Benvenuti nel Blog di Claudio Martinotti Doria, blogger dal 1996


"Non nobis Domine, non nobis, sed nomini Tuo da gloriam", motto dell'Ordine dei Cavalieri Templari, Pauperes commilitones Christi templique Salomonis

"Ciò che insegui ti sfugge, ciò cui sfuggi ti insegue" (aneddotica orientale, paragonabile alla nostra "chi ha pane non ha denti e chi ha denti non ha pane")

"Quello che mi ha sorpreso di più negli uomini dell'Occidente è che perdono la salute per fare soldi. E poi perdono i soldi per recuperare la salute. Pensano tanto al futuro che dimenticano di vivere il presente in tale maniera che non riescono a vivere nè il presente nè il futuro. Sono come se non dovessero morire mai e muoiono come se non avessero mai vissuto."
(Dalai Lama)

"A l'è mei mangè pan e siuli, putòst che vendsi a quaicadun" (Primo Doria, detto "il Principe")

"Prima ti ignorano, poi ti deridono, poi ti combattono. Poi vinci." Mahatma Gandhi

L'Italia non è una nazione ma un continente in miniatura con una straordinaria biodiversità e pluralità antropologica (Claudio Martinotti Doria)

Il proprio punto di vista, spesso è una visuale parziale e sfocata di un pertugio che da su un vicolo dove girano una fiction ... Molti credono sia la realtà ed i più motivati si mettono pure ad insegnare qualche tecnica per meglio osservare dal pertugio (Claudio Martinotti Doria)

Lo scopo primario della vita è semplicemente di sperimentare l'amore in tutte le sue molteplici modalità di manifestazione e di evolverci spiritualmente come individui e collettivamente (È “l'Amor che move il sole e le altre stelle”, scriveva Dante Alighieri, "un'unica Forza unisce infiniti mondi e li rende vivi", scriveva Giordano Bruno. )

La leadership politica occidentale è talmente poco dotata intellettualmente, culturalmente e spiritualmente, priva di qualsiasi perspicacia e lungimiranza, che finirà per portarci alla rovina, ponendo fine alla nostra civiltà. Claudio Martinotti Doria

PER CONTATTI: claudio@gc-colibri.com

Se preferite comunicare telefonicamente potete inviare un sms al 3485243182 lasciando il proprio recapito telefonico (fisso o mobile) per essere richiamati. Non rispondo al cellulare ai numeri sconosciuti per evitare le proposte commerciali sempre più assillanti

Questo blog ha adottato Creative Commons

Licenza Creative Commons
Blog personale by Claudio Martinotti Doria is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License.
Based on a work at www.cavalieredimonferrato.it.
Permissions beyond the scope of this license may be available at www.cavalieredimonferrato.it.

COME SOSTENERE LA MIA PERSEVERANTE ATTIVITA' DI VOLONTARIATO. Se avete apprezzato l’impegno e l’originalità dei miei articoli ritenendo che la mia attività divulgativa meriti un sostegno, appena avrete l’opportunità di farlo dedicate qualche minuto e qualche euro per sostenerla, tenendo presente che non ho entrate pubblicitarie e nessuno sponsor (condizione necessaria per mantenersi indipendenti) ed inoltre sono una vittima della riforma previdenziale della Fornero e la mia pensione è stata rinviata al 2024, ed è giusto che lo sappiate fin da adesso che l’importo che mi sarà erogato sarà minimo. Potrete contribuire con una donazione tramite PayPal all’account claudio@gc-colibri.com oppure a questo link: https://www.paypal.com/cgi-bin/webscr?cmd=_donations&business=Z2M2PAF4N76V6&lc=IT&item_name=Claudio%20Martinotti%20Doria&currency_code=EUR&bn=PP%2dDonationsBF%3abtn_donateCC_LG%2egif%3aNonHosted

Se non siete registrati a Paypal potete effettuare un bonifico bancario all’IBAN IT42M0303222600010000002011 (Credem, filiale di Casale Monferrato)

You can make a donation using PayPal account claudio@gc-colibri.com or at this link: https://www.paypal.com/cgi-bin/webscr?cmd=_donations&business=Z2M2PAF4N76V6&lc=IT&item_name=Claudio%20Martinotti%20Doria&currency_code=EUR&bn=PP%2dDonationsBF%3abtn_donateCC_LG%2egif%3aNonHosted





Patriă Montisferrati

Patriă Montisferrati
Cliccando sullo stemma del Monferrato potrete seguire su Casale News la rubrica di Storia Locale "Patriă Montisferrati", curata da Claudio Martinotti Doria in collaborazione con Manfredi Lanza, discendente aleramico del marchesi del Vasto - Busca - Lancia, principi di Trabia

Come valorizzare il Monferrato Storico

La Storia, così come il territorio e le sue genti che l’hanno vissuta e ne sono spesso ignoti ed anonimi protagonisti, meritano il massimo rispetto, occorre pertanto accostarsi ad essa con umiltà e desiderio di apprendere e servire. In questo caso si tratta di servire il Monferrato, come priorità rispetto a qualsiasi altra istanza (personale o di campanile), riconoscendo il valore di chi ci ha preceduti e di coloro che hanno contribuito a valorizzarlo, coinvolgendo senza preclusioni tutte le comunità insediate sul territorio del Monferrato Storico, affinché ognuna faccia la sua parte con una visione d’insieme ed un’unica coesa identità storico-culturale condivisa. Se ci si limita a piccole porzioni del Monferrato, per quanto significative, si è perdenti e dispersivi in partenza.

Sarà un percorso lungo e lento ma è l’unico percorribile se si vuole agire veramente per favorire il Monferrato Storico e proporlo con successo come un’unica entità territoriale turistico culturale ed economica …

Reddito minimo garantito è dal 1992 che l'Europa si sollecita ad applicarlo, ma in Italia prevalgono faziosità corporativistiche


Reddito minimo garantito: perché non possiamo più farne a meno

Fonte:

L’Europa ce lo chiede dal 1992, ma noi e la Grecia siamo gli unici paesi dell’Unione a non darle ascolto. È ora di invertire la rotta
 
di  Francesco Cancellato
Finanza buona e finanza cattiva. L’economia che entra nella vita delle persone. L’impotenza della politica, così come la conoscevamo. La necessità di uscire dagli steccati ideologici e dal senso comune, per provare a percorrere strade nuove. È a partire da questi presupposti che nasce la collaborazione de Linkiesta, quotidiano online che fa del focus sulle policy e sull'economia la sua cifra identitaria, e "I diavoli", spin off online dell'omonimo romanzo di Guido Maria Brera - fondatore di Kairos, una delle più importanti società di gestione del risparmio italiane, e dell'associazione Slow Finance - che concentra la sua attenzione sulla finanza come arma biopolitica.  Cinque grandi temi, dal nuovo welfare alla casa, dall'istruzione alla salute sino alla difesa, affrontati con tagli differenti, analisi economiche e video-infografiche, inchieste e fiction per provare a far più luce possibile su ciò che spesso è tenuto al buio.  L'Italia ha tanti problemi, ma ce ne sono alcuni più gravi e urgenti di altri. Curiosamente, iniziano tutti con la lettera D: disoccupazione, disuguaglianza, e una distribuzione della ricchezza fortemente sbilanciata in favore delle generazioni più anziane. Tradotto in cifre: la disoccupazione è al 12,7% e quella giovanile lambisce il 43%. A causa di ciò - d come disuguaglianza - c'è una fascia di ceto medio che scivola pericolosamente verso la soglia della povertà, mentre c'è un pezzo di paese che continua a cavarsela piuttosto bene. Tristemente - d come distribuzione - ci sono sempre più giovani tra chi si impoverisce e sempre più anziani tra chi se la cava.
 
L'arte di arrangiarsi di cui siamo maestri ci ha permesso, nel corso degli ultimi anni, di affrontare il problema senza che nessuno avesse da ridire, o quasi. Attraverso la cassa integrazione - ordinaria, in deroga, straordinaria - abbiamo blindato i redditi di chi già lavorava e, causa crisi, rischiava di perdere il posto. Una mossa, questa, che ha bruciato circa 60 miliardi di euro in sei anni, di fatto tutto quel che avevamo a disposizione per attenuare gli effetti della crisi. Se la situazione non è esplosa è perché il sostegno a buona parte dei nuovi disoccupati e dei nuovi poveri è arrivato attraverso quello che molti definiscono “welfare famigliare”. Tradotto: la prosecuzione sine die della paghetta della domenica.
Il finale, sebbene lontano, è noto: io pago la pensione di mio padre, ma nessuno pagherà la mia. Il patto generazionale salta, la maionese impazzisce
Intendiamoci: questo sistema più o meno regge, nel breve periodo. Il problema è che cristallizza la società in un eterno presente in cui i padri non diventano mai nonni e i figli non diventano mai padri. In cui le aspettative sul futuro se non sono paurosamente incerte, sono figlie della speranza di fare, se si ha questa fortuna, il rentier dell'appartamento che toccherà in eredità. In cui una serie di consumi e di investimenti di passaggio - comprare una casa, una cameretta, un auto più grande, e via dicendo - sono procrastinati a data da destinarsi. Il finale, sebbene lontano, è noto: io pago la pensione di mio padre, ma nessuno pagherà la mia. Il patto generazionale salta, la maionese impazzisce, macelleria messicana e si salvi chi può.

generazioni
 
Sebbene la prospettiva sia chiara, nessuno - salvo alcune rare eccezioni, primo fra tutti il neo presidente dell'Inps Tito Boeri - sembra intenzionato a prenderla di petto. Un po' perché ci sono problemi più urgenti a cui pensare, dalla legge elettorale alla stabilità dei conti pubblici del prossimo anno. Un po' perché non c'è modo di affrontarla se non quello di mettere mano a rendite consolidate.
Facciamo finta che quest'ultimo problema - il coraggio di chi ci governa nel prendere misure impopolari - non esista. E prendiamo atto che la recente sentenza della Consulta, che ha rispedito al mittente la norma riforma Fornero che aveva bloccato ex post l'adeguamento delle pensioni al costo della vita, castra sul nascere ogni velleità di toccare i cosiddetti diritti acquisiti, quale ad esempio l'idea di Tito Boeri di qualche giorno fa di calcolare tutte le pensioni, anche quelle antecedenti alla riforma, col metodo contributivo.
È del 1992 infatti che giace in qualche cassetto ministeriale la Direttiva 441 dell'allora Comunità Economica Europea che ci chiede il reddito minimo garantito
Cosa, allora? Una possibile soluzione c'è. E un po' come la lettera rubata del celebre e omonimo racconto di Edgar Allan Poe, è lì sul tavolo dal 1992.  È del 1992 infatti che giace in qualche cassetto ministeriale la Direttiva 441 dell'allora Comunità Economica Europea che ci raccomandava di «riconoscere, nell'ambito d'un dispositivo globale e coerente di lotta all'emarginazione sociale, il diritto fondamentale della persona a risorse e a prestazioni sufficienti per vivere conformemente alla dignità umana e di adeguare di conseguenza, se e per quanto occorra, i propri sistemi di protezione sociale ai principi e agli orientamenti esposti in appresso». In parole molto povere, un ammortizzatore sociale universale che viene dato a chiunque abbia perso o stia cercando un lavoro. In parole ancora più povere, il reddito minimo garantito.
Una donna partecipa alle proteste del dicembre 2013 per chiedere l’aumento del salario minimo nei fast food in Usa (Andrew Burton/Getty Images)
 
Piccola precisazione: non si tratta né del reddito di cittadinanza che tanto piace a Beppe Grillo a al Movimento Cinque Stelle - sostegno del reddito garantito dallo Stato a qualunque cittadino maggiorenne, indipendentemente dalla sua disponibilità a lavorare. E non è nemmeno il salario minimo, che in Italia è già realtà per alcune categorie di lavoratori. È un punto fondamentale, questo, che fa preferire il reddito minimo garantito alle sue alternative. Perché non è un incentivo a non lavorare come il reddito di cittadinanza, né uno strumento che favorisce soltanto chi lavora, come il salario minimo. In altre parole, se legato a politiche attive del lavoro come si deve - ti do il reddito minimo se ti iscrivi a liste di collocamento, corsi di formazione e aggiornamento professionale, eccetera - può costituire al contrario un formidabile incentivo a cercare lavoro. E, attraverso politiche attive ben costruite, di chiudere la forbice, ora parecchio aperta, tra le competenze richieste dal mercato e quelle offerte dai potenziali lavoratori.
Il reddito minimo garantito costa più o meno quanto gli 80 euro, che però finiscono nelle mani di chi un lavoro ce l'ha e incidono pochissimo sulla propensione ai consumi delle famiglie
«Quanto costa?», si chiederanno i più pignoli. Non molto, in realtà. Ipotizzando un reddito minimo garantito costruito sul modello del Revenu de solidarité active (Rsa) francese, in cui al crescere del reddito da lavoro, il sussidio diminuisce ma il reddito disponibile aumenta, il costo netto - tolti, cioè, i soldi che non spenderemmo più per altri ammortizzatori sociali - sarebbe pari a una cifra attorno ai 10 miliardi di euro. Insomma, costa più o meno quanto gli 80 euro, che però finiscono nelle mani di chi un lavoro ce l'ha e, come abbiamo visto, incidono pochissimo sulla propensione ai consumi delle famiglie. Poco più di quanto spendiamo, ogni anno, per le casse integrazione, tipico ammortizzatore "passivo" che cristallizza la forza lavoro di un'impresa in attesa - aspetta e spera - di tempi migliori.
Attingere a queste fonti potrebbe essere doloroso, ma alla resa dei conti, necessario. Perché prende di petto il problema dell'occupazione e del mismatch tra domanda e offerta di lavoro. Perché è una política redistributiva che attacca la povertà e riduce le diseguaglianze. Perché sposta le risorse dagli occupati (vecchi) ai disoccupati (giovani e vecchi che siano, ma principalmente giovani). Perché può far crescere i consumi e il potere d'acquisto di chi ha poco o niente, e quindi più necessità di comprare. Infine, perché è l'unica cosa che l'Europa ci ha chiesto e ci siamo dimenticati di fare. Noi, la Grecia e basta. Non esattamente la migliore delle compagnie possibili.

Nessun commento: