Benvenuti nel Blog di Claudio Martinotti Doria, blogger dal 1996


"Non nobis Domine, non nobis, sed nomini Tuo da gloriam", motto dell'Ordine dei Cavalieri Templari, Pauperes commilitones Christi templique Salomonis

"Ciò che insegui ti sfugge, ciò cui sfuggi ti insegue" (aneddotica orientale, paragonabile alla nostra "chi ha pane non ha denti e chi ha denti non ha pane")

"Quello che mi ha sorpreso di più negli uomini dell'Occidente è che perdono la salute per fare soldi. E poi perdono i soldi per recuperare la salute. Pensano tanto al futuro che dimenticano di vivere il presente in tale maniera che non riescono a vivere nè il presente nè il futuro. Sono come se non dovessero morire mai e muoiono come se non avessero mai vissuto."
(Dalai Lama)

"A l'è mei mangè pan e siuli, putòst che vendsi a quaicadun" (Primo Doria, detto "il Principe")

"Prima ti ignorano, poi ti deridono, poi ti combattono. Poi vinci." Mahatma Gandhi

L'Italia non è una nazione ma un continente in miniatura con una straordinaria biodiversità e pluralità antropologica (Claudio Martinotti Doria)

Il proprio punto di vista, spesso è una visuale parziale e sfocata di un pertugio che da su un vicolo dove girano una fiction ... Molti credono sia la realtà ed i più motivati si mettono pure ad insegnare qualche tecnica per meglio osservare dal pertugio (Claudio Martinotti Doria)

Lo scopo primario della vita è semplicemente di sperimentare l'amore in tutte le sue molteplici modalità di manifestazione e di evolverci spiritualmente come individui e collettivamente (È “l'Amor che move il sole e le altre stelle”, scriveva Dante Alighieri, "un'unica Forza unisce infiniti mondi e li rende vivi", scriveva Giordano Bruno. )

La leadership politica occidentale è talmente poco dotata intellettualmente, culturalmente e spiritualmente, priva di qualsiasi perspicacia e lungimiranza, che finirà per portarci alla rovina, ponendo fine alla nostra civiltà. Claudio Martinotti Doria

PER CONTATTI: claudio@gc-colibri.com

Se preferite comunicare telefonicamente potete inviare un sms al 3485243182 lasciando il proprio recapito telefonico (fisso o mobile) per essere richiamati. Non rispondo al cellulare ai numeri sconosciuti per evitare le proposte commerciali sempre più assillanti

Questo blog ha adottato Creative Commons

Licenza Creative Commons
Blog personale by Claudio Martinotti Doria is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License.
Based on a work at www.cavalieredimonferrato.it.
Permissions beyond the scope of this license may be available at www.cavalieredimonferrato.it.

COME SOSTENERE LA MIA PERSEVERANTE ATTIVITA' DI VOLONTARIATO. Se avete apprezzato l’impegno e l’originalità dei miei articoli ritenendo che la mia attività divulgativa meriti un sostegno, appena avrete l’opportunità di farlo dedicate qualche minuto e qualche euro per sostenerla, tenendo presente che non ho entrate pubblicitarie e nessuno sponsor (condizione necessaria per mantenersi indipendenti) ed inoltre sono una vittima della riforma previdenziale della Fornero e la mia pensione è stata rinviata al 2024, ed è giusto che lo sappiate fin da adesso che l’importo che mi sarà erogato sarà minimo. Potrete contribuire con una donazione tramite PayPal all’account claudio@gc-colibri.com oppure a questo link: https://www.paypal.com/cgi-bin/webscr?cmd=_donations&business=Z2M2PAF4N76V6&lc=IT&item_name=Claudio%20Martinotti%20Doria&currency_code=EUR&bn=PP%2dDonationsBF%3abtn_donateCC_LG%2egif%3aNonHosted

Se non siete registrati a Paypal potete effettuare un bonifico bancario all’IBAN IT42M0303222600010000002011 (Credem, filiale di Casale Monferrato)

You can make a donation using PayPal account claudio@gc-colibri.com or at this link: https://www.paypal.com/cgi-bin/webscr?cmd=_donations&business=Z2M2PAF4N76V6&lc=IT&item_name=Claudio%20Martinotti%20Doria&currency_code=EUR&bn=PP%2dDonationsBF%3abtn_donateCC_LG%2egif%3aNonHosted





Patriă Montisferrati

Patriă Montisferrati
Cliccando sullo stemma del Monferrato potrete seguire su Casale News la rubrica di Storia Locale "Patriă Montisferrati", curata da Claudio Martinotti Doria in collaborazione con Manfredi Lanza, discendente aleramico del marchesi del Vasto - Busca - Lancia, principi di Trabia

Come valorizzare il Monferrato Storico

La Storia, così come il territorio e le sue genti che l’hanno vissuta e ne sono spesso ignoti ed anonimi protagonisti, meritano il massimo rispetto, occorre pertanto accostarsi ad essa con umiltà e desiderio di apprendere e servire. In questo caso si tratta di servire il Monferrato, come priorità rispetto a qualsiasi altra istanza (personale o di campanile), riconoscendo il valore di chi ci ha preceduti e di coloro che hanno contribuito a valorizzarlo, coinvolgendo senza preclusioni tutte le comunità insediate sul territorio del Monferrato Storico, affinché ognuna faccia la sua parte con una visione d’insieme ed un’unica coesa identità storico-culturale condivisa. Se ci si limita a piccole porzioni del Monferrato, per quanto significative, si è perdenti e dispersivi in partenza.

Sarà un percorso lungo e lento ma è l’unico percorribile se si vuole agire veramente per favorire il Monferrato Storico e proporlo con successo come un’unica entità territoriale turistico culturale ed economica …

Numerosi imprenditori libertari degli USA hanno progettato e stanno finanziando un'isola artificiale ...

Numerosi imprenditori libertari degli USA hanno progettato e stanno finanziando un'isola artificiale permanentemente ancorata in acque internazionali, ma distante solo una dozzina di miglia dalla Silicon Valley, in California. Si tratta di un nave di colossali dimensioni trasformata in una città galleggiante, per sottrarsi alle vessazioni dello statalismo accentratore, parassitario ed opprimente, ed al suo previsto fallimento monetario, economico e culturale ...



Blueseed: al largo della California comparirà una “quasi nazione”

Fonte: L'Indipendenza, Quotidiano on line http://www.lindipendenza.com

di STEFANO MAGNI

Negli Stati Uniti la disoccupazione è aumentata dal 7,8% al 7,9% e la stampa progressista festeggia. Perché, tutto sommato, nell’ultimo mese sono stati creati 171mila posti di lavoro. E perché (e questo è incredibile), l’aumento degli iscritti alle liste di disoccupazione è visto come… un segnale di fiducia! Anche oltre Oceano, infatti, si dà per scontato che una buona parte dei disoccupati non sia neppure iscritta come tale, perché ha perso ogni speranza di cercare, oltre che di trovare, un nuovo impiego. Quell’aumento di 0,1 punti percentuali nel tasso di disoccupazione è dato, dunque, dai non lavoratori che hanno deciso di cercare. O di ricominciare a sperare.

Siamo così alla frutta? Non come in Italia, ovviamente. Negli Stati Uniti si parla di ripresa lenta. Da noi, invece, c’è proprio la recessione. Romney non ha tutti i torti quando sventola l’Italia (e la Grecia e la Spagna) come un “babau”: guardate dove possiamo arrivare, ha detto ai suoi elettori potenziali. La lentezza della ripresa negli Usa, così come la recessione dei Paesi mediterranei, sono causate dalla stessa piaga: spesa pubblica troppo alta, Stato troppo invadente, un debito pubblico pari o superiore al Pil. Ma c’è anche una causa invisibile e più profonda, che sfugge alle analisi economiche: la cultura statalista. L’idea che sia il governo a dover creare posti di lavoro, produrre beni e servizi, assumersi le responsabilità e i rischi dei suoi cittadini.

C’è chi dice “no” a questa cultura, prima ancora che al suo governo. Al di là di quei milioni di americani che, martedì prossimo, andranno a votare per le presidenziali e dovranno scegliere fra l’ultra-statalista Barack Obama e lo statalista moderato Mitt Romney (uno dei meno liberali fra i candidati repubblicani, secondo solo a Rick Santorum), un gruppo di 1000 imprenditori, il cui numero è in continua crescita, ha scelto di fondare una propria enclave. Il progetto si chiama Blueseed (“seme blu”) e uno dei suoi promotori è l’imprenditore visionario tedesco-americano Peter Thiel, già co-fondatore di PayPal e uno dei primi investitori nel social network Facebook. Si tratta di un’isola artificiale, costituita (secondo il progetto attuale) da una grande nave permanentemente ancorata in acque internazionali, ma distante solo una dozzina di miglia dalla Silicon Valley, in California, il luogo d’origine della new economy. Non si tratta (ancora) di una nazione a parte, ma di un luogo di produzione e di scambio. Il vantaggio di essere in acque internazionali, permetterebbe a imprenditori di tutto il mondo di iniziare l’attività su quell’isola artificiale, senza le restrizioni (a partire dal visto di lavoro) degli Stati Uniti. Per capirne l’utilità immediata, la pagina Facebook di Blueseed cita l’esempio di Asaf Darash, imprenditore israeliano di successo, fondatore della compagnia di informatica Regpack, appena espulso dagli Usa per un errore della burocrazia dell’immigrazione. Profitti, posti di lavoro in più, nuovi software… tutto buttato a mare per colpa di qualche scartoffia sbagliata. “Google e Yahoo! e Intel e tante altre famose compagnie – si legge sul sito Internet di Blueseed – sono state fondate anche da imprenditori immigrati ed hanno creato decine di migliaia di posti di lavoro, oltre a produrre servizi che usiamo tutti i giorni. Ma chi sa quante altre compagnie avremmo potuto avere, se i loro co-fondatori immigrati avessero ottenuto il permesso di restare nella Silicon Valley?”




Il progetto è esplicitamente dedicato alle start-up, alle nuove aziende. Specialmente quelle nate da idee rivoluzionarie. Ma potrebbe trasformarsi in qualcosa di più. Infatti l’isola artificiale non risponderà alle leggi americane, né per quanto riguarda le tasse, né per tutto il resto. La nave sceglierà una bandiera di comodo di un Paese con una tradizione giuridica anglosassone (come le Bahamas o le Isole Marshall), ma caratterizzato da una regolamentazione finanziaria, economica e fiscale molto più libertaria. Quanto al commercio con il resto del mondo, Blueseed si affiderà alla “lex mercatoria” di antica memoria: arbitrato fra privati.

La filosofia politica libertaria, allo Stato ha sempre contrapposto l’idea alternativa della privatopia. Dunque l’entità nata dalla proprietà privata e non imposta da un governo, i cui confini coincidono con le proprietà dei suoi abitanti e non con quelli tracciati da conflitti o trattati internazionali. Il problema è sempre stato il “dove” e il “come”. Piattaforme petrolifere abbandonate o navi itineranti sono già state usate, numerose volte, negli ultimi decenni, per ospitare “pirati” della radio o di Internet. Ma si sono rivelati sempre dei progetti effimeri e finiti male. Ayn Rand, nel suo romanzo filosofico “La rivolta di Atlante”, nel 1957 aveva immaginato una privatopia nascosta nelle Montagne Rocciose e sorta in uno scenario simile, in modo fin inquietante, a quello attuale. Nel romanzo era nata dalla volontà dello scienziato e imprenditore John Galt e aveva accolto centinaia di migliaia di uomini d’affari, intellettuali, artisti e menti creative di ogni genere, ormai strangolati da uno statalismo sempre più opprimente. La segretezza, secondo la fantasia dell’autrice, era necessaria. Perché, altrimenti, lo Stato avrebbe fagocitato quella privatopia e si sarebbe ripreso i suoi cittadini più talentuosi, con le buone o con le cattive.




La fine del progetto di città private in Honduras, imposta da una Corte Suprema locale ad ottobre, è l’ulteriore dimostrazione che lo Stato è sempre ostile all’idea di un’enclave libertaria nel proprio territorio nazionale. L’idea di costituire una privatopia sulle acque internazionali risolve, se non altro, il problema della territorialità. Ed evita la scomoda e pericolosa seccatura della segretezza. La tecnologia di questi ultimi due decenni consente di costruire navi grandi quanto città o addirittura isole artificiali sicure e vivibili. Anche dopo il sostanziale fallimento del primo progetto di “Freedom Ship” (1990), altri lavori sono in corso.

I due maggiori teorici del “Sea Steading” (proprietà originaria sul mare), Wayne Gramlich e Patri Friedman (nipote dell’economista, premio Nobel, Milton) da un decennio a questa parte stanno dimostrando, dati alla mano, che una privatopia sul mare sia realizzabile ed anche relativamente economica. Nel 2008, Gramlich e Friedman hanno fondato il Seasteading Institute, per diffondere queste idee e sostenere tutti i progetti in corso. La Blueseed, fra questi, pare proprio la realtà più promettente. La sua prima boa, da questo mese, si può già trovare su Google Maps. E i suoi ideatori promettono che entro la fine del 2013, o l’inizio del 2014, potrà essere inaugurata.

Gli Stati nazionali, da quel momento in poi, avranno a che fare con un nuovo soggetto, completamente inedito.

Nessun commento: