Benvenuti nel Blog di Claudio Martinotti Doria, blogger dal 1996


"Non nobis Domine, non nobis, sed nomini Tuo da gloriam", motto dell'Ordine dei Cavalieri Templari, Pauperes commilitones Christi templique Salomonis

"Ciò che insegui ti sfugge, ciò cui sfuggi ti insegue" (aneddotica orientale, paragonabile alla nostra "chi ha pane non ha denti e chi ha denti non ha pane")

"Quello che mi ha sorpreso di più negli uomini dell'Occidente è che perdono la salute per fare soldi. E poi perdono i soldi per recuperare la salute. Pensano tanto al futuro che dimenticano di vivere il presente in tale maniera che non riescono a vivere nè il presente nè il futuro. Sono come se non dovessero morire mai e muoiono come se non avessero mai vissuto."
(Dalai Lama)

"A l'è mei mangè pan e siuli, putòst che vendsi a quaicadun" (Primo Doria, detto "il Principe")

"Prima ti ignorano, poi ti deridono, poi ti combattono. Poi vinci." Mahatma Gandhi

L'Italia non è una nazione ma un continente in miniatura con una straordinaria biodiversità e pluralità antropologica (Claudio Martinotti Doria)

Il proprio punto di vista, spesso è una visuale parziale e sfocata di un pertugio che da su un vicolo dove girano una fiction ... Molti credono sia la realtà ed i più motivati si mettono pure ad insegnare qualche tecnica per meglio osservare dal pertugio (Claudio Martinotti Doria)

Lo scopo primario della vita è semplicemente di sperimentare l'amore in tutte le sue molteplici modalità di manifestazione e di evolverci spiritualmente come individui e collettivamente (È “l'Amor che move il sole e le altre stelle”, scriveva Dante Alighieri, "un'unica Forza unisce infiniti mondi e li rende vivi", scriveva Giordano Bruno. )

La leadership politica occidentale è talmente poco dotata intellettualmente, culturalmente e spiritualmente, priva di qualsiasi perspicacia e lungimiranza, che finirà per portarci alla rovina, ponendo fine alla nostra civiltà. Claudio Martinotti Doria

PER CONTATTI: claudio@gc-colibri.com

Se preferite comunicare telefonicamente potete inviare un sms al 3485243182 lasciando il proprio recapito telefonico (fisso o mobile) per essere richiamati. Non rispondo al cellulare ai numeri sconosciuti per evitare le proposte commerciali sempre più assillanti

Questo blog ha adottato Creative Commons

Licenza Creative Commons
Blog personale by Claudio Martinotti Doria is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License.
Based on a work at www.cavalieredimonferrato.it.
Permissions beyond the scope of this license may be available at www.cavalieredimonferrato.it.

COME SOSTENERE LA MIA PERSEVERANTE ATTIVITA' DI VOLONTARIATO. Se avete apprezzato l’impegno e l’originalità dei miei articoli ritenendo che la mia attività divulgativa meriti un sostegno, appena avrete l’opportunità di farlo dedicate qualche minuto e qualche euro per sostenerla, tenendo presente che non ho entrate pubblicitarie e nessuno sponsor (condizione necessaria per mantenersi indipendenti) ed inoltre sono una vittima della riforma previdenziale della Fornero e la mia pensione è stata rinviata al 2024, ed è giusto che lo sappiate fin da adesso che l’importo che mi sarà erogato sarà minimo. Potrete contribuire con una donazione tramite PayPal all’account claudio@gc-colibri.com oppure a questo link: https://www.paypal.com/cgi-bin/webscr?cmd=_donations&business=Z2M2PAF4N76V6&lc=IT&item_name=Claudio%20Martinotti%20Doria&currency_code=EUR&bn=PP%2dDonationsBF%3abtn_donateCC_LG%2egif%3aNonHosted

Se non siete registrati a Paypal potete effettuare un bonifico bancario all’IBAN IT42M0303222600010000002011 (Credem, filiale di Casale Monferrato)

You can make a donation using PayPal account claudio@gc-colibri.com or at this link: https://www.paypal.com/cgi-bin/webscr?cmd=_donations&business=Z2M2PAF4N76V6&lc=IT&item_name=Claudio%20Martinotti%20Doria&currency_code=EUR&bn=PP%2dDonationsBF%3abtn_donateCC_LG%2egif%3aNonHosted





Patriă Montisferrati

Patriă Montisferrati
Cliccando sullo stemma del Monferrato potrete seguire su Casale News la rubrica di Storia Locale "Patriă Montisferrati", curata da Claudio Martinotti Doria in collaborazione con Manfredi Lanza, discendente aleramico del marchesi del Vasto - Busca - Lancia, principi di Trabia

Come valorizzare il Monferrato Storico

La Storia, così come il territorio e le sue genti che l’hanno vissuta e ne sono spesso ignoti ed anonimi protagonisti, meritano il massimo rispetto, occorre pertanto accostarsi ad essa con umiltà e desiderio di apprendere e servire. In questo caso si tratta di servire il Monferrato, come priorità rispetto a qualsiasi altra istanza (personale o di campanile), riconoscendo il valore di chi ci ha preceduti e di coloro che hanno contribuito a valorizzarlo, coinvolgendo senza preclusioni tutte le comunità insediate sul territorio del Monferrato Storico, affinché ognuna faccia la sua parte con una visione d’insieme ed un’unica coesa identità storico-culturale condivisa. Se ci si limita a piccole porzioni del Monferrato, per quanto significative, si è perdenti e dispersivi in partenza.

Sarà un percorso lungo e lento ma è l’unico percorribile se si vuole agire veramente per favorire il Monferrato Storico e proporlo con successo come un’unica entità territoriale turistico culturale ed economica …

L'Italia sta affondando ma in troppi continuano a distrarsi con le attività ludiche e l'intrattenimento di bordo


di Claudio Martinotti Doria

Io ormai non guardo la televisione nazionale da parecchi anni e mi informo esclusivamente per internet, soprattutto tramite italiani competenti, prevalentemente economisti, che se ne sono andati all'estero, e guarda caso sono gli unici che hanno una visione precisa di quanto avviene in Italia ed hanno il coraggio di dire le cose come stanno veramente, mentre gli opinionisti, intellettuali a pagamento ed i media italici sono quasi tutti ad elettroencefalogramma piatto verso il cazzeggio mistificatorio ed ondulatorio, in pratica cercano di convincerti che tutto va bene madama la marchesa.
E' più che comprensibile il disgusto e l'irritazione che si percepisce essere diffuso presso gli italiani qualificati che sono all'estero e soffrono per le condizioni assurde in cui vedono versare il loro amato paese, che corrisponde a quello che provano gli italiani rimasti in patria ed ancora dotati di onestà intellettuale, spremuti come limoni e tosati come pecore da un fisco vorace che complessivamente ormai pesa oltre l'80 per cento sui nostri redditi e che vedono l'estorsione di stato (che li penalizza come nessun altro paese al mondo ed in cambio gli fornisce pessimi servizi pubblici), alimentare una casta di cialtroni, parassiti e corrotti, pure collusi con le organizzazioni criminali, ed il cosiddetto governo dei "tecnici" esplicitamente al servizio della casta dei banchieri, che non ha minimamente inciso sui costi della politica e sulla corruzione e si è dimostrato forte coi deboli e debole coi forti, con interventi iniqui e recessivi.
Comprendo l'imbarazzo di coloro che in buona fede, occupandosi di informazione devono cercare di portare il dialogo su ipotesi di speranza fornendo qualche prospettiva, ed in effetti condivido la loro valutazione di una diffusa responsabilità sociale delle condizioni in cui ci troviamo, ma che però non deve divenire un alibi.
Infatti oltre al milione e mezzo di italiani, che è la cifra stimata con approssimazione per difetto, che vivono di politica (quantità che non ha eguali al mondo, in proporzione al numero degli abitanti), anche accontentandosi delle briciole del denaro pubblico di cui abusano, poi occorre aggiungere almeno tre milioni e mezzo di italiani che vivono grazie al settore pubblico, quindi con incarichi che solo in apparenza sono legali e regolari, ma in realtà sono prevalentemente inutili o dannosi, perché di estrazione e provenienza e composizione politico clientelare e parassitaria, sono cioè carrozzoni, enti inutili, società monopolistiche ed oligopolistiche, opere pubbliche faraoniche inutili e che mai andranno alla fine, con infinite variazioni progettuali in corso d'opera e lievitazione esponenziale dei preventivi di spesa, sono attività colluse con le varie organizzazioni criminali presenti nel paese, sono istituzioni repressive e coercitive al servizio della classe politica parassitaria, ecc., l'elenco potrebbe durare ore. Quindi abbiamo un abbondante 10 per cento di popolazione che non ha la coscienza a posto, anche se crede di svolgere un lavoro regolare e di avere diritto ai privilegi di cui godono, e costoro, in totale antitesi ad ogni forma di meritocrazia, occupano tutti i gangli delle istituzioni ed anche della società civile collusa con la politica.
Quindi il paese in queste condizioni non ha alcuna possibilità di venire fuori dalla situazione distruttiva in cui l'hanno portato, non può in alcun modo porre rimedio all'insipienza dei governanti a tutti i livelli.
Concordo con i pochi ma onesti economisti che hanno affermato coraggiosamente che era meglio lasciarlo fallire, in un paio di anni cacciando i parassiti (probabilmente anche violentemente) ci saremmo potuti riprendere lasciando spazio alle potenzialità creative latenti, prima che siano distrutte dalla depressione, adesso si proseguirà per dieci o vent'anni in una sorta di crisi schizofrenica permanente, in un'agonia a singhiozzo, con sporadici conflitti sociali e razziali localizzati e manifestazione di rabbia ed intolleranza, violenza e repressione, saccheggi e criminalità diffusa, ecc..
Della serie "sempre peggio". Del resto non si è mai visto che un parassita riconosca di essere tale e se ne vada spontaneamente, quindi le conclusioni si traggono da sole ... I parassiti in Italia hanno avuto buon gioco finora, perché paradossalmente gli italiani, che hanno aspramente combattuto per svariati secoli contro ogni sorta di nemico interno e straniero, da tempo hanno perso l'animus pugnandi.
E' giunto il momento di recuperarlo, per la sopravvivenza della dignità e libertà umana.

Nessun commento: