Benvenuti nel Blog di Claudio Martinotti Doria, blogger dal 1996


"Non nobis Domine, non nobis, sed nomini Tuo da gloriam", motto dell'Ordine dei Cavalieri Templari, Pauperes commilitones Christi templique Salomonis

"Ciò che insegui ti sfugge, ciò cui sfuggi ti insegue" (aneddotica orientale, paragonabile alla nostra "chi ha pane non ha denti e chi ha denti non ha pane")

"Quello che mi ha sorpreso di più negli uomini dell'Occidente è che perdono la salute per fare soldi. E poi perdono i soldi per recuperare la salute. Pensano tanto al futuro che dimenticano di vivere il presente in tale maniera che non riescono a vivere nè il presente nè il futuro. Sono come se non dovessero morire mai e muoiono come se non avessero mai vissuto."
(Dalai Lama)

"A l'è mei mangè pan e siuli, putòst che vendsi a quaicadun" (Primo Doria, detto "il Principe")

"Prima ti ignorano, poi ti deridono, poi ti combattono. Poi vinci." Mahatma Gandhi

L'Italia non è una nazione ma un continente in miniatura con una straordinaria biodiversità e pluralità antropologica (Claudio Martinotti Doria)

Il proprio punto di vista, spesso è una visuale parziale e sfocata di un pertugio che da su un vicolo dove girano una fiction ... Molti credono sia la realtà ed i più motivati si mettono pure ad insegnare qualche tecnica per meglio osservare dal pertugio (Claudio Martinotti Doria)

Lo scopo primario della vita è semplicemente di sperimentare l'amore in tutte le sue molteplici modalità di manifestazione e di evolverci spiritualmente come individui e collettivamente (È “l'Amor che move il sole e le altre stelle”, scriveva Dante Alighieri, "un'unica Forza unisce infiniti mondi e li rende vivi", scriveva Giordano Bruno. )

La leadership politica occidentale è talmente poco dotata intellettualmente, culturalmente e spiritualmente, priva di qualsiasi perspicacia e lungimiranza, che finirà per portarci alla rovina, ponendo fine alla nostra civiltà. Claudio Martinotti Doria

PER CONTATTI: claudio@gc-colibri.com

Se preferite comunicare telefonicamente potete inviare un sms al 3485243182 lasciando il proprio recapito telefonico (fisso o mobile) per essere richiamati. Non rispondo al cellulare ai numeri sconosciuti per evitare le proposte commerciali sempre più assillanti

Questo blog ha adottato Creative Commons

Licenza Creative Commons
Blog personale by Claudio Martinotti Doria is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License.
Based on a work at www.cavalieredimonferrato.it.
Permissions beyond the scope of this license may be available at www.cavalieredimonferrato.it.

COME SOSTENERE LA MIA PERSEVERANTE ATTIVITA' DI VOLONTARIATO. Se avete apprezzato l’impegno e l’originalità dei miei articoli ritenendo che la mia attività divulgativa meriti un sostegno, appena avrete l’opportunità di farlo dedicate qualche minuto e qualche euro per sostenerla, tenendo presente che non ho entrate pubblicitarie e nessuno sponsor (condizione necessaria per mantenersi indipendenti) ed inoltre sono una vittima della riforma previdenziale della Fornero e la mia pensione è stata rinviata al 2024, ed è giusto che lo sappiate fin da adesso che l’importo che mi sarà erogato sarà minimo. Potrete contribuire con una donazione tramite PayPal all’account claudio@gc-colibri.com oppure a questo link: https://www.paypal.com/cgi-bin/webscr?cmd=_donations&business=Z2M2PAF4N76V6&lc=IT&item_name=Claudio%20Martinotti%20Doria&currency_code=EUR&bn=PP%2dDonationsBF%3abtn_donateCC_LG%2egif%3aNonHosted

Se non siete registrati a Paypal potete effettuare un bonifico bancario all’IBAN IT42M0303222600010000002011 (Credem, filiale di Casale Monferrato)

You can make a donation using PayPal account claudio@gc-colibri.com or at this link: https://www.paypal.com/cgi-bin/webscr?cmd=_donations&business=Z2M2PAF4N76V6&lc=IT&item_name=Claudio%20Martinotti%20Doria&currency_code=EUR&bn=PP%2dDonationsBF%3abtn_donateCC_LG%2egif%3aNonHosted





Patriă Montisferrati

Patriă Montisferrati
Cliccando sullo stemma del Monferrato potrete seguire su Casale News la rubrica di Storia Locale "Patriă Montisferrati", curata da Claudio Martinotti Doria in collaborazione con Manfredi Lanza, discendente aleramico del marchesi del Vasto - Busca - Lancia, principi di Trabia

Come valorizzare il Monferrato Storico

La Storia, così come il territorio e le sue genti che l’hanno vissuta e ne sono spesso ignoti ed anonimi protagonisti, meritano il massimo rispetto, occorre pertanto accostarsi ad essa con umiltà e desiderio di apprendere e servire. In questo caso si tratta di servire il Monferrato, come priorità rispetto a qualsiasi altra istanza (personale o di campanile), riconoscendo il valore di chi ci ha preceduti e di coloro che hanno contribuito a valorizzarlo, coinvolgendo senza preclusioni tutte le comunità insediate sul territorio del Monferrato Storico, affinché ognuna faccia la sua parte con una visione d’insieme ed un’unica coesa identità storico-culturale condivisa. Se ci si limita a piccole porzioni del Monferrato, per quanto significative, si è perdenti e dispersivi in partenza.

Sarà un percorso lungo e lento ma è l’unico percorribile se si vuole agire veramente per favorire il Monferrato Storico e proporlo con successo come un’unica entità territoriale turistico culturale ed economica …

In Italia il bicchiere non è solo mezzo vuoto ma contiene veleno



di Claudio Martinotti Doria
La situazione di degrado morale, organizzativo, sociale, culturale ed istituzionale in Italia è talmente grave ed opprimente che da mesi non ho neppure più il desiderio e la forza di comunicare le mie valutazioni di merito.
Ovunque si volga lo sguardo, purché sia minimamente intelligente ed accorto, si rilevano falsità, frodi, truffe, prepotenze, mistificazioni, vessazioni, estorsioni più o meno legalizzate, un coacervo di egoismi individuali e di gruppi organizzati che cercano di intimidire, circuire e spremere tutto il possibile al malcapitato che arriva a tiro, che sia un semplice utente, consumatore, fruitore di servizi, elettore, ecc.. 
Chiunque respiri è da tempo ormai ridotto al rango di suddito sempre esposto alla possibilità di essere spremuto come un limone da leggi liberticide e da privilegi concessi ad istituzioni monopoliste o oligopoliste estorsive e vessatorie, e da una burocrazia giurassica autoreferenziale, oligarchica e clientelare che scarica sempre all’esterno il costo della sua inefficienza e delle rendite da posizione parassitaria che ha creato.
Il processo è iniziato dall’espansione smisurata dello stato, convincendo la moltitudine di non poterne a fare a meno nel controllare le proprie vite. Stato sempre più occupato da coloro che hanno colto l’opportunità di trarre benefici da questo potere immenso, dapprima dalla classe burocratica nobiliare e poi dalla partitocrazia, facendo partecipare al banchetto sempre più persone colluse, man mano che aumentavano le risorse disponibili da depredare e rendendo praticamente impossibile l’identificazione e l’assunzione di responsabilità per gli abusi e le colpe commesse e quindi garantendo di fatto l’impunità e l’immunità
Il processo degenerativo è applicato ovunque ma in Italia ha raggiunto livelli di aberrazione ineguagliabili, paese di inarrivabile corruzione e parassitismo, dove le tasse complessivamente hanno raggiunto ormai l’80 per cento della spesa di una persona onesta, la più penalizzata e mortificata e lesa nella propria dignità, destinata a trascorrere l’intera sua vita a difendersi da aggressioni al suo patrimonio e da offese alla sua intelligenza, senza peraltro riuscirci se non in minima parte.
Ma ormai la corda si sta spezzando, e non mi riferisco al fatto che gli italiani reagiranno finalmente in qualche modo attivo ed efficace, magari manifestando un minimo di dignità e amore per la libertà (che non hanno mai avuto), ma perché l’economia affonda sempre più e prima o poi il sistema collasserà. 
... 2013 ecb president mario draghi struck a relatively upbeat tone on
Quando si legge che i consumi di elettricità in Lombardia (locomotiva del paese) sono calati del quattro e mezzo percento e quando la Banca Centrale Europea arriva a tagliare il tasso di cambio portandolo alla ridicola soglia dello 0,10 per cento (sapendo benissimo che è solo un bluff, uno spot, una dichiarazione di impotenza a far fronte alla crisi) e tutte le banche centrali non fanno altro che creare denaro virtuale dal nulla ed incamerare titoli spazzatura,  dovrebbe risultare chiara quale sia la situazione e quali le prospettive. 
Circa settecentomila famiglie sono state sfrattate negli ultimi anni in Italia o hanno perso la proprietà della casa ed hanno dovuto adattarsi ospiti presso parenti o vivendo in auto e catapecchie.
Sette milioni di persone sono senza lavoro e quindi prive di reddito oppure cercano di sopravvivere svolgendo qualche lavoretto occasionale in nero.
La Fornero sembra una secchia sulla luna, una di quei bravissimi che ...
Oltre un milione di famiglie (di primo acchito, molte di più col passar del tempo) sono state rovinate dalla riforma della spocchiosa Fornero, unica al mondo per il suo cinismo sociale, ma anche unico paese al mondo che abbia accettato di spostare di circa sei anni in avanti l’età pensionabile senza battere ciglio. 
In Francia alcuni anni fa per lo spostamento in avanti dell’età pensionabile di soli due anni scesero in piazza milioni di persone e lo impedirono … In un periodo di crisi epocale come quella che stiamo vivendo, una tale spietata ed irresponsabile riforma previdenziale ha di fatto privato le famiglie coinvolte di ogni fonte di reddito, non essendoci lavoro per produrre un reddito sostitutivo della pensione non erogata. Di cosa dovrebbero vivere?
E ridurre il proprio tenore di vita oltre un certo limite non è possibile, perché il sistema parassitario che lo stato liberticida ha messo in piedi col tempo e di cui ha perso il controllo per il numero eccessivo dei partecipanti, non lo consente, perché ad esempio i due terzi di quello che pagate per gli allacciamenti ai servizi di acqua, gas, energia elettrica, telefono, ecc., sono dovute all’eccessiva pressione fiscale, tasse e sovrattasse e balzelli vari, per cui se anche faceste sacrifici e rinunce, sarebbero vanificati da aumenti indiscriminati sia della componente fiscale che dei vari cartelli oligopolistici che gestiscono i servizi. Paghiamo lo scotto di una mancata vera competizione e concorrenza di mercato e dell’assenza di effettivi controlli. L’unico settore che ha effettivamente potuto godere di progressi a favore degli utenti è quello della telefonia cellulare, da non confondersi con internet dove siamo ancora arretrati e penalizzati.
Quindi in conclusione l’obiettivo che pare sia stato raggiunto, cioè quello di creare un esercito di zombie o di schiavi a loro insaputa, pare sia stato coronato da successo, perché chi ha qualche soldo si sfoga con il consumismo compulsivo ossessivo e quindi la sua ricchezza gli viene sottratta gradualmente propinandogli una montagna di oggetti superflui e pagati oltre il loro effettivo valore, oppure se al contrario cercate di sottrarvi a questo giogo, siete comunque vessati dalle bollette da pagare, multe, cartelle esattoriali, ecc., e se qualcuno pensa di potersi salvare ricorrendo alle fonti alternative, provateci e poi mi direte come è andata, quanto avete speso e quanto vi ha reso.
La vera alternativa per le persone oneste è cambiare paese, se ancora sussistono le forze e le risorse per farlo, che non sia troppo tardi.

Nessun commento: