Benvenuti nel Blog di Claudio Martinotti Doria, blogger dal 1996


"Non nobis Domine, non nobis, sed nomini Tuo da gloriam", motto dell'Ordine dei Cavalieri Templari, Pauperes commilitones Christi templique Salomonis

"Ciò che insegui ti sfugge, ciò cui sfuggi ti insegue" (aneddotica orientale, paragonabile alla nostra "chi ha pane non ha denti e chi ha denti non ha pane")

"Quello che mi ha sorpreso di più negli uomini dell'Occidente è che perdono la salute per fare soldi. E poi perdono i soldi per recuperare la salute. Pensano tanto al futuro che dimenticano di vivere il presente in tale maniera che non riescono a vivere nè il presente nè il futuro. Sono come se non dovessero morire mai e muoiono come se non avessero mai vissuto."
(Dalai Lama)

"A l'è mei mangè pan e siuli, putòst che vendsi a quaicadun" (Primo Doria, detto "il Principe")

"Prima ti ignorano, poi ti deridono, poi ti combattono. Poi vinci." Mahatma Gandhi

L'Italia non è una nazione ma un continente in miniatura con una straordinaria biodiversità e pluralità antropologica (Claudio Martinotti Doria)

Il proprio punto di vista, spesso è una visuale parziale e sfocata di un pertugio che da su un vicolo dove girano una fiction ... Molti credono sia la realtà ed i più motivati si mettono pure ad insegnare qualche tecnica per meglio osservare dal pertugio (Claudio Martinotti Doria)

Lo scopo primario della vita è semplicemente di sperimentare l'amore in tutte le sue molteplici modalità di manifestazione e di evolverci spiritualmente come individui e collettivamente (È “l'Amor che move il sole e le altre stelle”, scriveva Dante Alighieri, "un'unica Forza unisce infiniti mondi e li rende vivi", scriveva Giordano Bruno. )

La leadership politica occidentale è talmente poco dotata intellettualmente, culturalmente e spiritualmente, priva di qualsiasi perspicacia e lungimiranza, che finirà per portarci alla rovina, ponendo fine alla nostra civiltà. Claudio Martinotti Doria

PER CONTATTI: claudio@gc-colibri.com

Se preferite comunicare telefonicamente potete inviare un sms al 3485243182 lasciando il proprio recapito telefonico (fisso o mobile) per essere richiamati. Non rispondo al cellulare ai numeri sconosciuti per evitare le proposte commerciali sempre più assillanti

Questo blog ha adottato Creative Commons

Licenza Creative Commons
Blog personale by Claudio Martinotti Doria is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License.
Based on a work at www.cavalieredimonferrato.it.
Permissions beyond the scope of this license may be available at www.cavalieredimonferrato.it.

COME SOSTENERE LA MIA PERSEVERANTE ATTIVITA' DI VOLONTARIATO. Se avete apprezzato l’impegno e l’originalità dei miei articoli ritenendo che la mia attività divulgativa meriti un sostegno, appena avrete l’opportunità di farlo dedicate qualche minuto e qualche euro per sostenerla, tenendo presente che non ho entrate pubblicitarie e nessuno sponsor (condizione necessaria per mantenersi indipendenti) ed inoltre sono una vittima della riforma previdenziale della Fornero e la mia pensione è stata rinviata al 2024, ed è giusto che lo sappiate fin da adesso che l’importo che mi sarà erogato sarà minimo. Potrete contribuire con una donazione tramite PayPal all’account claudio@gc-colibri.com oppure a questo link: https://www.paypal.com/cgi-bin/webscr?cmd=_donations&business=Z2M2PAF4N76V6&lc=IT&item_name=Claudio%20Martinotti%20Doria&currency_code=EUR&bn=PP%2dDonationsBF%3abtn_donateCC_LG%2egif%3aNonHosted

Se non siete registrati a Paypal potete effettuare un bonifico bancario all’IBAN IT42M0303222600010000002011 (Credem, filiale di Casale Monferrato)

You can make a donation using PayPal account claudio@gc-colibri.com or at this link: https://www.paypal.com/cgi-bin/webscr?cmd=_donations&business=Z2M2PAF4N76V6&lc=IT&item_name=Claudio%20Martinotti%20Doria&currency_code=EUR&bn=PP%2dDonationsBF%3abtn_donateCC_LG%2egif%3aNonHosted





Patriă Montisferrati

Patriă Montisferrati
Cliccando sullo stemma del Monferrato potrete seguire su Casale News la rubrica di Storia Locale "Patriă Montisferrati", curata da Claudio Martinotti Doria in collaborazione con Manfredi Lanza, discendente aleramico del marchesi del Vasto - Busca - Lancia, principi di Trabia

Come valorizzare il Monferrato Storico

La Storia, così come il territorio e le sue genti che l’hanno vissuta e ne sono spesso ignoti ed anonimi protagonisti, meritano il massimo rispetto, occorre pertanto accostarsi ad essa con umiltà e desiderio di apprendere e servire. In questo caso si tratta di servire il Monferrato, come priorità rispetto a qualsiasi altra istanza (personale o di campanile), riconoscendo il valore di chi ci ha preceduti e di coloro che hanno contribuito a valorizzarlo, coinvolgendo senza preclusioni tutte le comunità insediate sul territorio del Monferrato Storico, affinché ognuna faccia la sua parte con una visione d’insieme ed un’unica coesa identità storico-culturale condivisa. Se ci si limita a piccole porzioni del Monferrato, per quanto significative, si è perdenti e dispersivi in partenza.

Sarà un percorso lungo e lento ma è l’unico percorribile se si vuole agire veramente per favorire il Monferrato Storico e proporlo con successo come un’unica entità territoriale turistico culturale ed economica …

Ecologia di mercato, per evitare che lo Stato distrugga l’ambiente

Fonte: L’Indipendenza, Quotidiano on line http://www.lindipendenza.com

di GUGLIELMO PIOMBINI

Il capitalismo viene spesso accusato dagli ecologisti di essere responsabile dei maggiori problemi ecologici, come l’inquinamento dell’aria e dell’acqua, l’esaurimento delle risorse naturali, la deforestazione, la desertificazione, l’estinzione delle specie animali e vegetali. Questa idea è servita a giustificare un intervento massiccio dello stato nel campo ambientale, sotto forma di collettivizzazione dei beni, minuziose regolamentazioni, tasse sulle imprese “inquinanti” e altre misure restrittive.
 
L’ecologia di Stato, che ha moltiplicato le burocrazie ambientali affidando a politici e burocrati quelle decisioni che un tempo erano di esclusiva competenza dei proprietari e delle comunità, non ha dato però buoni risultati. L’estensione della proprietà pubblica ha spesso favorito il degrado del territorio e degli ambienti naturali. È facile accorgersi, infatti, che ad essere inquinate o abbandonate all’incuria sono solitamente le risorse pubbliche come l’atmosfera, i mari, i laghi, i fiumi, le spiagge, le foreste: quelle cioè prive di un proprietario. Le risorse private, al contrario, risultano generalmente ben conservate.
L’ecologia di mercato parte da questa constatazione per proporre una nuova forma di gestione dell’ambiente, basata sui diritti di proprietà, sul libero mercato e sull’associazionismo privato. Quasi sempre la presenza di un proprietario assicura una miglior protezione, una miglior cura e un incremento di valore dei beni naturali. Si spiega così perché sono le specie animali in proprietà pubblica, come i bisonti, le tigri, gli elefanti, le balene o i pesci nei mari aperti che rischiano l’estinzione. Al contrario le mucche, i maiali, le galline o i pesci in acquacoltura proliferano meravigliosamente, perché i proprietari sono interessati alla loro proliferazione.
Il problema dello statalismo ambientale è che i beni pubblici sono spesso trattati come beni di nessuno, dato che i politici e i burocrati non hanno alcun incentivo personale a tutelarli. Nei paesi comunisti si sono verificati delle catastrofi ambientali molto peggiori che in Occidente (si pensi alla desertificazione del Lago d’Aral), perché la gestione burocratica dei beni era molto estesa, la proprietà privata assente e i prezzi di mercato completamente distorti.
Queste considerazioni vengono spiegate in una serie di libri che affrontano i problemi ecologici da un punto di vista liberale, contestando l’attuale impostazione statalista e centralista delle politiche ambientali.
Il primo libro in lingua italiana sull’ecologia di mercato è stato pubblicato nel 1996 dall’editore Leonardo Facco. Si intitola Privatizziamo il chiaro di luna! Le ragioni dell’ecologia di mercato (€ 7,75), e raccoglie una serie di saggi di Carlo Lottieri, il sottoscritto e altri autori. Ancora oggi costituisce il testo più indicato per chi voglia conoscere gli argomenti fondamentali dell’ambientalismo liberista.
Il testo introduttivo più completo sull’argomento è Proprietari di sé e della natura. Un’introduzione all’ecologia liberale (Liberilibri, 2004, € 14,00). Novello Papafava, discendente diretto di una illustre famiglia di liberali padovani, ha scritto in maniera chiara e brillante un libro fondamentale, che rappresenta il miglior seguito e approfondimento dei temi affrontati in Privatizziamo il chiaro di luna! La fattoria dei capitali. Quando è l’imprenditore a salvare l’ambiente di Robert J. Smith.  (Facco, 2003, € 6,00) presenta alcuni esempi di successo di gestione privatistica e associazionistica dell’ambiente, grazie all’opera di imprenditori e club privati. Questi “eco−capitalisti” hanno rimediato al fallimento della protezione statale degli animali selvatici e marini creando delle eccellenti aree private protette.
Il caso particolare degli elefanti africani è stato studiato da Giorgio Bianco nel saggio Elefanti al guinzaglio. Una soluzione di mercato per evitarne l’estinzione (Facco, 2001, € 3,58). Bianco mette a confronto il fallimento del Kenya, dove gli elefanti sono proprietà dello Stato, con il successo dello Zimbabwe, che ha assegnato la proprietà dei pachidermi ai villaggi. In Kenya gli elefanti hanno rischiato l’estinzione perché le guardie forestali non riuscivano a contrastare il bracconaggio; al contrario, sotto la tutela degli allevatori, lo Zimbabwe è diventato esportatore dei suoi elefanti in eccesso! Nel libro Perché l’ambientalismo fa male all’ambiente (Rubbettino, 2007, € 10,00) l’economista americano George Reisman, allievo del grande Ludwig von Mises, utilizza le idee della scuola austriaca dell’economia per demolire, in maniera devastante, gli aspetti socialisti e statalisti dell’ideologia ambientalista.
Terry L. Anderson e Donadl R. Leal sono due pionieri americani dell’ecologismo liberale. Il loro libro L’ecologia di mercato. Una via liberale alla tutela dell’ambiente (Lindau, 2007, € 28,00) rappresenta un classico, ma si tratta di un testo di livello accademico piuttosto complesso, consigliabile solo a chi abbia già letto prima altri testi introduttivi. Secondo gli ecologisti liberali la gestione privatistica produrrebbe dei benefici effetti anche nel settore idrico, a dispetto della forte propaganda ideologica collettivista. Frederik Segerfeldt spiega tutti i vantaggi della privatizzazione dell’acqua nel libro Acqua in vendita? Come non sprecare le risorse idriche (IBL, 2011, € 15,00).
Gli ecologisti liberali accolgono spesso con scetticismo le tesi ambientaliste sul riscaldamento globale e le politiche che vengono proposte per combattere questo presunto fenomeno. Nel libro Pianeta blu, non verde. Cosa è in pericolo: il clima o la libertà? (IBL, 2009, € 19,00) l’ex presidente della Repubblica Ceca Vaclav Klaus, un liberale seguace di Hayek, ritiene che le misure volte alla riduzione delle emissioni, oltre a non essere scientificamente giustificate, sono incompatibili con l’economia di mercato e la libertà d’impresa, e costituiscono quindi una grave minaccia alla nostra libertà e prosperità.
In definitiva, l’ecologia di mercato rappresenta il miglior antidoto alla propaganda ambientalista, perché dimostra che la gestione statale e burocratica dell’ambiente è destinata al fallimento per gli stessi motivi per cui è fallita miseramente la pianificazione centralizzata dell’economia nei regimi socialisti.
In collaborazione con la Librerria del Ponte - www.libreriadelponte.com

Nessun commento: