Benvenuti nel Blog di Claudio Martinotti Doria, blogger dal 1996


"Non nobis Domine, non nobis, sed nomini Tuo da gloriam", motto dell'Ordine dei Cavalieri Templari, Pauperes commilitones Christi templique Salomonis

"Ciò che insegui ti sfugge, ciò cui sfuggi ti insegue" (aneddotica orientale, paragonabile alla nostra "chi ha pane non ha denti e chi ha denti non ha pane")

"Quello che mi ha sorpreso di più negli uomini dell'Occidente è che perdono la salute per fare soldi. E poi perdono i soldi per recuperare la salute. Pensano tanto al futuro che dimenticano di vivere il presente in tale maniera che non riescono a vivere nè il presente nè il futuro. Sono come se non dovessero morire mai e muoiono come se non avessero mai vissuto."
(Dalai Lama)

"A l'è mei mangè pan e siuli, putòst che vendsi a quaicadun" (Primo Doria, detto "il Principe")

"Prima ti ignorano, poi ti deridono, poi ti combattono. Poi vinci." Mahatma Gandhi

L'Italia non è una nazione ma un continente in miniatura con una straordinaria biodiversità e pluralità antropologica (Claudio Martinotti Doria)

Il proprio punto di vista, spesso è una visuale parziale e sfocata di un pertugio che da su un vicolo dove girano una fiction ... Molti credono sia la realtà ed i più motivati si mettono pure ad insegnare qualche tecnica per meglio osservare dal pertugio (Claudio Martinotti Doria)

Lo scopo primario della vita è semplicemente di sperimentare l'amore in tutte le sue molteplici modalità di manifestazione e di evolverci spiritualmente come individui e collettivamente (È “l'Amor che move il sole e le altre stelle”, scriveva Dante Alighieri, "un'unica Forza unisce infiniti mondi e li rende vivi", scriveva Giordano Bruno. )

La leadership politica occidentale è talmente poco dotata intellettualmente, culturalmente e spiritualmente, priva di qualsiasi perspicacia e lungimiranza, che finirà per portarci alla rovina, ponendo fine alla nostra civiltà. Claudio Martinotti Doria

PER CONTATTI: claudio@gc-colibri.com

Se preferite comunicare telefonicamente potete inviare un sms al 3485243182 lasciando il proprio recapito telefonico (fisso o mobile) per essere richiamati. Non rispondo al cellulare ai numeri sconosciuti per evitare le proposte commerciali sempre più assillanti

Questo blog ha adottato Creative Commons

Licenza Creative Commons
Blog personale by Claudio Martinotti Doria is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License.
Based on a work at www.cavalieredimonferrato.it.
Permissions beyond the scope of this license may be available at www.cavalieredimonferrato.it.

COME SOSTENERE LA MIA PERSEVERANTE ATTIVITA' DI VOLONTARIATO. Se avete apprezzato l’impegno e l’originalità dei miei articoli ritenendo che la mia attività divulgativa meriti un sostegno, appena avrete l’opportunità di farlo dedicate qualche minuto e qualche euro per sostenerla, tenendo presente che non ho entrate pubblicitarie e nessuno sponsor (condizione necessaria per mantenersi indipendenti) ed inoltre sono una vittima della riforma previdenziale della Fornero e la mia pensione è stata rinviata al 2024, ed è giusto che lo sappiate fin da adesso che l’importo che mi sarà erogato sarà minimo. Potrete contribuire con una donazione tramite PayPal all’account claudio@gc-colibri.com oppure a questo link: https://www.paypal.com/cgi-bin/webscr?cmd=_donations&business=Z2M2PAF4N76V6&lc=IT&item_name=Claudio%20Martinotti%20Doria&currency_code=EUR&bn=PP%2dDonationsBF%3abtn_donateCC_LG%2egif%3aNonHosted

Se non siete registrati a Paypal potete effettuare un bonifico bancario all’IBAN IT42M0303222600010000002011 (Credem, filiale di Casale Monferrato)

You can make a donation using PayPal account claudio@gc-colibri.com or at this link: https://www.paypal.com/cgi-bin/webscr?cmd=_donations&business=Z2M2PAF4N76V6&lc=IT&item_name=Claudio%20Martinotti%20Doria&currency_code=EUR&bn=PP%2dDonationsBF%3abtn_donateCC_LG%2egif%3aNonHosted





Patriă Montisferrati

Patriă Montisferrati
Cliccando sullo stemma del Monferrato potrete seguire su Casale News la rubrica di Storia Locale "Patriă Montisferrati", curata da Claudio Martinotti Doria in collaborazione con Manfredi Lanza, discendente aleramico del marchesi del Vasto - Busca - Lancia, principi di Trabia

Come valorizzare il Monferrato Storico

La Storia, così come il territorio e le sue genti che l’hanno vissuta e ne sono spesso ignoti ed anonimi protagonisti, meritano il massimo rispetto, occorre pertanto accostarsi ad essa con umiltà e desiderio di apprendere e servire. In questo caso si tratta di servire il Monferrato, come priorità rispetto a qualsiasi altra istanza (personale o di campanile), riconoscendo il valore di chi ci ha preceduti e di coloro che hanno contribuito a valorizzarlo, coinvolgendo senza preclusioni tutte le comunità insediate sul territorio del Monferrato Storico, affinché ognuna faccia la sua parte con una visione d’insieme ed un’unica coesa identità storico-culturale condivisa. Se ci si limita a piccole porzioni del Monferrato, per quanto significative, si è perdenti e dispersivi in partenza.

Sarà un percorso lungo e lento ma è l’unico percorribile se si vuole agire veramente per favorire il Monferrato Storico e proporlo con successo come un’unica entità territoriale turistico culturale ed economica …

Piemex, il baratto del Piemonte per affrontare la crisi, una moneta virtuale come Sicilia e Sardegna. Per far ripartire le imprese locali.

Piemex, il baratto del Piemonte che cancella la crisi

Lettera43

La regione si fa la sua moneta virtuale. Come Sicilia e Sardegna. Per far ripartire le imprese locali.

di Egilde Verì
Paolo ha 35 anni ed è titolare di un’agenzia torinese che si occupa di comunicazione. Qualche mese fa ha aderito a Piemex.net e venduto a un’altra impresa un servizio di mail marketing ricevendo in cambio 1.000 piemex. Ora sta pensando di spendere i suoi crediti per dare ai dipendenti qualche benefit in più: corsi di formazione o semplicemente il caffè.
Effiong Ntuk è un avvocato di 50 anni di origini nigeriane. Il suo studio legale è al centro di Torino. Utilizzando la moneta virtuale si è fatto riparare l’automobile. In cambio ha prestato una consulenza legale.
IL BARATTO DEL PIEMEX. Il piemex è una moneta complementare, è nata in Piemonte e si basa su un principio molto semplice: «Ciò che hai per ciò che ti serve». Una sorta di baratto in salsa moderna, insomma. Che si rifà alla moneta virtuale della Sardegna, il sardex, e al circuito siciliano gemello, il sicanex.
Funziona così. Ci si iscrive al circuito pagando una quota di 200 euro più un abbonamento annuale che parte dagli 800 euro e varia a seconda del fatturato e della grandezza dell’impresa. Una volta inseriti si può comprare qualsiasi prodotto da un’altra azienda partner accumulando un debito in piemex. Che deve poi essere ripagato fornendo una propria prestazione professionale o un prodotto anche a un soggetto diverso dal primo.
LA MONETA VALE UN EURO. Per esempio, se un ristorante ha bisogno di un sito web può averlo pagando in piemex una società informatica del circuito. Da parte sua, quest’ultima può utilizzare i crediti accumulati per ottenere manifesti pubblicitari o carta per la stampante presso un’altra realtà partner.
A differenza del baratto, quindi, lo scambio non è necessariamente tra due parti e può essere differito nel tempo. Ogni piemex vale un euro, non può essere tradotto in soldi e in 12 mesi le posizioni vanno pareggiate.
IDEA NATA A METÀ 2013. Piemex è nato appena sei mesi fa e finora sono una cinquantina le imprese del territorio che hanno aderito. Altre 100 sono in attesa di entrare a far parte del circuito.
«Abbiamo cercato di coinvolgere innanzitutto le aziende che offrono prodotti utili per tutti come cancelleria, comunicazione, trasporti», racconta a Lettera43.it Eva Voci, uno dei quattro soci del progetto. «L’idea è che tutti i partner debbano trovare quello di cui hanno bisogno e quindi la filiera va sviluppata in modo armonico».

Una piattaforma virtuale per avere immediata liquidità

Grazie ai piemex si scambiano beni e servizi senza bisogno della moneta corrente utilizzando una piattaforma virtuale. Bit al posto di euro: un modo per aggirare la mancanza di liquidità e le difficoltà di accesso al credito da parte delle imprese.
In più, appena entrati nel circuito si ha diritto a una linea di credito in piemex a tasso zero. Il che significa che si può cominciare a fare acquisti senza dover aspettare di aver venduto.
SOLDI FERMI NELLE BANCHE. Secondo le stime, in Piemonte ci sarebbero 140 miliardi di euro di depositi fermi nelle casseforti delle banche. Tanti soldi che, però, non stanno sostenendo il sistema.
Stando a i numeri di Unioncamere tra marzo 2012 e marzo 2013, il numero di imprese nella regione è sceso dell’0,6%. Il che, a conti fatti, significa circa 2.500 aziende in meno. E il trend non sembra destinato a cambiar rotta.
SOLUZIONE CONTRO LA CRISI. «Nei momenti di incertezza economica la moneta liquida diventa terribilmente solida: invece di farla circolare, si tende a trattenerla. Il che aumenta la forza distruttrice della crisi», spiega Luca Fantacci, professore di Storia economica all’Università Bocconi.
La forza di Piemex, invece, secondo Francesco Gelmi, socio del progetto, sta proprio nel fatto che «velocizza le transazioni perché per fare acquisti non bisogna aspettare di avere soldi o di essere pagati» .

Sull'esempio del sardex, la moneta complementare nata nel 2010

Il Piemex è fratello minore del sardex. Nata nel 2010 in Sardegna dall’ingegno di quattro giovani con la passione per l’economia, la moneta complementare isolana è riuscita a convincere anche i più scettici.
All'epoca le aziende del circuito erano 200. Oggi sono oltre 1.500 e c’è davvero di tutto: alimentari, edilizia, trasporti, strutture turistiche, ristorazione.
Nel 2013 il volume delle transazioni ha raggiunto i 10 milioni di euro con una previsione di oltre 14 milioni per la fine dell'anno.
«Stimiamo che entro il 2014 le aziende affiliate saranno 4 mila e che in 10 anni riusciremo a generare transazioni per un importo pari all’1% del Prodotto interno lordo sardo», dice Franco Contu, responsabile sviluppo sardex.
COINVOLGIMENTO DEI PRIVATI. Intanto in Sardegna si sperimentano nuovi meccanismi per coinvolgere nel circolo virtuoso, oltre alle aziende, anche i privati.
«I dipendenti delle imprese partner possono scegliere di percepire straordinari o parte della retribuzione in Sardex. C’è addirittura la possibilità di attingere al plafond dell’azienda», racconta Contu.
Se per esempio si ha bisogno del dentista ci si può rivolgere a un professionista del circuito spendendo i propri crediti oppure utilizzare il conto dell’azienda che poi trattiene a rate dallo stipendio l’equivalente in euro.
A oggi sono circa 600 i lavoratori che hanno deciso di sfruttare questa possibilità.
COLLABORAZIONE CON GLI ENTI LOCALI. Altro step è la collaborazione con gli enti locali. La Regione Sardegna ha già stanziato 20 milioni di euro in tre anni da destinare a 10 mila giovani disoccupati che si prevede ricevano un reddito pari a 500 sardex al mese.
I dettagli sono ancora da definire, ma c’è già una delibera. E perché non permettere alle imprese di ricevere in moneta virtuale i debiti dovuti dalla Pubblica amministrazione per poi ripagarci i tributi locali?
Così, tra non molto, gli isolani si prevede possano pagare in sardex la tassa per la spazzatura. La strada è stata aperta.
Lunedì, 14 Ottobre 2013

Nessun commento: