Benvenuti nel Blog di Claudio Martinotti Doria, blogger dal 1996


"Non nobis Domine, non nobis, sed nomini Tuo da gloriam", motto dell'Ordine dei Cavalieri Templari, Pauperes commilitones Christi templique Salomonis

"Ciò che insegui ti sfugge, ciò cui sfuggi ti insegue" (aneddotica orientale, paragonabile alla nostra "chi ha pane non ha denti e chi ha denti non ha pane")

"Quello che mi ha sorpreso di più negli uomini dell'Occidente è che perdono la salute per fare soldi. E poi perdono i soldi per recuperare la salute. Pensano tanto al futuro che dimenticano di vivere il presente in tale maniera che non riescono a vivere nè il presente nè il futuro. Sono come se non dovessero morire mai e muoiono come se non avessero mai vissuto."
(Dalai Lama)

"A l'è mei mangè pan e siuli, putòst che vendsi a quaicadun" (Primo Doria, detto "il Principe")

"Prima ti ignorano, poi ti deridono, poi ti combattono. Poi vinci." Mahatma Gandhi

L'Italia non è una nazione ma un continente in miniatura con una straordinaria biodiversità e pluralità antropologica (Claudio Martinotti Doria)

Il proprio punto di vista, spesso è una visuale parziale e sfocata di un pertugio che da su un vicolo dove girano una fiction ... Molti credono sia la realtà ed i più motivati si mettono pure ad insegnare qualche tecnica per meglio osservare dal pertugio (Claudio Martinotti Doria)

Lo scopo primario della vita è semplicemente di sperimentare l'amore in tutte le sue molteplici modalità di manifestazione e di evolverci spiritualmente come individui e collettivamente (È “l'Amor che move il sole e le altre stelle”, scriveva Dante Alighieri, "un'unica Forza unisce infiniti mondi e li rende vivi", scriveva Giordano Bruno. )

La leadership politica occidentale è talmente poco dotata intellettualmente, culturalmente e spiritualmente, priva di qualsiasi perspicacia e lungimiranza, che finirà per portarci alla rovina, ponendo fine alla nostra civiltà. Claudio Martinotti Doria

PER CONTATTI: claudio@gc-colibri.com

Se preferite comunicare telefonicamente potete inviare un sms al 3485243182 lasciando il proprio recapito telefonico (fisso o mobile) per essere richiamati. Non rispondo al cellulare ai numeri sconosciuti per evitare le proposte commerciali sempre più assillanti

Questo blog ha adottato Creative Commons

Licenza Creative Commons
Blog personale by Claudio Martinotti Doria is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License.
Based on a work at www.cavalieredimonferrato.it.
Permissions beyond the scope of this license may be available at www.cavalieredimonferrato.it.

COME SOSTENERE LA MIA PERSEVERANTE ATTIVITA' DI VOLONTARIATO. Se avete apprezzato l’impegno e l’originalità dei miei articoli ritenendo che la mia attività divulgativa meriti un sostegno, appena avrete l’opportunità di farlo dedicate qualche minuto e qualche euro per sostenerla, tenendo presente che non ho entrate pubblicitarie e nessuno sponsor (condizione necessaria per mantenersi indipendenti) ed inoltre sono una vittima della riforma previdenziale della Fornero e la mia pensione è stata rinviata al 2024, ed è giusto che lo sappiate fin da adesso che l’importo che mi sarà erogato sarà minimo. Potrete contribuire con una donazione tramite PayPal all’account claudio@gc-colibri.com oppure a questo link: https://www.paypal.com/cgi-bin/webscr?cmd=_donations&business=Z2M2PAF4N76V6&lc=IT&item_name=Claudio%20Martinotti%20Doria&currency_code=EUR&bn=PP%2dDonationsBF%3abtn_donateCC_LG%2egif%3aNonHosted

Se non siete registrati a Paypal potete effettuare un bonifico bancario all’IBAN IT42M0303222600010000002011 (Credem, filiale di Casale Monferrato)

You can make a donation using PayPal account claudio@gc-colibri.com or at this link: https://www.paypal.com/cgi-bin/webscr?cmd=_donations&business=Z2M2PAF4N76V6&lc=IT&item_name=Claudio%20Martinotti%20Doria&currency_code=EUR&bn=PP%2dDonationsBF%3abtn_donateCC_LG%2egif%3aNonHosted





Patriă Montisferrati

Patriă Montisferrati
Cliccando sullo stemma del Monferrato potrete seguire su Casale News la rubrica di Storia Locale "Patriă Montisferrati", curata da Claudio Martinotti Doria in collaborazione con Manfredi Lanza, discendente aleramico del marchesi del Vasto - Busca - Lancia, principi di Trabia

Come valorizzare il Monferrato Storico

La Storia, così come il territorio e le sue genti che l’hanno vissuta e ne sono spesso ignoti ed anonimi protagonisti, meritano il massimo rispetto, occorre pertanto accostarsi ad essa con umiltà e desiderio di apprendere e servire. In questo caso si tratta di servire il Monferrato, come priorità rispetto a qualsiasi altra istanza (personale o di campanile), riconoscendo il valore di chi ci ha preceduti e di coloro che hanno contribuito a valorizzarlo, coinvolgendo senza preclusioni tutte le comunità insediate sul territorio del Monferrato Storico, affinché ognuna faccia la sua parte con una visione d’insieme ed un’unica coesa identità storico-culturale condivisa. Se ci si limita a piccole porzioni del Monferrato, per quanto significative, si è perdenti e dispersivi in partenza.

Sarà un percorso lungo e lento ma è l’unico percorribile se si vuole agire veramente per favorire il Monferrato Storico e proporlo con successo come un’unica entità territoriale turistico culturale ed economica …

Il vento del gelsomino soffia sull’Europa, qualche commento in proposito



Breve premessa di Claudio Martinotti Doria

Ci sono segnali inequivocabili in Europa che la società civile (quella cioè ancora civile, dotata di dignità, interpretazione e visione) da alcuni anni sta reagendo ad una politica autoreferenziale, parassitaria e scollata dalla realtà sociale. Lo si è visto in Islanda dove la popolazione di è rifiutata di pagare i debiti causati dagli abusi criminali commessi dai banchieri (forse facendo riaffiorare a livello genetico ereditario culturale la superlativa ed estremamente evoluta esperienza delle Libere Comunità Islandesi del Medioevo), lo si è visto in Francia dove l'intera popolazione è scesa in strada e nelle piazze per protestare ed impedire una penalizzante riforma delle pensioni (mentre in Italia con il solito ricorso alla neolingua mistificatoria ed a trucchi eufemistici hanno di fatto spostato l'età pensionabile di 18 mesi, senza che la popolazione lo capisse e battesse ciglio) e lo si sta vedendo ancora adesso in Spagna con il neonato movimento 15-M degli INDIGNADOS, giovani pacifici ma determinati decisi a cambiare la politica ed hanno totalmente catturato l'attenzione dei media, che non si occupano d'altro, mentre in Italia avrebbero oscurato questi eventi essendo ormai subordinati alla politica partitocratica. Quando mai la società civile del nostro paese dimostrerà di possedere ancora una dignità e volontà di non subire sempre ed illimitatamente ogni sconcezza supinamente? Il Movimento 5 Stelle ha dimostrato che i giovani impegnati e responsabili ci sono, si tratta solo di sostenerli, quello che mancano sono dei media autorevoli ed un giornalismo appena decente … In ogni caso, il ritardo o controtendenza dell'Italia si ritorcerà contro, nel senso che il paese pagherà un prezzo molto più caro per risollevarsi dalla vera crisi che deve ancora verificarsi, cioè il collasso del sistema economico-politico-finanziario fondato sulla moneta fiat (creata dal nulla) e dalla riserva frazionaria che ha in pratica consentito la "contraffazione del denaro" ingannando e depauperando le famiglie dei loro risparmi in particolare occultando la vera inflazione. Quando avverrà il crack sarà troppo tardi per correre ai ripari, che comunque i nostri politici non ne sarebbero in grado essendo insipienti quaquaraquà al servizio dei banchieri
e la popolazione SOLO ALLORA SCENDERA' IN PIAZZA, temo purtroppo ad invocare interventi dello stato, lo stesso che ha consentito e causato questa tragedia, che sarebbe come chiedere ai rapinatori di restituire la refurtiva che si sono già spartiti e speso.

Dai 30 ai 50 mila giovani sono scesi in piazza a Madrid ed in altre piazze spagnole dando vita al Movimento 15 M degli Indignados, garantendo un presidio permanente dei luoghi occupati, per cambiare la politica e ridare speranza alle giovani generazioni, penalizzate e villipese

Il vento del gelsomino soffia sull’Europa

Fonte: MicroMega http://temi.repubblica.it/micromega-online

di Marco Cesario

«Lasciate ogni speranza voi ch’entrate!» Se i palazzi della politica rappresentano un vero inferno per i giovani spagnoli, ci si può permettere di scomodare pure Dante – intellettuale civile per eccellenza – leggendo attraverso il prisma della sua lucida ed ironica disamina quelli che sono oramai diventati i gironi infernali della politica oggi: luoghi oscuri di corruzione, di perdizione, di osceno scambio di voti, di favori, di promesse elettorali (e oramai pure sessuali). In breve stiamo assistendo alla caduta senza fine, per dirla alla Schmitt, di quelle ‘categorie del politico’ o quantomeno ad una loro rielaborazione radicale. Perché dopo i fatti di Sidi Bouzid e di tutto ciò che è successo – e tutt’ora succede – nel mondo arabo ed ora anche in Europa, nulla può essere più come prima. La politica, stuprata quotidianamente nel linguaggio dai manieristi della retorica (i nostri beneamati ministri e deputati) ritorna al suo luogo d’origine etico: la piazza – l’agorà – il luogo deputato in cui il demos ritorna ad esprimere la propria libertà fondamentale che è quella dell’agire politico. Dal Cairo a Damasco, da Algeri a Madrid uno spettro s’aggira per l’Europa e il Mediterraneo: lo zoon politikon delle nuove generazioni che ritornano finalmente ad occupare gli spazi pubblici per cambiare il mondo in cui viviamo.

La primavera del gelsomino, un movimento globale

No, non è un nuovo ’68, questo movimento sembra più vasto, più trasversale, più globale tanto da essere stato capace di attraversare le terre di Maometto sconvolgendo logiche teocratiche millenarie e di arrampicarsi fin lassù, nel cuore del Celeste Impero (che, sia detto en passant, non ha trovato di meglio da fare che censurare la parola ‘gelsomino’ da tutti i documenti). Non me ne vogliano i puristi del ’68 e gli esegeti delle grandi rivoluzioni politiche del XX secolo ma il vento del gelsomino non sembra avere eguali nella storia della civiltà. Anche perché può appoggiarsi su conquiste tecnologiche inconcepibili in passato e sulla potenza invidiabile dei social network, di internet, delle televisioni satellitari e in generale della comunicazione globale di massa. Non dimentichiamo che il venerdì della collera che ha portato alla caduta di Mubarak è stato organizzato in quattro e quattr’otto su Facebook e che i post su Twitter hanno fatto più male a Ben Ali dei colpi di cannone. Ma se pure è vero che un battito d’ali di una farfalla in una zona del mondo è capace di provocare un terremoto a migliaia di chilometri di distanza, chi mai poteva prevedere che gli eventi di Sidi Bouzid – villaggio il cui nome rimarrà a lungo iscritto nella memoria storica di questo 2011 – potessero un giorno coinvolgere anche noi Europei, rivoluzionari dal palato fino, che non alziamo un dito neanche se abbiamo un fucile puntato addosso e che ci indignamo con fin troppa educazione soltanto quando il vicino ci scippa elegantemente la minestra fumante da sotto al naso?

Il contagio spagnolo

Piagata da una recessione che sembra non avere fine, devastata dalla crisi economica, giovane e dinamica ma stanca di un sistema corrotto e di politici che non sembrano più in grado di rappresentare il proprio popolo, la Spagna dei giovani e dei precari si è svegliata il 15 Maggio scorso con un forte mal di testa (e con un’idea ardente): la politica, cosi com’è, non sembra in grado di cambiare le cose. Va dunque cambiata. Che la parola ritorni alle piazze. A poche ore dalle amministrative del 22 Maggio la rivolta dei giovani ‘indignados’ che occupano Puerta del Sol continua a guadagnare terreno. La forza di questi movimenti è il consenso che riesce a creare all’interno della società civile. Vedere gli abitanti del quartiere che portano viveri ed acqua ai giovani che stazionano da giorni nella piazza è un’immagine contro la quale né Zapatero né Rajoy possono lottare. L’invito al boicottaggio delle elezioni poi è inequivocabile: «No les votes». Anche qui, nel paese di Cervantes, ritroviamo dunque un elemento che contraddistingue la politica nostrana: la politica come scandalo. Uno scandalo al quale bisogna porre termine. «¡Democracia real ya!» (ora vera democrazia!) è infatti lo slogan che scandiscono con forza i giovani del movimiento 15-M che per ora resta abbastanza eterogeneo ed orizzontale e nel qual confluiscono studenti, precari, mileuristas (in Italia è la «generazione 1.000 euro»), lavoratori e giovani della marcia Juventud sin Futuro del 7 Aprile scorso. Non è un caso che lo slogan dei giovani spagnoli riprenda il titolo emblematico del libello di Stephan Hessler «Indignez-vous!». Questo piccolo testo, che sprona le nuove generazioni ad indignarsi e a reagire attraverso «un’insurrezione pacifica», ha avuto tanto effetto sulla psicologia collettiva dei giovani quanto il gesto disperato ed eroico di Mohammed Bouazizi, quel lontanto Dicembre del 2010.

Dopo la piazza Tahrir anche Puerta del Sol?

Qualcuno certo ricorda ciò che accadde in Islanda nel 2008 o addirittura le assemblee popolari in Argentina nel 2001. In realtà, con le dovute differenze del caso, tutto sembra ricordare gli eventi di Tunisia ed Egitto, almeno nel protocollo simbolico. Molti commentatori menzionano infatti i diversi ingredienti che hanno fatto scoppiare le rivolte nel mondo arabo : l’alto tasso di disoccupazione giovanile (in Spagna raggiunge drammaticamente picchi del 42%), il precariato diffuso, il rigetto nei confronti di una visione marcia e oramai desueta della politica, gli orrori della partitocrazia, l’assenza di prospettive economiche e di futuro, il gap esistente tra vecchie e nuove generazioni, il politichese che oramai nessuno più parla o capisce (solo pochi capi tribù asserragliati come Iksos nelle riserve parlamentari). Se a questo mix di per sé già esplosivo si aggiunge la straordinaria potenza dei social network e la dimensione fortemente simbolica dell’occupazione permanente di una piazza importante della capitale, ecco che il quadro è completo. Certo la Spagna di Zapatero non è l’Egitto di Mubarak ma, come ha ricordato nella sua analisi su El Pais Jan Martinez Ahrens, il movimento del 15-M è già riuscito per ora a fare un piccolo miracolo: rubare completamente la scena alla campagna elettorale. E questo, in tempi oscuri – che il filosofo francese Régis Debray definì in tempi non sospetti come quelli de «l’obscenité démocratique» – è già di per sé una grande conquista.

Nessun commento: