Benvenuti nel Blog di Claudio Martinotti Doria, blogger dal 1996


"Non nobis Domine, non nobis, sed nomini Tuo da gloriam", motto dell'Ordine dei Cavalieri Templari, Pauperes commilitones Christi templique Salomonis

"Ciò che insegui ti sfugge, ciò cui sfuggi ti insegue" (aneddotica orientale, paragonabile alla nostra "chi ha pane non ha denti e chi ha denti non ha pane")

"Quello che mi ha sorpreso di più negli uomini dell'Occidente è che perdono la salute per fare soldi. E poi perdono i soldi per recuperare la salute. Pensano tanto al futuro che dimenticano di vivere il presente in tale maniera che non riescono a vivere nè il presente nè il futuro. Sono come se non dovessero morire mai e muoiono come se non avessero mai vissuto."
(Dalai Lama)

"A l'è mei mangè pan e siuli, putòst che vendsi a quaicadun" (Primo Doria, detto "il Principe")

"Prima ti ignorano, poi ti deridono, poi ti combattono. Poi vinci." Mahatma Gandhi

L'Italia non è una nazione ma un continente in miniatura con una straordinaria biodiversità e pluralità antropologica (Claudio Martinotti Doria)

Il proprio punto di vista, spesso è una visuale parziale e sfocata di un pertugio che da su un vicolo dove girano una fiction ... Molti credono sia la realtà ed i più motivati si mettono pure ad insegnare qualche tecnica per meglio osservare dal pertugio (Claudio Martinotti Doria)

Lo scopo primario della vita è semplicemente di sperimentare l'amore in tutte le sue molteplici modalità di manifestazione e di evolverci spiritualmente come individui e collettivamente (È “l'Amor che move il sole e le altre stelle”, scriveva Dante Alighieri, "un'unica Forza unisce infiniti mondi e li rende vivi", scriveva Giordano Bruno. )

La leadership politica occidentale è talmente poco dotata intellettualmente, culturalmente e spiritualmente, priva di qualsiasi perspicacia e lungimiranza, che finirà per portarci alla rovina, ponendo fine alla nostra civiltà. Claudio Martinotti Doria

PER CONTATTI: claudio@gc-colibri.com

Se preferite comunicare telefonicamente potete inviare un sms al 3485243182 lasciando il proprio recapito telefonico (fisso o mobile) per essere richiamati. Non rispondo al cellulare ai numeri sconosciuti per evitare le proposte commerciali sempre più assillanti

Questo blog ha adottato Creative Commons

Licenza Creative Commons
Blog personale by Claudio Martinotti Doria is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License.
Based on a work at www.cavalieredimonferrato.it.
Permissions beyond the scope of this license may be available at www.cavalieredimonferrato.it.

COME SOSTENERE LA MIA PERSEVERANTE ATTIVITA' DI VOLONTARIATO. Se avete apprezzato l’impegno e l’originalità dei miei articoli ritenendo che la mia attività divulgativa meriti un sostegno, appena avrete l’opportunità di farlo dedicate qualche minuto e qualche euro per sostenerla, tenendo presente che non ho entrate pubblicitarie e nessuno sponsor (condizione necessaria per mantenersi indipendenti) ed inoltre sono una vittima della riforma previdenziale della Fornero e la mia pensione è stata rinviata al 2024, ed è giusto che lo sappiate fin da adesso che l’importo che mi sarà erogato sarà minimo. Potrete contribuire con una donazione tramite PayPal all’account claudio@gc-colibri.com oppure a questo link: https://www.paypal.com/cgi-bin/webscr?cmd=_donations&business=Z2M2PAF4N76V6&lc=IT&item_name=Claudio%20Martinotti%20Doria&currency_code=EUR&bn=PP%2dDonationsBF%3abtn_donateCC_LG%2egif%3aNonHosted

Se non siete registrati a Paypal potete effettuare un bonifico bancario all’IBAN IT42M0303222600010000002011 (Credem, filiale di Casale Monferrato)

You can make a donation using PayPal account claudio@gc-colibri.com or at this link: https://www.paypal.com/cgi-bin/webscr?cmd=_donations&business=Z2M2PAF4N76V6&lc=IT&item_name=Claudio%20Martinotti%20Doria&currency_code=EUR&bn=PP%2dDonationsBF%3abtn_donateCC_LG%2egif%3aNonHosted





Patriă Montisferrati

Patriă Montisferrati
Cliccando sullo stemma del Monferrato potrete seguire su Casale News la rubrica di Storia Locale "Patriă Montisferrati", curata da Claudio Martinotti Doria in collaborazione con Manfredi Lanza, discendente aleramico del marchesi del Vasto - Busca - Lancia, principi di Trabia

Come valorizzare il Monferrato Storico

La Storia, così come il territorio e le sue genti che l’hanno vissuta e ne sono spesso ignoti ed anonimi protagonisti, meritano il massimo rispetto, occorre pertanto accostarsi ad essa con umiltà e desiderio di apprendere e servire. In questo caso si tratta di servire il Monferrato, come priorità rispetto a qualsiasi altra istanza (personale o di campanile), riconoscendo il valore di chi ci ha preceduti e di coloro che hanno contribuito a valorizzarlo, coinvolgendo senza preclusioni tutte le comunità insediate sul territorio del Monferrato Storico, affinché ognuna faccia la sua parte con una visione d’insieme ed un’unica coesa identità storico-culturale condivisa. Se ci si limita a piccole porzioni del Monferrato, per quanto significative, si è perdenti e dispersivi in partenza.

Sarà un percorso lungo e lento ma è l’unico percorribile se si vuole agire veramente per favorire il Monferrato Storico e proporlo con successo come un’unica entità territoriale turistico culturale ed economica …

GIORNATA ITALO-FRANCESE DI RICONCILIAZIONE DELLA MEMORIA. L'eccidio di Aigues-Mortes del 1893



L'amico scrittore, storico francesista Prof. Enzo Barnabà (vedi: http://www.enzobarnaba.it), durante una delle sue numerose escursioni e ricerche in Francia, alcuni anni fa scoprì che nel 1893 avvenne l'eccidio di Aigues-Mortes (nel dipartimento del Gard nella regione della Linguadoca-Rossiglione) nel quale morì per mano francese un numero imprecisato di immigrati italiani (alcune decine secondo diverse fonti, "solo" una decina per le fonti ufficiali, per approfondimenti; http://www.arcoiris.tv/modules.php?name=Search&testo=enzo+barnab%E0&tipo=testo), un vero e proprio "pogrom". L'episodio era stato totalmente rimosso a tutti i livelli, di coscienza, memoria, culturali, mediatici, istituzionali, sociali, politici, ecc., neppure gli storici locali sapevano nulla del grave evento avvenuto un secolo prima, che aveva portato i due paesi coinvolti, a rischiare una guerra, a causa della sollevazione ed indignazione popolare che ci fu in seguito. Per rammentare l'episodio e commemorarne le vittime, l'amico Prof. Barnabà (che sull'episodio ha anche scritto anni fa un libro inchiesta) con altri collaboratori ha avuto l'idea di organizzare una GIORNATA ITALO-FRANCESE DI RICONCILIAZIONE DELLA MEMORIA, che sarà celebrata il 24 luglio, vedasi la breve descrizione sotto riportata. Tra le vittime accertate ufficialmente dell'eccidio vi era un abitante di Castelceriolo in provincia di Alessandria, cui si dedicherà particolare attenzione, perché presenzierà un rappresentante del capoluogo alessandrino (Castelceriolo attualmente è una frazione di Alessandria). L'iniziativa ha ricevuto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica Italiana. Per l'importanza simbolica e culturale dell'evento, segnale di pace, perdono e fratellanza che dissolve ogni residuo di intolleranza che ancora serpeggia, ci auguriamo che molti Enti locali e Sodalizi della società civile (soprattutto Liguri e Piemontesi, regioni confinanti ma anche di provenienza di molte delle vittime dell'eccidio) inviino i loro rappresentanti per partecipare all'evento, che reputo sia una delle più belle iniziative mai intraprese tra i due paesi confinanti, per il coraggio della denuncia (antitetica alla rimozione) unitamente al perdono, alla riconciliazione e commemorazione delle vittime. Concludo alleggerendo un poco la serietà dei contenuti, fornendovi un ulteriore motivo per partecipare: il luogo dove avverrà la commemorazione, la frazione Grimaldi di Ventimiglia è un posto meraviglioso (http://www.osservatoriodelpaesaggio.org/images/Foto%20Atlante%20italiano/Liguria/Foto%20del%20Comune%20di%20Ventimiglia%20-%20Grimaldi%20(IM)/index.html), il borgo superiore è arroccato sulla scogliera a 220 mt. sul livello del mare, con una panoramica stupenda sulla vicina Montecarlo, essendo proprio al confine con la Francia, luogo ricco di storia e fascino.
Claudio Martinotti Doria

Il Prof. Enzo Barnabà (nella foto) è stato insegnante e lettore di lingua e letteratura italiana presso numerose università francesi e balcaniche ed africane, ed addetto culturale per il Ministero degli Esteri presso sedi diplomatiche. Scrittore, storico, francesista, africanista, studioso di culture locali, è un grande comunicatore e narratore, un erudito e moderno raccoglitore e raccontatore di storie vere e significative.

GIORNATA ITALO-FRANCESE DI RICONCILIAZIONE DELLA MEMORIA. L'iniziativa ha ricevuto l'Alto Patronato del Capo dello Stato Italiano

L’eccidio avvenuto ad Aigues-Mortes (Francia meridionale) nel 1893, che costò la vita a una decina di operai italiani emigrati e il ferimento di un centinaio di essi - tutti vittime innocenti della violenza xenofoba - è stato largamente rimosso dalle memorie storiche italiane e francesi. In epoca recente, due libri hanno ricostruito esaurientemente i fatti e si sono interrogati sulle cause e le loro conseguenze: Le Massacre des Italiens di Gérard Noiriel e Morte agli italiani! di Enzo Barnabà. Da questi studi è nata l’idea di organizzare una "Giornata italofrancese di riconciliazione della memoria" che sarà celebrata il 24 luglio alle ore 18 a Grimaldi di Ventimiglia, con la partecipazione, fra gli altri, dei due autori dei saggi, dei discendenti delle vittime, dei rappresentanti delle regioni Liguria e Languedoc-Roussillon, dei sindaci di Aigues-Mortes e dei Comuni delle vittime dell’eccidio, tra i quali Alessandria (esattamente Castelceriolo) dove nacque Giuseppe Tasso.
La Società Operaia di Mutuo Soccorso di Grimaldi, organizzatrice della manifestazione in collaborazione con il Centro Pannunzio di Torino, anima da 130 anni la vita della frazione ventimigliese, che la prossimità alla frontiera, oltre ad aver generato una lunga storia di emigrazione verso la Francia, connota di evidente specifica simbologia. L’alta rilevanza storica di quello che Noiriel ha definito il maggior pogrom della storia contemporanea francese, che tra l’altro portò i due paese sull’orlo della guerra, giustifica, credo, l’organizzazione di una manifestazione (per la quale siamo in attesa dell’Alto Patrocinio del Presidente della Repubblica Italiana) dalla quale scaturisca un forte monito in favore della tolleranza e del dialogo internazionali. Per informazioni: Enzo Barnabà (3392494912) - enbarn@alice.it - http://www.facebook.com/#!/pages/Morte-agli-italiani-Mort-aux-Italiens/181760466338?ref=ts


In seguito all'iniziativa al Prof. Enzo Barnabà è stata conferita la Medaglia del Presidente della Repubblica



Martedì 27 Luglio 2010 01:09

In occasione della “Giornata italofrancese di riconciliazione della memoria”, evento nato per ricordare l’eccidio avvenuto ad Aigues-Mortes (Francia meridionale) nel 1893, che costò la vita a una decina di operai italiani emigrati e il ferimento di un centinaio di essi, è stata conferita, al valguarnerese Enzo Barnabà, la Medaglia del Presidente della Repubblica.

La motivazione:

Il prof. Enzo Barnabà, già docente e addetto culturale in molte ambasciate italiane all'estero, ha il merito di aver riportato nel dibattito attuale, ma con assoluto rigore storiografico, il tema rimosso della strage di Aigues-Mortes che vide nel 1893 operai francesi aggredire operai italiani che lavoravano a cottimo nelle saline alla foce del Rodano. Si trattò di un episodio di paura, di xenofobia, di inconscio razzismo, come documenta nel suo libro “Morte agli Italiani!” Enzo Barnabà. A lui la Società operaia di Mutuo Soccorso di Grimaldi e il centro Pannunzio di Torino conferiscono la Medaglia del Presidente della Repubblica per aver contribuito con la sua attività intellettuale e con la sua passione civile a far emergere dall'oblio un episodio che divise il movimento operaio alla fine dell'Ottocento. Nella dimensione di un'Europa unificata, pur tra mille difficoltà, assume un particolare significato questa giornata della riconciliazione italo-francese di cui Enzo Barnabà è indiscusso protagonista per quanto riguarda l'Italia.

Nessun commento: