Benvenuti nel Blog di Claudio Martinotti Doria, blogger dal 1996


"Non nobis Domine, non nobis, sed nomini Tuo da gloriam", motto dell'Ordine dei Cavalieri Templari, Pauperes commilitones Christi templique Salomonis

"Ciò che insegui ti sfugge, ciò cui sfuggi ti insegue" (aneddotica orientale, paragonabile alla nostra "chi ha pane non ha denti e chi ha denti non ha pane")

"Quello che mi ha sorpreso di più negli uomini dell'Occidente è che perdono la salute per fare soldi. E poi perdono i soldi per recuperare la salute. Pensano tanto al futuro che dimenticano di vivere il presente in tale maniera che non riescono a vivere nè il presente nè il futuro. Sono come se non dovessero morire mai e muoiono come se non avessero mai vissuto."
(Dalai Lama)

"A l'è mei mangè pan e siuli, putòst che vendsi a quaicadun" (Primo Doria, detto "il Principe")

"Prima ti ignorano, poi ti deridono, poi ti combattono. Poi vinci." Mahatma Gandhi

L'Italia non è una nazione ma un continente in miniatura con una straordinaria biodiversità e pluralità antropologica (Claudio Martinotti Doria)

Il proprio punto di vista, spesso è una visuale parziale e sfocata di un pertugio che da su un vicolo dove girano una fiction ... Molti credono sia la realtà ed i più motivati si mettono pure ad insegnare qualche tecnica per meglio osservare dal pertugio (Claudio Martinotti Doria)

Lo scopo primario della vita è semplicemente di sperimentare l'amore in tutte le sue molteplici modalità di manifestazione e di evolverci spiritualmente come individui e collettivamente (È “l'Amor che move il sole e le altre stelle”, scriveva Dante Alighieri, "un'unica Forza unisce infiniti mondi e li rende vivi", scriveva Giordano Bruno. )

La leadership politica occidentale è talmente poco dotata intellettualmente, culturalmente e spiritualmente, priva di qualsiasi perspicacia e lungimiranza, che finirà per portarci alla rovina, ponendo fine alla nostra civiltà. Claudio Martinotti Doria

PER CONTATTI: claudio@gc-colibri.com

Se preferite comunicare telefonicamente potete inviare un sms al 3485243182 lasciando il proprio recapito telefonico (fisso o mobile) per essere richiamati. Non rispondo al cellulare ai numeri sconosciuti per evitare le proposte commerciali sempre più assillanti

Questo blog ha adottato Creative Commons

Licenza Creative Commons
Blog personale by Claudio Martinotti Doria is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License.
Based on a work at www.cavalieredimonferrato.it.
Permissions beyond the scope of this license may be available at www.cavalieredimonferrato.it.

COME SOSTENERE LA MIA PERSEVERANTE ATTIVITA' DI VOLONTARIATO. Se avete apprezzato l’impegno e l’originalità dei miei articoli ritenendo che la mia attività divulgativa meriti un sostegno, appena avrete l’opportunità di farlo dedicate qualche minuto e qualche euro per sostenerla, tenendo presente che non ho entrate pubblicitarie e nessuno sponsor (condizione necessaria per mantenersi indipendenti) ed inoltre sono una vittima della riforma previdenziale della Fornero e la mia pensione è stata rinviata al 2024, ed è giusto che lo sappiate fin da adesso che l’importo che mi sarà erogato sarà minimo. Potrete contribuire con una donazione tramite PayPal all’account claudio@gc-colibri.com oppure a questo link: https://www.paypal.com/cgi-bin/webscr?cmd=_donations&business=Z2M2PAF4N76V6&lc=IT&item_name=Claudio%20Martinotti%20Doria&currency_code=EUR&bn=PP%2dDonationsBF%3abtn_donateCC_LG%2egif%3aNonHosted

Se non siete registrati a Paypal potete effettuare un bonifico bancario all’IBAN IT42M0303222600010000002011 (Credem, filiale di Casale Monferrato)

You can make a donation using PayPal account claudio@gc-colibri.com or at this link: https://www.paypal.com/cgi-bin/webscr?cmd=_donations&business=Z2M2PAF4N76V6&lc=IT&item_name=Claudio%20Martinotti%20Doria&currency_code=EUR&bn=PP%2dDonationsBF%3abtn_donateCC_LG%2egif%3aNonHosted





Patriă Montisferrati

Patriă Montisferrati
Cliccando sullo stemma del Monferrato potrete seguire su Casale News la rubrica di Storia Locale "Patriă Montisferrati", curata da Claudio Martinotti Doria in collaborazione con Manfredi Lanza, discendente aleramico del marchesi del Vasto - Busca - Lancia, principi di Trabia

Come valorizzare il Monferrato Storico

La Storia, così come il territorio e le sue genti che l’hanno vissuta e ne sono spesso ignoti ed anonimi protagonisti, meritano il massimo rispetto, occorre pertanto accostarsi ad essa con umiltà e desiderio di apprendere e servire. In questo caso si tratta di servire il Monferrato, come priorità rispetto a qualsiasi altra istanza (personale o di campanile), riconoscendo il valore di chi ci ha preceduti e di coloro che hanno contribuito a valorizzarlo, coinvolgendo senza preclusioni tutte le comunità insediate sul territorio del Monferrato Storico, affinché ognuna faccia la sua parte con una visione d’insieme ed un’unica coesa identità storico-culturale condivisa. Se ci si limita a piccole porzioni del Monferrato, per quanto significative, si è perdenti e dispersivi in partenza.

Sarà un percorso lungo e lento ma è l’unico percorribile se si vuole agire veramente per favorire il Monferrato Storico e proporlo con successo come un’unica entità territoriale turistico culturale ed economica …

Graecia capta ferum victorem cepit

Fonte: Legno Storto, quotidiano http://www.legnostorto.com/index.php 

Graecia capta ferum victorem cepit

Scritto da Gianni Pardo   
Image
C’è una frasetta di Orazio che in tempi preistorici, quando in Italia si studiava latino, tutti conoscevano: Graecia capta ferum victorem cepit, la Grecia conquistata conquistò il feroce vincitore. Si intendeva che con la conquista di quella piccola regione non fu la Grecia a romanizzarsi ma Roma a grecizzarsi. Sconfitta con le armi, Atene vinse con la cultura. Il fenomeno non fu unico, ché proprio Roma fu sede di una replica quando i barbari, invece di germanizzarla, si romanizzarono essi stessi. E in ambedue questi casi si ha il piacere di vedere che è la civiltà migliore che vince sulla più rozza. Con la caduta dell’Unione Sovietica è sembrato da prima che la storia si ripetesse ancora una volta. L’Occidente pacifico ha vinto sull’Oriente aggressivo, il capitalismo privato sul capitalismo di Stato, la libertà sulla tirannide. La Russia in pochi anni ha adottato il modello politico-economico occidentale: partiti politici, elezioni ed economia di mercato. Ancora una volta si sarebbe potuto pensare che la civiltà migliore vinceva sulla peggiore: purtroppo la storia non segue nessuna regola e a volte riserva sorprese.
L’Occidente e gli Stati Uniti, che tanto risolutamente hanno rifiutato il comunismo, hanno creduto che il socialismo sia la forma migliore di capitalismo: nel senso che coniugava le libertà occidentali con la pietà per i più deboli, il sostegno ai più poveri, la solidarietà con i più sfortunati. Non solo: dal momento che troppa gente non ha sufficiente buon senso per destreggiarsi nella vita, bisogna imporre a tutti un’assicurazione contro le malattie, contro l’invalidità e la vecchiaia; agli automobilisti bisogna imporre un’assicurazione per la responsabilità civile, dal momento che non tutti, in caso d’incidente, hanno risorse sufficienti per pagare i danni; naturalmente bisogna anche esigere che ci sia un’autorizzazione per costruire una casa, aprire un negozio, guidare un taxi... A farla breve è avvenuto che, a fin di bene, lo Stato si è occupato di una tale quantità di cose da indurre nei cittadini un sentimento di irresponsabilità. A tutto deve pensare lo Stato.
Ma per fare ciò l’Amministrazione ha avuto bisogno di una quantità sempre crescente di risorse e naturalmente le ha prelevate con la leva fiscale. Insomma coloro che in anni lontani erano stati tanto contenti di sfuggire all’infame destino delle cosiddette “Democrazie Popolari”, si sono accorti di essere sopraffatti dall’invadenza del “Grande Fratello”. Di essere dei sorvegliati speciali. Di essere gli schiavi di uno Stato cui è dovuta almeno la metà del proprio reddito, se non si vuole assaggiare la crudeltà dello sceriffo di Nottingham. La libertà dei singoli, e in particolare la libertà d’impresa, hanno cominciato ad apparire in contrasto con il bene pubblico.
Questa oppressione è apparsa soft per due ragioni: perché è aumentata a passettini impercettibili e soprattutto perché il sistema è stato sostenuto dal voto dei cittadini. Nella piramide sociale i meno abbienti sono molto più numerosi degli abbienti e l’idea corrente è che lo Stato abbia la funzione di togliere ai pochi fortunati per dare ai molti sfortunati. Ecco perché tanti votano per questo tipo di Stato: perché pensano di guadagnarci, personalmente. Quello che non calcolano è che, per indefettibile principio di economia, la pecora si tosa, non si uccide: diversamente l’immediato guadagno è seguito dalla miseria. E invece è prevalsa la tendenza a credere che si potesse chiedere sempre di più, fino a giungere a tre risultati negativi: una pressione fiscale opprimente, soffocante, paralizzante,  tanto che molti rinunciano a produrre ricchezza; un debito pubblico stratosferico e irrimediabile che pone sulle spalle dei contribuenti il dovere di pagare continuamente pesanti interessi, e infine il ribaltamento del principio per cui Graecia capta ferum victorem cepit. Qui sembra che l’Unione Sovietica, economicamente battuta da viva, da morta a poco a poco trionfi.
La salvezza dell’Occidente potrebbe un giorno venire dalle sue strutture democratiche, se si mantengono. Pur se ci troviamo nel fondo di una crisi economica senza uscita (altro che luce in fondo al tunnel!) c’è la speranza che, alla lunga, i cittadini si accorgano della inanità della loro speranza di far pagare ad altri il proprio benessere. Che si accorgano di avere svenduto la propria indipendenza e la propria vita a chi l’amministra peggio di come l’amministrerebbero loro stessi, se solo perdessero le loro illusioni infantili.
Dopo il bagno di sangue economico vissuto a causa del crollo del modello attuale, il liberalismo potrebbe rinascere dalle proprie ceneri. La Fenice, scottata a morte, può solo sperare nella propria resurrezione.
pardonuovo.myblog.it

Nessun commento: