Benvenuti nel Blog di Claudio Martinotti Doria, blogger dal 1996


"Non nobis Domine, non nobis, sed nomini Tuo da gloriam", motto dell'Ordine dei Cavalieri Templari, Pauperes commilitones Christi templique Salomonis

"Ciò che insegui ti sfugge, ciò cui sfuggi ti insegue" (aneddotica orientale, paragonabile alla nostra "chi ha pane non ha denti e chi ha denti non ha pane")

"Quello che mi ha sorpreso di più negli uomini dell'Occidente è che perdono la salute per fare soldi. E poi perdono i soldi per recuperare la salute. Pensano tanto al futuro che dimenticano di vivere il presente in tale maniera che non riescono a vivere nè il presente nè il futuro. Sono come se non dovessero morire mai e muoiono come se non avessero mai vissuto."
(Dalai Lama)

"A l'è mei mangè pan e siuli, putòst che vendsi a quaicadun" (Primo Doria, detto "il Principe")

"Prima ti ignorano, poi ti deridono, poi ti combattono. Poi vinci." Mahatma Gandhi

L'Italia non è una nazione ma un continente in miniatura con una straordinaria biodiversità e pluralità antropologica (Claudio Martinotti Doria)

Il proprio punto di vista, spesso è una visuale parziale e sfocata di un pertugio che da su un vicolo dove girano una fiction ... Molti credono sia la realtà ed i più motivati si mettono pure ad insegnare qualche tecnica per meglio osservare dal pertugio (Claudio Martinotti Doria)

Lo scopo primario della vita è semplicemente di sperimentare l'amore in tutte le sue molteplici modalità di manifestazione e di evolverci spiritualmente come individui e collettivamente (È “l'Amor che move il sole e le altre stelle”, scriveva Dante Alighieri, "un'unica Forza unisce infiniti mondi e li rende vivi", scriveva Giordano Bruno. )

La leadership politica occidentale è talmente poco dotata intellettualmente, culturalmente e spiritualmente, priva di qualsiasi perspicacia e lungimiranza, che finirà per portarci alla rovina, ponendo fine alla nostra civiltà. Claudio Martinotti Doria

PER CONTATTI: claudio@gc-colibri.com

Se preferite comunicare telefonicamente potete inviare un sms al 3485243182 lasciando il proprio recapito telefonico (fisso o mobile) per essere richiamati. Non rispondo al cellulare ai numeri sconosciuti per evitare le proposte commerciali sempre più assillanti

Questo blog ha adottato Creative Commons

Licenza Creative Commons
Blog personale by Claudio Martinotti Doria is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License.
Based on a work at www.cavalieredimonferrato.it.
Permissions beyond the scope of this license may be available at www.cavalieredimonferrato.it.

COME SOSTENERE LA MIA PERSEVERANTE ATTIVITA' DI VOLONTARIATO. Se avete apprezzato l’impegno e l’originalità dei miei articoli ritenendo che la mia attività divulgativa meriti un sostegno, appena avrete l’opportunità di farlo dedicate qualche minuto e qualche euro per sostenerla, tenendo presente che non ho entrate pubblicitarie e nessuno sponsor (condizione necessaria per mantenersi indipendenti) ed inoltre sono una vittima della riforma previdenziale della Fornero e la mia pensione è stata rinviata al 2024, ed è giusto che lo sappiate fin da adesso che l’importo che mi sarà erogato sarà minimo. Potrete contribuire con una donazione tramite PayPal all’account claudio@gc-colibri.com oppure a questo link: https://www.paypal.com/cgi-bin/webscr?cmd=_donations&business=Z2M2PAF4N76V6&lc=IT&item_name=Claudio%20Martinotti%20Doria&currency_code=EUR&bn=PP%2dDonationsBF%3abtn_donateCC_LG%2egif%3aNonHosted

Se non siete registrati a Paypal potete effettuare un bonifico bancario all’IBAN IT42M0303222600010000002011 (Credem, filiale di Casale Monferrato)

You can make a donation using PayPal account claudio@gc-colibri.com or at this link: https://www.paypal.com/cgi-bin/webscr?cmd=_donations&business=Z2M2PAF4N76V6&lc=IT&item_name=Claudio%20Martinotti%20Doria&currency_code=EUR&bn=PP%2dDonationsBF%3abtn_donateCC_LG%2egif%3aNonHosted





Patriă Montisferrati

Patriă Montisferrati
Cliccando sullo stemma del Monferrato potrete seguire su Casale News la rubrica di Storia Locale "Patriă Montisferrati", curata da Claudio Martinotti Doria in collaborazione con Manfredi Lanza, discendente aleramico del marchesi del Vasto - Busca - Lancia, principi di Trabia

Come valorizzare il Monferrato Storico

La Storia, così come il territorio e le sue genti che l’hanno vissuta e ne sono spesso ignoti ed anonimi protagonisti, meritano il massimo rispetto, occorre pertanto accostarsi ad essa con umiltà e desiderio di apprendere e servire. In questo caso si tratta di servire il Monferrato, come priorità rispetto a qualsiasi altra istanza (personale o di campanile), riconoscendo il valore di chi ci ha preceduti e di coloro che hanno contribuito a valorizzarlo, coinvolgendo senza preclusioni tutte le comunità insediate sul territorio del Monferrato Storico, affinché ognuna faccia la sua parte con una visione d’insieme ed un’unica coesa identità storico-culturale condivisa. Se ci si limita a piccole porzioni del Monferrato, per quanto significative, si è perdenti e dispersivi in partenza.

Sarà un percorso lungo e lento ma è l’unico percorribile se si vuole agire veramente per favorire il Monferrato Storico e proporlo con successo come un’unica entità territoriale turistico culturale ed economica …

"Spezzeremo le reni alla Grecia" - Sono trascorsi 70 anni invano ...

L'Impero coloniale italiano nel 1939 comprendeva l'Istria, la Dalmazia, l'Albania, alcune isole greche del Mar Ionio e dell'Egeo, la Libia, l'Eritrea, l'Etiopia, e quasi l'intera Somalia (il cosiddetto Corno d'Africa), ma Mussolini non si accontentò, e com'è tipico nei megalomani dotati di troppo potere, confidando sulle lusinghe, piaggerie e false comunicazioni dei suoi collaboratori, sulla buona sorte e sull'eccesso di autostima, nell'autunno 1940 entrò in guerra contro la sottovalutata Grecia ...

"Spezzeremo le reni alla Grecia".
La frase divenuta famosa è stata estrapolata da un discorso tenuto dal Duce Benito Mussolini alla fine del 1940 alla presenza di tutti i gerarchi del regime, evento durante il quale con le parole cercava di mistificare la disastrosa realtà dei fatti belllici, che qui di seguito sono riassunti brevemente (Fonte: http://www.eco-news.it/category/2-storia-religione/)

● 15 ottobre 1940, Mussolini decide, con i Capi Militari, di fare guerra alla piccola Grecia (sono assenti dalla riunione i Capi dell’Aeronautica e della Marina ……!!!)

● 28 ottobre, l’ Esercito Italiano, dall’ Albania (allora italiana) attacca la Grecia, ma le Forze Greche contrattaccano ed entrano in Albania … !

● 26 novembre annota sul suo diario Goebbels (Ministro tedesco della Propaganda) “Gli Italiani….. i nostri Alleati girano i tacchi e scappano, uno spettacolo vergognoso”.

● 3 Dicembre, gli Italiani ripiegano ancora (perdono circa un terzo dell’ Albania …. !), per evitare la disfatta, Mussolini chiede aiuto a Hitler. Sulle Alpi i Doganieri Francesi issano un cartello sfottitorio “Greci fermatevi, quì c’ è la Francia”

● 11 dicembre 1940 “Una spaventosa orgia di dilettantismo” e “gli italiani aspettano che noi caviamo le castagne dal fuoco” scrive ancora Goebbels nel suo diario

● 7 aprile, le armate tedesche (provenienti da Austria, Ungheria e Romania) marciano verso la Grecia

● 9 aprile, in soli due giorni, di fronte all’avanzata tedesca, l’ Esercito Greco capitola e si arrende

● 21 aprile, i Greci firmano la Resa coi Tedeschi: Mussolini è furioso (non lo hanno nemmeno avvisato)

● 23 aprile, la cerimonia della Resa Greca viene ripetuta: questa volta anche davanti ad un rappresentante italiano

● 3 maggio, trionfale Parata militare Italotedesca ad Atene

Sempre per non dimenticare: questa geniale impresa di Mussolini ci è costata: 3.700 morti, 50.000 feriti, 12.000 congelati, 21.000 prigionieri, 3.300 dispersi.

Fortuna che ora siamo nell'UE e non ci sono rischi di guerre ma solo "missioni di pace" che al massimo costano qualche militare morto all'anno, altrimenti il surrogato surrettizio brevilineo emulo del duce, che malgoverna da anni il nostro paese, a causa della presumibile amicizia con Putin e con la scusa della lotta al terrorismo, con la sua infallibile abilità nelle politica estera e nella strategia militare, avrebbe potuto inviare truppe italiane in Cecenia, in appoggio a quelle russe ...

Nessun commento: