Benvenuti nel Blog di Claudio Martinotti Doria, blogger dal 1996


"Non nobis Domine, non nobis, sed nomini Tuo da gloriam", motto dell'Ordine dei Cavalieri Templari, Pauperes commilitones Christi templique Salomonis

"Ciò che insegui ti sfugge, ciò cui sfuggi ti insegue" (aneddotica orientale, paragonabile alla nostra "chi ha pane non ha denti e chi ha denti non ha pane")

"Quello che mi ha sorpreso di più negli uomini dell'Occidente è che perdono la salute per fare soldi. E poi perdono i soldi per recuperare la salute. Pensano tanto al futuro che dimenticano di vivere il presente in tale maniera che non riescono a vivere nè il presente nè il futuro. Sono come se non dovessero morire mai e muoiono come se non avessero mai vissuto."
(Dalai Lama)

"A l'è mei mangè pan e siuli, putòst che vendsi a quaicadun" (Primo Doria, detto "il Principe")

"Prima ti ignorano, poi ti deridono, poi ti combattono. Poi vinci." Mahatma Gandhi

L'Italia non è una nazione ma un continente in miniatura con una straordinaria biodiversità e pluralità antropologica (Claudio Martinotti Doria)

Il proprio punto di vista, spesso è una visuale parziale e sfocata di un pertugio che da su un vicolo dove girano una fiction ... Molti credono sia la realtà ed i più motivati si mettono pure ad insegnare qualche tecnica per meglio osservare dal pertugio (Claudio Martinotti Doria)

Lo scopo primario della vita è semplicemente di sperimentare l'amore in tutte le sue molteplici modalità di manifestazione e di evolverci spiritualmente come individui e collettivamente (È “l'Amor che move il sole e le altre stelle”, scriveva Dante Alighieri, "un'unica Forza unisce infiniti mondi e li rende vivi", scriveva Giordano Bruno. )

La leadership politica occidentale è talmente poco dotata intellettualmente, culturalmente e spiritualmente, priva di qualsiasi perspicacia e lungimiranza, che finirà per portarci alla rovina, ponendo fine alla nostra civiltà. Claudio Martinotti Doria

PER CONTATTI: claudio@gc-colibri.com

Se preferite comunicare telefonicamente potete inviare un sms al 3485243182 lasciando il proprio recapito telefonico (fisso o mobile) per essere richiamati. Non rispondo al cellulare ai numeri sconosciuti per evitare le proposte commerciali sempre più assillanti

Questo blog ha adottato Creative Commons

Licenza Creative Commons
Blog personale by Claudio Martinotti Doria is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License.
Based on a work at www.cavalieredimonferrato.it.
Permissions beyond the scope of this license may be available at www.cavalieredimonferrato.it.

COME SOSTENERE LA MIA PERSEVERANTE ATTIVITA' DI VOLONTARIATO. Se avete apprezzato l’impegno e l’originalità dei miei articoli ritenendo che la mia attività divulgativa meriti un sostegno, appena avrete l’opportunità di farlo dedicate qualche minuto e qualche euro per sostenerla, tenendo presente che non ho entrate pubblicitarie e nessuno sponsor (condizione necessaria per mantenersi indipendenti) ed inoltre sono una vittima della riforma previdenziale della Fornero e la mia pensione è stata rinviata al 2024, ed è giusto che lo sappiate fin da adesso che l’importo che mi sarà erogato sarà minimo. Potrete contribuire con una donazione tramite PayPal all’account claudio@gc-colibri.com oppure a questo link: https://www.paypal.com/cgi-bin/webscr?cmd=_donations&business=Z2M2PAF4N76V6&lc=IT&item_name=Claudio%20Martinotti%20Doria&currency_code=EUR&bn=PP%2dDonationsBF%3abtn_donateCC_LG%2egif%3aNonHosted

Se non siete registrati a Paypal potete effettuare un bonifico bancario all’IBAN IT42M0303222600010000002011 (Credem, filiale di Casale Monferrato)

You can make a donation using PayPal account claudio@gc-colibri.com or at this link: https://www.paypal.com/cgi-bin/webscr?cmd=_donations&business=Z2M2PAF4N76V6&lc=IT&item_name=Claudio%20Martinotti%20Doria&currency_code=EUR&bn=PP%2dDonationsBF%3abtn_donateCC_LG%2egif%3aNonHosted





Patriă Montisferrati

Patriă Montisferrati
Cliccando sullo stemma del Monferrato potrete seguire su Casale News la rubrica di Storia Locale "Patriă Montisferrati", curata da Claudio Martinotti Doria in collaborazione con Manfredi Lanza, discendente aleramico del marchesi del Vasto - Busca - Lancia, principi di Trabia

Come valorizzare il Monferrato Storico

La Storia, così come il territorio e le sue genti che l’hanno vissuta e ne sono spesso ignoti ed anonimi protagonisti, meritano il massimo rispetto, occorre pertanto accostarsi ad essa con umiltà e desiderio di apprendere e servire. In questo caso si tratta di servire il Monferrato, come priorità rispetto a qualsiasi altra istanza (personale o di campanile), riconoscendo il valore di chi ci ha preceduti e di coloro che hanno contribuito a valorizzarlo, coinvolgendo senza preclusioni tutte le comunità insediate sul territorio del Monferrato Storico, affinché ognuna faccia la sua parte con una visione d’insieme ed un’unica coesa identità storico-culturale condivisa. Se ci si limita a piccole porzioni del Monferrato, per quanto significative, si è perdenti e dispersivi in partenza.

Sarà un percorso lungo e lento ma è l’unico percorribile se si vuole agire veramente per favorire il Monferrato Storico e proporlo con successo come un’unica entità territoriale turistico culturale ed economica …

L'obsolescenza programmata non riguarda solo gli oggetti del consumismo ma anche le nostre vite condizionate ed intrappolate

Fonte: Gli Scomunicati http://www.gliscomunicati.com
 
L’Essere Umano è geneticamente corretto per riconoscere come unico 
criterio determinante e preponderante su tutto, il concetto di inizio e fine.
Tutto parte dal fondamento d’inizio della vita e la sua – logica (?) – conseguente fine.
Partendo da un concetto così basilare legato all’esistenza - e cioè che persino la vita 
sia destinata ineluttabilmente a finire - per ovvie ragioni abbiamo nei millenni, o forse 
meglio, in milioni di anni di cosiddetta evoluzione, assimilato che ad un inizio debba 
per forza di cose, sempre e comunque corrispondere una fine.
Qualsiasi cosa faccia parte della vita, ha un inizio e una fine. Il giorno finisce 
con il giungere della sera. E viceversa. Un lavoro viene iniziato e finito. Persino i 
sentimenti, emozioni che scaturiscono da una incredibile serie di sinapsi a loro volta 
collegate ad altre percezioni sensoriali quali l’odorato, la vista, il gusto, possono 
avere una fine. Fa parte del DNA umano ma anche animale e vegetale, anche se 
– negli ultimi due casi, vi sono molti esempi di come questo perenne iniziare e finire
non possa essere collocato in maniera del tutto stabile e certo.
Tornando all’Essere Umano: vi siete mai chiesti se, lo stesso concetto di vita 
legata a una ineluttabile morte, sia in qualche modo stato ingenerato a forza nel 
corso dei millenni, per ottenere una disgregazione mentale dell’umanità che 
– conscia di dover “finire” – si è resa fragile rispetto alla possibilità di poter, non 
dico vivere in eterno, ma eternamente vivere senza l’assoluta consapevolezza di
avere come “traguardo” la morte?
 
Se ognuno di noi vivesse senza porsi il “punto d’arrivo” – il finire come Essere – 
avrebbe una maggiore capacità anche di travalicare limiti umani che oggi pensiamo 
tutti di avere per cui, conseguentemente, limitiamo noi stessi convincendoci l’un 
l’altro di dover in ogni caso terminare il nostro percorso vitale?
Ho utilizzato nel titolo volutamente, il termine “Obsolescenza programmata”. 
Un criterio – deciso da alcuni esseri umani molto tempo fa – che determina 
scientemente e scientificamente che, specialmente in ambito tecnologico 
anche se non solo, tutto ciò che viene costruito per essere venduto debba 
avere una sorta di data di scadenza programmata – appunto – dallo stesso 
costruttore. 
Avete presente i cellulari che, come per “magia” si rompono troppo presto 
rispetto a quanto un congegno del genere – realisticamente – dovrebbe 
e potrebbe durare?

E si può applicare ad ogni cosa: veicoli progettati per durare molto meno, 

stampanti, fax, computers, lampadine… 
elettrodomestici
Già, le lampadine. Fu proprio la diffusione mondiale delle lampadine a 
generare il criterio di Obsolescenza programmata. Si era agli inizi del secolo
 scorso, fu deciso che la lampadina dovesse essere diffusa a livello mondiale. 
Fu addirittura creato un cartello per il controllo dei prezzi al consumo e, 
incredibile ma vero, poiché si era visto che le lampadine dell’epoca “rischiavano”
 di durare davvero quasi illimitatamente facendo rischiare un livello più basso 
nelle vendite, fu deciso che le lampadine fossero realizzate in maniera che 
durassero molto meno di quanto avrebbero potuto.
Leggete di seguito:
Ginevra, 23 dicembre 1924 - i maggiori produttori di lampadine elettriche di tutto il mondo si riuniscono in segreto allo scopo di regolamentarne la produzione, i prezzi e in seguito di elaborare strategie per ridurne la durata. Quel giorno si costituisce di fatto il primo “cartello” mondiale, denominato Phoebus, dedicato a spartirsi il mercato delle lampadine elettriche.
Gli ingegneri cominciarono a sperimentare tecnologie in grado di realizzare filamenti più fragili, e in pochissimo tempo la durata media delle lampadine in commercio scese da 2500 a 1500 ore.
Negli anni Quaranta i membri di Phoebus avevano raggiunto il proprio obiettivo: praticamente tutte le lampadine erano garantite per durare solo 1000 ore. Chi voleva avere la luce elettrica doveva frequentemente comprare nuove lampadine, e loro ne decidevano il prezzo
”. (fonte: zoes.it)
Programmare la fine di un prodotto è cosa antica. Non tutti lo sanno e non tutti 
pensano poi che questo criterio è ormai radicato in ogni cosa, ma falsamente.
 
Pensiamo anche all’istituzione di determinate normative che impongono 
la scadenza dei prodotti alimentari. Le date di scadenza apposte, in moltissimi
 casi sono li, messe apposta, solo per farci comprare un prodotto nuovo, con 
scadenza più in la da venire, ma – nella realtà – quel prodotto la cui scadenza 
è giunta al termine, può essere tranquillamente consumato per molto tempo ancora.
A cosa serve tutto ciò?

Da un lato a premere su una produzione spinta alla schizofrenia, che giova soltanto

 al mondo industriale che in questo modo ha il controllo totale, la gestione globale 
dell’esistenza di ogni singolo individuo facente parte dei paesi cosiddetti industrializzati 
e dall’altro, ad alimentare in maniera mostruosa i numeri della produzione che peraltro 
falsano del tutto anche molti equilibri finanziari ed economici internazionali: si produce 
una overdose costante di prodotti, generando una tossicità mondiale che tiene “uniti” 
in una sorta di virus incurabile miliardi di esseri umani che – realmente – 
necessiterebbero di ben poche cose per vivere bene ma che in questo modo, 
non possono più fare a meno di fagogitare enormi quantità di inutilità.
Un’enorme, globale, mondiale abbuffata di…Niente. E’ uno dei motivi 
della depressione umana costante che – perversamente – fa sentire a ogni essere
 umano un senso di assoluta inutilità non appena si giunge ad acquistare un 
qualsiasi articolo: all’acquisto appena compiuto infatti, raramente corrisponde 
un grande senso di soddisfazione: solitamente ci si sente carenti di qualcosa ed 
in cerca – già – di qualcosa di nuovo.
Tornando ora al concetto di vita e fine della vita: provate a pensare se 
col tempo ovviamente, tutti assimilassimo un diverso criterio. Nasco e vivo. 
Punto. Non ho come “traguardo” il fatto – anche se ineluttabile – di dover morire.
Poiché la mente è in grado di determinare cambiamenti - se solo glieli imponessimo 
per giungere a traguardi migliorativi dell’esistenza – sicuramente questo tipo di 
nuovo pensiero diverrebbe utile per un miglioramento fattivo dell’esistenza di ognuno.
I credenti una fede religiosa, dicono sovente: “Non bisogna porre limiti alla 
Provvidenza” oppure “Le vie del signore sono infinite”. Non porre alcun limite, 
vie infinite… Appunto.
E’ all’essere umano che vengono posti costantemente limiti a tutto, convincendolo
 che solo l’Essere Umano ha un inizio ed una fine. Si limita la mente al punto 
da convincere tutti gli esseri, della propria scarsità di possibilità umane.
Eppure, io credo che se riuscissimo a scardinare questa convinzione divenuta 
Credo globale, assoluta ed incontrovertibile soluzione a tutto ciò che inizia, 
come al Vita, potremmo generare in noi stesse quelle capacità che pensiamo 
di non poter nemmeno lontanamente ottenere.
Capacità che forse potrebbero mantenerci in vita più a lungo e maggiormente in 
salute oltre che nettamente meno depressi.
 
Da dove cominciare?

Dal fare a pezzi il criterio impostoci di “obsolescenza programmata” dettata 

sui consumi di prodotti di vario genere. Conserviamo, ripariamo semmai, teniamo 
ciò che ci viene strappato di mano con una scusa alquanto ambigua: “la moda, 
l’evoluzione, il progresso”. Non vedo moda che possa essere migliorativa della 
vita umana, nessuna evoluzione può essere basata sul dissesto dell’economia 
mondiale, nessun progresso può realizzarsi se tutto deve essere destinato a 
finire prima del tempo.
Non potremo mai parlare di sviluppo umano e di conseguenza economico, 
finché non scardineremo noi a forza l’imposizione del dover perdere le nostre vite
 dietro criteri di mercato che stanno addirittura danneggiando il mercato mondiale 
che, stressato dalle sue stesse strategie, sta affogando alla penosa ricerca di un 
nuovo modo per uccidere l’umanità. Un mostro.
Ne vale la pena?
Per ciò che riguarda l'obsolescenza programmata applicata a qualsiasi prodotto
 tecnologico, in Francia è stata presentata una proposta di Legge per vietarne 
l'utilizzo: è un passo. Un primo passo che ci dice che possiamo farne molti altri ...

Nessun commento: