Benvenuti nel Blog di Claudio Martinotti Doria, blogger dal 1996


"Non nobis Domine, non nobis, sed nomini Tuo da gloriam", motto dell'Ordine dei Cavalieri Templari, Pauperes commilitones Christi templique Salomonis

"Ciò che insegui ti sfugge, ciò cui sfuggi ti insegue" (aneddotica orientale, paragonabile alla nostra "chi ha pane non ha denti e chi ha denti non ha pane")

"Quello che mi ha sorpreso di più negli uomini dell'Occidente è che perdono la salute per fare soldi. E poi perdono i soldi per recuperare la salute. Pensano tanto al futuro che dimenticano di vivere il presente in tale maniera che non riescono a vivere nè il presente nè il futuro. Sono come se non dovessero morire mai e muoiono come se non avessero mai vissuto."
(Dalai Lama)

"A l'è mei mangè pan e siuli, putòst che vendsi a quaicadun" (Primo Doria, detto "il Principe")

"Prima ti ignorano, poi ti deridono, poi ti combattono. Poi vinci." Mahatma Gandhi

L'Italia non è una nazione ma un continente in miniatura con una straordinaria biodiversità e pluralità antropologica (Claudio Martinotti Doria)

Il proprio punto di vista, spesso è una visuale parziale e sfocata di un pertugio che da su un vicolo dove girano una fiction ... Molti credono sia la realtà ed i più motivati si mettono pure ad insegnare qualche tecnica per meglio osservare dal pertugio (Claudio Martinotti Doria)

Lo scopo primario della vita è semplicemente di sperimentare l'amore in tutte le sue molteplici modalità di manifestazione e di evolverci spiritualmente come individui e collettivamente (È “l'Amor che move il sole e le altre stelle”, scriveva Dante Alighieri, "un'unica Forza unisce infiniti mondi e li rende vivi", scriveva Giordano Bruno. )

La leadership politica occidentale è talmente poco dotata intellettualmente, culturalmente e spiritualmente, priva di qualsiasi perspicacia e lungimiranza, che finirà per portarci alla rovina, ponendo fine alla nostra civiltà. Claudio Martinotti Doria

PER CONTATTI: claudio@gc-colibri.com

Se preferite comunicare telefonicamente potete inviare un sms al 3485243182 lasciando il proprio recapito telefonico (fisso o mobile) per essere richiamati. Non rispondo al cellulare ai numeri sconosciuti per evitare le proposte commerciali sempre più assillanti

Questo blog ha adottato Creative Commons

Licenza Creative Commons
Blog personale by Claudio Martinotti Doria is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License.
Based on a work at www.cavalieredimonferrato.it.
Permissions beyond the scope of this license may be available at www.cavalieredimonferrato.it.

COME SOSTENERE LA MIA PERSEVERANTE ATTIVITA' DI VOLONTARIATO. Se avete apprezzato l’impegno e l’originalità dei miei articoli ritenendo che la mia attività divulgativa meriti un sostegno, appena avrete l’opportunità di farlo dedicate qualche minuto e qualche euro per sostenerla, tenendo presente che non ho entrate pubblicitarie e nessuno sponsor (condizione necessaria per mantenersi indipendenti) ed inoltre sono una vittima della riforma previdenziale della Fornero e la mia pensione è stata rinviata al 2024, ed è giusto che lo sappiate fin da adesso che l’importo che mi sarà erogato sarà minimo. Potrete contribuire con una donazione tramite PayPal all’account claudio@gc-colibri.com oppure a questo link: https://www.paypal.com/cgi-bin/webscr?cmd=_donations&business=Z2M2PAF4N76V6&lc=IT&item_name=Claudio%20Martinotti%20Doria&currency_code=EUR&bn=PP%2dDonationsBF%3abtn_donateCC_LG%2egif%3aNonHosted

Se non siete registrati a Paypal potete effettuare un bonifico bancario all’IBAN IT42M0303222600010000002011 (Credem, filiale di Casale Monferrato)

You can make a donation using PayPal account claudio@gc-colibri.com or at this link: https://www.paypal.com/cgi-bin/webscr?cmd=_donations&business=Z2M2PAF4N76V6&lc=IT&item_name=Claudio%20Martinotti%20Doria&currency_code=EUR&bn=PP%2dDonationsBF%3abtn_donateCC_LG%2egif%3aNonHosted





Patriă Montisferrati

Patriă Montisferrati
Cliccando sullo stemma del Monferrato potrete seguire su Casale News la rubrica di Storia Locale "Patriă Montisferrati", curata da Claudio Martinotti Doria in collaborazione con Manfredi Lanza, discendente aleramico del marchesi del Vasto - Busca - Lancia, principi di Trabia

Come valorizzare il Monferrato Storico

La Storia, così come il territorio e le sue genti che l’hanno vissuta e ne sono spesso ignoti ed anonimi protagonisti, meritano il massimo rispetto, occorre pertanto accostarsi ad essa con umiltà e desiderio di apprendere e servire. In questo caso si tratta di servire il Monferrato, come priorità rispetto a qualsiasi altra istanza (personale o di campanile), riconoscendo il valore di chi ci ha preceduti e di coloro che hanno contribuito a valorizzarlo, coinvolgendo senza preclusioni tutte le comunità insediate sul territorio del Monferrato Storico, affinché ognuna faccia la sua parte con una visione d’insieme ed un’unica coesa identità storico-culturale condivisa. Se ci si limita a piccole porzioni del Monferrato, per quanto significative, si è perdenti e dispersivi in partenza.

Sarà un percorso lungo e lento ma è l’unico percorribile se si vuole agire veramente per favorire il Monferrato Storico e proporlo con successo come un’unica entità territoriale turistico culturale ed economica …

Il periodo è angosciante, soprattutto per la disinformazione sulla crisi

di Claudio Martinotti Doria


Quello che stiamo vivendo è indubbiamente un periodo angosciante, per le persone dotate di sensibilità e senno.
La causa primaria dell'angoscia, ormai permanente ed assillante, non è imputabile esclusivamente, e neppure prevalentemente, alla crisi in corso, ma alla disinformazione sistematica dei mass media, al teatrino della politica che prosegue ininterrotto, alla conseguente mancanza di consapevolezza popolare, all'inadeguatezza politica su quanto la crisi sia estesa, quali ripercussioni provocherà e quanto a lungo, sulle sue effettive cause e su coloro che ne hanno la principale responsabilità.

Il livello del cazzeggio mediatico è giunto a vette insopportabili, per cui l'unico rimedio è tenere il televisore spento, in pratica riportano il contenuto delle veline ricevute dagli uffici stampa dei politici e delle banche centrali oppure l'esito delle conferenze stampa preconfezionate. Frasi fatte, luoghi comuni, banalità, versioni fuorvianti, dati inutili e falsificati, versioni accomodanti, temporeggiamento, contraddizioni dissimulate, ecc.. Una disinformazione pervasiva, stordente, lobotomizzante, che alla lunga provoca malessere.
Sentire i giornalistucoli riportare le affermazioni dei politici o banchieri che annunciano per l'ennesima volta che i segnali di ripresa ci saranno fra poco, secondo le loro stime … è a dir poco patetico, ridicolo, ma soprattutto angosciante sapere che alcuni li ascoltano e ci credono, nonostante siano battute già ripetute in passato, forse non credono a loro ma al fatto che in qualche modo dalla crisi si uscirà, CI PENSERA' LO STATO ...
I pochi siti in internet che rivelano come stanno veramente le cose, sapendo individuare selettivamente ed interpretare segnali inquietanti, attingendo a documentazione seria che i mass media evitano di diffondere, sono visionati da poche migliaia di persone, per cui è facile dedurre che solo un'esigua ed insignificante minoranza di italiani sono veramente a conoscenza di quanto sia grave la situazione e le prospettive e di come i leader politici e finanziari siano coinvolti, collusi ed impotenti, e quali siano le contromisure da assumere in queste circostanze.
Del resto praticamente tutta la popolazione è convinta che l'unico vero denaro sia quello di carta colorata (fiat money), che non esistano alternative, anzi, che si dovrebbe pure eliminare il contante per poter imporre l'uso del denaro elettronico, carte di credito ecc., perché così si combatterebbe l'evasione fiscale e le mafie. Un topo per intrappolarlo in una gabbietta devi almeno attirarlo con del formaggio, gli italiani ci entrano sulla fiducia, per il piacere di farsi intrappolare, dentro alla gabbia si sentono più sicuri. Del resto la libertà è solo una bella parola e pochi sono disposti a lottare per conquistarla, essendo convinti di possederla già. La libertà di essere schiavi, preceduta dalla libertà di essere coglioni.

Entrare nel dettaglio richiederebbe una stesura lunghissima di questo articolo che desidero sia invece breve e di facile lettura, per cui mi limito a dire che lo stato incasserà sempre meno tasse, per ovvie ragioni, i provvedimenti politici adottati finora, uno più sbagliato ed iniquo dell'altro, le reazioni popolari alla crisi, che si sa NECESSITA' AGUZZA L'INGEGNO, creerà sempre più "lavoro e mercato nero o alternativo" per reazione alla patologica pressione fiscale italiana e per sfiducia nel buon utilizzo e nel ritorno dei contributi previdenziali e delle tasse versate, ci sarà sempre meno lavoro e meno servizi, per cui il degrado (anche morale e comportamentale, che sfocerà prima o poi in conflitti sociali) peggiorerà sempre più la qualità della vita del nostro paese e coloro che potranno permetterselo emigreranno, per cui alla lunga rimarranno solo le persone in difficoltà.
Per citare un solo esempio pertinente a quanto appena affermato, vi faccio l'esempio delle sigarette elettroniche, che in pochi mesi hanno avuto un successo pazzesco ed hanno sottratto alle casse del rapace fisco italiano quasi un miliardo di euro, ecco perché lo stato si preoccupa della salute degli utenti delle "svapo". La crisi, l'eccessiva tassazione delle sigarette e del tabacco e l'esigenza di spendere meno e continuare a fumare ha indotto oltre un milione di italiani a lasciare il fumo tradizionale per passare allo svapo, e così sarà in ogni settore, e lo stato perderà sempre più entrate fiscali, cui reagirà cinicamente inducendo ad esempio al gioco d'azzardo ed altre attività oscene pur di continuare ad incassare denaro UNICO SCOPO ISTITUZIONALE PER CONSERVARE I PRIVILEGI DELLA CASTA.

Tutte queste difficoltà riferite al nostro paese hanno una causa primaria: IL PARASSITISMO politico. Il parassitismo da noi è istituzionalizzato, legittimato, approvato, diffuso capillarmente, quindi è ormai ritenuto fisiologico e quindi rimosso dal vocabolario e dalla morale. E' ovvio che individualmente non si sentano parassiti e quindi non si pongono neppure il problema. Semmai se la popolazione ed alcuni giornalisti e scrittori insistono a definirli parassiti, la interpretano come invidia, rancore dovuto alla crisi.
Il parassitismo politico italiano alimenta mezzo milione di persone nulla facenti (che vivono di politica, molti di loro vivono "alla grande"), una corruzione ai più alti livelli mondiali, uno spreco di denaro pubblico spaventosamente elevato per sostenere le clientele, un malcostume ed un'inefficienza che non ha eguali nel mondo industrializzato. Quindi quando si sente dire in continuazione che NON C'E' PIÙ DENARO, ad esempio per iniziative culturali (perché qualche idiota fancazzista della politica afferma che con la cultura non si mangia) o per importanti servizi assistenziali, E' UNA MENZOGNA, il denaro c'è, solo che è destinato ad altri scopi, perlopiù egoici e parassitari.
A coloro che, per non colpevolizzarsi, pretendono che si facciano delle proposte anziché limitarsi ad esporre la gravità della situazione, rispondo di "togliersi di mezzo", perché lo scopo della politica è appunto fare proposte, avere delle visioni lungimiranti, pianificare, ecc., non parassitare attingendo alle risorse di coloro che producono ricchezza lavorando onestamente. Se non sanno "capire e proporre" che se ne vadano, se non lo fanno è perché sanno di essere dei parassiti e ne traggono beneficio, quindi il delitto e premeditato, nei paesi anglosassoni direbbero che è di primo grado, cui spetta il massimo della pena. Da noi invece vengono guardati con ammirazione perché ritenuti furbi e rieletti alle prossime consultazione elettorali.

Buona fortuna continuo ad augurarvela, ma la dea bendata è ceca ma non stupida ...

Nessun commento: