Benvenuti nel Blog di Claudio Martinotti Doria, blogger dal 1996


"Non nobis Domine, non nobis, sed nomini Tuo da gloriam", motto dell'Ordine dei Cavalieri Templari, Pauperes commilitones Christi templique Salomonis

"Ciò che insegui ti sfugge, ciò cui sfuggi ti insegue" (aneddotica orientale, paragonabile alla nostra "chi ha pane non ha denti e chi ha denti non ha pane")

"Quello che mi ha sorpreso di più negli uomini dell'Occidente è che perdono la salute per fare soldi. E poi perdono i soldi per recuperare la salute. Pensano tanto al futuro che dimenticano di vivere il presente in tale maniera che non riescono a vivere nè il presente nè il futuro. Sono come se non dovessero morire mai e muoiono come se non avessero mai vissuto."
(Dalai Lama)

"A l'è mei mangè pan e siuli, putòst che vendsi a quaicadun" (Primo Doria, detto "il Principe")

"Prima ti ignorano, poi ti deridono, poi ti combattono. Poi vinci." Mahatma Gandhi

L'Italia non è una nazione ma un continente in miniatura con una straordinaria biodiversità e pluralità antropologica (Claudio Martinotti Doria)

Il proprio punto di vista, spesso è una visuale parziale e sfocata di un pertugio che da su un vicolo dove girano una fiction ... Molti credono sia la realtà ed i più motivati si mettono pure ad insegnare qualche tecnica per meglio osservare dal pertugio (Claudio Martinotti Doria)

Lo scopo primario della vita è semplicemente di sperimentare l'amore in tutte le sue molteplici modalità di manifestazione e di evolverci spiritualmente come individui e collettivamente (È “l'Amor che move il sole e le altre stelle”, scriveva Dante Alighieri, "un'unica Forza unisce infiniti mondi e li rende vivi", scriveva Giordano Bruno. )

La leadership politica occidentale è talmente poco dotata intellettualmente, culturalmente e spiritualmente, priva di qualsiasi perspicacia e lungimiranza, che finirà per portarci alla rovina, ponendo fine alla nostra civiltà. Claudio Martinotti Doria

PER CONTATTI: claudio@gc-colibri.com

Se preferite comunicare telefonicamente potete inviare un sms al 3485243182 lasciando il proprio recapito telefonico (fisso o mobile) per essere richiamati. Non rispondo al cellulare ai numeri sconosciuti per evitare le proposte commerciali sempre più assillanti

Questo blog ha adottato Creative Commons

Licenza Creative Commons
Blog personale by Claudio Martinotti Doria is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License.
Based on a work at www.cavalieredimonferrato.it.
Permissions beyond the scope of this license may be available at www.cavalieredimonferrato.it.

COME SOSTENERE LA MIA PERSEVERANTE ATTIVITA' DI VOLONTARIATO. Se avete apprezzato l’impegno e l’originalità dei miei articoli ritenendo che la mia attività divulgativa meriti un sostegno, appena avrete l’opportunità di farlo dedicate qualche minuto e qualche euro per sostenerla, tenendo presente che non ho entrate pubblicitarie e nessuno sponsor (condizione necessaria per mantenersi indipendenti) ed inoltre sono una vittima della riforma previdenziale della Fornero e la mia pensione è stata rinviata al 2024, ed è giusto che lo sappiate fin da adesso che l’importo che mi sarà erogato sarà minimo. Potrete contribuire con una donazione tramite PayPal all’account claudio@gc-colibri.com oppure a questo link: https://www.paypal.com/cgi-bin/webscr?cmd=_donations&business=Z2M2PAF4N76V6&lc=IT&item_name=Claudio%20Martinotti%20Doria&currency_code=EUR&bn=PP%2dDonationsBF%3abtn_donateCC_LG%2egif%3aNonHosted

Se non siete registrati a Paypal potete effettuare un bonifico bancario all’IBAN IT42M0303222600010000002011 (Credem, filiale di Casale Monferrato)

You can make a donation using PayPal account claudio@gc-colibri.com or at this link: https://www.paypal.com/cgi-bin/webscr?cmd=_donations&business=Z2M2PAF4N76V6&lc=IT&item_name=Claudio%20Martinotti%20Doria&currency_code=EUR&bn=PP%2dDonationsBF%3abtn_donateCC_LG%2egif%3aNonHosted





Patriă Montisferrati

Patriă Montisferrati
Cliccando sullo stemma del Monferrato potrete seguire su Casale News la rubrica di Storia Locale "Patriă Montisferrati", curata da Claudio Martinotti Doria in collaborazione con Manfredi Lanza, discendente aleramico del marchesi del Vasto - Busca - Lancia, principi di Trabia

Come valorizzare il Monferrato Storico

La Storia, così come il territorio e le sue genti che l’hanno vissuta e ne sono spesso ignoti ed anonimi protagonisti, meritano il massimo rispetto, occorre pertanto accostarsi ad essa con umiltà e desiderio di apprendere e servire. In questo caso si tratta di servire il Monferrato, come priorità rispetto a qualsiasi altra istanza (personale o di campanile), riconoscendo il valore di chi ci ha preceduti e di coloro che hanno contribuito a valorizzarlo, coinvolgendo senza preclusioni tutte le comunità insediate sul territorio del Monferrato Storico, affinché ognuna faccia la sua parte con una visione d’insieme ed un’unica coesa identità storico-culturale condivisa. Se ci si limita a piccole porzioni del Monferrato, per quanto significative, si è perdenti e dispersivi in partenza.

Sarà un percorso lungo e lento ma è l’unico percorribile se si vuole agire veramente per favorire il Monferrato Storico e proporlo con successo come un’unica entità territoriale turistico culturale ed economica …

Schizofrenie immobiliari e inerzie deleterie



Come ben sapete, non è stato solo l’economista Eugenio Benetazzo, autore dell’articolo postato (emigrato come altri conoscenti all’Estero) a mettere in guardia dalle abitudine di investimento immobiliare degli italiani, lui tra l’altro fino a qualche anno fa diceva esattamente il contrario, mentre il sottoscritto sono più di dieci anni che con coerenza sprona amici e conoscenti in altre direzioni di investimento per mettere al sicuro i propri risparmi e risorse famigliari. Claudio

L'INCUBO DELL'IMMOBILE

Di Eugenio Benetazzo

Durante il 2013 il controvalore delle compravendite immobiliari ha raggiunto ormai la metà di quanto si realizzava in epoca pre-crisi ovvero fine del 2007: in termini percentuali il 2013 si è chiuso con un calo di oltre dieci punti percentuali sulla precedente rilevazione del 2012. Nessuno si è salvato, tutte le tipologie immobiliari sono state colpite: residenziali, commerciali e produttive. In televisione non se ne parla per ovvie pressioni ed ingerenze lobbistiche, ma  su scala nazionale dopo i suicidi per vessazione fiscale e bancaria, dopo l'andamento inarrestabile della disoccupazione giovanile, dopo le chiusure a gògò di piccole e medie imprese private, sarebbe il caso di dedicare qualche riflessione al futuro del mercato immobiliare italiano recitando qualche novena. Chi lavora nel settore parla di una salutare correzione, chi invece lo guarda da analista esterno dovrebbe utilizzare il termine scomodo di crollo a tutti gli effetti, crollo che sembra inarrestabile. Quest'ultimo non riguarda solo il prezzo medio di vendita, ma anche il deterioramento di quelle le condizioni di mercato che un tempo consentivano la negoziabilità di una compravendita immobiliare: ad esempio ormai è fuori controllo lo spread tra il prezzo richiesto in vendita ed il primo prezzo genuino disponibile sul mercato da parte di potenziali acquirenti.

L'investimento immobiliare è stato un motore di performance che ha consentito la sedimentazione di patrimoni su patrimoni nei precedenti decenni per le generazioni di italiani che investivano unicamente in titoli di stato ed in immobili residenziali a reddito. Ora  tutto questo si è trasformato in un incubo. Chi ha ereditato o ha investito negli anni prima in immobili in Italia si trova nell'impossibilità di smobilizzare il proprio patrimonio, in certi casi nemmeno con i nuovi valori di mercato, ampiamente a sconto rispetto ai valori del 2007. L'investimento immobiliare in proprietà all'estero invece sembra non conoscere crisi, negli ultimi sette anni il volume delle compravendite è quasi raddoppiato arrivando ad oltre 42.000 unità: questo è stato dovuto proprio dalla volontà di migliaia di italiani che diversamente dagli anni prima non hanno comprato la casa all'estero solo come residenza vacanziera o solo come immobile da investimento, ma proprio come prima casa per scappare da un paese ormai in declino industriale ed economico. Ricordo ancora le denigrazioni di alcuni immobiliaristi di grido nel mio territorio circa dieci anni quando feci loro presente che a breve mi sarei trasferito a Malta per il futuro che attendeva il paese.

Secondo la loro view da professionisti ed imprenditori del settore, le mie motivazioni per abbandonare il paese erano farneticazioni e puro terrorismo finanziario: inoltre a loro modo di vedere il mercato immobiliare avrebbe continuato a salire perchè cosi ha sempre fatto, ed era impossibile che questo trend si potesse invertire, soprattutto – a loro dire - per ragioni demografiche. Per la cronoca tre di loro sono stati dichiarati recentemente falliti dal Tribunale di Vicenza, mentre il quarto – un tempo baldanzoso agente immobiliare - oggi lavora come inserviente in una nota catena di fast food. Alcune professioni in Italia legate a questo settore prese nella loro generalità non hanno alcun possibile futuro, se non una lenta ed inesorabile terminazione: architetti, geometri, piccoli costruttori e soprattutto agenti immobiliari. Consiglio loro di iniziare quanto prima ad imparare un altro mestiere o provare a riciclarsi all'estero nei frontier markets: questa estate a grande richiesta uscirà il mio nuovo pamphlet che si soffermerà ampiamente anche su queste nuove opportunità di mercato. Sul fronte bancario in Italia purtroppo non è stata implementata la strada della bad bank per sollevare le grandi banche italiane dal peso di un patrimonio immobiliare a garanzia ormai farlocco.

Se questa strada fosse stata percorsa adesso almeno gli istituti bancari potrebbero riprendere ad erogare con maggiore frequenza e più disinvoltura conferendo quindi più impulso di mercato e vivacizzando la domanda. Sarà tuttavia proprio la demografia  del paese l'elemento esogeno destinato a creare un protrarsi a tempo indefinito della depressione e sui prezzi del mercato immobiliare: questo principalmente a causa dei flussi di immigrazione extracomunitaria, privi di politiche meritocratiche all'ingresso, che generano fenomeni di ghetizzazione o peggio degrado immobiliare, i quali continueranno a impattare sul valore delle unità immobiliari siti in contesti strategici come i centri storici o le aree ad edilizia popolare. Ne abbiamo già parlato anche in un altro post, quanto è accaduto a Detroit lo rivivrete anche in Italia, magari con diverse sfumature di contesto, ma quella è la strada che ha intrapreso anche il mercato immobiliare italiano. La Commissione Europea ha annunciato la scorsa estate che i meccanismi di previdenza sociale necessitano di oltre 11 milioni di extracomunitari nei prossimi dieci anni in modo tale da compensare la bassa natalità europea. Mentre agli immobili ad uso commerciale e produttivo ci penserà l'accentuarsi del declino produttivo, foraggiato e sostenuto da un immobilismo politico che continua a preservare un apparato di stato parassitario e vessatorio.

Nessun commento: