale, mentre i diritti di partecipazione politica e le strutture decisionali decentralizzate rappresentano fattori importanti a livello collettivo". Sembra giunto il momento di cercare nuovi modelli di progresso. Alcuni governi hanno già mosso i primi passi in questa direzione.

Nessun commento: