Benvenuti nel Blog di Claudio Martinotti Doria, blogger dal 1996


"Non nobis Domine, non nobis, sed nomini Tuo da gloriam", motto dell'Ordine dei Cavalieri Templari, Pauperes commilitones Christi templique Salomonis

"Ciò che insegui ti sfugge, ciò cui sfuggi ti insegue" (aneddotica orientale, paragonabile alla nostra "chi ha pane non ha denti e chi ha denti non ha pane")

"Quello che mi ha sorpreso di più negli uomini dell'Occidente è che perdono la salute per fare soldi. E poi perdono i soldi per recuperare la salute. Pensano tanto al futuro che dimenticano di vivere il presente in tale maniera che non riescono a vivere nè il presente nè il futuro. Sono come se non dovessero morire mai e muoiono come se non avessero mai vissuto."
(Dalai Lama)

"A l'è mei mangè pan e siuli, putòst che vendsi a quaicadun" (Primo Doria, detto "il Principe")

"Prima ti ignorano, poi ti deridono, poi ti combattono. Poi vinci." Mahatma Gandhi

L'Italia non è una nazione ma un continente in miniatura con una straordinaria biodiversità e pluralità antropologica (Claudio Martinotti Doria)

Il proprio punto di vista, spesso è una visuale parziale e sfocata di un pertugio che da su un vicolo dove girano una fiction ... Molti credono sia la realtà ed i più motivati si mettono pure ad insegnare qualche tecnica per meglio osservare dal pertugio (Claudio Martinotti Doria)

Lo scopo primario della vita è semplicemente di sperimentare l'amore in tutte le sue molteplici modalità di manifestazione e di evolverci spiritualmente come individui e collettivamente (È “l'Amor che move il sole e le altre stelle”, scriveva Dante Alighieri, "un'unica Forza unisce infiniti mondi e li rende vivi", scriveva Giordano Bruno. )

La leadership politica occidentale è talmente poco dotata intellettualmente, culturalmente e spiritualmente, priva di qualsiasi perspicacia e lungimiranza, che finirà per portarci alla rovina, ponendo fine alla nostra civiltà. Claudio Martinotti Doria

PER CONTATTI: claudio@gc-colibri.com

Se preferite comunicare telefonicamente potete inviare un sms al 3485243182 lasciando il proprio recapito telefonico (fisso o mobile) per essere richiamati. Non rispondo al cellulare ai numeri sconosciuti per evitare le proposte commerciali sempre più assillanti

Questo blog ha adottato Creative Commons

Licenza Creative Commons
Blog personale by Claudio Martinotti Doria is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License.
Based on a work at www.cavalieredimonferrato.it.
Permissions beyond the scope of this license may be available at www.cavalieredimonferrato.it.

COME SOSTENERE LA MIA PERSEVERANTE ATTIVITA' DI VOLONTARIATO. Se avete apprezzato l’impegno e l’originalità dei miei articoli ritenendo che la mia attività divulgativa meriti un sostegno, appena avrete l’opportunità di farlo dedicate qualche minuto e qualche euro per sostenerla, tenendo presente che non ho entrate pubblicitarie e nessuno sponsor (condizione necessaria per mantenersi indipendenti) ed inoltre sono una vittima della riforma previdenziale della Fornero e la mia pensione è stata rinviata al 2024, ed è giusto che lo sappiate fin da adesso che l’importo che mi sarà erogato sarà minimo. Potrete contribuire con una donazione tramite PayPal all’account claudio@gc-colibri.com oppure a questo link: https://www.paypal.com/cgi-bin/webscr?cmd=_donations&business=Z2M2PAF4N76V6&lc=IT&item_name=Claudio%20Martinotti%20Doria&currency_code=EUR&bn=PP%2dDonationsBF%3abtn_donateCC_LG%2egif%3aNonHosted

Se non siete registrati a Paypal potete effettuare un bonifico bancario all’IBAN IT42M0303222600010000002011 (Credem, filiale di Casale Monferrato)

You can make a donation using PayPal account claudio@gc-colibri.com or at this link: https://www.paypal.com/cgi-bin/webscr?cmd=_donations&business=Z2M2PAF4N76V6&lc=IT&item_name=Claudio%20Martinotti%20Doria&currency_code=EUR&bn=PP%2dDonationsBF%3abtn_donateCC_LG%2egif%3aNonHosted





Patriă Montisferrati

Patriă Montisferrati
Cliccando sullo stemma del Monferrato potrete seguire su Casale News la rubrica di Storia Locale "Patriă Montisferrati", curata da Claudio Martinotti Doria in collaborazione con Manfredi Lanza, discendente aleramico del marchesi del Vasto - Busca - Lancia, principi di Trabia

Come valorizzare il Monferrato Storico

La Storia, così come il territorio e le sue genti che l’hanno vissuta e ne sono spesso ignoti ed anonimi protagonisti, meritano il massimo rispetto, occorre pertanto accostarsi ad essa con umiltà e desiderio di apprendere e servire. In questo caso si tratta di servire il Monferrato, come priorità rispetto a qualsiasi altra istanza (personale o di campanile), riconoscendo il valore di chi ci ha preceduti e di coloro che hanno contribuito a valorizzarlo, coinvolgendo senza preclusioni tutte le comunità insediate sul territorio del Monferrato Storico, affinché ognuna faccia la sua parte con una visione d’insieme ed un’unica coesa identità storico-culturale condivisa. Se ci si limita a piccole porzioni del Monferrato, per quanto significative, si è perdenti e dispersivi in partenza.

Sarà un percorso lungo e lento ma è l’unico percorribile se si vuole agire veramente per favorire il Monferrato Storico e proporlo con successo come un’unica entità territoriale turistico culturale ed economica …

Una ventata di ottimismo previsionale


di Claudio Martinotti Doria

Per i molti lettori esteri del mio blog, prevalentemente dalla Russia, Germania e USA e paesi Balcanici, che uniti superano di gran lunga quelli italiani, scrivo appositamente queste poche righe di aggiornamento sulla situazione italiana.
La situazione italiana è grave, ma non ancora gravissima, questo lo sapete anche senza di me, diverrà gravissima e quindi esplosiva quando si esauriranno le risorse famigliari che erano state accumulate per altri scopi, cui invece stanno attingendo da alcuni anni a causa della crisi e del parassitismo della classe politica italiana, che della crisi è corresponsabile e che sta contribuendo ad aggravare. La famiglia sta facendo da ammortizzatore sociale al posto di uno stato assente e parassita, che continua a privilegiare i suoi accoliti e famili, cioè i suoi servitori e complici, e penalizza la popolazione comune ed onesta.


Quando si esauriranno i risparmi ed i patrimoni di famiglia, allora ci saranno tutte le premesse perché la situazione sociale possa esplodere, in seguito ad un evento che faccia da innesco. Il vantaggio di cui dispongono i poteri forti in Italia è che la classe politica parassitaria ha sempre impedito il possesso delle armi, non siamo negli USA dove ogni famiglia possiede armi, soprattutto in provincia, qui da noi le armi sono rare, le armi da fuoco le hanno solo i cacciatori ed i privilegiati di stato, e quindi i reparti antisommossa sanno che tuttalpiù dovranno affrontare persone infuriate e disperate ma disarmate. E la popolazione è priva anche di armi da difesa passiva, in quanto l'Italia è l'unico paese al mondo che le abbia praticamente vietate tutte, in casa potete detenerle ma se vi azzardate a portarle fuori di casa siete penalmente perseguibili. Se vi trovano anche solo con un cacciavite in auto venite denunciati per trasporto di arma impropria ...
I tumulti saranno gli ultimi a verificarsi, in tutti i sensi, prima avverranno in altri paese, anzi sono già avvenuti e continueranno a verificarsi, in Italia avverranno solo quando non potranno più farne a meno. Perché questo ritardo?

Perché gli italiani sono di un'ignoranza spaventosa, vittime di una subcultura televisiva che li ha ridotti ad homo videns demens, vittime del PANEM ET CIRCENSES e del DIVIDE ET IMPERA, e quindi finché potranno contare sulla pay tv e sulla partita di calcio e sul cazzeggio mediatico non reagiranno. Finché ci sarà ancora un qualsiasi alibi pretestuoso, una versione adattabile alle circostanze, un'interpretazione verosimigliante, ecc., propalata dai media, non ci saranno reazioni se non al bar o nei circoli.
Reagiranno solo quando si troveranno con gli scaffali semivuoti nei supermercati, le pensioni dimezzate, prelievi forzosi dai conti correnti bancari e gli sportelli bancomat bloccati, servizi pubblici a singhiozzo e costosissimi, gli immobili di famiglia che non valgono nulla perché nessuno li compra, ecc., solo allora si renderanno conto che i cellulari e tutti gli strumenti di comunicazione servono anche per organizzare proteste di massa,  come già avvenuto con anni di anticipo in altri paesi che avevano sempre considerato meno civilizzati del proprio.
Così si ritroveranno in piazza a protestare, con anni di ritardo, quando ormai il paese sarà fallito e nessuno dotato di intelligenza minima si candiderebbe alla guida del paese, neppure Grillo che non è un suicida, non essendoci alcun motivo valido e convincente per farlo se non di curarne il fallimento definitivo. La popolazione degli altri paesi vedendo i nostri tumulti di piazza penseranno "se anche gli italiani sono scesi in piazza a protestare significa che sono proprio alla fine".

A quel punto diverremo colonia di qualche stato che si sia rivelato più lungimirante del nostro. Ad esempio la Cina o la Russia, per quest'ultima potremmo diventare la Kamchatka del Mediterraneo. Gli Usa no, eravamo già una colonia ufficiosa degli USA e dell'UK, ma hanno già tanti di quei problemi irrisolvibili che potranno solo continuare a dissimularli per temporeggiare, non potranno più occuparsi di una loro ex colonia ridotta ormai all'agonia, preferiranno lasciarla a qualche avversario, intanto le basi militari NATO e USA rimarranno, che è quello che conta …
Quindi a cosa serviranno i tumulti? A far credere agli zombie di essere ancora vivi. A riscoprire l'ormai effimera emozione sociale che l'"unione fa la forza", solo che unirsi quando ormai non c'è più nulla da difendere è da coglioni gerontocratici. L'aggregazione di una molteplicità di debolezze ormai depotenziate e demotivate non riesce a creare una potenza, ma semmai una massa informe che chiederà altra droga di stato, cioè altre menzogne per tirare avanti nel gioco delle illusioni. Magari subentreranno gli economisti ed ideologi dell'MMT che li convinceranno a stampare soldi in proprio, così si riprenderà l'economia, perché si sa che se uno stato è sovrano può stampare carta straccia in proprio …
Buona fortuna a tutti

Nessun commento: