Benvenuti nel Blog di Claudio Martinotti Doria, blogger dal 1996


"Non nobis Domine, non nobis, sed nomini Tuo da gloriam", motto dell'Ordine dei Cavalieri Templari, Pauperes commilitones Christi templique Salomonis

"Ciò che insegui ti sfugge, ciò cui sfuggi ti insegue" (aneddotica orientale, paragonabile alla nostra "chi ha pane non ha denti e chi ha denti non ha pane")

"Quello che mi ha sorpreso di più negli uomini dell'Occidente è che perdono la salute per fare soldi. E poi perdono i soldi per recuperare la salute. Pensano tanto al futuro che dimenticano di vivere il presente in tale maniera che non riescono a vivere nè il presente nè il futuro. Sono come se non dovessero morire mai e muoiono come se non avessero mai vissuto."
(Dalai Lama)

"A l'è mei mangè pan e siuli, putòst che vendsi a quaicadun" (Primo Doria, detto "il Principe")

"Prima ti ignorano, poi ti deridono, poi ti combattono. Poi vinci." Mahatma Gandhi

L'Italia non è una nazione ma un continente in miniatura con una straordinaria biodiversità e pluralità antropologica (Claudio Martinotti Doria)

Il proprio punto di vista, spesso è una visuale parziale e sfocata di un pertugio che da su un vicolo dove girano una fiction ... Molti credono sia la realtà ed i più motivati si mettono pure ad insegnare qualche tecnica per meglio osservare dal pertugio (Claudio Martinotti Doria)

Lo scopo primario della vita è semplicemente di sperimentare l'amore in tutte le sue molteplici modalità di manifestazione e di evolverci spiritualmente come individui e collettivamente (È “l'Amor che move il sole e le altre stelle”, scriveva Dante Alighieri, "un'unica Forza unisce infiniti mondi e li rende vivi", scriveva Giordano Bruno. )

La leadership politica occidentale è talmente poco dotata intellettualmente, culturalmente e spiritualmente, priva di qualsiasi perspicacia e lungimiranza, che finirà per portarci alla rovina, ponendo fine alla nostra civiltà. Claudio Martinotti Doria

PER CONTATTI: claudio@gc-colibri.com

Se preferite comunicare telefonicamente potete inviare un sms al 3485243182 lasciando il proprio recapito telefonico (fisso o mobile) per essere richiamati. Non rispondo al cellulare ai numeri sconosciuti per evitare le proposte commerciali sempre più assillanti

Questo blog ha adottato Creative Commons

Licenza Creative Commons
Blog personale by Claudio Martinotti Doria is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License.
Based on a work at www.cavalieredimonferrato.it.
Permissions beyond the scope of this license may be available at www.cavalieredimonferrato.it.

COME SOSTENERE LA MIA PERSEVERANTE ATTIVITA' DI VOLONTARIATO. Se avete apprezzato l’impegno e l’originalità dei miei articoli ritenendo che la mia attività divulgativa meriti un sostegno, appena avrete l’opportunità di farlo dedicate qualche minuto e qualche euro per sostenerla, tenendo presente che non ho entrate pubblicitarie e nessuno sponsor (condizione necessaria per mantenersi indipendenti) ed inoltre sono una vittima della riforma previdenziale della Fornero e la mia pensione è stata rinviata al 2024, ed è giusto che lo sappiate fin da adesso che l’importo che mi sarà erogato sarà minimo. Potrete contribuire con una donazione tramite PayPal all’account claudio@gc-colibri.com oppure a questo link: https://www.paypal.com/cgi-bin/webscr?cmd=_donations&business=Z2M2PAF4N76V6&lc=IT&item_name=Claudio%20Martinotti%20Doria&currency_code=EUR&bn=PP%2dDonationsBF%3abtn_donateCC_LG%2egif%3aNonHosted

Se non siete registrati a Paypal potete effettuare un bonifico bancario all’IBAN IT42M0303222600010000002011 (Credem, filiale di Casale Monferrato)

You can make a donation using PayPal account claudio@gc-colibri.com or at this link: https://www.paypal.com/cgi-bin/webscr?cmd=_donations&business=Z2M2PAF4N76V6&lc=IT&item_name=Claudio%20Martinotti%20Doria&currency_code=EUR&bn=PP%2dDonationsBF%3abtn_donateCC_LG%2egif%3aNonHosted





Patriă Montisferrati

Patriă Montisferrati
Cliccando sullo stemma del Monferrato potrete seguire su Casale News la rubrica di Storia Locale "Patriă Montisferrati", curata da Claudio Martinotti Doria in collaborazione con Manfredi Lanza, discendente aleramico del marchesi del Vasto - Busca - Lancia, principi di Trabia

Come valorizzare il Monferrato Storico

La Storia, così come il territorio e le sue genti che l’hanno vissuta e ne sono spesso ignoti ed anonimi protagonisti, meritano il massimo rispetto, occorre pertanto accostarsi ad essa con umiltà e desiderio di apprendere e servire. In questo caso si tratta di servire il Monferrato, come priorità rispetto a qualsiasi altra istanza (personale o di campanile), riconoscendo il valore di chi ci ha preceduti e di coloro che hanno contribuito a valorizzarlo, coinvolgendo senza preclusioni tutte le comunità insediate sul territorio del Monferrato Storico, affinché ognuna faccia la sua parte con una visione d’insieme ed un’unica coesa identità storico-culturale condivisa. Se ci si limita a piccole porzioni del Monferrato, per quanto significative, si è perdenti e dispersivi in partenza.

Sarà un percorso lungo e lento ma è l’unico percorribile se si vuole agire veramente per favorire il Monferrato Storico e proporlo con successo come un’unica entità territoriale turistico culturale ed economica …

Ecco perché è importante la battaglia localista

Il localismo, argomento sul quale ho già scritto e sono intervenuto varie volte in passato, è la risposta adeguata all'epoca oscura e di omologazione al peggio che stiamo vivendo. Tra i molteplici valori che propone, metterei in evidenza la cooperazione, antitetica alla competizione con cui ci assillano in continuazione i mass media asserviti alle lobby di potere ...

Fonte: L'Indipendenza, Quotidiano on line http://www.lindipendenza.com

di GUGLIELMO DE MARINIS*
 
Quanto è importante oggi la battaglia localista? E’ fondamentale: è importante come non lo è mai stata nella storia degli uomini e dell’Uomo. Un Uomo sradicato, ormai ridotto alla ruota di un ingranaggio dominato dall’economia e dalla tecnologia, schiavo del materialismo e del consumismo, spogliato del proprio ruolo di protagonista sociale e politico, prigioniero di ritmi e dogmi artificiosi e innaturali. Un Uomo che ha dunque la necessità di ritrovare i propri punti di riferimento, i propri valori, la propria dimensione e dignità: tutto questo può essere raggiunto solo combattendo per la ricostituzione dell’Identità: della Comunità a cui appartiene e di sé stesso come individuo.
La globalizzazione con la sua promozione ossessiva della circolazione di merci, capitali e, soprattutto, persone, col suo disintegrazionismo mondialista, che significa omologazione, standardizzazione, appiattimento di tutte le culture e all’interno di esse la riconduzione di tutti gli individui ad un unico modello, è per sua natura contraria a quel prepotente bisogno di identità e di senso di appartenenza che oggi anche proprio in ragione della globalizzazione sale dalle comunità e dai singoli individui.
La competizione mondiale di tutti contro tutti costituisce infatti l’attacco finale sia all’identità collettiva dei popoli sia all’identità dell’individuo: subordinandosi progressivamente l’uomo al meccanismo produttivo vengono, infatti, sempre più esasperati tutti gli aspetti maggiormente degenerativi e drammatici dell’individuo: ritmi sempre più incalzanti e insostenibili, omologazione degli stili di vita e degli stessi individui in ragione delle esigenze razionalizzatrici dell’economia e della tecnologia di mercato, perdita del senso di solidarietà individuale e collettiva, impossibilità di trovare un punto di equilibrio e di armonia con sé stessi, con i loro corollari sul piano esistenziale di angoscia, nevrosi, depressione, anomia, frustrazione e sentimento di smarrimento del senso esistenziale.
Dunque, ecco spiegata l’importanza della battaglia localista, che, promuovendo la diversità come un valore aggiunto, è, per definizione, antitetica alla globalizzazione privatrice dell’identità di popoli e uomini: solo il prevalere delle piccole patrie e dei localismi, con il drastico ridimensionamento della tecnocrazia con i suoi apparati industriali e virtuali, permetterebbe la costruzione di una società che valorizzi le risorse locali e le identità culturali, e l’affermazione di una struttura comunitaria basata su microeconomie autocentrate al posto della macroeconomia globalizzata, nella quale il cittadino, ritrovato l’ancestrale legame e armonia spirituale tra l’individuo e la sua terra, partecipi in prima persona alle decisioni che lo riguardano; avremmo, dunque, un complessivo riequilibrio delle dinamiche tra i popoli e delle pulsioni interiori degli individui, con l’affermazione di società che finalmente ritornano a reggersi sulla cooperazione e non più sulla competizione.
Quella localista è, in conclusione, l’unica battaglia politico-culturale che abbia attualmente un senso portare avanti, tanto più che si sono rivelate inefficaci e destinate alla sconfitta ideologie e visioni del mondo, che, per quanto spesso valide e portatrici di nobili ideali, nella sfida con il processo omologante della globalizzazione hanno in ultima analisi acquisito proprio il vizio principale del processo stesso, ovvero la riconduzione ad un unico modello che si pretende valido per tutto e per tutti; proprio per tutti questi motivi battaglie di questo tipo sono attualmente prive di significato in quanto si nutrono di schemi non più riproponibili come reale alternativa al processo che intendono combattere.
L’Uomo, invece, che combatte la battaglia localista e identitaria porta con sé la fierezza del suolo della nascita e la solidarietà con i propri simili e vicini e con il mondo intorno a sé: il vero “prossimo”, quello che sta accanto a noi, e che dunque non è “universale”, ma maledettamente locale, particolare, specifico e ineguagliabile. Solo questi soggetti potranno, con la linfa vitale del patrimonio del passato, agire nel presente per dare il proprio contributo affinché ci sia un futuro per i popoli e gli uomini della Terra.
*Movimento Autonomista Toscano – Responsabile Provinciale Firenze

Nessun commento: