Benvenuti nel Blog di Claudio Martinotti Doria, blogger dal 1996


"Non nobis Domine, non nobis, sed nomini Tuo da gloriam", motto dell'Ordine dei Cavalieri Templari, Pauperes commilitones Christi templique Salomonis

"Ciò che insegui ti sfugge, ciò cui sfuggi ti insegue" (aneddotica orientale, paragonabile alla nostra "chi ha pane non ha denti e chi ha denti non ha pane")

"Quello che mi ha sorpreso di più negli uomini dell'Occidente è che perdono la salute per fare soldi. E poi perdono i soldi per recuperare la salute. Pensano tanto al futuro che dimenticano di vivere il presente in tale maniera che non riescono a vivere nè il presente nè il futuro. Sono come se non dovessero morire mai e muoiono come se non avessero mai vissuto."
(Dalai Lama)

"A l'è mei mangè pan e siuli, putòst che vendsi a quaicadun" (Primo Doria, detto "il Principe")

"Prima ti ignorano, poi ti deridono, poi ti combattono. Poi vinci." Mahatma Gandhi

L'Italia non è una nazione ma un continente in miniatura con una straordinaria biodiversità e pluralità antropologica (Claudio Martinotti Doria)

Il proprio punto di vista, spesso è una visuale parziale e sfocata di un pertugio che da su un vicolo dove girano una fiction ... Molti credono sia la realtà ed i più motivati si mettono pure ad insegnare qualche tecnica per meglio osservare dal pertugio (Claudio Martinotti Doria)

Lo scopo primario della vita è semplicemente di sperimentare l'amore in tutte le sue molteplici modalità di manifestazione e di evolverci spiritualmente come individui e collettivamente (È “l'Amor che move il sole e le altre stelle”, scriveva Dante Alighieri, "un'unica Forza unisce infiniti mondi e li rende vivi", scriveva Giordano Bruno. )

La leadership politica occidentale è talmente poco dotata intellettualmente, culturalmente e spiritualmente, priva di qualsiasi perspicacia e lungimiranza, che finirà per portarci alla rovina, ponendo fine alla nostra civiltà. Claudio Martinotti Doria

PER CONTATTI: claudio@gc-colibri.com

Se preferite comunicare telefonicamente potete inviare un sms al 3485243182 lasciando il proprio recapito telefonico (fisso o mobile) per essere richiamati. Non rispondo al cellulare ai numeri sconosciuti per evitare le proposte commerciali sempre più assillanti

Questo blog ha adottato Creative Commons

Licenza Creative Commons
Blog personale by Claudio Martinotti Doria is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License.
Based on a work at www.cavalieredimonferrato.it.
Permissions beyond the scope of this license may be available at www.cavalieredimonferrato.it.

COME SOSTENERE LA MIA PERSEVERANTE ATTIVITA' DI VOLONTARIATO. Se avete apprezzato l’impegno e l’originalità dei miei articoli ritenendo che la mia attività divulgativa meriti un sostegno, appena avrete l’opportunità di farlo dedicate qualche minuto e qualche euro per sostenerla, tenendo presente che non ho entrate pubblicitarie e nessuno sponsor (condizione necessaria per mantenersi indipendenti) ed inoltre sono una vittima della riforma previdenziale della Fornero e la mia pensione è stata rinviata al 2024, ed è giusto che lo sappiate fin da adesso che l’importo che mi sarà erogato sarà minimo. Potrete contribuire con una donazione tramite PayPal all’account claudio@gc-colibri.com oppure a questo link: https://www.paypal.com/cgi-bin/webscr?cmd=_donations&business=Z2M2PAF4N76V6&lc=IT&item_name=Claudio%20Martinotti%20Doria&currency_code=EUR&bn=PP%2dDonationsBF%3abtn_donateCC_LG%2egif%3aNonHosted

Se non siete registrati a Paypal potete effettuare un bonifico bancario all’IBAN IT42M0303222600010000002011 (Credem, filiale di Casale Monferrato)

You can make a donation using PayPal account claudio@gc-colibri.com or at this link: https://www.paypal.com/cgi-bin/webscr?cmd=_donations&business=Z2M2PAF4N76V6&lc=IT&item_name=Claudio%20Martinotti%20Doria&currency_code=EUR&bn=PP%2dDonationsBF%3abtn_donateCC_LG%2egif%3aNonHosted





Patriă Montisferrati

Patriă Montisferrati
Cliccando sullo stemma del Monferrato potrete seguire su Casale News la rubrica di Storia Locale "Patriă Montisferrati", curata da Claudio Martinotti Doria in collaborazione con Manfredi Lanza, discendente aleramico del marchesi del Vasto - Busca - Lancia, principi di Trabia

Come valorizzare il Monferrato Storico

La Storia, così come il territorio e le sue genti che l’hanno vissuta e ne sono spesso ignoti ed anonimi protagonisti, meritano il massimo rispetto, occorre pertanto accostarsi ad essa con umiltà e desiderio di apprendere e servire. In questo caso si tratta di servire il Monferrato, come priorità rispetto a qualsiasi altra istanza (personale o di campanile), riconoscendo il valore di chi ci ha preceduti e di coloro che hanno contribuito a valorizzarlo, coinvolgendo senza preclusioni tutte le comunità insediate sul territorio del Monferrato Storico, affinché ognuna faccia la sua parte con una visione d’insieme ed un’unica coesa identità storico-culturale condivisa. Se ci si limita a piccole porzioni del Monferrato, per quanto significative, si è perdenti e dispersivi in partenza.

Sarà un percorso lungo e lento ma è l’unico percorribile se si vuole agire veramente per favorire il Monferrato Storico e proporlo con successo come un’unica entità territoriale turistico culturale ed economica …

Anche le formiche nel loro piccolo si incazzano … La provincia federata Casale Vercelli non è mai stata così vicina a realizzarsi ...


Anche le formiche nel loro piccolo si incazzano … La provincia federata Casale Vercelli non è mai stata così vicina a realizzarsi, almeno nelle intenzioni condivise socialmente

Di Claudio Martinotti Doria

Anche i casalesi nel loro piccolo si incazzano … parafrasando il titolo del celebre libro di Gino & Michele, pongo la questione ultradecennale della provincia federata Casale Vercelli, già affrontata diverse volte anche dal sottoscritto con una progettualità elaborata, articolata e mirata, che vada ben oltre la semplice aggregazioni di due debolezze per costituire una forza di modesta entità e per scopi di sopravvivenza, ma che contenga un disegno più vasto e culturalmente radicato, che coinvolga anche Chivasso ed il suo entroterra (che con la costituzione dell'Area Metropolitana di Torino, rischia di divenire quartiere periferico del capoluogo) e che contenendo alcune tra le principali sedi marchionali dello storico ed ultrasecolare Marchesato di Monferrato, tra cui l'unica Capitale di Stato che è stata per secoli Casale Monferrato, potrà a tutti gli effetti divenire la Provincia di Monferrato, l'unica legittimata a definirsi tale, eliminando in tal modo tutti gli abusi, le prepotenze e le fagocitazioni in corso, che tendono ad appropriarsi della denominazione di Monferrato, che possiede un notevole valore aggiunto internazionale, in termini di richiamo turistico e commerciale per la sua identità e qualità territoriale ed ambientale.
La politica si sa, segue indirizzi provenienti dalla partitocrazia, ma non può ignorare a lungo le istanze della popolazione, la cosiddetta e spesso abusata "società civile" o opinione pubblica, perché deve cercare e conseguire il consenso per legittimarsi nel corso del proprio mandato e garantirsi la rielezione. In tal caso è persino superfluo effettuare un sondaggio o un referendum tra i casalesi e monferrini, chiedendo loro se desiderano rimanere con la provincia di Alessandria … a parte coloro che lucrano e traggono privilegi e vantaggi nei loro rapporti con il capoluogo di provincia (ad esempio molti personaggi politici locali), gli altri, cioè la STRAGRANDE MAGGIORANZA, risponderebbero certamente che non gradiscono il permanere nella provincia di Alessandria.
Non sto a ripetere l'analisi tecnica già effettuata in altre occasioni ed in modo esaustivo (per info ed approfondimenti vedi il mio blog o consulta motori di ricerca), sulla convenienza per Casale ed il Monferrato di area casalese (e non solo), di costituire una provincia federata con Vercelli, per cui mi limiterò a ribadire che l'occasione è veramente "storica", da quando Casale è stata scippata e penalizzata dall'allora Ministro dell'Interno del Regno di Sardegna, l'alessandrino Urbano Rattazzi, che ha spudoratamente favorito Alessandria nella riforma delle amministrazioni locali (Decreto Rattazzi), la città di Casale ed il suo circondario hanno iniziato un irreversibile declino di matrice parassitaria.
Se anche politicamente dovessero bluffare, come sono soliti fare a livello governativo, e rinunciare alla soppressione delle province di piccole dimensioni, e se quindi dovesse venire a mancare l'urgenza da parte di Vercelli di trovare soluzioni di sopravvivenza, rimangono fondate motivazioni di carattere storico, culturale, geografico, economico, sociale, turistico, ecc., per proseguire in questa direzione, facendo confluire tutte le energie disponibili verso l'obiettivo di costituire una Provincia di Monferrato. Perdere questa opportunità sarebbe irresponsabile ed imperdonabile. Appresso a questo mio breve intervento vi allego un articolo sull'argomento, appena pubblicato su Casalenews. Calorosi saluti

Estensione geografica dell'attuale giurisdizione della Provincia di Vercelli, si nota la suddivisione in due parti, con a nord la Val Sesia

Casale - Vercelli, una provincia federata?. Due proposte rilanciano l'idea di un'unione con la città di Sant'Andrea

Fonte: http://www.casalenews.it

11 Giugno 2010 – CASALE – Si ritorna a parlare di una provincia federata fra Casale e Vercelli. Il via lo ha dato l’ipotesi inserita in Finanziaria dal ministro Giulio Tremonti di tagliare le province con meno di 250mila abitanti (fra cui Vercelli, anche se le notizie più recenti parlano di un ‘salvataggio’). Da qui, nel breve volgere di pochi giorni, sono nate due proposte che prevedono un ridisegnamento delle provincie piemontesi con una federazione fra Casale Vercelli. La prima viene dalle associazioni Nuove Frontiere e Noi Siamo Vercellesi, la seconda dal Movimento Progetto Piemonte (di cui ospitiamo un intervento del presidente Massimo Iaretti).

Il progetto di Nuove Frontiere e Noi Siamo Vercellesi (che sarà illustrato lunedì prossimo, 14 giugno, in due distinte conferenze stampa, la prima a Vercelli e la seconda a Casale) si fonda sull’idea che una provincia più grande abbia maggior peso decisionale a livello istituzionale, che possa scongiurare il pericolo di ipotizzabili future soppressione e innalzi il ruolo decisionale di Casale, oggi area di frontiera della provincia di Alessandria e in posizione di evidente subordine rispetto al proprio capoluogo.

L’iniziativa sarà illustrata a Vercelli alle 16 (al bar Principe di viale Garibaldi) e a Casale alle 17 (all’hotel Candiani) da Roberto Rosso, vicepresidente della Regione Piemonte, dall’associazione Noi Siamo Vercellesi’, rappresentata da Massimo Simion e Tino Candeli e dall’associazione Nuove Frontiere per la difesa di Casale e del Monferrato, rappresentata da Alberto Riccio e Giancarlo Curti.

Sull’argomento ci ha inviato una lettera anche Massimo Iaretti, presidente del Movimento Progetto Piemonte, che pubblichiamo integralmente:

"Le notizie apparse sugli organi di informazione in merito all'accorpamento di alcune province al di sotto dei 220mila abitanti e il successivo emendamento in Commissione Affari costituzionali della Camera che va a sopprimere la Provincia di Vercelli, ha, di fatto, riaperto il dibattito su quello che potrà essere il suo futuro".

"Al di là del fatto che possa tornare alle origini con il riassorbimento di Biella, piuttosto che rimanga con la sua identità la questione non cambia: la diminuzione di popolazione conseguente alla nascita della Provincia di Biella, persiste. E ritorna anche alla ribalta un argomento del quale si parla ormai da un ventina d'anni e che, se il mondo politico non fosse stato cieco e soprattutto sordo, avrebbe dovuto essere già stato da tempo affrontato seriamente: l'unione con Casale ed il Monferrato nell'ottica di una "co - provincia" sullo stile di Massa – Carrara o di Pesaro – Urbino".

"Al di là di ogni considerazione una cosa, in ogni caso è certa: il nuovo ente territoriale – vista la dote di popolazione che porterebbero la città di Casale ed il Monferrato, anche se non sarebbe certo che tutti i comuni dell'ex comprensorio casalese seguirebbero questa via, specialmente quelli della Valcerrina nell'area confinante con la Provincia di Asti – avrebbe sicuramente la vita assicurata ed un diverso peso nell'ambito del Piemonte Orientale. E' una strada ricca di incognite, anche perché si devono sfatare tanti luoghi comuni, tanto immobilismo e tanta paura del nuovo".

"Personalmente da casalese di nascita e da gattinarese di origine è da anni che sostengo questa soluzione, anche perché consentirebbe a due centri vicini (25 chilometri di distanza circa e un collegamento di viabilità, stradale ed autostradale, tutto sommato veloce) di non perdere opportunità e giocare il ruolo che gli competerebbe nel Sistema Piemonte. Movimento Progetto Piemonte – MPP, di cui sono presidente, nato il 24 giugno dello scorso anno, Festa di San Giovanni è un movimento politico regionalista che mette al centro della sua azione il Piemonte ed il ridisegno del sistema delle autonomie e dei poteri del governo locale, proprio perché è convinto che Regioni, Province e Comuni, una volta attuata la necessaria razionalizzazione amministrativa, debbano poter competere in un mondo globalizzato in tutto avendo le mani libere nella loro azione e non legate dietro la schiena da mille lacci e lacciuoli".

"Cercheremo, pertanto, di portare queste nostre proposte – insieme a tutti coloro che le vorranno condividere - ai vercellesi, ai valsesiani, ai casalesi, ai monferrini, anche perché se ci saranno elezioni (quando ed in che ambito territoriale occorre a questo punto avere la sfera di cristallo per dirlo) in testa al nostro programma - cosa che non si ritiene prematuro dire – sarà proprio una azione convinta per la realizzazione della co – provincia, tenendo ovviamente in debito conto dello status della Valsesia che dovrà poter svolgere un ruolo paritario insieme agli altri due territori ed essere oggetto di un forte decentramento amministrativo".

"In questo modo, e Movimento Progetto Piemonte ne è fortemente convinto, una provincia che vada da Alagna a Moncalvo potrà sviluppare un ruolo forte nella tutela dell'agricoltura, del ciclo delle acque, del turismo, della cultura, della logistica. Nelle prossime settimane e nei prossimi mesi Movimento Progetto Piemonte – Mpp spiegherà tale proposta sul territorio vercellese e valsesiano perché l'intenzione è proprio quella di partire dalla gente, visto che chi fa politica viene dal popolo, è parte del popolo e quando ha finito il proprio mandato deve tornare al popolo. Con l'auspicio di non essere soli e che anche forze civiche come la lista Nuove Frontiere, che da qualche tempo brandisce l'idea della Provincia con Vercelli, inizino a guardare oltre la cinta daziaria di Casale e di non vivere il loro progetto solo in funzione anti – alessandrina ma in un'ottica di programmazione territoriale più ampia".
Redazione On Line

Nessun commento: